poco-cibo-in-natura-e-le-vespe-banchettano-presso-gli-umani
Keystone
Attenzione al suo veleno
ULTIME NOTIZIE Culture
Locarno 75
10 ore

Gitanjali Rao narratrice dei piccoli sogni di tutti i giorni

La regista indiana è stata insignita del Locarno Kids Award per essere ‘una delle voci inconfondibili e originali del cinema indiano’ e non solo
Culture
12 ore

Morta Olivia Newton-John, star di Grease

Malata da tempo, è deceduta all’età di 73 anni
Cinema
12 ore

Lars von Trier ha il morbo di Parkinson

La sua storica società di produzione, Zentropa, ha oggi reso pubblica la malattia
Culture
13 ore

Era Clu Gulager, protagonista de ‘Il ritorno dei morti viventi’

Si è spento a Los Angeles all’età di 93 anni. Fu Billy The Kid negli anni ’60, negli Ottanta iniziò a recitare in B movie e horror
Cinema
13 ore

Non solo Bond (o Federer): ‘Il cinema in Ticino? Un mondo ampio’

Al ‘Locarno Pitching Day’ 2022 presentati sei progetti in fase di sviluppo. Castelli (Film Commission): Festival vetrina spettacolare, ma c’è tanto altro
Cineasti del presente
13 ore

Un deserto sospeso tra cielo e terra

‘Fragments From Heaven’ del marocchino Adnane Baraka è un’esperienza per la vista e anche per l’udito. Ma anche Franciska Eliassen...
L'intervista
13 ore

Tre uomini nel ‘Delta’

Sotto il tendone della Campari con il regista, Michele Vannucci, e con Luigi Lo Cascio e Alessandro Borghi
Fotografia
14 ore

Verzasca Foto Festival Off, le residenze si aprono

Mercoledì 10 agosto, la Casa della fotografia a Gordola ospita una serata di presentazione dei fotografi ospiti quest’estate della rassegna
Locarno 75
18 ore

Universi paralleli a fianco della Piazza

Horror, fantascienza, erotismo: la realtà virtuale trova spazio anche al Locarno Film Festival e regala emozioni estreme
13.07.2022 - 12:43
Aggiornamento: 15.07.2022 - 07:22
Ats, a cura di Red.Web

Poco cibo in natura. E le vespe... banchettano presso gli umani

Il centro allergologico Aha! mette in guardia: situazione potenzialmente a rischio per gli allergici. Ma non solo per loro

Non appena avete spacchettato il vostro panino, eccole: le vespe. Quest’anno, e in molti se ne saranno accorti, forse più fastidiose che mai. Sempre più spesso, infatti, non riuscendo a trovare cibo a sufficienza in natura, ripiegano su quanto l’essere umano ha da offrire, visto che per allevare la loro covata, le vespe necessitano di cibo ricco di proteine.

I campi sono già stati mietuti e il fieno è stato messo a dimora. Oltre a ciò, fa sapere il centro allergologico Aha!, a rendere la vita difficile alle vespe ci sta pensando il calore: afidi e bruchi, che rappresentano alcuni dei loro ‘menu’ principali durante la stagione estiva, scarseggiano.

Secondo Christian Schweizer, ricercatore di insetti di Agroscope citato in una nota di Aha!, gli insetti stanno quindi rivolgendo la loro... attenzione culinaria a cervelat, salsicce, prosciutto e simili.

A metà luglio, ad ogni buon conto, non si può ancora parlare di una cifra insolitamente elevata di vespe: secondo Schweizer, non è dunque ancora possibile dire se il 2022 sarà un anno caratterizzato da una loro abbondanza. Le vespe a strisce gialle e nere iniziano a riprodursi solo in agosto e settembre; il loro numero, tuttavia, dipende in larga misura dalle condizioni meteorologiche.

Kit di emergenza a portata di mano

Considerata però la loro maggiore propensione a ronzare in prossimità dei... banchetti umani, il centro allergologico consiglia alle persone allergiche al veleno di api e vespe di tenere sempre a portata di mano il kit di emergenza prescritto dal medico.

Subito dopo una puntura, i soggetti allergici devono assumere farmaci come antistaminici e cortisone o, se necessario, somministrare un’iniezione pre-riempita di adrenalina. E dovrebbero anche chiamare i servizi di emergenza.

Secondo il Centro Allergie, circa il 3,5% della popolazione svizzera è allergica ai veleni degli insetti. Veleni che ogni anno provocano la morte di tre o quattro persone.

Il loro veleno, tuttavia, può essere pericoloso anche per le persone non allergiche: se si viene punti in bocca, in gola o sul collo, è dunque importante chiamare subito un medico. Il gonfiore – che può essere ritardato succhiando un cubetto di ghiaccio – può infatti causare il soffocamento.

Generalmente, la puntura di un’ape o di una vespa provoca una reazione locale dolorosa; in alcuni casi può generare un gonfiore fino a dieci centimetri. Prurito e gonfiore, ad ogni buon conto dovrebbero scomparire nel giro di poche ore o giorni.

Pericolo di shock anafilattico

Per i soggetti allergici il decorso è tuttavia diverso: nel giro di pochi minuti o un’ora si manifestano prurito in tutto il corpo, orticaria, vomito e persino mancanza di respiro e palpitazioni cardiache. Ciò rischia di tradursi in calo della pressione sanguigna, perdita di coscienza, arresto respiratorio o collasso cardiocircolatorio: questa reazione – lo shock anafilattico – può perciò essere pericolosa per la vita.

Esiste una terapia per le allergie al veleno degli insetti sotto forma di desensibilizzazione. Nel caso dell’allergia al veleno di vespa, la terapia garantisce una protezione nel 95% dei casi dopo tre-cinque anni. Nel caso del veleno d’api, il tasso di successo è dell’85%.

Seleziona il tag per leggere articoli con lo stesso tema:
allergie choc anafilattico punture vespe
Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved