laRegione
Nuovo abbonamento
tabu-e-tribu-in-tavola
ULTIME NOTIZIE Culture
Culture
3 ore

È morta Rossana Rossanda, fondatrice de 'Il Manifesto'

È deceduta la scorsa notte a Roma all'età di 96 anni. Partecipò alla Resistenza e fece parte del Partito comunista italiano, dal quale fu poi radiata
Babel Atlantica
22 ore

Ilide Carmignani, con parole sue

'Compañera del camino' di tutto Sepúlveda, ma anche traduttrice di Roberto Bolaño. Di 'Amuleto' parlerà al Sociale domenica 20 settembre. L'intervista.
Arte
22 ore

L’Art nouveau di Le Corbusier al Teatro dell’architettura

In mostra Mendrisio i disegni giovanili dell'architetto e urbanista svizzero
Spettacoli
22 ore

‘Madame’, la ribellione di una donna e di un nipote

Contro la società maschilista, il regista Stéphane Riethauser racconta la battaglia di sua nonna, sposa forzata. E la sua, omosessuale in un mondo machista
Arte
1 gior

Jawlensky-Werefkin ad Ascona: amore e arte, amore dell’arte

Due percorsi esistenziali e artistici ricchi e tormentati in mostra al Museo comunale d'arte moderna di Ascona da domenica 20 settembre al 10 gennaio 2021.
Culture
1 gior

Fellini e la letteratura al Boschetto Parco Ciani

Sabato 26 settembre, giornata per il centenario della nascita del grande regista organizzata dall'Istituto di studi italiani e dalla Città di Lugano.
Culture
1 gior

Forrest Gump è orfano: addio allo scrittore Winston Groom

Dall'iconico romanzo, sei premi Oscar. L'autore del personaggio reso immortale da Tom Hanks è morto in Alabama all'età di 77 anni.
Arte
2 gior

‘What’s New?’ e Josephsohn, al Masi si torna a vedere l’arte

Il nuovo allestimento della Collezione Olgiati e le sculture dell’artista svizzero Hans Josephsohn completano l'offerta del Museo d’arte della Svizzera italiana
Libri
2 gior

Le 'Incursioni nella contemporaneità' di Roberto Falconi

Edito da Salvioni, il volume abbraccia le recensioni 2014-2019. Lunedì 21 settembre al Liceo di Bellinzona, ospite Jean-Jacques Marchand
Scienze
2 gior

Catturato l'ultimo respiro di una stella

Rilevato con il radiotelescopio Alma il 'vento' che soffia attorno ai cirpi celesti che invecchiano
Scienze
2 gior

La Terra ha la febbre: è l'estate più calda mai registrata

Il periodo tra giugno e agosto 2020 ha superato le stagioni torride del 2019 e del 2016. Lo fanno notare i climatologi statunitensi
Musica
3 gior

Jimi Hendrix, a 50 anni dalla morte il mito sfida il futuro

L'ultima notte, e un mistero che resta aperto. La tecnica mostruosa, i contratti capestro e l'avvicinamento al jazz. In quattro anni rivoluzionò la musica.
Cinema
3 gior

Jiří Menzel: per fare un film serve un 'cane bianco che abbaia'

Un ricordo del 'regista cecoslovacco della Nová Vlná', scomparso nella sua Praga. Il vuoto incolmabile di un autore onesto nel suo dire Cinema.
Arte
3 gior

Mact/Cact chiude con 'Des Nebels' del duo Parapluie

È aperta fino al 13 dicembre la mostra di Andrée Julikà Tavares e Gianluca Monnier, al lavoro anche sul nuovo documentario 'Holy Highway', girato in India..
Spettacoli
3 gior

Emigrazione e radici: 'Trilogia di Belgrado' al Teatro Foce

Venerdì 18 e sabato 19 settembre, il testo di Biljana Srbljanovic nella versione del Centro Artistico Mat, con la regia di Mirko D'Urso.
Società
3 gior

Harry compie gli anni, ma la famiglia reale 'cancella' Meghan

Il messaggio della regina, diffuso dall'account di Buckingham Palace, mostra il solo principe in primo piano mentre sorride alla nonna Elisabetta II.
Arte
3 gior

Alberto Nessi in memoria dei caduti del Covid-19

Presentazione, giovedì 17 settembre a Lugano, di ‘Minimalia’, nuova raccolta di poesie dell'autore ticinese
Società
05.05.2018 - 11:220

Tabù e tribù in tavola

Intervista all’antropologo Marino Niola, ospite di ChiassoLetteraria, sulle mode alimentari, tra superfood e cibi cattivi

Dalla psiche allo stomaco, dall’immaginario collettivo alla tavola condivisa: è un argomento radicalmente umano, il tabù, scelto come tema della tredicesima edizione di ChiassoLetterari. Tra i vari ospiti che fino a domenica affronteranno le mille sfaccettature del proibito, troviamo anche l’antropologo Marino Niola che, oltre a partecipare stasera alla cena “senza tabù”, domani, domenica 6 maggio, alle 16.45 dialogherà con il giornalista Enrico Bianda sulle moderne tribù alimentari.

Marino Niola, le abitudini alimentari continuano a definirci, ma al contrario: un tempo eravamo quello che mangiavamo, adesso siamo quello che non mangiamo.
Esatto: un tempo la frase di Feuerbach – quel “l’uomo è ciò che mangia” che ha citato – aveva abbastanza rispondenza nella realtà, ma oggi la situazione è molto più complicata. Siamo più cose contemporaneamente: siamo in parte quello che mangiamo, ma siamo anche quello che non mangiamo perché spesso a definirci, più che i nostri totem, sono i nostri tabù. Con in più la variabile del mercato che fa il bello e il cattivo tempo.
Quindi siamo quello che mangiamo, quello che non mangiamo e quello che compriamo. Ne viene fuori uno scenario assolutamente schizzato: il paesaggio alimentare contemporaneo che riflette un corpo sociale che è a sua volta sempre più frammentato e spezzettato, sempre più connesso ma allo stesso tempo sempre più isolato.

Connessi e frammentati, per cui un vegano ticinese dialoga con vegani di altre nazioni ma magari non con i suoi vicini di casa che mangiano risotto e luganiga…
È la tribalizzazione alimentare, come l’ho chiamata nel mio libro ‘Homo dieteticus’. Con la precisazione che le nostre sono “tribù 4.0”, non quelle in carne e ossa di gruppi che si guardano e si toccano. Siamo passati dalle comunità alle community, dal “face to face” al “face to facebook”, manifestazione della trasformazione in corso, dalla società del cogito a quella del digito.
Tutto questo si riflette nell’alimentazione, a iniziare dalla facilità con cui si viralizzano le mode – e i tabù – alimentari, le false credenze, le passioni, le fissazioni, le ossessioni.

Però il numero di legami, per quanto virtuali, aumenta, e aumentano anche le possibilità di dialogo…
È difficile dire cosa è meglio: ogni tempo ha le sue forme e questo è il tempo di queste forme virtuali. Molto probabilmente i nostri genitori erano più sicuri di noi e questo per varie ragioni. Alcune economiche: c’era più sicurezza nella propria posizione, nel proprio posto di lavoro, nell’avere la pensione. Ma erano anche più sicuri perché si sentivano meno isolati: l’insicurezza contemporanea – che ripeto si riflette massicciamente nel cibo e nelle scelte alimentari – deriva anche dal fatto che ognuno si sente solo alle prese con il compito impari di fare fronte a una realtà sempre più complessa.

Mi sembra di capire che, se prima c’era una identità condivisa, adesso abbiamo una identità suddivisa.
Abbiamo varie identità, vari modi per raggrupparci che però sono quasi sempre modi materiali, effimeri, interinali. E questo produce una società dove il tessuto connettivo ha fatto fuori il tessuto collettivo.

I precetti di queste ‘tribù alimentari’ cercano spesso giustificazioni scientifiche. Ma leggendo i suoi libri emerge come preponderante la dimensione simbolica. Il discorso scientifico è solo una maschera?
Sì, ma è una maschera pseudoscientifica, perché dietro certe demonizzazioni o certe esaltazioni non c’è nessun fondamento scientifico. Pensiamo alla facilità con cui certi alimenti diventano “cibi killer” o al contrario “superfood”. Poi arriva uno scienziato serio e ci dimostra che quei superfood in realtà non lo sono affatto.
Ma intanto ci crediamo: è difficile scardinare queste pseudocertezze che hanno più a che fare con la fede che con la ragione. Il nostro atteggiamento col cibo ricorda molto la religione: l’esigenza di regole, l’esigenza di distinguere il buono dal cattivo, il bene dal male. A riprova del fatto che la nostra è una società che apparentemente è secolarizzata, ma di fatto è più scristianizzata che secolarizzata perché la religione che è uscita dalla porta è rientrata dalla finestra sotto forma di regole e precetti alimentari. Abbiamo sostituito l’etica con la dietetica.

Però anche le religioni hanno le loro prescrizioni alimentari.
Certo, ma erano una parte. Pensiamo ai digiuni religiosi che servivano a purificare, mentre i nostri digiuni servono a drenare, che poi è la forma corporea della purificazione: nel primo caso si parla dell’anima, nel secondo del corpo.

C’è anche il caso dei cibi Kosher, sempre più popolari anche tra i non ebrei.
Perché l’autorità del rabbino che controlla tutto rassicura. E quella rassicurazione ha un enorme valore, in una società che chiede sicurezza.

Perché l’autorità del rabbino che controlla tutto rassicura. E quella rassicurazione ha un enorme valore, in una società che chiede sicurezza.
Questo perché l’idea che la curcuma sia un toccasana che preserva da tutti i mali è rassicurante e consolatoria. Ma uno scienziato non potrebbe mai dirlo. Basti pensare che ad Ancel Keys, lo scopritore della dieta mediterranea, dopo sessant’anni di ricerca chiesero se la sua longevità – è morto a 101 anni – dipendesse dalla dieta mediterranea, rispose “non ne ho ancora le prove”. Un modello di correttezza scientifica che però non è quello che serve per sedare l’insicurezza dilagante.

© Regiopress, All rights reserved