laRegione
una-vera-tragedia-quando-il-teatro-smarrisce-ogni-certezza
Una Vera Tragedia (foto LAC Studio Pagi)
ULTIME NOTIZIE Culture
Cinema
4 ore

È morto Sean Connery

L'attore scozzese è scomparso all'età di 90 anni. Lo ha comunicato la sua famiglia
Culture
22 ore

Giacomo Jori, tra Telemaco e Pinocchio all'Usi

Prosegue il ciclo di letture collodiane. Il terzo appuntamento è fissato per mercoledì 4 novembre alle 18.30 all'Auditorium
Culture
22 ore

Addio allo scrittore svedese Jan Myrdal

Strenuo difensore delle ingiustizie, in Patria e nel mondo, il 'Rapporto da un villaggio cinese', libro del 1963, è la sua opera più nota.
Spettacoli
23 ore

Addio al maestro Alexander Vedernikov

Il direttore d’orchestra russo, più volte sul palco con l’Orchestra della Svizzera italiana, aveva 56 anni
Culture
1 gior

L’onnipotenza umana e il nuovo coronavirus

Intervista al filosofo Emanuele Coccia, ospite degli Eventi letterari Monte Verità per parlarci del ‘narcisismo negativo’ dell’umanità
Scienze
1 gior

Verena Keller, ornitologa svizzera, vince il 'Marsh Award'

Il prestigioso riconoscimento internazionale viene assegnato agli scienziati il cui lavoro ha grande impatto sull'ornitologia britannica.
Scienze
1 gior

Sostanza P, e il prurito non ha più segreti

Si deve tutto a un neuropeptide rilasciato da alcuni neuroni della pelle. La scoperta, avvenuta nel Massachusetts, amplia la comprensione del sistema immunitario.
Culture
1 gior

La Cernusco antifascista contro la libreria di Altaforte

Il 7 novembre, alle porte di Milano, apre un punto vendita dell'editore controverso. L'Anpi: 'Inneggiano al nazifascimo'.
Spettacoli
1 gior

Renato Zero d'accordo con Papa Francesco: 'Il mondo cambia'

Il cantante, icona gay, in sintonia con l'apertura del pontefice alle unioni civili fra persone omosessuali: 'C'è bisogno di grande rispetto'.
Scienze
1 gior

Uomini e cani sono amici dal Paleolitico

È quanto pubblica 'Science' dopo un'analisi del Dna antico del nostro migliore amico, condotto su 27 esemplari di tutta l'Eurasia
Culture
1 gior

Addio a Diane di Prima, poetessa della Beat Generation

Era nota soprattuto per l'opera 'Loba', indicata negli anni '70 come la controparte femminista di 'Howl' di Allen Ginsberg
L'intervista
1 gior

Stefania Auci, 'I leoni di Sicilia' per colazione

Sabato 31 ottobre alle 11, non al Lac ma in streaming sulla pagina facebook, la scrittrice siciliana dialoga con Maria Rosa Mancuso.
Spettacoli
2 gior

Il Volo omaggia il Maestro nella sua Roma

Il 'Tribute to Ennio Morricone' del trio del belcanto si terrà a giugno davanti alla basilica di San Pietro. E poi l'omonimo album.
Spettacoli
2 gior

A Chiasso il Cinema Teatro prepara il 'Piano D'

Il direttore Armando Calvia: 'Decisioni difficili da digerire, ma non possiamo certo stare con le mani in mano'
Arte
2 gior

Villa dei Cedri, natura e identità di un museo

Tra valorizzazione del territori e apertura all'internazionale, presentata la stagione espositiva 2021 del museo di Bellinzona
Spettacoli
2 gior

Paolo Rossi, si può ancora ridere in questi tempi grami

Standing ovation al Lac per il suo 'Pane o libertà. Su la testa', omaggio a Jannacci, Gaber, Fo, De André, che 'Paolino' considera i suoi maestri.
Teatro
2 gior

Crivellaro: 'Troveremo alternative, ma il teatro non è streaming'

'È incontro tra esseri umani. Approfitteremo per ragionare su cosa manca e su cosa è diventato', commenta il direttore artistico del Teatro di Locarno.
Teatro
2 gior

Cinquanta in sala, non di più. Helbling, Sociale: 'Una mazzata'

'Decisione presa per la salute pubblica – commenta il direttore del teatro bellinzonese – ma credo si sia sottovalutata l’efficacia dei piani di protezione'.
Spettacoli
13.10.2020 - 17:140

‘Una vera tragedia’, quando il teatro smarrisce ogni certezza

Lo spettacolo di Riccardo Favaro e Alessandro Bandini chiude, senza senso, il Festival internazionale del teatro

L’atmosfera è lynchiana : un salotto borghese, un delitto domestico, ‘huis clos’ familiare, poche luci, arredo essenziale, e la polizia che irrompe sulla scena di un crimine. C’è molta eleganza e drammatica superficialità tra i personaggi. Il dramma dell’incomprensione e la tensione del linguaggio, una gabbia di convenzioni da sradicare, ed ecco che subentra anche l’universo di Edward Albee (‘Chi ha paura di Virginia Woolf?’).

Questo ho ritrovato in ‘Una vera tragedia’ di Riccardo Favaro e Alessandro Bandini, prima internazionale presentata gli scorsi giorni (12 e 13 ottobre) in chiusura del Fit, il Festival internazionale del teatro. Lo spettacolo, prodotto dal Lac in coproduzione con una delle più interessanti piccole realtà teatrali milanesi, il Teatro i, porta in scena lo scardinamento tra testo e azione drammatica attraverso una storia che continua a ricadere su se stessa in un loop distorto. C’è un padre, c’è una madre, che prima si chiameranno Vater e Mamma e poi Padre e Madre, c’è un figlio, che poi diventano due, e poi uno. Ma c’è anche un testo in sovraimpressione, che quando gli aggrada se ne va per conto suo, a raccontare i non detti e gli inconsci, riempiendo silenzi, proponendo interpretazioni. E vien da chiedersi, sono gli attori che non seguono le battute o sono queste a scappare via? 

E poi, poi c’è anche il mondo delle sitcom americane – gesti plateali sottolineati dagli applausi e frasi o movimenti apparentemente normali che diventano qui sinistri con le risate – e la tragedia, quella classica, con tanto di sacrificio ma senza coro, perché le azioni cadono inesorabilmente nell’indifferenza. 

Quel che conta in ‘Una vera tragedia’ non è tanto la trama, che sembra ripercorrere una torbida vicenda famigliare di speranze disattese, tradimenti, noia borghese e rivendicazioni, ma il fatto che ogni certezza vada abbandonata. Nulla rassicura, tutto allarma. Come la luce dello strobo fastidiosamente insistente, le ripetizioni, i flash back temporali, le continue domande evanescenti, dei personaggi e anche nostre. Ci sarà un sostrato psicoanalitico? Assistiamo alla messinscena di un archetipo? O ancora, insita nello spettacolo vi è una implicita critica sociale contro il patriarcato? 

Di certo c’è che ‘Una vera tragedia’ è uno spettacolo che non lascia indifferenti e apre a una serie di letture possibili e impossibili al tempo stesso, perché nessuna trova reale compimento, molte sembrano intuizioni volatili.

La difficoltà di scrivere un testo nato per essere poi destrutturalizzato viene spiegata così dall’autore stesso, Riccardo Favaro: «Il processo di prova dura da più di un anno, e solo dall’ultimo mese, con la produzione del Lac, abbiamo affrontato con il regista Alessandro Bandini diversi aspetti della messa in scena. ‘Una vera tragedia’ è stato scritto in varie frasi. Dello spunto originale, rimane soprattutto la prima parte. La seconda (da quando compare il figlio, ndr) è stata costruita sulla scena, con le prove, con l’allestimento».

Tranquillizzano gli spettatori usciti da teatro con molte domande e poche certezze le parole del drammaturgo quando dice che «non è la trama quel che conta veramente. Lo sforzo maggiore è stato, più che tentare di chiarire le chiavi di lettura possibili, provare a chiarire come non sia importante ricostruire degli eventi in modo logico. Gli stessi personaggi vivono in modo illogico le loro vite». È, prosegue l’autore, «un testo che propone diversi piani temporali», come vediamo 

nelle didascalie del ‘dopo’, ‘prima’ e ‘ancora prima’, «ma anche diversi piani psicologici». «C’è poi un’altra grossa ambiguità che mi preme sottolineare, ed è quella del montaggio. L’attore in scena, l’interprete, segue un percorso lineare che va dall’inizio alla fine in maniera cronologia, secondo il suo tempo. Ma il tempo dello spettacolo va a ritroso. E se questo è facilmente realizzabile nel cinema, su un palco non è possibile, perché se un attore si ferisce, poi la scena dopo sarà ancora ferita, anche se stiamo parlando del passato. Il montaggio consente solo operazione intellettuale quindi e non scenica». 

Quello a cui abbiamo assistito è poi, sempre secondo il drammaturgo, «uno spettacolo democratico. Io cerco di spiegare come il fatto stesso di non capire sia stato per me un motore creativo, e quindi ho provato la stessa sensazione dello spettatore, e dell’attore in scena. Ci sono dei vuoti, delle voragini che si aprono nel dialogo e creano vuoti di senso, sono gli stessi che hanno gli attori in scena, che ho io nella scrittura e lo spettatore nel guardare».

Ma qual è quindi questa vera tragedia? «Il titolo originale era ‘Buchi bianchi’, quella dimensione astrofisica per la quale i corpi emettono solo luce ma non riescono a farla entrare, le figure in scena dello spettacolo. Era un titolo però adatto al testo che avevo scritto precedentemente e non più applicabile allo spettacolo in scena. Ora ‘Una vera tragedia’ è un titolo ironico. È la possibilità di fare i conti con il fatto di avere dubbi sulle realtà del linguaggio».

Insomma, ci troviamo a fare i conti con molte, forse troppe, considerazioni alla fine di questa ora di spettacolo. Se la prima parte è di forte impatto sociale, culmine la scena del supermercato, ma anche la scoperta di un testo dietro di sé da parte della madre, la seconda appare più lenta e trascinata. Il lavoro interessante che fanno i bravi attori in scena – su tutti Alfonso De Vreese e Marta Malvestiti, entrambi diplomati alla Scuola di teatro Luca Ronconi del Piccolo teatro di Milano – viene a mio modo di vedere diluito nella reiterazione di ripetizioni e sconforto, slanci e smorzate, ghigni e desolazione. 

Curioso sarebbe poter andare a ritroso pure noi, come questa trama non trama, e rileggere il testo originale prima della messa in scena per capire se quello che a volte non ha funzionato sono alcune soluzioni sceniche. Ma come gli attori su un palcoscenico anche noi spettatori siamo costretti a seguire la temporalità degli eventi e restare un po’ smarriti di fronte al senso di quanto abbiamo visto. Un lavoro certamente molto interessante anche se la resa lascia alcune perplessità.

© Regiopress, All rights reserved