cresce-la-dipendenza-da-notizie-tristi
ULTIME NOTIZIE Culture
Spettacoli
13 min

Novantacinque anni per la ‘Bersagliera’ di Subiaco

Taglia il traguardo delle 95 primavere Gina (Luigia) Lollobrigida, mito intramontabile del grande schermo italiano
Teatro
19 ore

‘Peter Brook ha vissuto il teatro, la sua vita, fino alla fine’

David Dimitri, presidente della Fondazione Dimitri di Verscio: ‘Aveva un’opinione forte e precisa sul teatro, che doveva avere senso e smuovere’
Spettacoli
22 ore

Ceresio Estate, Vittorio Ghielmi con la viola da gamba a Gandria

Il concerto nell’ambito della rassegna estiva si svolgerà domenica 10 luglio, nella chiesa parrocchiale del borgo lacustre
Scienze
23 ore

Evaporazione accelerata per oltre un milione di laghi nel mondo

Non c’è solo la siccità tra le conseguenze del riscaldamento climatico. Annualmente si perdono in media 1’500 chilometri cubi di acqua
Spettacoli
1 gior

Camaleonti in lutto: Cripezzi morto dopo un’esibizione

La storica band italiana perde il cantante e tastierista. Il decesso è avvenuto nella notte, dopo un concerto a Pescara
Teatro
1 gior

Il regista britannico Peter Brook è morto

Fra i maestri della drammaturgia del Novecento, Brook è deceduto all’età di 97 anni a Parigi, dove si era stabilito da metà anni Settanta
Teatro
1 gior

Peter Grimes: ‘Un dramma fatale sul destino dell’uomo’

Il mare tempestoso come metafora e allegoria della vita. L’opera dell’autore britannico Benjamin Britten è di scena al Teatro la Fenice di Venezia
Scienze
1 gior

Vaiolo delle scimmie, riscontrati sintomi atipici

Uno studio ha rivelato che le persone affette dall’attuale epidemia ha accusato meno febbre e più lesioni genitali
18.04.2021 - 16:49
Ansa, a cura de laRegione

Cresce la dipendenza da notizie tristi

Cresce il ‘doomscrolling’, l'abitudine a leggere una grande quantità id notizie negative che ci lasciano più nervosi, tristi e sconfortati di prima

Una grande quantità di notizie negative online, lette tutte di un fiato in una sessione di collegamento. Che alla fine lasciano più nervosi, tristi e sconfortati di prima. Il 2020 e il 2021 che è ancora in corso sono anche gli anni non solo dell'infodemia ma anche del "doomscrolling": così si definisce sempre più sui social network e sui media, tanto da finire come voce sui dizionari americani, una tendenza relativamente nuova che con la pandemia si è molto accentuata, quella cioè di leggere ossessivamente notizie (nel caso del Covid spesso drammatiche e tristi). Complice anche il fatto che le distrazioni a causa dell'emergenza sanitaria sono ridotte, incollati agli schermi non sembriamo avere niente di meglio da fare che lasciarci così andare alla tristezza.

Questo può avere, inevitabilmente, dei risvolti negativi sul benessere mentale ma con alcune strategie e 'facendo pace' con fatto che viviamo in tempi di incertezza uscire da quello che è un vero e proprio tunnel negativo si può. Parola di Bethany Teachman, professoressa di psicologia dell'Università della Virginia ed esperta nella gestione dell'ansia. "Non c'è niente di sbagliato- spiega l'esperta- nel cercare di essere informati, ma quando una persona trascorre ore e ore a leggere storie negative, questo può dare un senso esagerato di minaccia e aumentare le sensazioni di pericolo e vulnerabilità"."Abbiamo enormi domande senza risposta in quasi tutte le sfere critiche della vita- aggiunge- con queste incognite arriva un naturale desiderio di risolvere l'incertezza, quindi cerchiamo informazioni.C'è un lato sano nella ricerca, che ci aiuta a sapere quali precauzioni prendere durante questo periodo. E poi anche un lato malsano, che può lasciarci costantemente tesi e preoccupati anche di perdere l'informazione più importante, che ci manterrà al sicuro e ci darà le risposte che desideriamo.Ovviamente, non esistono un'informazione, una notizia o un post su Facebook magici. Al contrario, dobbiamo imparare a tollerare l'incertezza".

Chi è più predisposto a questo comportamento? Per Teachman si può dedurre da altre ricerche "che le persone che sono vulnerabili all'ansia avranno una probabilità particolare di cadere in questo circolo 'vizioso'. Questo perché l'ansia è associata a un'attitudine a prestare maggiore attenzione alle informazioni negative". Per contrastare l'eccesso di ansia e preoccupazione generato da questo comportamento si deve innanzitutto uscire "allo scoperto', tracciando il tempo trascorso online e le ripercussioni sull'umore, il sonno e i livelli di ansia. Poi limitarsi, scegliendo magari di trascorrere non più di mezz'ora online dopo la scuola o il lavoro, o di ridurre in alcuni momenti specifici, come la sera, nei quali navigare sul web potrebbe incidere negativamente sul sonno.

Seleziona il tag per leggere articoli con lo stesso tema:
doomscrolling notizie negative social media
Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved