addio-a-james-lovelock-il-forrest-gump-della-scienza
1919-2022
ULTIME NOTIZIE Culture
Locarno 75
9 ore

Gitanjali Rao narratrice dei piccoli sogni di tutti i giorni

La regista indiana è stata insignita del Locarno Kids Award per essere ‘una delle voci inconfondibili e originali del cinema indiano’ e non solo
Culture
11 ore

Morta Olivia Newton-John, star di Grease

Malata da tempo, è deceduta all’età di 73 anni
Cinema
12 ore

Lars von Trier ha il morbo di Parkinson

La sua storica società di produzione, Zentropa, ha oggi reso pubblica la malattia
Culture
12 ore

Era Clu Gulager, protagonista de ‘Il ritorno dei morti viventi’

Si è spento a Los Angeles all’età di 93 anni. Fu Billy The Kid negli anni ’60, negli Ottanta iniziò a recitare in B movie e horror
Cinema
12 ore

Non solo Bond (o Federer): ‘Il cinema in Ticino? Un mondo ampio’

Al ‘Locarno Pitching Day’ 2022 presentati sei progetti in fase di sviluppo. Castelli (Film Commission): Festival vetrina spettacolare, ma c’è tanto altro
Cineasti del presente
12 ore

Un deserto sospeso tra cielo e terra

‘Fragments From Heaven’ del marocchino Adnane Baraka è un’esperienza per la vista e anche per l’udito. Ma anche Franciska Eliassen...
L'intervista
12 ore

Tre uomini nel ‘Delta’

Sotto il tendone della Campari con il regista, Michele Vannucci, e con Luigi Lo Cascio e Alessandro Borghi
Fotografia
13 ore

Verzasca Foto Festival Off, le residenze si aprono

Mercoledì 10 agosto, la Casa della fotografia a Gordola ospita una serata di presentazione dei fotografi ospiti quest’estate della rassegna
27.07.2022 - 19:57
Ats, a cura di Red.Cultura

Addio a James Lovelock, ‘il Forrest Gump della scienza’

Così lo definisce il suo biografo nel giorno della morte, avvenuta a 103 anni. Lui si definiva ‘scienziato indipendente’, noto per l’Ipotesi Gaia

Lo scienziato britannico James Lovelock è morto all’età di 103 anni. Era noto per aver avvertito presto della crisi climatica e per la sua ‘Ipotesi Gaia’ che presentava la Terra come un essere vivente capace di autoregolazione, teoria assai criticata

"James Lovelock è morto ieri (martedì, ndr) a casa, circondato dalla sua famiglia nel giorno del suo 103esimo compleanno", hanno comunicato i familiari dello scienziato in una dichiarazione pubblica. "Nel mondo era conosciuto come un pioniere, un profeta del clima e l’inventore della teoria di Gaia", ha aggiunto la famiglia, aggiungendo che il suo stato di salute era peggiorato dopo una recente caduta. Classe 1919, Lovelock crebbe nel sud di Londra tra le due guerre e lavorò per vent’anni per il British Institute of Medical Research. Assunto dalla Nasa all’inizio degli anni ’60, volò in California per lavorare sulla possibilità della vita su Marte.

Presentandosi per tutta la sua carriera come ‘scienziato indipendente’, Lovelock creò polemiche con la sua visione apocalittica della crisi climatica. "Ora è tardi, troppo tardi per salvare il pianeta così come lo conosciamo", spiegò a France Presse nel 2009, pochi mesi prima della conferenza sul clima di Copenaghen (COP15) che si concluse con un clamoroso fallimento. "Dobbiamo prepararci a enormi perdite umane", disse, una posizione allora minoritaria nel mondo scientifico. L‘Ipotesi Gaia’ fu formulata da Lovelock per la prima volta nel 1979, e assai criticata dai suoi coetanei. Secondo tale ipotesi, gli organismi viventi sulla Terra interagiscono con le componenti inorganiche circostanti formando una sinergia unica e autoregolante che consente il mantenimento e il perpetuarsi delle condizioni necessarie a che vi sia vita sul pianeta. L’Ipotesi fu nominata così in onore a Gaia, dea che nella mitologia greca personificava la Terra.

"Che vita e che storie! Il genio di Jim – il suo soprannome, ndr – lo ha reso il Forrest Gump della scienza, dando forma alle prime scienze del clima, alla ricerca della vita su Marte, alla scoperta del buco nello strato di ozono, al concepimento del mondo come sistema di autoregolamentazione". È quanto si legge in un tweet del suo biografo, il giornalista del Guardian Jonathan Watts. "Probabilmente il più importante scienziato indipendente del secolo scorso, Lovelock era decenni in anticipo sui tempi nel suo modo di pensare alla Terra e al clima": è l’elogio dello Science Museum di Londra.

Nel giugno 2020, Lovelock aveva relativizzato la pandemia di coronavirus che "uccide in particolare quelli della mia età, i vecchi, e sono già troppi". Ma per lo ‘scienziato indipendente’, "il cambiamento climatico" era "più pericoloso per la vita sulla Terra di quasi ogni altra malattia concepibile".

Seleziona il tag per leggere articoli con lo stesso tema:
clima ipotesi gaia james lovelock
© Regiopress, All rights reserved