laRegione
covid-il-vaccino-di-margaret-keenan-e-di-elvis
Il vaccino di Margaret Keenan (Keystone/Epa/Jacob King)
ULTIME NOTIZIE Culture
Rsi
2 ore

Molestie: il sindacato parla a Le Temps, la Rsi 'deplora'

Maria Chiara Fornari, giornalista Rsi, dallo scorso 9 dicembre alla testa della sezione ticinese del Sindacato Svizzero dei Media: 'Donne umiliate e screditate'
Spettacoli
4 ore

Addio a Roberto Brivio, con Nanni Svampa membro dei Gufi

Il ricordo di Cochi Ponzoni, Flavio Oreglio, Enrico Beruschi e molti altri, orfani di ‘un vero pilastro del cabaret italiano da lui fondato’.
Musica
4 ore

Tra Londra e il Ticino, Leti torna con 'Oltre’

A Eurosong 2012 era Laetitia (‘The Big Picture’). Ora un nuovo singolo con videoclip annesso, un viaggio ‘verso me stessa’.
Culture
4 ore

Addio a Jean Graton, papà di Michel Vaillant

Il creatore dell'intrepido pilota è morto a Bruxelles all'età di 97 anni. La lunga storia a fumetti era iniziata nel 1957 sulla rivista Tintin
Covid e Cultura
6 ore

Arti sceniche, il Consiglio di Stato risponde al Comitato

E la Commissione della scienza, dell'educazione e della cultura del Consiglio nazionale scrive al Consiglio federale: ‘Sostegno immediato e poco burocratico'
Spettacoli
6 ore

Soletta, cinque confuse storie sul cervello

In corsa per il Prix de Soleure, abbiamo visto il documentario di Jean-Stéphane Bron sull’intelligenza artificiale
Spettacoli
9 ore

Castellinaria, Cristiana Giaccardi è la nuova direttrice operativa

Giaccardi, già responsabile della programmazione del Festival del cinema giovane di Bellinzona, affiancherà il direttore artistico Giancarlo Zappoli
Culture
11 ore

Plantu, storico disegnatore, lascia Le Monde

Dopo cinquant'anni di collaborazione in prima pagina. Il caso della vignetta sull'incesto del collega Gorce 'non c'entra'
Spettacoli
15 ore

Vanno all'asta i gioielli di Franca Valeri, signorina snob

Per la casa d'asta Christie's 'è un orgoglio poter essere scelti per la vendita di gioielli di un personaggio così iconico per l'Italia'.
Arte
1 gior

Covid, Art Basel spostata a settembre

La grande fiera dell'arte ha deciso di rimandare di qualche mese la sua edizione 2021
Spettacoli
1 gior

Addio a Juan Carlos Tabio, sorriso serio del cinema cubano

Morto nei giorni scorsi, il regista e sceneggiatore è stato più di ogni altro autentico testimone di un’epoca
Rock e Brexit
1 gior

‘Won’t get fooled again’, la musica contro Boris Johnson

Sting, Elton, Ed Sheeran, e anche il pro-Brexit Roger Daltrey (The Who) contro i visti per suonare in Europa. Ne parliamo con due inglesi del settore.
Archeologia
2 gior

'Cristo figlio di Maria': antica lastra affiora in Galilea

La scritta risale a 1500 anni fa. È stata trovata durante gli scavi archeologici condotti nel piccolo villaggio di Taibe
Società
2 gior

Il New York Times online spegne 25 candeline

'Per allargare il pubblico e creare opportunità nell'industria dei media elettronici', si leggeva il 22 gennaio del '96 a pagina 7 del cartaceo
Libri
2 gior

Nessuno ha venduto più libri di James Patterson

84 milioni di unità in formato cartaceo ed e-book: è l'autore più venduto al mondo nell'ultimo decennio.
Musica
2 gior

Osi: annullato Ogrintchouk, il 28 gennaio Maurice Steger

Giovedì 21 gennaio, al posto del Play&Conduct dell'oboista russo, ReteDue trasmette il meglio di ‘Osi in Auditorio’. Si riprenderà all'insegna del flauto.
Culture
2 gior

Joker: il lockdown, il dolore, l'amore

Storia di un mal de vivre e di due ragazzini lombardi in cerca di un sorriso 'non convenzionale'.
Musica
3 gior

Sanremo avanti tutta, e col pubblico all'Ariston

Confermato a marzo, ma sembra tramontare l'idea della nave. L'idea di una platea di operatori sanitari già vaccinati al vaglio degli organizzatori
Cinema
3 gior

Al via Soletta, dove il cinema è molto ticinese

Iniziano domani, mercoledì 20 gennaio, le Giornate cinematografiche n.56. L'apertura è affidata ad ‘Atlas’ di Niccolò Castelli (anche su La2).
Musica
3 gior

900presente, l'Oriente Immaginario è in streaming

Domenica 24 gennaio alle 20.30. Senza pubblico, dall'Auditorio Stelio Molo di Lugano, in live streaming e in diretta su Rete Due.
Scienze
12.12.2020 - 14:350

Covid, il vaccino di Margaret Keenan. E di Elvis

Di che cosa abbiamo bisogno affinché i vaccini contro il nuovo coronavirus siano davvero efficaci?

È già una delle immagini-simbolo di questa pandemia: Margaret Keenan che, giacchino di lana sopra una maglietta natalizia, che riceve dall’infermiera May Parsons una dose del vaccino Pfizer/BioNtech. Non è la prima persona al mondo a ricevere un vaccino per il nuovo coronavirus, e considerando anche i volontari che hanno partecipato alla sperimentazione non è neppure la prima a ricevere il vaccino sviluppato dall’azienda biotecnologica tedesca. Ma ugualmente è un simbolo. E come tutti i simboli, tra propaganda, marketing e spirito del tempo rappresenta tante cose: la speranza di un ritorno alla normalità dopo mesi di sacrifici; la fine dell’isolamento delle persone più fragili; il successo dell’integrazione e delle frontiere aperte, con la BioNTech fondata da figli di immigrati turchi; la vittoria della scienza, della tecnica e per alcuni addirittura del capitalismo (!) sulla pandemia.

Un’altra foto

La foto di Margaret Keenan ne richiama alla mente un’altra immagine, di oltre sessant’anni fa. Anche qui una persona riceve una dose di vaccino: quello contro la poliomielite sviluppato da Jonas Salk che, insieme al “concorrente” di Albert Sabin, ha portato alla scomparsa della malattia in buona parte del pianeta: oggi il poliovirus di tipo 2 è definitivamente eradicato, altri ceppi rimangono endemici in pochi Paesi. Ma la foto è stata scattata nell’ottobre del 1956: il vaccino è da poco stato approvato, la poliomielite ancora provoca epidemie con, nei soli Stati Uniti, migliaia di morti e decine di migliaia di paralizzati. Mentre tra i bambini la vaccinazione ha subito raggiunto livelli importanti, tra gli adolescenti il livello rimaneva basso, forse perché la polio era nota come “paralisi infantile”, creando l’illusione che i più grandi ne fossero immuni. Finché, e torniamo alla foto, un giovane cantante non si fece vaccinare, con tanto di fotografia che finì su tutti i giornali. Dopo quella foto, anche ragazzi e ragazze si vaccinarono, portando alla rapida discesa dei casi. Con quella foto Elvis – di lui si tratta – debellò la polio negli Stati Uniti, portando, pare, il livello di immunizzazione dallo 0,6 all’80 per cento in appena sei mesi.

Difficile pensare che la vaccinazione di Margaret Keenan avrà lo stesso effetto di quella di Elvis Presley. È anzi difficile pensare, oggi, a una singola celebrità che abbia l’influenza che negli anni Cinquanta e Sessanta aveva Elvis. E, anche ammesso di trovarlo, non è detto che si metta a disposizione di una campagna per la vaccinazione per il Covid e non preferisca appoggiarsi, più o meno in buona fede e più o meno apertamente, a teorie del complotto: così, restando al Regno Unito, per una Regina Elisabetta che si vaccinerà, c’è già un Principe Carlo che, secondo indiscrezioni, non lo farà perché contrario agli Ogm.

Viviamo in una società complessa e complicata e la soluzione per convincere le persone a vaccinarsi non è trasformare virologi e immunologi in persone di spettacolo, negli Elvis del Ventunesimo secolo: per quanto possa apparire allettante, così si rischia di polarizzare ulteriormente il dibattito, allontanando non solo i contrari, ma anche gli indecisi. Chi studia il rapporto tra scienza e società parla di fiducia: bisogna lavorare sulla fiducia, e uno dei primi passi è ascoltare le perplessità e i timori delle persone. Perché certo, la tentazione di prendersi gioco di un principe britannico pure un po’ antipatico è forte – e infatti ci siamo cascati pure in questo articolo –, ma avere perplessità verso un vaccino sviluppato molto velocemente e con una tecnologia nuova non è un privilegio per reali ma un diritto di tutti. E la risposta a questi dubbi non può essere un “lo dice la scienza, tu che ne capisci”.

La fiducia e le fette di formaggio

Una ricetta facile e immediata non c’è. La fiducia la si costruisce anche riconoscendo l’incertezza, evitando di presentare come verità assolute questioni ancora aperte, evitando promesse consolanti che poi rischiano di trasformarsi in delusioni. Per questo è importante dire non solo che i vaccini a Rna messaggero (come quelli di Pfizer/BioNtech e di Moderna) non cambiano il nostro genoma e quindi la storia degli Ogm è più che altro un grosso malinteso, ma anche i dati sull’efficacia dei vaccini – quelle percentuali sempre più alte che si sono sentite nelle scorse settimane – raccontano solo parte della storia. Un conto è l’efficacia che si può misurare in una sperimentazione clinica, insomma quante persone vaccinate risultano positive rispetto a un gruppo di controllo non vaccinato; un altro è l’efficacia “nella vita vera”, la capacità di ridurre il numero di persone malate, ricoverate e morte, un dato che dipende da molti altri fattori, tra cui la possibilità di contagiare anche da vaccinati altre persone, aspetto da cui dipende la cosiddetta immunità di gruppo. In inglese esistono due termini distinti per i due tipi di efficacia: la ‘efficacy’ e la ‘effectiveness’.

Il vaccino costituirà, almeno in un primo tempo, una protezione in più; ma appunto in più, non la soluzione definitiva, non la liberazione. Nella gestione del rischio si parla del “modello del formaggio svizzero”, ideato da Orlandella e Reason. Dobbiamo immaginare la sicurezza come un insieme di fette di formaggio coi buchi: ogni strato è imperfetto, lascia passare errori e problemi, ma più fette mettiamo meno è probabile che i buchi restino scoperti; una fetta da sola non risolverà tutti i problemi e ogni strato, per quanto pieno di buchi, conta. Il vaccino sarà, speriamo, una fetta con pochi, piccoli buchi, ma avrà bisogno degli altri strati, quelli che ormai conosciamo bene: lavarsi le mani, arieggiare i locali, mettere la mascherina.


Il modello del formaggio svizzero (thespinoff.co.nz)

L’effetto Elvis

Certo, mettere Elvis sulle prime pagine dei giornali è più semplice. Ma non così efficace (come ‘efficacy’ e come ‘effectiveness), neanche ai tempi della polio. La statistica sull’Effetto Elvis citata prima, con il re del rock che avrebbe portato a quell’incredibile aumento della copertura vaccinale, è a essere gentili “dubbia”. Insomma, una leggenda metropolitana. Certamente il sostegno che Elvis diede dalla campagna di vaccinazione fu importante, ma – come sostiene lo storico di Cambridge Stephen Mawdsley – non fu decisivo: la svolta provenne dagli stessi adolescenti che diedero il via a una campagna “dal basso”, fatta di sensibilizzazione porta a porta, di feste in cui poteva entrare solo chi era vaccinato. Non solo è stata costruita una fiducia, ma soprattutto si è data fiducia ai diretti interessati, in questo caso ragazzi e ragazze.
E la foto di Elvis, per quanto importante, era solo un simbolo.

Guarda le 2 immagini
© Regiopress, All rights reserved