laRegione
mozart-buon-sangue-non-mente
Franz Xaver Wolfgang Mozart, litografia (Wikipedia)
ULTIME NOTIZIE Culture
Spettacoli
4 ore

Osi in streaming, il contrappunto al tempo della dodecafonia

Mercoledì in un Lac senza pubblico, Markus Poschner ha diretto la Musica per archi, percussioni e celesta” di Béla Bartók e la Suite op. 4 di Richard Strauss
Spettacoli
10 ore

USA, truffava personaggi di Hollywood, ora è in manette

I raggiri, opera di un 41enne indonesiano e di suoi collaboratori, avvenivano grazie anche a imitazioni della voce.
Musica
12 ore

'Mai più come siamo ora': Led Zeppelin, il giorno dell'addio

Era il 4 dicembre 1980, e la morte di John Bonham a settembre fu il punto di non ritorno. Nemmeno un paio di discutibili ritorni ne ha mai scalfito il mito.
Spettacoli
22 ore

Leonardo, un’esperienza tra storia e invenzione

Presentata a Lugano la ‘Da Vinci experience’, mostra immersiva dedicata al genio rinascimentale. Dalla realtà virtuale ai modellini, spunta anche la bicicletta (che lui mai disegnò)
Letteratura
22 ore

La casa di Tolkien in vendita: i vip si mobilitano

'Si faccia un museo!'. E una campagna internazionale di crowdfunding è partita nella speranza di preservare il luogo in cui nacque la saga di tutte le saghe.
Spettacoli
23 ore

Riapre la Royal Albert Hall, e saranno 150 anni

Ottimisticamente, Eric Clapton, Patti Smith e i Beach Boys sono i nomi già annunciati per festeggiare il secolo e mezzo di uno dei templi di Londra
Musica
1 gior

All'asta le chitarre di Van Halen (anche la Frankenstrat)

Tre esemplari usati dal chitarrista scomparso in ottobre battuti per complessivi 422mila dollari: 231 solo per l'iconica Kramer personalizzata,
Musica
1 gior

‘CuiTémpCheTira!’, il lockdown del multimediale Marco Zappa

Libro, cd, dvd, partiture. E i disegni di Adriano Crivelli. È la storia di cantautore e consorte (e un po' anche la nostra). Domenica in streaming dalla Rsi
Società
1 gior

Scarlett Johansson all'Egitto: 'Rilasciateli, sono innocenti'

'Chiedo l'immediato rilascio di Gasser, Karim, Mohamed e Zaki', dichiara l'attrice in un video. 'L'unico crimine: difendere la dignità degli egiziani'.
Spettacoli
1 gior

Montreux Jazz Festival, manifesto della speranza

Presentato oggi il cartellone della 55esima edizione, dal 2 al 17 luglio 2021. Lo ha realizzato Française Marylou Faure e mostra una donna cullata dalla musica
Scienze
1 gior

Via Lattea, censiti due miliardi di stelle

Per la precisione, 1'811'709'771. Sono i risultati del nuovo catalogo astronomico della Early Data Release 3 dell'Agenzia Spaziale Europea.
Musica
07.11.2020 - 17:250

Mozart, buon sangue non mente

La musica del secondogenito Franz Xaver, malgrado il talento, è caduta nell'oblio. Il figlio maggiore Carlo, inziato alla musica, finì funzionario amministrativo.

Per certi versi la storia della musica è anche una storia di famiglie musicali. Il caso più paradigmatico è rappresentato dalla famiglia Bach, al centro della quale troneggia la severa figura di Johann Sebastian, che era predestinato alla musica da almeno un secolo di pratica familiare nei nomi di Hans Johann Christoph, Johann Michael, Johann Bernhard, e che a sua volta fu d’esempio a una schiera di discendenti musicisti, alcuni dei quali si garantirono anche la notorietà: Johann Christian, Carl Philipp Emanuel, Wilhelm Friedemann.

Diversamente da altri casi pochi sanno che da Mozart si dirama una discendenza musicale nel figlio Franz Xaver, nato il 26 luglio 1791 quattro mesi prima della morte del padre. Il figlio compositore di Mozart fu tutelato nell’insegnamento della musica dalle figure più rappresentative di Vienna, dal sostegno ricevuto da Joseph Haydn al magistero dei suoi allievi (Neukomm e Streicher) e di maestri che indirizzarono altri grandi quali Schubert (Albrechtsberger, Vogler, Hummel), per non parlare di Salieri che gli fu maestro di canto (proprio il rivale del padre che la leggenda aveva accusato perfino di avere avvelenato per invidia). Pianista e compositore il più giovane figlio di Mozart si affermò con relativa facilità ricoprendo cariche presso famiglie nobili, ma anche tentando la via del concertismo con un viaggio che nel 1819 lo portò al cospetto dei pubblici di Russia, Polonia, Prussia, Danimarca, Germania, Svizzera, Italia. Pur essendo stato ritenuto degno da Anton Diabelli di figurare nel 1824 nella nota raccolta che vide impegnati 50 fra “i più distinti compositori e virtuosi di Vienna e dei Regi e Imperiali Stati d’Austria”, la musica di Franz Xaver Mozart è caduta nell’oblio. Non pochi tratti dell’esempio paterno vi si possono però rintracciare, soprattutto in certe scelte di organico strumentale, come il Quartetto con pianoforte in sol minore op. 1. La sua data di nascita è il 1791, di una generazione successiva a Beethoven e vicina a Schubert, per cui la concezione è ormai diversa. Un’alternativa rappresentò certamente per lui il pianismo brillante risolto in frivola esteriorità, meccanico nei veloci e rutilanti percorsi della tastiera. Franz Xaver mostra di saper resistere a tale tentazione di mondanità che allora lasciò indenne solo Schubert. È allo stesso modo intimistico che fu di Schubert che egli guardava, ai momenti di attonicità a volte perfino cupa, che lo rivelano interessante nei movimenti lenti, estatici, in una struttura ridotta all’essenzialità.

La pista ticinese

Una pista poco nota conduce la famiglia Mozart in prossimità del Ticino. Una 'Via Carlo Mozart' a Caversaccio (in Valmorea, Provincia di Como) – al di là del confine a 5 km da Stabio ai cui bagni veniva a curare la sua artrite – è intitolata al figlio maggiore di Mozart. Si tratta della strada su cui si affacciava la casa di campagna che fu di sua proprietà. Pure egli iniziato alla musica, fu raccomandato da Haydn a Bonifazio Asioli di cui divenne allievo a Milano. Nel 1809 tuttavia Carl Thomas Mozart abbandonò ogni velleità in campo musicale ed entrò come funzionario nell’amministrazione austriaca. Lo ricorda una lapide a Milano con l’epigrafe

Alla memoria di
Carlo Mozart
ultimo figlio del sommo musicista
funzionario del municipio di Milano
Vienna 1784 - Milano 1858
con lui si estinse la stirpe
ma non la gloria imperitura dell'illustre genitore
nel centenario della sua morte
l'Associazione degli Austriaci di Milano
31 ottobre 1958

Morì appunto nel 1858, dopo aver donato al Mozarteum di Salisburgo il pianoforte del padre che gli era toccato in eredità.


Incisione-cenotafio voluta nel 1958 dall'Associazione degli Austriaci di Milano sul muro esterno destro dell'Ossario Centrale del Cimitero Monumentale di Milano, nel centenario della sua morte (Wikipedia)

Ingrandisci l'immagine
© Regiopress, All rights reserved