GOLUBIC V./TEICHMANN J.
KICHENOK L./OSTAPENKO J.
03:30
 
NJ Devils
1
ARI Coyotes
3
2. tempo
(1-0 : 0-3)
NY Rangers
2
TOR Leafs
3
2. tempo
(1-3 : 1-0)
il-ghettolimpo-di-mahmood-tra-gli-dei-e-la-vita-reale
A Montreux, luglio 2019 (Keystone)
ULTIME NOTIZIE Culture
Spettacoli
6 ore

Sfogliando ‘Se questo è un uomo’ a teatro

Magnifica prova di Valter Malosti, martedì scorso al Lac, nel portare in scena il testo di Primo Levi
Spettacoli
6 ore

L’attore francese Gaspard Ulliel è morto in un incidente di sci

Aveva 37 anni. Noto per aver interpretato Yves Saint Laurent e lo psichiatra cannibale di ‘ Hannibal Lecter - Le origini del male’ e
Società
7 ore

Addio a André Leon Talley, gigante nero della moda

A lungo direttore creativo di ‘Vogue’, Leon Talley aveva 73 anni. Suo il servizio che reinterpretava Via col vento con Naomi Campbell
Conservatorio
7 ore

Scuola di Musica del Csi, Concerto di Gala è in presenza

Nell’Aula Magna del Conservatorio della Svizzera italiana venerdì 28 gennaio alle 19, anche in streaming
Culture
8 ore

Eventi letterari, Premio Filippini alla casa editrice Diogenes

Nel suo settantesimo anniversario, l’editore zurighese indipendente riceverà il riconoscimento intitolato a Enrico Filippini
Società
9 ore

Addio a André Leon Talley, ‘gigante nero’ della moda

A lungo direttore creativo di Vogue, aveva avuto un ruolo chiave nell’aprire il mondo della moda a stilisti e modelle di colore
Cinema
9 ore

Festival ticinese del film non commerciale, concorso aperto

In attesa del 27 marzo, data del festival, il termine per l’invio dei filmati è martedì primo febbraio. La partecipazione è gratuita
Cinema
11 ore

Anche Totò e ‘Star Wars’ tra i 42 film preferiti da Fellini

Accanto ad Antonioni, Kurosawa, Bergman, Rossellini, Kubrick e Hitchcock. La ‘playlist’ del maestro in un documento originale custodito da Cineteca Rimini
Musica
12 ore

Fasolis sul podio del Maggio Musicale Fiorentino con Cherubini

È il debutto per il leader dei Barocchisti. Sabato 22 gennaio va in scena ‘Lo sposo di tre e marito di nessuna’, mai rappresentata a Firenze
Spettacoli
12 ore

A Morcote ci sono i Beatles sul tetto

Domenica 30 gennaio al via la nuova stagione allo Spazio Garavello 7 con ‘The Beatles’ rooftop concert’ affidato ai ticinesi Nowhere Land
Jazz in Bess
12 ore

Boggini-Boltro poi Andrina Bollinger per Suisse Diagonales

Aperto da un local hero insieme a un grande della tomba, il terzo e ultimo appuntamento luganese è in programma sabato 22 gennaio dalle 20.30
Archeologia
13 ore

Un anfiteatro romano scoperto a Kaiseraugst

La struttura muraria a forma di anello sarà mantenuta. È il secondo anfiteatro romano in Argovia e il terzo nella città romana di Augusta Raurica
Musica
11.06.2021 - 19:160

Il 'Ghettolimpo' di Mahmood, tra gli dei e la vita reale

Il nuovo album di un Narciso al contrario: 'In questi ultimi anni cercavo l'Alessandro di sempre, ma trovavo solo quello che vedevano gli altri'.

Poco più di due anni per vedersi stravolgere la vita. Per passare da giovane emergente a concerti in mezza Europa. Per vincere, contro ogni pronostico, il Festival di Sanremo nel 2019 con Soldi (quadruplo disco di platino) arrivando direttamente dalle Nuove Proposte e poi sfiorando il successo anche all'Eurovision Song Contest di quello stesso anno. Mahmood ha ancora l'aria spaesata di chi sembra capitato nell'Olimpo dei grandi per caso, di chi si stupisce ancora dei dischi d'oro, dei sold out, delle hit in radio e in classifica. E allora l'unico modo per provare a fare ordine è farlo in musica, con un nuovo album “di passaggio, che spiega quello che mi è successo negli ultimi due anni, quello che ho passato da Sanremo in poi”.

Tanto per cominciare “non scrivevo più sui bus, ma sugli aerei, ed è un disco che racconta molto il viaggio”. Il titolo è ‘Ghettolimpo’ (anticipato da ‘Inuyasha’, disco d'oro, e da ‘Klan’ e ‘Zero’, brano che fa parte della colonna sonora dell'omonima serie originale Netflix), “a metà tra l'Olimpo e la quotidianità, un non-luogo dove i due mondi si uniscono, popolato da persone, né immortali né semplici umani, che hanno punti in comune con la mitologia greca e che cercano di dare un senso alla propria vita”, spiega il 28enne cantautore di origine egiziana. La mitologia greca, racconta, è sempre stata una sua passione e permea intensamente questo disco, fin dall'introduzione con Dei. “Una filastrocca che vuole introdurre l'anima del disco. Il mondo meraviglioso della mitologia greca in cui mi immergevo da bambino è una passione nata da un'enciclopedia per bambini che leggevo spesso. Le raffigurazioni di dei ed eroi mi hanno sempre appassionato e oggi quell'immaginario si ritrova nei miei testi”. Tra i miti cui è più affezionato c'è quello di Narciso. “Ma io lo vivo al contrario: a lungo in questi ultimi anni mi guardavo e non mi riconoscevo più. Cercavo l'Alessandro di sempre (il suo nome all'anagrafe), ma trovavo solo quello che vedevano gli altri”.

Ogni traccia di ‘Ghettolimpo’ – che nasce da contaminazioni e ispirazioni diverse e affonda nelle sue radici arabe (da parte di padre) e i suoni dei muezzin, come in quelle sarde (da parte di madre) con le cornamuse dei pastori, ma senza velo nostalgico, e spazia tra pop e rap – rimanda a una simbologia e alla storia di un personaggio, che si dipanano via via nell'ascolto, “come i livelli di un videogame”. Immancabile il tocco di Dardust nella produzione, “che ha fatto un quarto del disco, se non di più. Mi ha insegnato quasi tutto, a livello di struttura. Anche se poi lui vuole riempire, io svuotare. Per me è sempre un riferimento, anche quando non scriviamo insieme, chiedo il suo giudizio”. Due i feat presenti, con Elisa e Woodkid. “Non mi andava di riempire questo disco di tanti duetti – dice Mahmood, come a giustificarsi per non aver seguito una modalità molto utilizzata negli ultimi tempi –. Quando metti la voce di un altro, devi dargli importanza. Deve avere spazio per raccontarsi. Ma dei brani con Elisa (per Rubini) e Woodkid (in Karma) sono molto felice”.

La sua crescita personale e artistica è passata anche dall'Eurovision, dove era dato tra i favoriti, arrivando secondo e plasmandolo come uno degli artisti più internazionali che abbiamo in Italia. “Sono contento per i Maneskin che ce l'hanno fatta – dice Mahmood senza nessuna invidia –. Per me è andata benissimo, sarebbe stato così anche se fossi arrivato terzo o quarto. È come se avessi vinto, perché mi ha dato la possibilità di fare un tour europeo, di farmi conoscere, nella mia testa è come se avessi vinto. Del successo all'estero sono contento, ma non penso in termini di nazioni dove uscire, mi limiterebbe troppo. Se una cosa nasce internazionale lo sarà, altrimenti no. Io scrivo quello che mi piacerebbe ascoltare”.

 

Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved