la-pandemia-e-il-futuro-della-citta-con-stefano-boeri
Stefano Boeri (foto Michelangelo Foundation)
ULTIME NOTIZIE Culture
Spettacoli
7 min

Tra jazz, nuove musiche e Florian Favre Trio

Il pianista a Jazz in Bess il 4 dicembre per la rassegna di Rete Due, con Manu Hagmann (contrabbasso) e Arthur Alard (batteria)
Spettacoli
14 min

‘Liricomincio’ al Sociale, il ritorno di Ale e Franz

Cavalli di battaglia, pezzi inediti, situazioni riviste e riadattate. 25 anni di storia in scena martedì 30 novembre alle 20.45 a Bellinzona (con band)
Cinema
1 ora

‘Lede dignità’: gli eredi di Aldo Gucci contro ‘House of Gucci’

La produzione ‘non s’è curata d’interpellare gli eredi prima di descriverlo’ e, ‘ancor più censurabile’, ha trasformato Patrizia Reggiani in ‘una vittima’
Streaming
2 ore

I Simpsons vanno in piazza Tienanmen e Disney+ li oscura

Sul servizio streaming di Hong Kong non v’è traccia dell’episodio. Il gigante dell’intrattenimento non dà spiegazioni. Nemmeno il governo locale
Spettacoli
2 ore

Emma Dante e la catartica danza della misericordia

Nello spettacolo andato in scena al San Materno di Ascona ci sono tutto l’amore e la violenza delle famiglie immaginate da Emma Dante
Culture
20 ore

The Deep NEsT: è la volta di Doris Femminis

Dopo Aldina Crespi il professor Vecchioni, Diego Passoni e Giulia, tocca alla scrittrice ticinese accomodarsi nel nido di Bandecchi e La Rosa
L’intervista
23 ore

Gardi Hutter, c’è del comico nella catastrofe

‘L’esperta della morte allegra’ in scena il prossimo 3 dicembre al Cinema Teatro di Chiasso in ‘Gaia Gaudi’, spettacolo ‘intergenerazionale’ sul trapasso
Architettura
1 gior

Aurelio Galfetti, ‘Costruire lo spazio’ a Mendrisio

Mercoledì primo dicembre al Teatro dell’Architettura la presentazione dei tre saggi raccolti nel volume edito da Mendrisio Academy Press
Arte
1 gior

Dopo 25 anni, ‘Nudo maschile in piedi’ attribuito a Lucian Freud

Secondo alcuni, il dipinto sarebbe addirittura un autoritratto che l’artista voleva nascondere per imbarazzo, forse destinato a Francis Bacon
Culture
1 gior

Casa della Letteratura, Alberto Nessi con Zeno Gabaglio

È l’evento che giovedì 2 dicembre alle 18.30 chiude a Lugano la stagione 2021. Introduce e modera Fabiano Alborghetti
Covid e Cultura
1 gior

Sì alla Legge Covid-19: ‘La Taskforce Culture è soddisfatta’

Alla fiducia popolare segua, da parte del Parlamento, l’estensione delle misure di compensazione e lo scudo protettivo a sostegno del settore culturale
La recensione
1 gior

Osi al Lac: il romanticismo tedesco

François Leleux non oltre una piatta lettura delle tre opere in programma. Serva da stimolo per un cambiamento di rotta. Ma Sergej Krylov è poesia
Culture
1 gior

Dalla mostra al romanzo, da ‘Real bodies’ a ‘Guasti’

‘Real bodies, i corpi del mistero’, mostra a Lugano dal 16.12, è lo spunto per la lettura del romanzo di Giorgia Tribuiani, nato da un’analoga esposizione
Musica
1 gior

Al Jazz Cat Club le magie musicali di ‘Mr. Beautiful’

George Cables, leggendario pianista, in quartetto lunedì 29 novembre al Jazz Cat Club di Ascona. Con lui, al sax, Piero Odorici, che abbiamo incontrato
Spettacoli
1 gior

Bonomi, Sanzari e la magia del Natale con l’Insubria Brass

Domenica 5 dicembre alle 18 ad Arbedo, nella chiesa di San Giuseppe, per l’ottavo e l’ultimo appuntamento del Festival della musica
Figli delle stelle
1 gior

I pesci sotto ‘The Bridge’ e il pescatore Sting

Sting - ‘The Bridge’ (A&M) - ★★★✩✩ - Anche l’ex Police ha il suo disco della pandemia, nato (ipse dixit) ‘come si pesca’
Culture
1 gior

Parigi: Josephine Baker prima afroamericana nel Pantheon

Ma anche prima figura dello spettacolo nel mausoleo francese insieme a Victor Hugo, Emile Zola e Marie Curie. L’ufficializzazione martedì 30 novembre
Spettacoli
1 gior

Addio a Stephen Sondheim, leggenda di Broadway

Le parole di ‘West Side Story’, e una pioggia di Tony e Pulitzer. Il compositore più influente nella storia del Musical si è spento nel sonno a 91 anni
Letteratura
2 gior

Addio ad Almudena Grandes, ‘voce degli sconfitti’

La 61enne, che conquistò il pubblico con il suo romanzo ‘Le età di Lulù’, ottenne il Premio Nazionale di Narrativa nel 2018
Teatro Sociale
2 gior

Chi fa la mamma tra ‘Boef & Asen’?

Ferruccio Cainero adatta lo spettacolo natalizio scritto da Norbert Ebel nel ’99, sempre attuale. Domenica 28 novembre, con attori di Barabba’s Clowns.
Società
2 gior

Paesaggi sonori per la cura dei bambini

Al Forum cultura e salute Antti Ikonen racconta il progetto di ‘soundscape’ nel nuovo ospedale pediatrico di Helsinki
Musica
3 gior

Tina Turner dottore honoris causa in storia e filosofia

L‘Università di Berna gliela consegnerà il 4 dicembre. Tra le motivazioni: ‘Esempio di via di uscita da molteplici situazioni di discriminazione’
Pensiero
10.11.2021 - 19:070
Aggiornamento : 19:30

La pandemia e il futuro della città con Stefano Boeri

Intervista all’architetto italiano, ospite venerdì degli Eventi letterari Monte Verità

Domani si aprirà la nona edizione degli Eventi letterari Monte Verità: ad aprire gli incontri, giovedì 11 al Palacinema di Locarno, sarà Rachel Cusk, fra le più grandi rivelazioni del panorama letterario degli ultimi vent’anni. Tra gli ospiti di venerdì, invece, avremo l’architetto Stefano Boeri che dialogherà con lo storico dell’architettura Manuel Orazi.

Stefano Boeri, la città è ancora attuale dopo la pandemia?

C’è sempre stata una relazione molto importante, e sostanziale, tra epidemie e “salti di livello” urbanistici. Faccio due esempi molto conosciuti: a metà Ottocento John Snow a Londra scopre che in realtà il colera non è dovuto ai miasmi ma alla contaminazione delle acque. Dal suo lavoro parte una riflessione sulle fognature che avrà esiti molto importanti per la costruzione delle città europee. Qualche anno dopo con l’epidemia di peste in Asia si impone una grande attenzione alle fondamenta degli edifici, sulla realizzazione dei vespai, sul livello del pianterreno rispetto alla strada così da evitare che entrino i topi.

La città si è adattata non solo dal punto di vista sanitario ma anche da quello delle regole insediative, del rapporto tra spazio pubblico e privato.

Il Covid che cosa ha portato?

Non dobbiamo avere affanno: non si tratta di processi immediati, il lascito di un evento come questa pandemia non sarà immediato, ci saranno lasciti importanti nella psicologia collettiva e anche nuove domande, nuove esigenze, nuove richieste al modo di abitare. Che cosa possiamo dire oggi? Sicuramente c’è la forte richiesta di una prossimità con la natura che riguarda anche le città: abbiamo capito che la situazione precedente si basava su alcuni presupposti sbagliati come il distanziamento tra noi e la natura. Questo apre a una nuova logica in base alla quale ripensare i nostri insediamenti.

C’è poi un discorso sui tempi e i flussi: se vogliamo evitare fenomeni eccessivi di congestione – elemento già negativo prima della pandemia, in questo non c’è nulla di nuovo – è necessaria una desincronizzazione degli orari dei grandi poli di aggregazione, dai centri commerciali alle grandi aziende alle scuole. Senza dimenticare l’enorme variabile del lavoro remoto che è entrata un po’ dappertutto e che è ancora molto forte: recentemente sono stato a Londra dove si vantano di essere tornati alla normalità, ed effettivamente c’è una nuova normalità ma la maggior parte delle società internazionali continua a lavorare in remoto.

Questo non significa che non ci sarà più l’ufficio o il laboratorio, ma certamente ci sarà un’oscillazione ancora più forte. E una riduzione del numero di spostamenti.

Per gli spazi pubblici cosa ha significato la pandemia?

Abbiamo avuto questa specie di doppio movimento: prima una sorta di introversione con i lockdown e le città vuote, seguito da una fase di estroversione con l’occupazione degli spazi pubblici, penso ai dehors dei locali. Questo è un aspetto molto importante e tornare indietro non sarà facile, adesso che si è capito che una strada può essere un luogo per la comunità e non necessariamente un luogo condizionato dalle lamiere delle automobili che per la maggior parte del tempo sono immobili. Questa è un’altra cosa che spero impareremo.

Un altro punto importante è il decentramento dei servizi e delle attività: anche su questo penso che la tendenza sia ormai irreversibile.

Prima ha parlato di oscillazione tra casa e lavoro. Cosa intende?

Il lavoro si svolgerà in spazi sempre più flessibili anche nel rapporto tra lavoro e momenti di svago e relax. La tripartizione tra casa, lavoro e tempo libero è stata fortemente incrinata e tutti ci auguriamo che resti incrinata, che ci sia maggiore flessibilità, il che non significa lavorare di meno ma lavorare, e vivere, meglio.

Questo lo vediamo anche negli interni: al Salone del libro ho visto esempi di arredamenti che fanno sì che gli spazi di vita si prestino meglio a essere luogo in cui si svolgono funzioni disparate.

È la fine della tripartizione degli spazi tra casa, lavoro e tempo libero?

È meno forte. Abbiamo già adesso una specie di osmosi: si lavora anche in casa o anche in luoghi di relax come un giardino pubblico. E possiamo anche pensare di avere forme di foresteria nei luoghi di lavoro: a Milano sta già accadendo, abbiamo dirigenti che “delocalizzano” la propria vita fuori dalla città e quando vengono a Milano stanno in una foresteria legata all’azienda. Questa fluidificazione penso sia ormai irreversibile.

Ma questa tendenza non rischia di portare a quella che lei ha definito “anticittà”, un’urbanizzazione diffusa senza centri e identità?


Quella dell’anticittà è stata una tendenza molto forte in un certo periodo della storia recente italiana, dagli anni Settanta all’inizio degli anni Novanta, poi si è in buona parte esaurita. Oggi dobbiamo evitare che la tendenza verso la potenziale delocalizzazione dalle città porti a un fenomeno analogo. Per questo ho parlato molto del recupero dei borghi storici, un patrimonio abbandonato o semiabbandonato di grandissima qualità. Usiamo questa opportunità per tornare ad abitare questi luoghi straordinari, ma in una logica di reciprocità con le città, non di alternativa.

Non una “anticittà” ma in un certo senso “tante città”.

Io parlo di città arcipelago proprio per questo: non più una metropoli che accentri tutto e omogenea al suo interno. Io penso piuttosto a una concertazione delle aree, dei borghi, luoghi dotati tutti di un certo grado di autosufficienza nei servizi al cittadino, con anche la possibilità che ogni area ospiti dei luoghi di interesse generale.

Qui si parla da tempo di “Città Ticino”. Secondo lei è un’idea che va in questa direzione?

Non c’è dubbio: penso che si tratti di una situazione molto fertile da questo punto di vista. Un sistema di centri di medie e piccole dimensioni ben connessi nonostante una orografia ricchissima di variazioni. Il Ticino non può che guadagnare da un lavoro sulla reciprocità e su una distribuzione più consona: è un caso che davvero merita una visione di insieme.

Ovviamente riconoscendo le differenze: quando parlo di arcipelago intendo proprio questo, evitare l’omologazione e l’assimilazione. Locarno e Lugano sono due mondi diversi, c’è sicuramente una linea che le unisce, un territorio che le collega ma non è sensato pensare che debbano essere uguali. Bisogna lavorare sulle differenze, perché sono proprio le differenze che rendono interessanti le sinergie e le collaborazioni.

Differenze o disuguaglianze? Come evitare che di queste trasformazioni benefici solo una parte della popolazione?

Questo è un tema fondamentale. E qui l’intervento del soggetto pubblico è fondamentale nell’introdurre la varietà là dove la varietà non c’è: nelle funzioni, nei modi d’uso, nei comportamenti e anche negli spazi. Questo insieme ai privati: penso ad esempio al social housing, edilizia sovvenzionata promossa dallo Stato ma realizzata dai privati. È una delle grandi risorse che abbiamo in questo momento.

Non c’è il rischio di creare ghetti?

Per questo l’intervento del pubblico è fondamentale. È chiaro che se in un quartiere introduco un’università pubblica posso riequilibrare certe situazioni. Ma si parla della vita delle persone, di processi lunghi. Ma è importante andare in questa direzione.

Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved