laRegione
Nuovo abbonamento
contro-gli-audiolibri
ULTIME NOTIZIE Culture
Scienze
50 min

Cellule cordone ombelicale per curare malattie genetiche

Il sangue del cordone ombelicale è stato usato con successo per guarire 44 bambini con diverse e rare malattie genetiche
Video
Scienze
2 ore

Il sole e i falò: già una scoperta per l'europea Solar Orbiter

La sonda dell'Esa (realizzata assieme alla Nasa) non ha ancora raggiunto la sua orbita definitiva, ma ha già portato alle prime scoperte
Arte
22 ore

Garavee, l'arte di passaggio di Marco Scorti

Inaugurazione al Monte Verità della mostra del giovane artista luganese
Spettacoli
22 ore

Black Lives Matter a Hollywood

L'impegno per un’industria cinematografica più aperta e inclusiva. Di nuovo
Scienze
1 gior

Scoperta una stella che sfreccia contromano nella Via Lattea

Potrebbe essere ciò che resta dell'esplosione di una supernova, la stella dista 1.430 anni luce dalla Terra ed era stata scoperta nel 2015
Scienze
1 gior

Anche il solo suono della parola ‘virus’ aumenta lo stress

Una ricerca pubblicata su Psychological Science, rivela che il suono della parola stessa potrebbe avere l'effetto di aumentare la pressione sanguigna
Culture
1 gior

Il nuovo Finzi Pasca a settembre, 'sorprendente ma accessibile'

'Potrebbe inaugurare la nuova stagione del Lac', ha rivelato l'artista ticinese. 'Rispondiamo alla crisi in modo creativo'
Televisione
1 gior

'Lugano città del futuro', il Consiglio del pubblico critica 'Falò'

L'organo della Corsi: 'Mortificati dibattito, pluralità d'idee e qualità dell'analisi'. Tema 'affidato alla sola voce di un attore economico del settore'
Culture
1 gior

Percento culturale: tra i talenti della danza, una ticinese

Mara Peyer è tra i sei danzatori e danzatrici che si sono divisi gli oltre 86mila franchi assegnati da Migros in un concorso forzatamente online.
Cinema
1 gior

Recitò in 'Novecento': morta Carlotta Barilli

Fu al fianco di Totò e Vittorio Gassman. E di Gerard Depardieu, nel capolavoro di Bertolucci. Assieme a Paolo Bonacelli fondò la Compagnia del Porcospino
Culture
1 gior

Le storie del lago di Lorenzo Sganzini

Da Gandria a Riva San Vitale a Valsolda, itinerari tra arte e storia nel volume 'Passeggiate sul lago di Lugano'
Arte
1 gior

Marcello Dudovich da Chiasso a Trieste

Dopo il m.a.x.museo, la mostra dedicata all'artista e illustratore italiano fa tappa nella città natale di Dudovich, al Castello di Miramare
Scienze
1 gior

Fondazione Ibsa, aperto il bando per le Fellowship

Quest'anno si aggiunge una borsa di studio speciale dedicata al nuovo coronavirus
Pensiero
02.08.2019 - 21:090

Contro gli audiolibri

La tecnologia non sempre porta conquiste. I libri, meno in auge rispetto a qualche decennio fa, vanno elevati di nuovo. Non ridotti al tasto ‘play’

Nulla è più nocivo dell’assunto che ciò che appare come moderno, tecnologico – altresì detto: il futuro – sia per forza una conquista. O meglio, non laddove non ve ne sia stretta necessità. In questo senso in ambito ‘culturale’ non c’è alcun dubbio che gli audiolibri (cfr. edizione di ieri) siano uno dei simboli del decadimento, o svalutazione, che il mondo intellettuale sta oggi vivendo. Si legge sempre di meno, e questo è un dato. Le librerie faticano, schiacciate da giganti come grandi gruppi commerciali o web come Amazon. Tra chi oggi scrive romanzi in pochissimi possono dire di poter vivere grazie a questo lavoro. Spesso, scrivere è un secondo mestiere, una passione rubata al tempo libero.

Davanti a questo quadro avvilente occorre elevare di nuovo il concetto di libro. Ma libro inteso come oggetto vero, che da inanimato sotto i nostri occhi si trasforma in amico, compagno di viaggio. Con il suo peso, con il suo ingombro, con la sua scomodità alle volte. Ma con la sua presenza fisica, materiale in un mondo dove l’etereo è sempre più diffuso, dove la musica si ascolta in mp3 senza più supporti come vinili o compact disc, dove i film in Dvd sono ormai una rarità perché si scaricano dal web – in maniera più o meno legale – o ci si abbona a Netflix.

Ma parliamo di supporti relativamente nuovi. Se il primo disco in vinile è stato messo sul mercato nel 1948, il Compact disc ha visto la sua comparsa nel 1982. I Dvd hanno circa vent’anni, mentre le videocassette ormai sono da tempo viste come reperti preistorici. Invece la scrittura ci accompagna – si può dire, senza retorica – da sempre. Perché se la carta e la stampa appartengono al campo delle scoperte, delle invenzioni e dello sviluppo, si scrive da tempo immemore. Dalle tavolette di argilla si è passati alle copertine smaglianti e alla carta di qualità, grazie e ci mancherebbe all’epocale scoperta che ancor oggi, un po’  per romanticismo e un po’ per passione, porta alla difesa del concetto stesso di libro: quella della stampa a caratteri mobili. Figlia del progresso tecnologico del tempo, certo. Ma per ciò che riguarda i supporti audio l’evoluzione viaggia a ritmi velocissimi, per il libro no. Nel senso: possono esserci tutte le differenze possibili tra un volume edito nel Settecento e una novità letteraria che fa bella mostra di sé in vetrina. Ma l’oggetto di cui stiamo parlando resta sempre lui, il libro. Che esiste da secoli, e un motivo c’è. La lettura, va da sé, è sempre andata di pari passo con la scrittura. Ed è proprio la lettura a giovarsi di un supporto materiale che l’ascolto non garantisce.

La lettura richiede attenzione

Non sta in piedi la spiegazione che grazie agli audiolibri si moltiplicano le possibilità di “leggere” perché si può farlo in un viaggio in auto o passeggiando per strada. L’ascolto richiede meno concentrazione della lettura, e per questo è meno attento e non lascia molto dietro di sé.

Se immaginiamo testi complicati come i “Seminari” di Jacques Lacan (trascrizioni apposite di sue lezioni orali) o “Infinite Jest” di David Foster Wallace è pacifico ritenere che la lettura attenta e concentrata sia un requisito fondamentale. Semplicemente ascoltando certi passaggi non si sarebbe nelle stesse condizioni per capirne appieno i contenuti. Cosa rimarrebbe dopo? Una vaga memoria, un ricordo. Non un libro, animatosi e pieno di vita dopo la lettura, da riprendere, rileggere, guardare, riempire di note, cercare.

Esatto contrario, in tutti i sensi, di un’icona nel proprio computer da cliccae con un gesto freddo e banale. Gli audiolibri semplificano qualcosa che non può essere semplificato: lettura e comprensione di un testo richiedono tempo, attenzione, disponibilità. Non è un vezzo , perché se chi scrive si impegna a offrire al lettore il testo migliore possibile, lo scambio prevede che chi legge mostri lo stesso sforzo. Bombardati di informazioni e opportunità, non siamo più capaci di concentrarci e prenderci del tempo per lo studio, per la lettura. Di isolarci e di leggere, capire, far entrare in noi temi e storie. Tutto è immediato, tutto è un tweet o una notifica. E mirabile è una frase di Woody Allen, non solo grande regista ma pure fine dicitore: “Ho fatto un corso di lettura veloce: ho letto ‘Guerra e Pace’ in venti minuti. Parlava della Russia”. L’ultimo baluardo è il libro, ed è un totem da difendere con le unghie e con i denti. Perché è difendere noi stessi, il nostro passato, la nostra crescita e la nostra cultura letteraria. Che non può in alcun modo ridursi a premere ‘play’.

Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved