il-covid-puo-causare-disfunzioni-erettili-a-distanza-di-mesi
(Deposiphotos)
ULTIME NOTIZIE Culture
Teatro
4 ore

‘Peter Brook ha vissuto il teatro, la sua vita, fino alla fine’

David Dimitri, presidente della Fondazione Dimitri di Verscio: ‘Aveva un’opinione forte e precisa sul teatro, che doveva avere senso e smuovere’
Spettacoli
7 ore

Ceresio Estate, Vittorio Ghielmi con la viola da gamba a Gandria

Il concerto nell’ambito della rassegna estiva si svolgerà domenica 10 luglio, nella chiesa parrocchiale del borgo lacustre
Scienze
8 ore

Evaporazione accelerata per oltre un milione di laghi nel mondo

Non c’è solo la siccità tra le conseguenze del riscaldamento climatico. Annualmente si perdono in media 1’500 chilometri cubi di acqua
Spettacoli
10 ore

Camaleonti in lutto: Cripezzi morto dopo un’esibizione

La storica band italiana perde il cantante e tastierista. Il decesso è avvenuto nella notte, dopo un concerto a Pescara
Teatro
11 ore

Il regista britannico Peter Brook è morto

Fra i maestri della drammaturgia del Novecento, Brook è deceduto all’età di 97 anni a Parigi, dove si era stabilito da metà anni Settanta
Teatro
12 ore

Peter Grimes: ‘Un dramma fatale sul destino dell’uomo’

Il mare tempestoso come metafora e allegoria della vita. L’opera dell’autore britannico Benjamin Britten è di scena al Teatro la Fenice di Venezia
Scienze
1 gior

Vaiolo delle scimmie, riscontrati sintomi atipici

Uno studio ha rivelato che le persone affette dall’attuale epidemia ha accusato meno febbre e più lesioni genitali
Spettacoli
1 gior

Forever Marilyn, il mito della diva tra foto e memorabilia

A sessant’anni dalla sua morte (avvenuta il 4 agosto 1962), a Torino si inaugura oggi una mostra piena di chicche
18.05.2021 - 18:51

Il Covid può causare disfunzioni erettili a distanza di mesi

Lo afferma un gruppo di ricercatori dell'Università di Miami. Il virus causerebbe disfunzioni nei vasi sanguigni. Zanini: 'Un motivo in più per vaccinarsi'

Oltre agli effetti a medio e lungo termine finora conosciuti, a partire dalla sindrome del long Covid, emerge ora una nuova conseguenza dell'infezione da coronavirus, legata alla salute riproduttiva maschile. Il Covid, nella sua forma sintomatica, sarebbe infatti anche all'origine di gravi disfunzioni erettili a medio e lungo termine, come evidenzia uno studio della Miller School of Medicine dell'Università di Miami pubblicato sul World Journal of Men's Health lo scorso 7 maggio. 

I campioni di tessuto prelevato da due pazienti affetti da gravi disfunzioni erettili ed entrambi guariti dal Covid, hanno rilevato infatti la presenza di particelle virali nei corpi cavernosi del pene sei mesi dopo l'infezione, assenti invece in altri due pazienti che non avevano contratto il Covid. Nei pazienti guariti, peraltro, si registrava anche una riduzione di un enzima, l'ossido nitrico sintasi (eNOS) che contribuisce all'erezione. E sebbene si tratti di soggetti oltre i 65 anni, di cui uno affetto già da patologie coronariche e ipertensione, nessuno dei due aveva sperimentato disfunzioni erettili prima di contrarre il Covid, ed entrambi, inoltre presentavano una disfunzione nel tessuto dei vasi sanguigni, detta disfunzione endoteliale, che è associata ai problemi di erezione.

I ricercatori sottolineano che "la limitazione principale di questo studio era la dimensione del campione di sole due persone, e la mancanza di quantificazione oggettiva della funzione erettile prima e dopo l'infezione per i pazienti e i controlli, ma che è possibile proporre due ipotesi: in primo luogo, che la disfunzione erettile "può essere il risultato di un'infezione sistemica con conseguente disfunzione endoteliale diffusa", e in secondo luogo che "il peggioramento della disfunzione erettile di questi pazienti può essere dovuto alla presenza del virus all'interno dell'endotelio cavernoso stesso" che la ricerca ha dimostrato."I pazienti dovrebbero essere consapevoli della potenziale complicazione della disfunzione erettile post-COVID-19" concludono i ricercatori. "Qualsiasi cambiamento osservato nella funzione erettile dopo l'infezione dovrebbe essere seguito con lo specialista appropriato per il trattamento e per facilitare ulteriori indagini sulla condizione". 

Afferma contattato da La Regione il farmacista cantonale Giovan Maria Zanini: "Ritengo che sia una tesi assolutamente plausibile. E non faccio fatica a immaginare una maggior adesione da parte maschile alla campagna di vaccinazione anche per questo motivo. Che è uno dei motivi che concorrono, ed è questo l'aspetto importante, a raggiungere un obiettivo superiore: la vaccinazione per contrastare la pandemia.E quindi a spingere sempre più persone a vaccinarsi". 

 

Leggi anche:

Il calvario del long Covid, la sanità si attiva in Ticino

Seleziona il tag per leggere articoli con lo stesso tema:
coronavirus disfunzioni erettili
Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved