l-italiano-parisi-nobel-per-la-fisica-con-manabe-e-hasselmann
Giorgio Parisi, Syukuro Manabe e Klaus Hasselmann (foto: Wikipedia e Ae)
ULTIME NOTIZIE Culture
Spettacoli
9 ore

Margot Robbie nel prequel di ‘Ocean’s Eleven’

Secondo le prime indiscrezioni, la trama sarebbe ambientata negli anni ’60 in Europa, lontano da Las Vegas
Musica da camera
10 ore

Verbano Musica Estate, il ritorno è nell’Aria

Tra Locarno, Ascona e Cannobio, dal 29 maggio al 19 giugno, la seconda edizione, illustrata da Tommaso Maria Maggiolini, direttore artistico
Cinema
12 ore

Simboli, culture, società: torna OtherMovie Lugano Film Festival

Dal 25 al 31 maggio tra Mendrisio, Lugano e Massagno, con ‘un programma che rilassi, visto il momento’, dice il direttore Drago Stevanovic
Cannes 75
12 ore

Cannes, ci sono film al posto delle nuvole

Emozioni in ‘Armageddon Time’ di James Gray; altre ancora in ‘EO’ di Jerzy Skolimowski. ‘Harka’, di Lotfy Nathan, è una testimonianza
Culture
22 ore

La responsabilità di giovani e adulti a Storie controvento

Al festival di letteratura per ragazzi lo scrittore francese Christophe Léon ha presentato il suo romanzo ‘Reato di fuga’
Musica
1 gior

Frequenze libere, Trio Libelle allo Spazio Elle

Raphael Loher, Nils Fischer e Silke Strahl per il sesto appuntamento della rassegna, domenica 22 maggio alle 17.30 a Locarno
Concerti
1 gior

Enrico Pieranunzi a Jazz in Bess

Tra i più noti e apprezzati protagonisti della scena jazzistica internazionale, è atteso domenica 22 maggio alle 20.30
Danza
1 gior

Manca poco al Lugano Dance Project

Tra mercoledì 25 e domenica 29 maggio, Lugano si trasforma nella città della danza
Spettacoli
1 gior

Dagli Aphrodite’s Child a ‘Blade Runner,’ addio a Vangelis

Il compositore greco, autore di celebri colonne sonore e tastierista della band prog-rock con Demis Roussos è morto oggi a 79 anni
05.10.2021 - 12:02
Aggiornamento : 18:28

L’italiano Parisi Nobel per la fisica con Manabe e Hasselmann

Giorgio Parisi, Syukuro Manabe (Giappone/USA) e Klaus Hasselmann (Germania) sono stati premiati per il loro lavoro sul clima

Ats, a cura de laRegione

Considerati i “padri” dei modelli climatici che hanno previsto il riscaldamento globale e dimostrato l’impatto dell’uomo sul clima: sono Syukuro Manabe, dell’università americana di Princeton, e Klaus Hasselmann, dell’Istituto Max Planck per la Meteorologia di Amburgo in Germania, i due vincitori del premio Nobel per la Fisica 2021 condiviso con l’italiano Giorgio Parisi, premiato per le sue ricerche sui sistemi complessi.

Nato nel 1931 nella prefettura di Ehime, in Giappone, Manabe si trasferì negli Usa subito dopo aver concluso gli studi e lì si dedicò allo sviluppo di modelli fisici in grado di spiegare le dinamiche dell’atmosfera, in particolare per comprendere i meccanismi che ne guidano il riscaldamento.

I suoi studi pionieristici, fatti usando i computer dell’epoca, hanno rilanciato alcune delle intuizioni proposte decenni prima dal chimico e fisico svedese Svante Arrhenius arrivando a dimostrare come l’aumento dei livelli di anidride carbonica nell’atmosfera sia in grado aumentare le temperature della superficie terrestre. Già premiato nel 2018 con il Crafoord Prize e dalla Società Americana Meteorologica Manabe è oggi professore a Princeton e il suo lavoro ha posto le basi per lo sviluppo degli attuali modelli climatici.

A raccogliere il testimone affinandone il lavoro negli anni successivi è stato poi Hasselmann, nato dall’altra parte del globo, ad Amburgo, a distanza di appena un mese. Laureatosi in Fisica e Matematica e poi specializzatosi in fluidodinamica, lo scienziato tedesco ha dedicato gran parte della sua carriera a cercare di connettere il meteo al clima e rendere affidabili i modelli climatici.

Negli anni ’80 Hasselmann riuscì a dimostrare come i fenomeni meteorologici caotici possano essere descritti come rumore in rapida evoluzione, ponendo così le previsioni climatiche a lungo termine su solide basi scientifiche. Ha inoltre sviluppato metodi per identificare l’impatto umano sul riscaldamento globale. Nel complesso i due ricercatori hanno permesso di verificare inequivocabilmente che la Terra si sta scaldando e che questi cambiamenti sono dovuti per buona parte alle attività umane.

Giorgio Parisi

Una carriera scientifica ricca di successo è anche quella del fisico teorico italiano Giorgio Parisi, 73 anni: dal bosone di Higgs al comportamento dei sistemi complessi, come le reti neurali, il sistema immunitario o il movimento di gruppi di animali, con i meccanismi alla base delle perfette formazioni degli uccelli in volo e le cui regole potrebbero spiegare anche comportamenti umani complessi, come gli andamenti elettorali o le turbolenze dei mercati azionari.

Il suo lavoro si è svolto in massima parte in Italia, come docente di Fisica Teorica nell’Università Sapienza di Roma, come ricercatore associato dell’Istituto Nazionale di Fisica Nucleare (Infn) ed è stato presidente dell’Accademia dei Lincei dal 2018 al 2021.

Sono stati numerosi i contributi determinanti e ampiamente riconosciuti dalla comunità scientifica internazionale che ha dato nei campi della fisica delle particelle e della meccanica statistica, della fluidodinamica e della materia condensata, fino ai supercomputer.

Seleziona il tag per leggere articoli con lo stesso tema:
clima giorgio parisi klaus hasselmann nobel syukuro manabe
Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved