ULTIME NOTIZIE Culture
Culture
9 min

‘Out of Me, Inside You’, Francesca Sproccati a Villa dei Cedri

Dal 10 al 12 febbraio, la performance semifinalista del Premio Schweiz 2020 e finalista del Premio svizzero della Performance 2022
Rassegna
1 ora

I documentari di ‘Ticino Archeofilm’, seconda edizione

Giovedì 9, venerdì 10 e sabato 11 febbraio, sette opere relative a grandi scoperte e a siti archeologici di fama internazionale. Al Lux di Massagno.
Scienze
1 ora

Long Covid, ecco perché affiora la stanchezza cronica

Scoperto il meccanismo che la provocherebbe in una persona su tre: il deficit di un aminoacido prodotto naturalmente dall’organismo
La recensione
2 ore

Ricco e colto, buzzurro ma sensibile: ‘Quasi amici’!

A Chiasso, il Cinema Teatro applaude a ogni cambio di scena Paolo ‘Driss’ Ruffini e Massimo ‘Filippo’ Ghini, nell’adattamento teatrale del film francese
Musica
7 ore

Justin Bieber vende diritti musicali per 200 milioni dollari

La star del pop ha firmato con Hipgnosis Songs Capital, sostenuta da Blackstone, e segna l’ennesima acquisizione di un catalogo musicale di successo
Video
Musica
9 ore

‘Rush!’ dei Måneskin è primo anche in Svizzera

Pubblicato lo scorso 20 gennaio, l’album della band italiana comanda anche in Italia, Francia, Giappone, Belgio, Paesi Bassi e Lituania
Musica
10 ore

Addio a Tom Verlaine, frontman dei Television

Chitarrista e cantante, pioniere della scena punk degli anni 70, si è spento a Manhattan dopo breve malattia.
Culture
1 gior

Sgarbi: ‘Il logo Bergamo-Brescia è di insolente bruttezza’

Il sottosegretario contro la grafica delle capitali della Cultura: ‘Un particolare di un dipinto di Caravaggio sarebbe stato più rappresentativo’
Scienze
1 gior

Non tutti sono prede facili: c’è fagiano e fagiano

Uno studio condotto in Gran Bretagna ha permesso di evidenziare significative differenze di memoria tra un esemplare e l’altro
Arte
1 gior

Il Museo etnografico apre le sue Finestre sull’arte

Il volume edito da Salvioni, con oltre cinquanta schede, racconta il patrimonio artistico dalla Valle di Muggio alla Val Mara, dall’epoca romana a oggi
L’intervista
1 gior

Si alza forte ‘Il suono della guerra’

Un imponente resoconto di come la musica possa scendere in trincea e il conflitto possa ‘comporre’ musica: con Carlo Piccardi tra le pagine del suo libro
Arte
1 gior

Michel Houellebecq protagonista di un corto a luci rosse

Il collettivo Kirac, specializzato in video ‘controversi’, riprende lo scrittore francese nudo mentre viene baciato. A marzo la pubblicazione.
Culture
2 gior

Il concerto ‘scomodo’ del pianista ucraino, l’Osi lo sostituisce

L’esclusione di Alexander Romanovsky sarebbe riconducibile a un video col violinista Lundstream, per i media britannici sostenitore di Putin
Arte
2 gior

‘Amore e Psiche stanti’ del Canova venduti per oltre un milione

L’opera della collezione di Veneto Banca, del valore stimato in un paio di centinaia di migliaia di euro, è stata battuta all’asta per una cifra record
SALUTE
2 gior

L’Irb e gli anticorpi che ‘placcano’ il coronavirus

Agiscono sulle parti che non mutano, aprendo nuove prospettive non solo contro il Covid
Otium
2 gior

John Basset Trumper, l’intervista; Rosetta Loy, il ricordo

Incontro con il linguista gallese, che ha applicato fonetica e linguistica alle inchieste giudiziarie. E un ritratto della scrittrice, morta nel 2022
Scienze
2 gior

L’uomo ha danneggiato l’Amazzonia più di quanto temuto sinora

La foresta amazzonica, costantemente minacciata dall’attività umana, ha già perso il 20% della sua superficie dall’inizio della colonizzazione europea
Culture
2 gior

Il furto della memoria

A colloquio con Renato Sarti, attore, drammaturgo e regista, che tanto ha indagato sugli orrori della Seconda guerra mondiale
Progetto Babel
2 gior

Raccontarsi con una lingua adottiva

Il rapporto fertile fra lingua madre e lingua adottiva nei corsi del progetto di Babel Festival ‘L’altralingua’. Venerdì un incontro pubblico a Bellinzona
storia
2 gior

Il volontario Guido e Margherita

Un volume storico raccoglie le lettere fra il 1937 e il 1947 dei coniugi Tedaldi: dalla guerra civile spagnola alla fine del secondo conflitto mondiale.
laR
 
09.06.2021 - 22:20

Anche stanotte le mucche danzeranno sul tetto

Dalla morte del bracciante Nikola Hadziev alla dura vita nell'alpe: intervista al regista zurighese Aldo Gugolz

di Ivo Silvestro
anche-stanotte-le-mucche-danzeranno-sul-tetto

38 anni, 50 capre, 8 mucche, un figlio in arrivo. Fabiano, e la sua compagna Eva, vivono in un alpe della Val Onsernone e se il film del cienasta zurighese Aldo Gugolz presenta suggestive inquadrature delle montagne e degli animali, il suo ‘Anche stanotte le mucche danzeranno sul tetto’ – adesso nelle sale della Svizzera italiana – è molto lontano dall’immaginario di Heidi. Le difficoltà nel mandare avanti l’alpe, nel vendere il formaggio, e sullo sfondo una tragedia avvenuta l’anno prima, con la morte del bracciante Nikola Hadziev che lavorava proprio per Fabiano. Ma, come ci spiega lo stesso regista, il film non è la ricostruzione di un caso criminale che costituisce quasi un controcanto, affidato a notiziari e articoli di giornali, della storia di un contadino e del suo difficile rapporto con la vita moderna.

‘Anche stanotte le mucche danzeranno sul tetto’: il titolo fa riferimento a un sogno del protagonista. Perché, di fronte a tanti fatti drammatici, un titolo su un sogno?

Ho pensato che il titolo fosse un simbolo della vita di Fabiano, una vita in cui si è sempre nel punto in cui può succedere qualcosa. Il suo sogno mi è sembrato una bella immagine che io ho messo in tedesco: ‘Kühe auf dem Dach’. Ma il mio corproduttore ticinese, Nicola Bernasconi, ha detto che ‘Mucche sul tetto’ non suona bene, in italiano, e ha creato questo titolo più lungo, più poetico molto bello. All’inizio pensavo fosse un titolo troppo lungo, troppo perché uno riesca a ricordarlo, però adesso vedo che funziona bene.
Non credo che quel sogno sia dovuto al whisky, come Fabiano dice nel film, perché è una cosa più ampia: è la situazione che abbiamo trovato lì, al limite, estrema, non tipica per la Svizzera.

Una vita alpestre molto lontana dall’immaginario collettivo di Heidi. Come si è sviluppato questo film? Da quale idea è partito?

Quell’alpe la conosco da anni, l’ho scoperta quasi per caso nell’89, durante un gita. Lì abbiamo conosciuto Giorgio, l’alpigiano che c’era prima di Fabiano. In quel periodo si era liberato della dipendenza dall’eroina, andando sull’alpe con una bottiglia di metadone. Non ha più avuto bisogno del “mondo di giù” e anche io ho vissuto dei giorni molto belli all’alpe. Abbiamo anche fatto alcune riprese in super8, ma non è stato possibile utilizzarle nel film.
Poi nell’agosto del 2016 sono tornato lì con la mia famiglia e abbiamo passato una notte lì all’alpe. Abbiamo trovato un gruppo di uomini: uno dalla Serbia, un ticinese, uno dalla Svizzera tedesca, un altro tipo che si è tenuto in disparte… abbiamo pensato che sarebbe stato un bel setting per un film. Perché la gente viene qui a lavorare per un’estate, che cosa lasciano nel luogo da dove vengono?
Questo come detto ad agosto: il gennaio seguente con Susanne Schüle abbiamo deciso che quel film lo si poteva fare e abbiamo chiamato Fabiano, scoprendo tutto quello che era successo.

La decisione precede dunque la scomparsa di Nikola Hadziev?

Sì, non sapevamo niente: quando siamo stati lì, in agosto, lui era già morto, i suoi resti erano lì vicino ma non lo sapevamo.
Non era quello il film che volevamo fare: noi volevamo raccontare la vita di questi alpigiani ed è cambiato tutto, il film è diventato quasi un esperimento. Non sapevamo dove saremmo andati a finire, ma sentivo che quello è un ambiente molto forte in cui ci sono storie che toccano l’essenza della vita, incluse la morte e la nascita. C’è una presenza molto forte della natura e noi abbiamo cercato di fare un film su una giovane famiglia che vuole vivere nella natura, con una donna forte, Eva, che desidera fortemente questa vita. Ancora adesso sono lì, i figli ora sono due e Fabiano ed Eva pensano a come migliorare la vita della comunità.

La morte di Nikola Hadziev andava comunque inserita nel film. Come?

È stato difficile, perché il film che racconta la vita di Nikola Hadziev è già stato fatto, e molto bene, dalla Rsi, da Falò. Mi sono chiesto se avrei dovuto fare anch’io quel lavoro, andare in Macedonia, spiegare chi era Nikola Hadziev, perché è venuto in Svizzera. Ma abbiamo deciso di concentrarci su Fabiano, sulla sua vita, ma come inserire questi eventi drammatici in un documentario che non ha un commento, non c’è nessuno che spiega cosa è successo ma tutto è raccontato dagli stessi protagonisti.
In questo c’è stato un grande lavoro di montaggio e devo ringraziare Samir Samperisi: ha guardato tutto il girato, l’ha praticamente mangiato e digerito riuscendo a fare un film che è comprensibile senza essere troppo esplicativo, senza fare un lavoro giornalistico.

I protagonisti sono Fabiano ed Eva che, se ho ben capito, ha conosciuto nell’estate del 2016. Le riprese quanto sono durate?

Eva l’ho conosciuta nel 2017, quando abbiamo iniziato a girare: lei non c’era, l’estate prima. Abbiamo iniziato a febbraio del 2017 e finito nel maggio del 2019, per un totale di 25 giorni.
Siamo stati molto fortunati, perché abbiamo sempre trovato i momenti giusti per fare le riprese, trovandoci lì ad esempio quando sono venuti i giornalisti. Quando si ha un budget limitato, da prodotto televisivo più che cinematografico, non è possibile tenere conto di queste cose e va molto a fortune.

Budget televisivo ma il documentario è pensato per il cinema.

Sì, abbiamo sempre pensato al cinema, per il suono al quale abbiamo dato molta importanza, per la fotografia. Susanne Schüle ha realizzato delle bellissime immagini, facendo sempre le riprese da vicino, ma alla fine neanche si faceva caso, alla camera. Siamo diventati parte della vita all’alpe, una vita che per loro è molto lontana da quella “di giù”. Nel film lo si vede quando, dopo la nascita del bambino, sono a Locarno e lui non si sente bene giù.

Ma la loro è una fuga dalla società o è più la società che li respinge?

È una questione di eredità: lui è nato lì ed è arrivato a un momento della sua vita in cui non può più scegliere liberamente.
Credo sia un aspetto centrale del film, questo. A vent’anni puoi andare ovunque, percorrere tutte le strade. Poi hai preso delle decisioni, sei finito in alcuni posti puoi muoverti ma fino a un certo punto, hai meno possibilità, difficilmente puoi cambiare vita. È l’eredità: non solo l’eredità materiale, ma la mentalità, quell’essere un po’ fuori dalla società…

Per il pubblico ticinese è un film “di casa”. Altrove come è stato accolto il film?

Come se non fosse un film svizzero, ma arrivasse dai Balcani o da qualche Paese dell’est. Penso tuttavia che agli spettatori, dopo un po’, non interessi da dove arriva il film: non è importante che ci si trovi in una valle del Ticino o altrove, è importante sentire delle cose della morte, della vita, delle difficoltà di vivere nella natura.

Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved