laRegione
Nuovo abbonamento
francesco-fumagalli-studiare-le-stelle-e-la-mia-vita
(Ti-Press)
ULTIME NOTIZIE Culture
Spettacoli
51 min

Locarno2020, ‘Nemesis’, un documentario lungo 7 anni

Thomas Imbach ha presentato il suo ‶documentario alla finestra″: una stazione ferroviaria distrutta per far posto a un carcere, dagli scambi alla prigionia
Spettacoli
1 ora

Locarno2020, sotto il segno dei Pardi di domani

Convincono il personale ‘Bethlehem 2001’ di Ibrahim Handal e, nel concorso nazionale, Grigio. ‘Terra Bruciata’ di Ben Donateo
Spettacoli
6 ore

Il castello incantato: dal 15 agosto il teatro torna in piazza

La tradizionale rassegna torna con burattini, marionette, ombre, oggetti animati, attori e musici in sei località del Locarnese
Musica
9 ore

Metti il 'Gatto' in giardino e fagli ascoltare il jazz

Da mercoledì 12 a sabato 15 agosto, da Londra ad Ascona, quattro serate all'esterno del Teatro del Gatto per tornare a respirare musica.
Spettacoli
1 gior

'Maestra e donna franca'

Un ritratto di Franca Valeri, spentasi oggi all'età di cent'anni. E il ricordo di Ippolita Baldini, che è anche un po' figlia sua.
Spettacoli
1 gior

Buon viaggio a due Grandi della scena

Renato Reichlin, ex direttore del Teatro Sociale di Bellinzona, ricorda Franca Valeri e Gianrico Tedeschi
Pensiero
1 gior

Cliocast, la storia si ascolta (per ora non in italiano)

Nasce il podcast del portale professionale elvetico per scienze storiche, con contenuti in francese e tedesco, "ma pronti al trilinguismo"
Spettacoli
1 gior

Gli Usa vogliono copiare Eurosong

Mentre l'Eurovision Song Contest attende Rotterdam, negli Stati Uniti ci si prepara per The American song contest
Spettacoli
1 gior

È morta Franca Valeri, sora Cecioni e signorina snob

Aveva da poco compiuto cent'anni. È celebre per le sue caricature intelligenti e critiche, e fu tra le prime donne della commedia italiana
Culture
2 gior

Brevi cronache notturne, tra territori e poesia

Microcosmi: sguardi sulle cose che cambiano, nel territorio e nelle persone, tra passato, presente e futuro
Spettacoli
2 gior

Da Brahms a Morricone, le musiche del sestetto Linz

Intervista a Nikolay Shugaev, violoncellista e fondatore dell’ensemble in concerto sabato a Gentilino
Locarno 2020
2 gior

Donne, voi siete il cinema

'Made in Bangladesh' della regista Rubaiyat Hossain, prodotto grazie agli Open Doors. E poi 'Aparisyon' di Isabel Sandoval. Peccato che online non fiocchino gli applausi.
Locarno 2020
2 gior

La malinconia della vita cavalca i pardi

Ci si alza con un ghiacciaio che frana nelle Alpi, con una pandemia senza spiragli, con la Beirut distrutta: cosa deve fare allora chi scrive con il cinema? 
Società
2 gior

Raccontò gli abusi su Netflix: Daisy Coleman si è uccisa

Nel 2016, in ‘Audrie & Daisy’, il destino oggi perfettamente identico di due vittime di stupro: “Mi credevo invincibile. Era un pensiero stupido”.
Classica
2 gior

Settimane Musicali, la tre giorni di 'Piemontesi & Friends'

Versione Covid-compatibile ricca di stelle, dal 18 al 20 settembre nella chiesa del Papio di Ascona
Spettacoli
2 gior

Una storia d’amore di fine regime ai Secret Screening

La seconda proiezione segreta della direttrice artistica è una prima mondiale: ‘Walden’ di Bojena Horackova
Ticino7
15.09.2018 - 14:300

Francesco Fumagalli: studiare le stelle è la mia vita

Ha costruito telescopi, lavorato per l’Istituto italiano di Fisica nucleare e per la stazione spaziale Mir...

Pubblichiamo un contributo apparso su Ticino7, disponibile anche nelle cassette di 20 Minuti per tutto il fine settimana.

Romantico, sentimentale, molto scientifico, dall’animo filosofico e grande conoscitore dei Vangeli. Misura 1,90 e assomiglia a Lev Tolstoj. Se gli chiedi come stanno le cose ti racconta la strada per raggiungere quelle cose. A 12 anni ha visto per la prima volta la Luna in un telescopio e «si è ribaltato per terra», dice dietro la sua lunga barba. Poi non ha mai smesso di osservare il cielo, «perché è bellissimo» e «perché non ha assolutamente nessun risvolto pratico, nessuna ricaduta economica». Francesco Fumagalli, astronomo, costruttore di telescopi, viaggiatore e insegnante, è semplicemente un uomo che incarna il desiderio di conoscenza proprio dell’essere umano.

Dagli scatti alle stelle

Figlio di una farmacista e di un architetto, nasce nel Bergamasco in una casa la cui biblioteca è composta da 17mila volumi. Un giorno il padre regala al piccolo Francesco un telescopio e lui comincia a guardare il cielo, dapprima la luna, poi tutti i pianeti. Ai tempi del Liceo, con un amico passano i sabati notte sul monte vicino a casa, con
l’Atlante delle costellazioni sulla coperta. Con i primi risparmi vanno a Parigi nel 1975, a un convegno di studiosi di stelle variabili, quelle stelle cioè che non emanano luce in modo costante e la cui intensità luminosa va misurata momento per momento. «Misurare la variazione di luce di una stella variabile mi ha insegnato il metodo scientifico: non dovevo condizionarmi, dovevo rimanere oggettivo, senza cercare di prevedere i risultati, altrimenti rischiavo di travisare la realtà. Per me è sempre stata una questione tanto etica quanto scientifica», mi racconta a pranzo sotto un albero della sua bella Carona, dove ha fondato l’Associazione Astrocalina. 

Alla fine degli anni Settanta va a trovare Sergio Cortesi, rettore della Specola Solare di Locarno che gli insegna come costruire un telescopio. Poi inizia a girare l’Europa alla ricerca dei cieli più bui e di eclissi solari, fenomeno che secondo lui va visto almeno una volta nella vita. Si iscrive all’Università di Padova alla Facoltà di Astronomia ma non finisce gli studi; diventa però fotografo e inizia a dare corsi di astronomia in Ticino. Nel 1986 dà la sua prima conferenza al Liceo di Lugano 1 sulla cometa di Halley; così tanti allievi vogliono partecipare che non basta l’Aula Magna a contenerli: lo invitano quindi a tenere lezioni lì e in tutti i licei del cantone.

Quando i suoi studenti gli dicono: «Sore, vogliamo comprarci un telescopio» lui tuona: «I telescopi non si comprano, si fanno!». Da lì inizia a cercare in ogni modo la vetroceramica russa, la migliore prodotta al mondo dell’epoca, che serve per gli specchi dei telescopi. Quando nel 1992 entra in ciò che resta dell’Unione Sovietica, gli sembra un paese dove c’è appena stata la guerra, dice. Eppure, ci lascia il cuore e ancora oggi ci torna: per la vetroceramica, perché è diventato amico e collaboratore dei più grandi tecnici russi in campo astronomico e perché suo suocero è stato un partigiano e il 9 maggio di ogni anno, a San Pietroburgo, sfila il reggimento degli immortali e Francesco è invitato ad alzare molto in alto l’immagine di questo suocero antifascista.

L’eterno dilemma

Secondo lui, non c’è nulla di contraddittorio nell’essere uno scienziato e credere in Dio. «Noi uomini di scienza indaghiamo la materia di cui siamo fatti e quindi non possiamo essere del tutto oggettivi: ci manca sempre il punto di vista esterno, il punto di vista che solo Dio può avere. Ecco perché abbiamo bisogno di lui. Inoltre i Vangeli dicono ‘beati i poveri di spirito e beati i puri di cuore’: la povertà di spirito si manifesta quando chi osserva i fenomeni naturali è disposto a mettere in gioco tutte le sue convinzioni davanti al manifestarsi della natura, e la purezza di cuore consiste nel non disturbare i segnali che vengono dalla natura e nel lasciarli passare il più possibile integri attraverso la nostra mente. Questa fatica caratterizza tutta l’attività di ricerca di uno scienziato». 

Ciò spiega, secondo lui, perché il metodo scientifico nasce nel mondo cristiano con Newton, che è un teologo. «Scienza e fede hanno bisogno l’una dell’altra affinché nessuna delle due possa creare mostruosità», cita da uno dei libri letti da ragazzo nella biblioteca paterna (Teilhard de Chardin).

Quando il pranzo volge al termine, conclude così il riassunto della sua vita: «Alla fine una sola cosa mi sembra importante: se il ‘Francesco piccolo’ avesse visto il ‘Francesco grande’ avrebbe pensato ‘cappero, vorrei essere come lui’». Sorride, mi stringe la mano e riparte, sulla sua piccola auto verde, con l’autocollante I ♥ variable stars.

 ***

Il Personaggio

Francesco Fumagalli ha costruito telescopi in molti paesi del mondo, ha lavorato per l’Istituto nazionale italiano di Fisica nucleare e per la stazione spaziale Mir; oggi collabora con i maggiori ricercatori astronomi ed è specializzato nello studio delle stelle variabili. In Ticino ha messo in piedi gli Osservatori astronomici del Generoso e del Lema; ha restaurato alcuni telescopi a Locarno e Carona e sta costruendo l’Osservatorio di Gorda, dove il cielo è uno dei più bui d’Europa. L’Osservatorio, che si spera sarà pronto nel 2020, sarà tra i più potenti della Svizzera.
Per uso privato, invece, al mare si è costruito la macchina per far seccare i pomodori.

 

 

© Regiopress, All rights reserved