pronti-al-whamageddon
La copertina del singolo Last Christmas
ULTIME NOTIZIE Culture
Estate giallo-nera
3 ore

‘Quer pasticciaccio’ di Carlo Emilio Gadda

‘Quer pasticciaccio brutto de via Merulana’, 1957: scrittura che corre da ferma, personaggi promossi protagonisti appena nominati, spregiudicatezza
Culture
19 ore

‘Vento di vita vera’ a Moghegno, con musiche di Marco Zappa

Il film di Kurt Voller in anteprima sabato 20 agosto in piazza. La colonna sonora è del ticinese, atteso giovedì 18 agosto a Brusino Arsizio in Trio
Culture
23 ore

In Portogallo torna una vecchia antologia di Pessoa

Prima la biografia di Richard Zenith, ora l’antologia a cura dell’amico poeta e saggista Adolfo Casais Monteiro
Libri
1 gior

Il pane nell’arte, l’arte del pane

‘PaneArte’ (Dadò), interessante, anche se non esaustivo, cammino attraverso l’arte che si occupa del pane
Culture
1 gior

La Compagnia Tiziana Arnaboldi danza per Marguerite Arp

La Fondazione Marguerite Arp rende omaggio alla sua fondatrice sabato 20 e domenica 21 agosto alle 17, con una prima assoluta nel Ronco dei Fiori
Spettacoli
1 gior

Addio a Wolfgang Petersen, diresse ‘La storia infinita’ e ‘Troy’

Il regista tedesco aveva 81anni. Fra gli attori da lui diretti, Clint Eastwood, Dustin Hoffman, George Clooney, Harrison Ford e Brad Pitt
Spettacoli
1 gior

Manupia, tutti gli ‘Hit Single’ dal vivo ad Ascona

Alle 18, nel rinnovato ristorante/bar Al Torchio di via Borgo 47, la collaudata band ticinese dal vivo
Culture
1 gior

Che basta un colpo di vento e il festival di Arzo prende il volo

Da giovedì 18 a domenica 21 agosto, ad Arzo e nella ‘flilale’ Meride, torna il Festival internazionale della narrazione, edizione 22 (come l’anno...)
Spettacoli
1 gior

‘... senza parole’, al via il cine-concerto itinerante

È la seconda rassegna ideata dai fratelli Nolan, Simon e Brian Quinn. Dal 18 agosto in poi toccherà Morcote, Claro, Balerna, Massagno-Savosa
Teatro
1 gior

Emanuele Santoro in ‘La stupidità - Orazione semiseria’

Venerdì 26 agosto alle 21 al Parco Ciani, ispirandosi a ‘Le leggi fondamentali della stupidità umana’ di Carlo M. Cipolla
01.12.2018 - 17:30
di Ivo Silvestro

Pronti al #whamageddon?

Una sfida quasi impossibile: arrivare al 24 dicembre senza aver ascoltato una delle più popolari canzoni natalizie, 'Last Christmas' degli Wham!

È Natale.
Cioè, non ancora, ma il Natale è la versione contemporanea dell'opera d'arte totale immaginata un paio di secoli fa dal romanticismo: una cosa che mette insieme tutte le forme di creatività umana, dall'architettura delle luminarie alle arti visive di addobbi e decorazioni, passando per il cinema (quello del film natalizio è ormai un genere cinematografico vero e proprio), la narrativa, il fumetto, il teatro, la danza, la fotografia. E, ovviamente, la musica, dove ai canti natalizi della tradizione il pop ha aggiunto un cospicuo numero di canzoni, da Happy Xmas di John Lennon e Yōko Ono a All I Want for Christmas Is You di Mariah Carey.


Resistere è inutile: pure il rifiuto del Natale è parte del Natale, vedi lo Scrooge di Dickens o, in tempi più recenti, il Grinch (l'avevamo detto che è un'opera d'arte totale, no?).
Inutile ma potenzialmente divertente, come hanno dimostrato gli ideatori del Whamageddon, singolare sfida che riguarda una delle canzoni natalizie di cui sopra, Last Christmas degli Wham!, il duo degli esordi di George Michael.

Obiettivo del gioco è semplice: trascorrere il periodo natalizio senza ascoltare Last Christmas.
Le regole, come riassunte nel sito whamageddon.com, sono semplici. Il gioco si apre il 1º dicembre e si chiude alla mezzanotte del 24; hai perso appena riconosci la canzone; usa l'hashtag #whamageddon per comunicare sui social media se ce l'hai fatta (o se sei fuori); è un gioco di sopravvivenza, non far la carogna tendendo tranelli agli amici facendo partire la canzone mentre ti tappi le orecchie.
Ah, solo l'originale conta: "godetevi i c***o di remix e cover", si legge sul sito.
E oddio, uno ci proverebbe anche. Il fatto è che la canzone l'hanno ripresa in tanti – da Mina a Conchita Wurst –, e non sempre con risultati degni di nota (per dire: delle due sopracitate, la versione migliore non è quella della signora Mazzini).

Il fatto è che ci vuole la voce di George Michael per rendere la festosa depressione di uno che, tra ripianto e ripicca, canta "Lo scorso Natale ti ho dato il mio cuore, ma il giorno dopo l’hai dato via; quest’anno, per salvarmi dalle lacrime, lo darò a qualcuno di speciale". Anche tralasciando le versioni rap (sì, le hanno fatte; no, non volete sapere altro, fidatevi), capite che cantata voce sensuale da Gwen Stefani o Taylor Swift perde tutto.
Meglio il trombettista Till Brönner, che ne ha fatto una versione solo sentimentale. O Francesco Gabbani che si è fatto una canzone sua ('La mia versione dei ricordi'), copiando il video originale degli Wham! – che non mettiamo per evitare il #whamageddon.

Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved