GRANOLLERS M./ZEBALLOS H.
DJOKOVIC N./HERRERA C.
16:45
 
GOLUBIC V. (SUI)
1
BENCIC B. (SUI)
0
2 set
(6-4 : 0-1)
al-sociale-il-teatro-prende-vita-partendo-da-un-libro
Spettacoli
14.05.2021 - 18:270

Al Sociale il teatro prende vita partendo da un libro

Da lunedì a Bellinzona la performance senza attore ‘Book is a book is a book’ di Trickster-p

Può sembrare paradossale, tornare a teatro per quella che è, negli ultimi mesi, è stata una delle poche esperienze culturali possibili, la lettura di un libro. Perché la prima impressione di ‘Book is a Book is a Book’ – al Teatro Sociale di Bellinzona da lunedì 17 a mercoledì 19 maggio – è appunto quella: sfogliare le pagine di un volume; ma come sempre nei lavori della compagnia ticinese Trickster-p la prima impressione è solo la superficie che poi rivela un’esperienza ben più complessa. E profondamente teatrale: Cristina Galbiati e Ilija Luginbühl hanno infatti riflettuto – durante una residenza artistica al Lac di Lugano dove questa ‘performance senza attore’ ha debuttato lo scorso anno, poco prima della pandemia – sulla natura del libro e di come far incontrare questo oggetto fisico, e se vogliamo un po' antiquato, con i tempi e gli spazi del teatro.

Il risultato è un libro finemente realizzato, non a caso premiato come uno dei ‘Die Besten 2020’ dalla rivista zurighese ‘Hochparterre’, una piccola scrivania, una sedia e una lampada – e sarà interessante vedere queste postazioni nella platea del Teatro Sociale – che diventano porta di accesso per uno spazio virtuale, grazie a una voce narrante (Gabriella Sacco) che lo spettatore sente grazie a un paio di cuffie e agli spazi sonori creati da Zeno Gabaglio. Seguendo le istruzioni e le suggestioni di questa voce, lo spettatore si avventura lungo un percorso suggestivo e stimolante che dalla semplice superficie del foglio – “uno spazio bianco con dei segni neri” – porta alla lettura, alla percezione, agli occhi che guardano e costruiscono lo spazio, alle finestre, alle città, alle mappe, alle forme di vita che crescono e si trasformano in un susseguirsi di ricordi personali e citazioni colte. Il tutto seguendo una drammaturgia meticolosamente costruita da Trickster-p in cui la presenza degli altri spettatori, al contempo accomunati e isolati, gioca un ruolo importante.

Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved