premi-del-cinema-svizzero-quelle-nomination-poco-chiare
La notte delle nomination a Soletta (@Keystone)
ULTIME NOTIZIE Culture
Scienze
1 ora

Perchè i bambini odiano i broccoli? Nuovi indizi da uno studio

Secondo un team australiano, a rendere antipatici i vegetali sarebbe una reazione chimica con la saliva che libera composti sulfurei dall’odore sgradevole
La recensione
5 ore

‘Tre piani’, ben venga il Moretti snaturato

Algido, doloroso, perfetto per chi al cinema vuole farsi del male. Tratto dall’omonimo romanzo dell’israeliano Eshkol Nevo, in sala dal 23 settembre
Teatro Sociale
12 ore

‘Maybe a concert’, Raissa Avilés oltre la forma-concerto

’C’è teatro, movimento, lavoro sul corpo, e musica’. Sabato 25 settembre, primo atto della stagione 21-22 del Sociale. A colloquio con la protagonista
Scienze
13 ore

Scienza e filosofia, vaccini per l’infodemia

Intervista ad Antonietta Mira, autrice con Armando Massarenti di ‘La pandemia dei dati’ che sarà presentato giovedì a Lugano
Culture
16 ore

A Biasca, in Biblioteca, l’azione scenica di Nando Snozzi

Domenica 26 settembre alle 18 il primo schizzo di quello che sarà lo spettacolo del progetto ‘Ipotesi per l’ultima spiaggia, dove l’arte ha il dono dell’ubiquità’
Culture
18 ore

‘Tutt’orecchi’, il podcast di letteratura per ragazzi

Prodotto dall’Istituto Svizzero Media e Ragazzi, ogni primo del mese offre il meglio della letteratura per l’infanzia su tutte le maggiori piattaforme
Culture
18 ore

Fiabe al museo, un podcast da 12 racconti naturalistici

Tre per stagione, ogni puntata della durata massima di 7 minuti, per i giovanissimi ma anche per le famiglie
Spettacoli
21 ore

Addio a Willie Garson, lo Stanford di ‘Sex and the City’

La svolta a Hollywood nelle sitcom statunitensi, fino alla leggendaria serie. Secondo diversi media, il 57enne attore era da tempo gravemente malato
Video
Spettacoli
22 ore

Gli Stones live senza Watts: ‘Questo show è dedicato a Charlie’

Lunedì notte in un concerto a Foxborough, nel Massachusetts, per la prima volta senza il batterista scomparso lo scorso 24 agosto.
Spettacoli
24.01.2020 - 18:100
Aggiornamento : 18:43

Premi del cinema svizzero, quelle nomination poco chiare

Secondo Klaudia Reynicke, regista di 'Love me tender', la procedura dell'Accademia del cinema penalizza le produzioni ticinesi

Numerosi applausi, ieri sera al Landhaus di Soletta, durante la notte delle nomination dei Premi del cinema svizzero che saranno assegnati il prossimo 27 marzo. Ma c'era chi non ha applaudito e anzi il giorno dopo ci ha manifestato le sue perplessità per la procedura di selezione di un riconoscimento nato per celebrare e diffondere il cinema svizzero.
La regista Klaudia Reynicke è certo seccata perché il suo 'Love me tender' non è in corsa, ma non è una questione di delusione personale: possibile, si chiede, che un film selezionato a Locarno e in altri festival internazionali – tra cui Toronto, dove, ci ha raccontato, ha attirato l'interesse di alcuni investitori per una serie tv – e in corsa proprio a Soletta per il Prix du public, sia stato completamente ignorato? 
A dimostrazione che il suo non è un discorso personale, la regista cita un'altra produzione ticinese che l'anno scorso ha raccolto numerosi consensi ma non ha trovato spazio ai Premi del cinema svizzero: 'Cronofobia' di Francesco Rizzi. E, aggiungiamo, non solo nell'impegnativa categoria del miglior film, ma anche in quelle di settore come le musiche, sceneggiatura o le interpretazioni.

Certo, la produzione cinematografica nella Svizzera tedesca e in Romandia è indubbiamente più ricca – per numero di film e per finanze – ma dubbi sulla rappresentatività della procedura ci sono stati confermati da un membro dell'Accademia del cinema svizzero. Spetta infatti a questa istituzione scegliere candidati e premiati, analogamente a quanto avviene con gli altri riconoscimenti nazionali dagli Oscar statunitensi ai francesi César.
Rispetto a una giuria, tipica dei festival, in cui pochi giurati discutono di un numero ristretto di film, una votazione generalizzata dei membri di un'accademia si espone ai pregiudizi della comunità cinematografica. Le polemiche degli ultimi anni per gli Oscar che candidano e premiano solo uomini bianchi ne sono la dimostrazione.
Per la Svizzera, si aggiunge il numero relativamente ristretto (meno di cinqucento) membri dell'accademia, non tutti dei quali si esprimono su tutte le categorie. Insomma, in alcuni casi bastano davvero pochi voti per ricevere una nomination e – benché ogni membro sia tenuto a guardare tutti i film eleggibili – pensando alla rete di contatti di una produzione di Zurigo o di Ginevra rispetto a una ticinese, è lecito sollevare qualche perplessità sulla procedura. È peraltro prevista una commissione di selezione, ma come ci è stato confermato si limita a ratificare il risultato della votazione. Da noi contattato, l'Ufficio federale della cultura non ha ancora preso posizione a queste critiche.

Klaudia Reynicke insiste: non si tratta della rivendicazione di un singolo cineasta, ma della considerazione per il cinema ticinese. Perché impegnarsi nella realizzazione di un film della Svizzera italiana, se si sa che la strada per i Premi del cinema svizzero sarà per questo in salita?

Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved