Salernitana
0
Atalanta
1
2. tempo
(0-0)
Zugo
2
Friborgo
1
fine
(1-1 : 0-0 : 0-0 : 1-0)
Lakers
5
Losanna
1
fine
(2-0 : 2-0 : 1-1)
Ginevra
3
Lugano
5
fine
(1-1 : 1-2 : 1-2)
Ajoie
4
Ambrì
0
3. tempo
(3-0 : 0-0 : 1-0)
Bienne
3
Davos
0
3. tempo
(0-0 : 2-0 : 1-0)
Langnau
2
Zurigo
6
3. tempo
(0-1 : 1-4 : 1-1)
la-discriminazione-di-genere-c-e-anche-dove-non-si-vede
ULTIME NOTIZIE Culture
Libri
4 ore

Pizzicannella, ‘Rito di passaggio’: niente sarà più come prima

Per i quattro protagonisti, e per l’autore del romanzo Alessio Pizzicannella, al suo esordio letterario per Baldini+Castoldi: l’intervista
Arte
12 ore

Morto lo scrittore e pittore grigionese Jacques Guidon

Nato a Zernez nel 1931, aveva lavorato come insegnante prima di intraprendere diversi viaggi di studio e di lavoro in Europa, Stati Uniti, Messico e Canada
Arte
1 gior

‘Paesaggi a confronto’ a Villa dei Cedri

Dal 18 settembre a Bellinzona, curato da Carole Haensler, l’omaggio alla pittura paesaggistica elvetica dalla seconda metà del XIX secolo alla Prima guerra mondiale
Spettacoli
1 gior

Concerto per l’infanzia, al Fevi c’è Loredana Bertè

Si aggiunge ai grandi nomi del tradizionale appuntamento locarnese. Sabato 18 settembre alle 21, tappa ticinese del ‘Figlia di... Summer Tour’
Culture
1 gior

L’Accademia di architettura secondo Walter Angonese

Il nuovo direttore, entrato in carica al posto di Riccardo Blumer, ha incontrato la stampa per parlare delle sfide che attendono l’istituzione
Culture
1 gior

Il teatro spagnolo piange Alfonso Sastre

Figura intellettuale di lunga traiettoria e caratterizzata dall’impegno politico anti-franchista e di sinistra, si è spento nei Paesi Baschi
Spettacoli
1 gior

Addio a Jane Powell, star di ‘Sette spose per sette fratelli’

Stella hollywoodiana, si è spenta nel Connecticut all’età di 92 anni. Recitò con Fred Astaire in ‘Sua altezza si sposa’
Musica
1 gior

Il Jazz Cat Club ricomincia da De Piscopo-Moroni-Zunino

’Around Pino’ è il concerto in programma lunedì 20 settembre alle 20.30 al Teatro del Gatto di Ascona, dedicato da De Piscopo all’amico fraterno Pino Daniele
Musica
1 gior

Il tour d’addio di Elton John slitta al 2023, Zurigo inclusa

Colpa del dolore persistente all’anca dopo una caduta, per la quale è prevista l’operazione. L’appuntamento all’Hallenstadion è rimandato per il 1° e il 2 luglio 2023
Musica
1 gior

Rod Stewart torna inedito con ‘The Tears of Hercules’

Il singolo ‘One More Time’ è già pubblicato, l’album esce il 12 novembre: ‘Credo che questo sia il mio miglior album in molti anni’, scrive l’artista britannico
Rsi
1 gior

‘Kabul prima del buio’, appunti di viaggio

Tra le pieghe del documentario con Philippe Blanc, che con Roberto Antonini ha raccontato per la Rsi la capitale afghana poco prima del ritorno dei talebani
Culture
2 gior

Paravento autunno-inverno, da Lady Macbeth a ‘Transumanze’

La nuova stagione prende il via sabato 25 settembre con ‘Io, signora di Glamis’. Sabato 2 e domenica 3 ottobre, il Teatro delle Radici
Scienze
29.06.2020 - 23:010

La discriminazione di genere c’è anche dove non si vede

Secondo una ricerca, preconcetti sull'abilità lavorativa delle donne presenti soprattutto in chi pensa che la parità sia stata raggiunta

Nel 2020 esistono ancora “lavori da maschio” e “lavori da femmina”: non nel senso di discipline o professioni che sarebbero più congeniali agli uomini oppure alle donne – anzi: le ricerche che riescono a “contenere” gli effetti sociali mostrano pari abilità tra i generi –, ma semplicemente percorsi formativi maggiormente frequentati da uno dei due sessi. Un problema che si affronta cercando di “favorire” – ma forse sarebbe meglio dire “non più sfavorire” – il sesso sottorappresentato ma raggiungere la parità in una professione basta a superare o attenuare pregiudizi sessisti?
Se lo sono chiesto alcuni ricercatori britannici e la risposta è: no. La ricerca, pubblicata su ‘Science Advances’ a firma di Christopher Begeny e altri, ha preso in considerazione i veterinari del Regno Uniti. Una scena non causale: si tratta di una professione che è stata a lungo maschile ma che col tempo ha raggiunto un pari numero di veterinari e veterinarie da almeno una decina d’anni. Abbastanza a lungo, scrivono i ricercatori, non solo perché i pregiudizi più tradizionali, riguardanti le abilità di uomini e donne, siano svaniti, ma soprattutto perché si smetta di percepire quel senso di minaccia dovuto a cambiamenti sociali recenti o repentini.
In un primo tempo, i ricercatori hanno chiesto a un migliaio di veterinari e veterinarie se hanno subito discriminazione di genere al lavoro e sentono riconosciute le proprie competenze. Prevedibilmente, le donne si sono dette più discriminate e meno apprezzate degli uomini ma si tratta di un’autovalutazione: determinante è il secondo studio condotto dai ricercatori. Un finto curriculum, con aspetti positivi e negativi, è stato sottoposto ad alcuni direttore e dirigenti chiedendo una valutazione complessiva e un ipotetico salario per quella persona. Solo che metà dei curriculi era relativa a un veterinario, l’altra metà a una veterinaria. In generale, Mark ha avuto una valutazione superiore a Elizabeth (questi i nomi dei finti profili) e, se fosse stato assunto, avrebbe anche avuto maggiori possibilità di carriera e, ovviamente, uno stipendio più alto.
Già altre ricerche hanno mostrato come i criteri di valutazione vengano “adattati” a seconda del sesso del candidato, pesando diversamente debolezze e punti di forza – il che dimostra l’importanza della ancora poco diffusa pratica dei curriculum anonimizzati. La ricerca di Begeny è interessante non solo perché conferma la presenza di questi pregiudizi anche in professioni ormai non più prevalentemente maschili, ma perché, dopo questo test, hanno sottoposto un’altra domanda ai dirigenti: “Secondo voi nel settore della veterinaria c’è discriminazione di genere?”.
La risposta a questa domanda è fortemente correlata alla diversa valutazione del curriculum – ancora più del sesso del dirigente. In altre parole: a discriminare non sono tanto gli uomini rispetto alle donne, ma le persone che credono che le pari opportunità non siano più un problema rispetto a chi invece è conscio che il problema esiste ancora. I ricercatori parlano di un piccolo paradosso: a perpetuare i pregiudizi di genere sono proprio quelli che affermano che non esistono più. Ma è un paradosso apparente, se teniamo conto che si tratta di pregiudizi impliciti e quindi che sfuggono a chi non è attento. Da qui una serie di raccomandazioni: impegnarsi per una presenza paritaria è certo importante per quei settori dove vi è ancora un forte disparità di genere e aiuta a creare ambienti maggiormente inclusivi, ma non basta. Bisogna anche sensibilizzare le persone che pregiudizi e preconcetti possono rimanere anche una volta raggiunta la parità e, soprattutto, che per superarli bisogna essere consapevoli della loro esistenza.
Ultimo aspetto degno di nota della ricerca: l’ipotetico salario di Mark ed Elizabeth è stato confrontato con i salari reali dei dipendenti del dirigente, determinando una disparità di stipendio dell’8 per cento circa – il livello effettivamente presente nel settore. Ed equivale a circa 1,75 dollari in più di paga oraria, moltiplicato per le duemila ore di un anno lavorativo.

Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved