SKATOV T. (RUS)
2
STRICKER D. (SUI)
1
fine
(7-5 : 5-7 : 6-4)
tabu-e-tribu-in-tavola
ULTIME NOTIZIE Culture
Scienze
6 ore

Clima, record di caldo dovuti alla velocità dei mutamenti

È quanto indica uno studio del Politecnico di Zurigo. La terra si riscalda molto rapidamente, i precedenti primati cadranno con maggior frequenza.
Culture
1 gior

Associazione Nel, una rassegna per rinascere

La nuova proposta si aprirà a fine agosto con la rassegna di videoarte Illuminating, poi incontri e attività in collaborazione con LongLake Festival e L’Ideatorio
Spettacoli
1 gior

Venezia: madri coraggio e tanta politica alla Mostra

Il cartellone di Venezia 78 presentato dal direttore artistico Alberto Barbera. Fuori concorso ‘Ariaferma’ di Leonardo Di Costanzo, coprodotto da Amka
Spettacoli
1 gior

Locarno74, il primo Kids Award a Mamoru Hosoda

Un nuovo premio al Festival: il Locarno Kids Award la Mobiliare sarà consegnato il 9 agosto al maestro dell'animazione giapponese
Teatro San Materno
1 gior

Leo Pusterla, là dove tutto è (ri)cominciato

Il 4 luglio 2020, con papà Fabio, la prima uscita dal lockdown. Il 28 luglio alle 18.30, nello stesso posto, Terry Blue in duo per un elettronico 'Only To Be There'
Cinema
1 gior

Omaggio a Villi Hermann al San Giò Verona Video Festival

Dopo le Giornale cinematografiche di Soletta, una selezione dei film della Imagofilm Lugano sarà proiettata anche durante la rassegna veronese
Ticino Musica
1 gior

Anna Talácková: 'Il flauto è la risposta a tutti i miei dubbi'

A colloquio con la flautista ceca. Il suo recital, martedì 27 luglio nell’Aula Magna del Conservatorio con la collaborazione della pianista Marta Cencini
Ceresio Estate
2 gior

Trio Torrello, un viaggio musicale con Hermann Hesse

Giovedì 29 luglio alle ore 20.30 a Montagnola, Valentina Londino alla voce, Tommaso Maria Maggiolini al flauto e Nicolas Mottini al pianoforte
Ticino Musica
2 gior

Adrian Oetiker per due giganti dell'Ottocento

Il pianista svizzero in Conservatorio lunedì 26 luglio alle 21, per suonare Schubert e Liszt: 'Molto diversi tra di loro, ma con somiglianze affascinanti'
Cinema
2 gior

L'Africa trionfa ancora a Friburgo: vince 'La Nuit des Rois'

Il 35esimo Festival internazionale del film di Friburgo (Fiff) incorona la fiaba ivoriana di Philippe Lacôte
Figli delle stelle
3 gior

David Crosby, finché c'è tempo

David Crosby, ‘For Free’ (Three Blind Mice, Inc.) - ★★★★★ - Dalla botta di vita al trapasso, un superbo volo a planare (con amici)
Culture
3 gior

Môtiers, 'Art en plein air' parla anche ticinese

Ivo Soldini e Marta Margnetti tra gli espositori della mostra di sculture all’aperto più famosa in Svizzera, aperta sino al 20 settembre
Libri
3 gior

'E poi saremo salvi', vite vissute in bilico

Attraverso gli occhi della piccola Aida, la storia di una famiglia di rifugiati bosniaci: è il libro d'esordio di Alessandra Carati, Premio Viareggio Rèpaci
Spettacoli
3 gior

'L'anno che verrà', Servillo-Girotto-Mangalavite suonano Dalla

Dal vivo sabato 24 luglio alle 21 nell'Agorà del Lac per la stagione en plein air
Culture
4 gior

A Carmelo Rifici il Premio Radicondoli per il teatro

Assegnato a Maestri che si sono distinti nel donare esperienza e saperi attraverso il loro operato. La consegna domenica 25 luglio al Radicondoli Festival 2021
Spettacoli
4 gior

La Francia piange Jean-Yves Lafesse, re dello scherzo tv

Viene considerato tra i precursori delle gag con telecamera nascosta e degli scherzi telefonici. Iniziò negli anni 80 con l'avvento delle radio libere.
Libri
4 gior

Obama-Springsteen, dal podcast al libro

'Renegades: Born in the Usa' esce in contemporanea mondiale il 26 ottobre 2021, con immagini e racconti esclusivi di vita
Società
05.05.2018 - 11:220

Tabù e tribù in tavola

Intervista all’antropologo Marino Niola, ospite di ChiassoLetteraria, sulle mode alimentari, tra superfood e cibi cattivi

Dalla psiche allo stomaco, dall’immaginario collettivo alla tavola condivisa: è un argomento radicalmente umano, il tabù, scelto come tema della tredicesima edizione di ChiassoLetterari. Tra i vari ospiti che fino a domenica affronteranno le mille sfaccettature del proibito, troviamo anche l’antropologo Marino Niola che, oltre a partecipare stasera alla cena “senza tabù”, domani, domenica 6 maggio, alle 16.45 dialogherà con il giornalista Enrico Bianda sulle moderne tribù alimentari.

Marino Niola, le abitudini alimentari continuano a definirci, ma al contrario: un tempo eravamo quello che mangiavamo, adesso siamo quello che non mangiamo.
Esatto: un tempo la frase di Feuerbach – quel “l’uomo è ciò che mangia” che ha citato – aveva abbastanza rispondenza nella realtà, ma oggi la situazione è molto più complicata. Siamo più cose contemporaneamente: siamo in parte quello che mangiamo, ma siamo anche quello che non mangiamo perché spesso a definirci, più che i nostri totem, sono i nostri tabù. Con in più la variabile del mercato che fa il bello e il cattivo tempo.
Quindi siamo quello che mangiamo, quello che non mangiamo e quello che compriamo. Ne viene fuori uno scenario assolutamente schizzato: il paesaggio alimentare contemporaneo che riflette un corpo sociale che è a sua volta sempre più frammentato e spezzettato, sempre più connesso ma allo stesso tempo sempre più isolato.

Connessi e frammentati, per cui un vegano ticinese dialoga con vegani di altre nazioni ma magari non con i suoi vicini di casa che mangiano risotto e luganiga…
È la tribalizzazione alimentare, come l’ho chiamata nel mio libro ‘Homo dieteticus’. Con la precisazione che le nostre sono “tribù 4.0”, non quelle in carne e ossa di gruppi che si guardano e si toccano. Siamo passati dalle comunità alle community, dal “face to face” al “face to facebook”, manifestazione della trasformazione in corso, dalla società del cogito a quella del digito.
Tutto questo si riflette nell’alimentazione, a iniziare dalla facilità con cui si viralizzano le mode – e i tabù – alimentari, le false credenze, le passioni, le fissazioni, le ossessioni.

Però il numero di legami, per quanto virtuali, aumenta, e aumentano anche le possibilità di dialogo…
È difficile dire cosa è meglio: ogni tempo ha le sue forme e questo è il tempo di queste forme virtuali. Molto probabilmente i nostri genitori erano più sicuri di noi e questo per varie ragioni. Alcune economiche: c’era più sicurezza nella propria posizione, nel proprio posto di lavoro, nell’avere la pensione. Ma erano anche più sicuri perché si sentivano meno isolati: l’insicurezza contemporanea – che ripeto si riflette massicciamente nel cibo e nelle scelte alimentari – deriva anche dal fatto che ognuno si sente solo alle prese con il compito impari di fare fronte a una realtà sempre più complessa.

Mi sembra di capire che, se prima c’era una identità condivisa, adesso abbiamo una identità suddivisa.
Abbiamo varie identità, vari modi per raggrupparci che però sono quasi sempre modi materiali, effimeri, interinali. E questo produce una società dove il tessuto connettivo ha fatto fuori il tessuto collettivo.

I precetti di queste ‘tribù alimentari’ cercano spesso giustificazioni scientifiche. Ma leggendo i suoi libri emerge come preponderante la dimensione simbolica. Il discorso scientifico è solo una maschera?
Sì, ma è una maschera pseudoscientifica, perché dietro certe demonizzazioni o certe esaltazioni non c’è nessun fondamento scientifico. Pensiamo alla facilità con cui certi alimenti diventano “cibi killer” o al contrario “superfood”. Poi arriva uno scienziato serio e ci dimostra che quei superfood in realtà non lo sono affatto.
Ma intanto ci crediamo: è difficile scardinare queste pseudocertezze che hanno più a che fare con la fede che con la ragione. Il nostro atteggiamento col cibo ricorda molto la religione: l’esigenza di regole, l’esigenza di distinguere il buono dal cattivo, il bene dal male. A riprova del fatto che la nostra è una società che apparentemente è secolarizzata, ma di fatto è più scristianizzata che secolarizzata perché la religione che è uscita dalla porta è rientrata dalla finestra sotto forma di regole e precetti alimentari. Abbiamo sostituito l’etica con la dietetica.

Però anche le religioni hanno le loro prescrizioni alimentari.
Certo, ma erano una parte. Pensiamo ai digiuni religiosi che servivano a purificare, mentre i nostri digiuni servono a drenare, che poi è la forma corporea della purificazione: nel primo caso si parla dell’anima, nel secondo del corpo.

C’è anche il caso dei cibi Kosher, sempre più popolari anche tra i non ebrei.
Perché l’autorità del rabbino che controlla tutto rassicura. E quella rassicurazione ha un enorme valore, in una società che chiede sicurezza.

Perché l’autorità del rabbino che controlla tutto rassicura. E quella rassicurazione ha un enorme valore, in una società che chiede sicurezza.
Questo perché l’idea che la curcuma sia un toccasana che preserva da tutti i mali è rassicurante e consolatoria. Ma uno scienziato non potrebbe mai dirlo. Basti pensare che ad Ancel Keys, lo scopritore della dieta mediterranea, dopo sessant’anni di ricerca chiesero se la sua longevità – è morto a 101 anni – dipendesse dalla dieta mediterranea, rispose “non ne ho ancora le prove”. Un modello di correttezza scientifica che però non è quello che serve per sedare l’insicurezza dilagante.

© Regiopress, All rights reserved