cauto-e-decentralizzato-cosi-sara-il-festival-di-cannes
Il direttore
ULTIME NOTIZIE Culture
Spettacoli
1 ora

LuganoMusica nel segno di György Ligeti e dei giovani

Presentata la stagione musicale 2022-23 del Lac, da Maurizio Pollini e la Concertgebouw ai giovani direttori Tjeknavorian e Mäkelä
Cinema
1 ora

Cannes festeggia i suoi 75 anni inneggiando al cinema

Brillano ‘Coupez!’ di Michel Hazanavicius, scelto da Thierry Fremaux per inaugurare l’edizione, e ‘For the Sake of Peace’, prodotto da Forest Whitaker
Società
2 ore

Roma, i carabinieri chiudono il Piper: ‘Risse e violenze’

Aperto nel 1965 nel quadrante Nord della capitale, ha rappresentato la risposta in salsa romana ai locali della ‘Swinging London’.
Musica
6 ore

L’Osi in San Biagio con Martijn Dendievel e Johan Dalene

Il 25enne direttore d’orchestra belga e il 21enne violinista svedese, il 16 giugno alle 20.30, si cimentano con Mozart e Mendelssohn
Musica
7 ore

Tra il Convento e Curzútt, in arrivo Monte Carasso in Jazz

Il 25 maggio all’Antico Convento delle Agostiniane i parigini ALT; il 2 giugno nel nucleo di Curzútt Danilo Boggini Hot Club de Suisse e i Lost in Swing
Spettacoli
9 ore

Festival Master Accademia Dimitri, la seconda settimana

Altre due tavole rotonde internazionali di teatro e altri spettacoli, a partire da domani
Culture
11 ore

La vita in fuga di Ulas Samchuk, la morte per fame dell’Ucraina

Un contributo di Carlo Ossola sul romanzo del 1934 ‘Maria. Cronaca di una vita’, la cui traduzione italiana sarà presentata giovedì 19 maggio al Lac
Spettacoli
12 ore

Netflix licenzia per far fronte al rallentamento della crescita

Si tratta di circa 150 dipendenti, la maggior parte negli Usa. Poche settimane fa l’azienda aveva annunciato per la prima volta una perdita di abbonati.
20.05.2021 - 21:42

Cauto e decentralizzato: così sarà il Festival di Cannes

Verranno a cadere le restrizioni sui posti, ma continuerà a essere un evento 'dalle dimensioni ragionevoli', ha detto il direttore Thierry Frémaux

Ats, a cura de laRegione

La 66esima edizione del Festival di Cannes, in programma dal 6 al 17 luglio, si farà anche se un po' miracolosamente e nel segno della decentralizzazione. È quanto annuncia il direttore artistico Thierry Frémaux a "Variety".

"Abbiamo fatto solo quello che avevamo programmato fin dall'inizio, senza cedere ad azioni irresponsabili o scoraggiarci. Ora è il momento di ospitare una grande Cannes, senza dare per scontato che la pandemia sia finita", spiega.

Per farlo, non ci sarà più la concentrazione nel solo Palais des Festivals: "Il numero di posti aumenterà, ma non quello degli accrediti, perché il nostro obiettivo è continuare ad essere un evento di dimensioni ragionevoli. Puntiamo insomma alla qualità dell'ospitalità e a proiezioni confortevoli. Il nuovo multisala, che non si trova proprio al centro della città, possiamo immaginare che sarà frequentato dai festivalieri che passeranno la giornata lì, guardando quattro o cinque film, per poi tornare nella zona della Croisette per cenare e stare insieme".

E ancora Frémaux: "Organizzeremo proiezioni fuori concorso nell'auditorium Debussy, che è una sala importante come la Lumière (dove si proiettano i film in concorso, ndr). Infine, proietteremo i film in 4 dei 12 schermi del Cineum, il nuovo e splendido multisala a Cannes, che aprirà i battenti in tempo per il festival. Ci saranno poi più eventi live e proiezioni in spiaggia. Il festival, che si svolgerà a luglio, deve essere apprezzato anche dalla gente del posto e dai vacanzieri".

Anche 'un blockbuster planetario che soddisferà tutti'

Sul fronte film americani, spiega: "Abbiamo visto alcuni bellissimi film che troveranno posto nella selezione. Tra questi ci sarà un blockbuster planetario che soddisferà tutti". Un festival, quello che si svolgerà dal 6 al 17 luglio, che si avvale comunque di un piccolo miracolo: "Chi avrebbe mai immaginato che la manifestazione potesse non avere limite di posti a sedere all'interno delle sale, dal momento che è stato annunciato solo ora dal governo che le restrizioni sui posti saranno revocate il 30 giugno?".

"Lo scorso autunno – conclude il direttore artistico – avevamo pensato a un piano di emergenza nel caso in cui a maggio non fosse stato possibile: ovvero inizio estate, fine estate o autunno. Abbiamo scelto l'inizio dell'estate. Poi sono arrivati i vaccini, che hanno cominciato lentamente per poi accelerare. L'Europa sta recuperando terreno a tutta velocità. E le misure di sanità pubblica sono sempre più favorevoli."

"Il Festival di Cannes sarà tra due mesi e andrà sempre meglio – crede Frémaux –. Inoltre, se pensiamo al 2020, il senso di sicurezza che c'è stato in estate potrebbe riproporsi rispetto a un autunno incerto in cui potrebbe ricominciare tutto da capo. Questa pandemia è infinita. Cannes è in corsa, ma la pandemia non è vinta. Saremo cauti".
 
 

Seleziona il tag per leggere articoli con lo stesso tema:
cannes festival frémaux
Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved