frank-salis-due-concerti-in-tutta-intimita
Frank Salis (foto: Bonny B.)
ULTIME NOTIZIE Culture
Spettacoli
9 ore

Usa: sfigurata da trattamento, chiede 50 milioni

La top model Linda Evangelista fa causa alla società responsabile del trattamento cosmetico che le ha rovinato il volto, rendendola irriconoscibile
Musica
10 ore

Addio a Pee Wee Ellis, ‘gentiluomo’ del sassofono

Fu nella band di James Brown. Il ricordo di Nicola Gilliet, che lo unì ai ticinesi Re:Funk: ‘Aggressivo ma dolce, spiazzante. E col suono dei grandi di sempre’
Settimane Musicali
12 ore

Il weekend asconese di Piemontesi & Friends

Sabato 25 e domenica 26 settembre, omaggi a Messiaen e a Chopin e il Viaggio d’inverno di Schubert con Matthias Goerne
Scienze
13 ore

Cina, l’amido sintetizzato dal CO2 è una ‘prima’ assoluta

In passato sono stati condotti diversi studi a livello globale sulla sintesi dell’amido, ma finora i progressi raggiunti erano stati scarsi
Spettacoli
17 ore

Ed Sheeran a Zurigo, prevendita dalle ore 11 del 25 settembre

Il Letzigrund Stadion, 16 settembre 2022, è l’unica tappa svizzera del tour di ‘=’, nuovo album del cantautore britannico
Musica
21 ore

Nirvana, c’era una volta ‘Nevermind’ (e ancora c’è)

Segnò l’affermazione del grunge, spazzò via l’hair rock e spostò Seattle un po’ più al centro del mondo. Era il 24 settembre 1991
Fotografia
22 ore

‘Out of the night’, a Carona scatti di jazz di ieri e di oggi

Alla Galleria la Loggia, dal 25 settembre, la scena jazz tra le immagini d’archivio del fotografo ticinese Maurizio Gonnella e gli scatti di Matteo Ceschi
Spettacoli
22 ore

Leo Pusterla e Terry Blue, ‘Only to be there’ allo Studio 2 Rsi

Per MusicaViva targato Rete Tre, mercoledì 29 settembre il nuovo disco uscito in primavera per Areasonica Records
Spettacoli
23 ore

Un anno dopo, Parigi dedica una piazza a Juliette Gréco

Si trova a Saint-Germain-des-Près, sulla rive gauche fulcro della vita intellettuale del dopoguerra dove l’artista, morta nel 2020, cominciò la sua carriera
Cinema
1 gior

Addio a Roger Michell, regista di ‘Notting Hill’

Nel 1999 diresse la commedia romantica con Julia Roberts e Hugh Grant. ‘The Duke’, con Helen Mirren, il suo ultimo lavoro
Spettacoli
1 gior

Uma Thurman: ‘Ho abortito a 15 anni, il Texas sbaglia’

L‘attrice attacca la legge che vieta l’aborto anche in caso d’incesto o stupro: ’La mia scelta di allora mi ha permesso di diventare la madre che dovevo essere’
Spettacoli
1 gior

Addio a Melvin Van Peebles, icona nuovo cinema afroamericano

‘Uomo rinascimentale’, come definito dal New York Times, il pioniere dei film indipendenti americani è morto a 89 anni nella sua casa di Manhattan
Jazz
26.11.2020 - 17:410
Aggiornamento : 29.11.2020 - 16:33

Frank Salis, due concerti in tutta intimità

Al Sociale domani, venerdì 27 novembre alle 20.45, e al Gatto sabato 28 novembre alle 20.30. Tanto caribbean jazz e una Christmas song

Musiche anni 80 in veste jazz e con risonanze caraibiche: è l’intrigante proposta musicale che il noto tastierista ticinese Frank Salis (accompagnato da Daniel Macullo alla chitarra, Marco Cuzzovaglia alla batteria e dal cantante Martin Lechner in veste di ospite speciale) presenta in un doppio appuntamento, organizzato dal Jazz Cat Club, in programma venerdì 27 novembre alle 20.45 al Teatro Sociale di Bellinzona e sabato 28 novembre alle 20.30 al Teatro del Gatto di Ascona. Breve incontro con l’artista.

Ciao Frank, come te la cavi? 

Che dire, non posso lamentarmi nonostante la pandemia. Ho la fortuna di insegnare (all’Ecole de Jazz et Musiques Actuelles di Losanna ndr) e dunque dal profilo finanziario la situazione è ok. Coi concerti invece siamo proprio fermi.  A Losanna è tutto chiuso; in Ticino abbiamo fatto qualcosina d’estate e ora ci sono questi due concerti organizzati dall’amico Nicolas Gilliet. La sua ostinazione a voler proporre qualcosa, nonostante tutto, è quasi commovente.

A livello di nuovi progetti che cosa sta bollendo in pentola?

Sto portando a termine un nuovo disco con la collaborazione di musicisti di New Orleans e del Ticino prodotto da Nicolas Gilliet, Jonas Macullo e dal sottoscritto. È un progetto davvero intrigante, nato tre anni fa a JazzAscona, quando Nicolas mi chiese di lavorare con lui per gettare un ponte musicale fra Ticino e la Città del Delta. L’album raccoglie, oltre a un brano dei Rolling Stones, Sympathy for the Devil, una dozzina di mie composizioni inedite che in parte abbiamo registrato a New Orleans nell’ottobre dell’anno scorso e poi a Mesocco lo scorso febbraio, nello studio di Jonas Macullo. Nel disco sono in buona compagnia perché suono con bravissimi artisti di New Orleans, come il pianista David Torkanovsky, i trombettisti Kid Chocolate e Ashlin Parker, i cantanti John Boutté, Anders Osborne e Michael Watson, il sassofonista James Martin, oltre al batterista Pietro Segundo, e fra i nostri Max Pizio al sax e Daniel Macullo alla chitarra. Il Covid ha frenato il progetto ma ora siamo quasi pronti e credo che usciremo non appena finirà 'sta benedetta pandemia.

Insomma, fra te e New Orleans è scoppiato l’amore?

Suonando il piano blues un feeling con New Orleans c’è sempre stato, perché le belle sonorità vengono proprio da lì. Però sì, diciamo che la vivacità e l’energia di New Orleans mi hanno letteralmente stregato. È proprio come si dice: lì la gente vive davvero per la musica e grazie anche alla musica. Siamo negli States ma ti sembra di essere ai Caraibi, un’atmosfera molto coinvolgente da tutti i punti di vista.

Ad Ascona proporrai in anteprima anche un nuovo brano di Natale, che esce a giorni e che hai registrato con John Boutté, forse il cantante più amato a New Orleans…

Sì, è una mia composizione. Io ho fatto la musica e John ci ha messo le parole e canta. Mi sembra un esercizio abbastanza riuscito, perché va detto: comporre canzoni di Natale non è poi così facile, bisogna fare qualcosa di gioioso, intimo ed emozionante senza scadere nello sdolcinato... 

Natale a parte, che cosa ci proporrai venerdì e sabato?

Beh con Daniel Macullo e Marco Cuzzovaglio rispolvereremo il repertorio che abbiamo già presentato in vari concerti la scorsa estate. Di 'sti tempi c’è bisogno di un po’ spensieratezza e di energia, per cui proporremo in versione jazz e, diciamo così, caraibica, canzoni del repertorio pop degli anni 80 (tipo Michael Jackson per capirci). Ospite speciale Martin Lechner, cantante dalla voce molto soul. Sarà un concerto speciale, per pochi intimi ma ci divertiremo… 

Frank Salis Trio feat. Martin Lechner, venerdì 27 novembre alle 20.45 al Teatro Sociale (prenotazioni: 091 825 48 18 , dalle 13.30 alle 17.30).
Sabato 28 novembre alle 20.30 al Teatro del Gatto (prenotazioni:  info@ jazzcatclub.ch o 078 733 66 12).

© Regiopress, All rights reserved