DJOKOVIC N. (SRB)
1
CARRENO BUSTA P. (ESP)
1
3 set
(4-6 : 7-6 : 0-0)
STOJANOVIC N./DJOKOVIC N.
BARTY A./PEERS J.
10:30
 
diego-fasolis-dalla-fenice-a-chiasso
Fasolis (foto D. Vass)
ULTIME NOTIZIE Culture
Arte
17 ore

L’Arco di Trionfo come immaginato da Christo e Jeanne-Claude

Iniziati i lavori di impacchettamento secondo le indicazioni lasciate dalla coppia di artisti. L’opera sarà visibile dal 18 settembre al 3 ottobre
Spettacoli
19 ore

Shakira rischia il processo per frode fiscale

La somma contestata alla cantante sarebbe stata evasa tra il 2012 e il 2014 quando secondo le autorità l'artista aveva già fissato la residenza fiscale in Spagna
Culture
1 gior

Roberto Calasso, l'editoria come passione

Le sue narrazioni concepite come un ciclo, le scelte editoriali esclusive e grandi: un ricordo dell'editore di Adelphi, scomparso a Milano all'età di 80 anni.
Musica
1 gior

Gli ZZ Top perdono il bassista Dusty Hill, morto a 72 anni

L'ultimo saluto della band sui social: 'Saremo per sempre legati a quel Blues Shuffle in C. Ci mancherai moltissimo, amigo'
Teatro
1 gior

Lazzi di Luzzo 'à la carte' e in tour

La colonia teatrale per adolescenti ha prodotto il suo lavoro per la 31esima edizione, incentrato sull'accoglienza e sull'incontro. Tutte le date.
Cinema
1 gior

'Caves', documentario sulla Svizzera centrale a Venezia 78

Il filmato di 19 minuti sulla speleologa e alpinista nidvaldese Lea Odermatt è l'unica produzione svizzera selezionata per il Concorso VR Expanded.
Scienze
1 gior

Una nuova specie di muschio scoperta nei pressi del Martinsloch

La Schistidium foraminis-martini è di colore marrone e cresce soprattutto sulle rocce calcaree. Rintracciata in due soli altri luoghi, in Svizzera e in Austria
Arte
1 gior

Fiabe, leggende e racconti del Grigionitaliano in un calendario

È il ‘Calendario d’Artista 2022’, mostra che s'inaugura sabato 31 luglio alle 16 alla Galleria Spazio28 arte contemporanea di San Bernardino
Culture
1 gior

Fazioli e Bernasconi dietro le vetrine di Paradeplatz

Per un anno i due autori sono andati a Zurigo per raccontare di un luogo andando al di là della faccia abusata delle cose
Culture
1 gior

Addio a Roberto Calasso, l'editore di Adelphi

Nato a Firenze nel 1941, lo scrittore ed editore aveva da poco compiuto ottant'anni ed era malato da tempo
Società
2 gior

Video on Demand in calo, crescono gli abbonamenti

I noleggi digitali di film sono già diminuiti del 30% tra il 2017 e il 2019, e un calo del 7% è stato registrato anche nel 2020, anno di pandemia
Culture
2 gior

Andri Snær Magnason ospite di ChiassoLetteraria

È l'ospite d'eccezione che completa la programmazione della 15esima edizione, in programma dal primo al 5 settembre 2021 e dal titolo ‘Pianeta Proibito’. 
Società
2 gior

Fine risorse naturali: il 29 luglio è l'Earth Overshoot Day

L'anno scorso fu il 22 agosto; nel 1970, il 29 dicembre. Da domani, giovedì 29 luglio, il pianeta va in credito sulle risorse dell'anno successivo
Cinema
2 gior

Festival Film Friburgo post-pandemia: 'Più forti: ora il futuro'

È l'attitudine che accomuna il presidente Mathieu Fleury e il direttore artistico Thierry Jobin, con gli occhi alla 36esima edizione, dal 18 al 27 marzo 2022
Società
2 gior

Linguaggio di genere: alla Srf segni speciali solo per giovani

Formulazioni quali "Parlamentarier:innen" e "Politiker:innen" saranno usate solo laddove ci si rivolga a un pubblico giovane, più abituato al linguaggio di genere
Musica
2 gior

Addio a Joey Jordison, co-fondatore degli Slipknot

Nel 2013, batterista e band presero strade diverse. Dopo la separazione, Jordison annunciò di avere un disturbo del sistema nervoso
Cinema
2 gior

Da Universal 400 milioni di dollari per un nuovo 'Esorcista'

Ellen Burstyn, candidata all'Oscar nel 1973, torna nel ruolo di Chris MacNeil. Non è un remake, piuttosto un seguito. E nessuno ha chiamato Linda Blair...
LongLake Festival
2 gior

Zappa Quartet, Through Sound, Broggini & Friends. E anche Dante

Da stasera con la BandaDante, spettacolo-omaggio al Sommo Poeta, fino a una domenica primo agosto di classica e musica irish
Ticino Musica
2 gior

Il 'Concerto al tramonto', la prima di Massagno (e il resto)

Venticinquesima edizione al rush finale: Animato Kwartet a Monte Carasso; a Massagno l'omaggio a Sofia Gubaidulina
Spettacoli
22.07.2020 - 06:000

Diego Fasolis, dalla Fenice a Chiasso

Concerto dei Barocchisti, venerdì per la rassegna Voci e Not(t)e del Cinema Teatro. “Senza pubblico ci si sente un po’ persi, isolati” ha spiegato Fasolis

Era alla Fenice di Venezia, Diego Fasolis, con ‘Ottone in villa’ di Antonio Vivaldi: la prima opera del compositore veneziano e «credo la prima opera in teatro in Europa dopo il lockdown: un po’ duro tra protezioni, mascherine, distanziamenti ma ce l’abbiamo fatta» ci racconta Fasolis che venerdì alle 21.30 – sabato alla stessa ora in caso di brutto tempo – sarà in scena con i suoi Barocchisti per la rassegna Voci e Not(t)e del Cinema Teatro di Chiasso (prenotazione obbligatoria entro la mezzanotte di oggi sul sito www.centroculturalechiasso.ch).

La Fenice, il teatro distrutto dal fuoco e risorto dalle ceneri: un bel luogo per riprendere a fare musica.

È stato anche il motivo per cui, quando mi hanno chiesto di dirigere anche un concerto, ho proposto il fuoco e l’acqua di Händel, con le suite di ‘Water Music’ e ‘Royal Fireworks Music’. È stato emozionante: suonare nella platea libera da sedie, con il pubblico intorno e questo scheletro di una nave in via di costruzione… è venuta giù qualche lacrimuccia, diciamocelo!

E adesso a Chiasso, con un allestimento diverso ma comunque legato all’emergenza sanitaria.

Ci vuole il coraggio di ripartire. E come si va tutti al supermercato a fare la spesa, tutti al ristorante a mangiare, tutti su treni e aerei per viaggiare – non si vede perché i teatri, con le giuste protezioni, non possano funzionare.

Sono ben contento di poter ricominciare, anche per dare un po’ di speranza ai musicisti free lance che sono tra le categorie più maltrattate da questa pandemia. Aggiungo che come Barocchisti in febbraio ho fatto richiesta di sostegno, ma a oggi non ho ancora avuto risposta. Trovo preoccupante dopo aver pagato vent’anni di contributi neanche ricevere una risposta. O meglio: la risposta, se ho capito correttamente, è che le associazioni saranno le ultime a essere trattate… ma io ho decine di persone che da mesi non hanno lavoro e non mangiano.

Abbiamo i primi concerti, ma per un ritorno alla normalità ci vorrà tempo, immagino.

Come Barocchisti e Coro della Rsi, appena ci è stata data la possibilità di ritornare nell’Auditorio Stelio Molo abbiamo ripreso a lavorare “per l’antenna”: streaming e registrazioni sono il nostro ‘core business’ per cui non abbiamo strettamente bisogno di pubblico in sala. In questo siamo un po’dei privilegiati, ma è anche vero che l’influenza del pubblico sul risultato artistico è un dato di fatto. Anche in questi primi concerti: appena trecento persone in un teatro che ne contiene ben più di mille, ma applaudivano così calorosamente da far sentire la loro partecipazione.

Spero quindi di poter continuare: ho un impegno in Francia, in una zona non particolarmente colpita e spero vada tutto bene… è tutta una situazione un po’ paradossale, un po’ malata in cui si cerca di sopravvivere guardando il proprio vicino un po’ in cagnesco temendo ti possa contagiare. Non è una bella situazione.

La presenza del pubblico cambia così tanto, per un musicista?

Cambia enormemente: il pubblico è parte integrante di uno spettacolo, il musicista o il cantante che sta sul palco percepisce benissimo l’energia che il pubblico gli trasmette. Anche alla Scala, tante recite della stessa opera e da una sera all’altra la differenza è enorme e non dipende dall’impegno dei musicisti ma dalla reazione del pubblico. Il pubblico giovanile del pomeriggio, con i biglietti a prezzo contenuto, scatena un entusiasmo che magari non c’è alla prima, con le persone che pagano di più ma magari hanno un po’ di puzza sotto il naso. Il pubblico lo si sente moltissimo e senza pubblico ci si sente un po’ persi, un po’ isolati: sembra più una prova che un concerto. Ci vuole immaginazione per sentire il pubblico che magari ti sta ascoltando alla radio…

Vedremo il pubblico di Chiasso.

Abbiamo scelto una delle opere più straordinarie per la sua simpatia: ‘La serva padrona’. Non ci sono troppi cantanti, solo due più un mimo, l’orchestra piccolina però è una musica straordinaria. Non a caso Pergolesi è diventato un mito pur essendo morto così giovane. E questa è una delle opere sicuramente scritta da lui: Pergolesi si è visto attribuire decine di composizioni non sue, che non avrebbe neppure potuto scrivere nei pochi anni che la vita gli ha concesso, ma era talmente ammirato che bastava mettere “Pergolesi” al brano di un signor Pinco Pallino per avere un successo garantito.

Per usare un termine contemporaneo, era un ‘brand’.

Esatto. E sono riuscito ad avere due artisti straordinari; Rosa Bove, una mezzosoprano che ho conosciuto lavorando con Abbado, per un’integrale della musica sacra di Pergolesi; Riccardo Novaro che è stato anche il nostro Bartolo per il ‘Barbiere di Siviglia’, un professionista di primo piano. E un mimo, Jacopo Sorbini, un attore consigliato da Rifici del Lac – a dimostrazione che anche in Ticino ogni tanto si riesce a unire le forze.

A lui sarà affidata la parte scenica?

Con queste opere non puoi stare fermo a leggio, ma c’è un’azione. Ed è indispensabile, per capire la storia,  avere in scena il servo che fa la parte del pretendente della serva affinché il padrone la sposi: in alcune occasioni l’ho fatto io, ma mi sono detto che questa volta è meglio prendere un vero attore.

In programma avremo l’intera ‘Serva padrona’

Sì, è un’operina in due parti da mezz’ora l’una. Erano intermezzi che all’epoca venivano proposti in mezzo alle opere serie: tutto questo repertorio napoletano di “opere da ridere” venivano introdotte nelle pause: si stava sei-sette ore in un teatro, con i tre o quattro atti dell’opera seria inframezzati dalla prima e seconda parte dell’opera buffa. Un’usanza che ho vissuto ancora, ma oggi impraticabile.

E poi due concerti per mandolino.

SÌ: avendo a disposizione un mandolinista straordinario come Duilio Galfetti, eseguiamo a mo’ di ouverture e intermezzo della ‘Serva padrona’ dei brani di musica napoletana con mandolino, proprio per dare una luca ancora più gioiosa a questo evento: il mandolino è uno strumento che dà il sorriso, incanta ma al contempo alleggerisce.

© Regiopress, All rights reserved