laRegione
l-onesta-disonesta-di-memento-mori
‘Memento Mori’ (foto Matilde Campodonico)
ULTIME NOTIZIE Culture
Cinema
4 ore

È morto Sean Connery

L'attore scozzese è scomparso all'età di 90 anni. Lo ha comunicato la sua famiglia
Culture
22 ore

Giacomo Jori, tra Telemaco e Pinocchio all'Usi

Prosegue il ciclo di letture collodiane. Il terzo appuntamento è fissato per mercoledì 4 novembre alle 18.30 all'Auditorium
Culture
22 ore

Addio allo scrittore svedese Jan Myrdal

Strenuo difensore delle ingiustizie, in Patria e nel mondo, il 'Rapporto da un villaggio cinese', libro del 1963, è la sua opera più nota.
Spettacoli
23 ore

Addio al maestro Alexander Vedernikov

Il direttore d’orchestra russo, più volte sul palco con l’Orchestra della Svizzera italiana, aveva 56 anni
Culture
1 gior

L’onnipotenza umana e il nuovo coronavirus

Intervista al filosofo Emanuele Coccia, ospite degli Eventi letterari Monte Verità per parlarci del ‘narcisismo negativo’ dell’umanità
Scienze
1 gior

Verena Keller, ornitologa svizzera, vince il 'Marsh Award'

Il prestigioso riconoscimento internazionale viene assegnato agli scienziati il cui lavoro ha grande impatto sull'ornitologia britannica.
Scienze
1 gior

Sostanza P, e il prurito non ha più segreti

Si deve tutto a un neuropeptide rilasciato da alcuni neuroni della pelle. La scoperta, avvenuta nel Massachusetts, amplia la comprensione del sistema immunitario.
Culture
1 gior

La Cernusco antifascista contro la libreria di Altaforte

Il 7 novembre, alle porte di Milano, apre un punto vendita dell'editore controverso. L'Anpi: 'Inneggiano al nazifascimo'.
Spettacoli
1 gior

Renato Zero d'accordo con Papa Francesco: 'Il mondo cambia'

Il cantante, icona gay, in sintonia con l'apertura del pontefice alle unioni civili fra persone omosessuali: 'C'è bisogno di grande rispetto'.
Scienze
1 gior

Uomini e cani sono amici dal Paleolitico

È quanto pubblica 'Science' dopo un'analisi del Dna antico del nostro migliore amico, condotto su 27 esemplari di tutta l'Eurasia
Culture
1 gior

Addio a Diane di Prima, poetessa della Beat Generation

Era nota soprattuto per l'opera 'Loba', indicata negli anni '70 come la controparte femminista di 'Howl' di Allen Ginsberg
L'intervista
1 gior

Stefania Auci, 'I leoni di Sicilia' per colazione

Sabato 31 ottobre alle 11, non al Lac ma in streaming sulla pagina facebook, la scrittrice siciliana dialoga con Maria Rosa Mancuso.
Spettacoli
11.10.2020 - 17:520

L’onesta disonestà di ‘Memento Mori’

Al Festival internazionale del teatro il potente spettacolo sulla morte di Sergio Blanco

Parlando di Sergio Blanco con un amico, dopo aver visto ‘Memento Mori o la celebración de la muerte’, questi mi dice: “Sì, trovo anche io che il suo lavoro sia molto potente. E onesto, nella sua, dichiarata, disonestà”. Rubo immediatamente questa frase utilizzandola come punto di partenza per la recensione di uno spettacolo particolarmente fine, lucido, riuscito.

Presentato venerdì sera al Lac, nell'ambito del Festival internazionale del teatro e della scena contemporanea, ‘Memento Mori’ porta in scena la poetica personale di Sergio Blanco, scrittore franco-uruguayano, uno dei portavoci della drammaturgia contemporanea (nato e cresciuto a Montevideo, vive a Parigi, candidato al premio Ubu 2019 con ‘Bramido de Düsseldorf’, autore di due volumi in Italia per Cue Press). 

Una poetica, la sua, basata sull’autofinzione, termine coniato nel 1977 da Serge Doubrovsky – scrittore e critico letterario francese che con il suo romanzo ‘Fils’ ne parlò per la prima volta – ma che ora il drammaturgo ha fatto sua cifra creativa. Autofinzione, ovvero parlare di sé mentendo, o mentire parlando di sé. Il limite non è chiaro, non è dichiarato, ci basti sapere che se l’autobiografia si fonda su un patto con la verità, quello dell’autofinzione è sancito con la menzogna. Aneddoti reali si fondono alla finzione narrativa. 

In ‘Memento Mori’ sul palcoscenico incontriamo lo stesso drammaturgo, pronto a tenere una conferenza dotta attorno al tema del fin di vita. È solo, è seduto, non ci guarderà quasi mai negli occhi. Eppure noi non distoglieremo lo sguardo. Un computer, una lampada, qualche foglio, due libri. Dietro di sé, a schermo intero, al posto delle diapositive, fotografie artistiche che si alternano. L’intento congressuale è subito dichiarato dall’autore stesso: quella a cui assisteremo sarà una lezione suddivisa in trenta capitoli in cui si farà il giro della questione attorno al tema della morte. Quasi immediatamente l’autore ammette però di non riuscire a parlarne, di non amarlo fare. Può solo scriverne o leggerne. Fatto sta che per un’ora e dieci minuti riuscirà invece a tenere più che viva la nostra attenzione. 

Questo succede forse perché, come afferma Blanco durante lo spettacolo, “se potessimo sospendere la morale ci accorgeremmo che siamo inevitabilmente attratti sempre da ciò che è morto”.

Ma riesce a catturarci anche perché adotterà quella tecnica sua, e di altri drammaturghi contemporanei, che consiste nel parlar di sé per parlare di tutti. La piccola storia che in realtà arriva allo spettatore perché si fa universale. Non solo. Ad aneddoti personali alternerà i racconti delle Grandi Morti di artisti che ama (Molière, Wilde, Beckett), digressioni filosofiche (complici forse i suoi studi in filologia classica, la lettura continua) riguardanti anche la propia poetica, la morte nella letteratura tutta. Un’erudizione, la sua, sfoggiata ma tutt’altro che pedante, grazie alla brevità dei capitoli ma anche al linguaggio immediato che utilizza. Insomma, una piacevolissima lezione. Sovente divertita e divertente. Non può non incantare poi la ricchezza espressiva dell’uruguayo – con il quale il testo è narrato, che gli conferisce estrema personalizzazione.

Dove sta la finzione? Non è dato saperlo. Di certo i racconti di Blanco sembrano tanto reali quanto incredibili. A casa porteremo con noi il suo amico Adrien e l’amico di Parigi. L’auto di famiglia, il respiro della morte in India, un omicidio. Porteremo la sua storia, che ci ha raccontato con un’emozione tanto mascherata quanto esibita, nella voce che trema, in una lettura più esitante, nelle pause. Porteremo anche le immagini che ci ha proposto, tutte bellissime fotografie di Matilde Campodonico, apparentemente facenti parte di un libro che l’autore aveva in casa.

Ho iniziato l’articolo parlando di potenza, ed è questo l’aggettivo che più caratterizza ‘Memento Mori’. La potenza di una scrittura di alto livello, la potenza trattenuta da Sergio Blanco nel raccontarci la sua storia, la potenza di un argomento che per forza caratterizza la vita. Una potenza, come dicevamo, estremamente onesta. 

 

 

© Regiopress, All rights reserved