si-festeggiano-i-sessant-anni-discreti-del-wwf
Un simbolo
ULTIME NOTIZIE Culture
Casa della Letteratura
1 ora

Giorgio Orelli e il suo rapporto con Dante

Ne parleranno Stefano Prandi e Fabio Pusterla venerdì 29 ottobre alle 18.30 a Lugano, Villa Saroli
Locarno Film Festival
1 ora

‘Grandi Speranze: Studio Visits’, selezionati i 5 filmmaker

Scelti i cinque registi e registe di area lombarda per un percorso formativo legato ai rispettivi progetti cinematografici in via di sviluppo
La recensione
3 ore

‘The Movie’, vita pop e miracoli dei norvegesi a-ha

Al contrario della Svezia, prima del 1985 la Norvegia non aveva esportato un solo cantante pop. Poi sono arrivati Morten, Magne e Pål...
Dischi
16 ore

‘Future Memorabilia’, gli Oliver Onions si rivisitano

Guido e Maurizio De Angelis, storico duo delle colonne sonore, danno nuova veste al repertorio (con illustri special guest)
Culture
17 ore

È nata eCHo, la rete per l’arte sonora e radiofonica in Svizzera

Vuole collegare i sound maker, socializzare competenze, difendere i diritti, diffondere il patrimonio svizzero di creazioni sonore e radiofoniche
Museo d’arte
19 ore

I grandi del jazz improvvisano su A.R. Penck

L’artista tedesco fu anche batterista: il quartetto Moroni-Bosso-Fioravanti-Ballard improvvisa su di lui il 19 dicembre per la retrospettiva di Mendrisio
Società
20 ore

Duemila giocattoli su tre piani per tornare bambini

Dopo la chiusura in Italia dei negozi Disney sbarca a Milano, nella centrale piazza Cordusio, il primo punto vendita del colosso mondiale Fao Schwarz
Culture
23 ore

Il patrimonio visivo Ssr sul portale memobase.ch

Circa 4 milioni di trasmissioni audio e video andate in onda dagli anni Trenta a oggi saranno interamente consultabili online e nelle 4 lingue nazionali
Spettacoli
23 ore

I Måneskin apriranno il concerto dei Rolling Stones a Las Vegas

Accadrà il prossimo 6 novembre. Ad annunciarlo è Jimmy Fallon, che ha ospitato la rock band italiana nel suo popolarissimo Tonight Show
Teatro Sociale
1 gior

Compagnia Flavio Sala, tre giorni di ‘Se la va la gh’a i röd’

La commedia dialettale scritta da Gionas Calderari e diretta da Flavio Sala va in scena il 29, 30 e 31 ottobre a Bellinzona
Musica
1 gior

Una settimana di jazz all’Hotel Ascona

Dal primo al 7 novembre con concerti di mezzogiorno e jam session serali aperte al pubblico
Società
28.04.2021 - 09:120
Aggiornamento : 16:41

Si festeggiano i sessant'anni 'discreti' del Wwf

L'organizzazione non governativa con sede a Gland (nel Canton Vaud) preferisce dedicare tutte le sue energie ai suoi progetti sul campo

Il World Wide Fund, più noto con l'acronimo Wwf, domani celebra il suo 60esimo compleanno. Lo farà in tutta discrezione: oltre alla situazione sanitaria sfavorevole, l'organizzazione non governativa con sede a Gland (nel Canton Vaud) preferisce dedicare tutte le sue energie ai suoi progetti sul campo. Qualche iniziativa è comunque prevista, dice la portavoce dell'ong per la Svizzera romanda Pierrette Rey, intervistata da Keystone-Ats. La sezione elvetica pubblicherà un video del suo direttore, Thomas Vellacott, in cui risponderà a 60 domande.

In assenza di eventi festosi, come quelli organizzati per il giubileo, il WWF desidera sottolineare i suoi ultimi grandi successi: per il suo sito web è stata redatta una lista che comprende ad esempio la creazione di un parco marino in Malaysia, la protezione dell'Amazzonia e la conservazione del leopardo persiano nel Caucaso. Ma piuttosto che soffermarsi sul passato, la ong vuole concentrarsi sulle sue numerose lotte attuali. In Svizzera, ad esempio, quella per la consacrazione nelle urne, il prossimo 13 giugno, della Legge federale sulla riduzione delle emissioni di gas a effetto serra (Legge sul CO2) è in cima alla lista. "Questo è un capitolo cruciale nella lotta per proteggere il clima", dice Rey.

Evoluzione nel tempo

Questo impegno per il clima è rivelatore di quanto l'organizzazione si sia evoluta in 60 anni. Quando fu creata, il 29 aprile 1961 a Morges (Vd), i fondatori, un gruppo di biologi e uomini d'affari soprattutto inglesi, avevano come obiettivo la preservazione della grande fauna africana. "Dalla salvaguardia di determinate specie siamo passati a un approccio globale, che include la difesa delle foreste e dei mari, nonché le questioni legate al clima, all'energia o all'agricoltura", spiega Rey.

Alcune cose però non sono cambiate all'interno di un'organizzazione che è stata presieduta per 15 anni (dal 1981 al 1996) dal principe Filippo d'Inghilterra, recentemente scomparso. È il caso del suo emblematico logo col panda, molto poco mutato in sei decenni. Anche la volontà di sensibilizzare i bambini rimane al centro della sua missione, in particolare con le riviste e i "campi natura", che vengono organizzati da molti anni in Svizzera. "Questo ci permette, in un certo senso, di essere parte della famiglia. In questo modo, rimaniamo nel cuore e nella mente della popolazione", dice la portavoce. Tra le sue altre caratteristiche, c'è quella, ovunque sia sul pianeta, di sforzarsi per trovare soluzioni con gli attori locali. Questo approccio distingue il WWF da altre ong, spesso con uno stile più offensivo. "Sappiamo mostrare i denti se dobbiamo, ma sempre in un modo orientato alla ricerca di soluzioni", afferma Rey.

Nessun effetto Covid in Svizzera

In 60 anni, il WWF è diventato una delle più grandi organizzazioni ambientaliste a livello planetario. Vanta più di 5 milioni di membri in tutto il mondo e una presenza in più di 100 paesi, con 6000 dipendenti.

Una settantina di persone lavorano alla sede internazionale di Gland. Il sito ha subito una vasta ristrutturazione nel 2016 con il trasferimento di 100 posti verso nuovi fulcri dell'ong in Kenya, a Singapore e in Inghilterra. Rey ricorda che questa operazione mirava in particolare a distribuire meglio le forze, soprattutto verso i paesi del Sud. Secondo lei, la sede di Gland non è minacciata da nuovi tagli.

Dal canto suo, il WWF Svizzera ha sede a Zurigo con "filiali" a Losanna e Bellinzona. Impiega circa 250 persone, a cui si aggiungono più di 6000 volontari. Nel suo ultimo rapporto annuale, la sezione elvetica indica di aver ricevuto 8,6 milioni di franchi nel 2020, da fondazioni, istituzioni pubbliche, donatori ed esecutori testamentari. Queste entrate non hanno risentito della crisi del coronavirus. "All'inizio avevamo qualche timore, che però non si è concretizzato. La tendenza delle donazioni rimane positiva", dice Rey.
 
 

Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved