laRegione
un-libro-non-e-un-libro-non-e-un-libro
ULTIME NOTIZIE Culture
Spettacoli
44 min

Il mio nome è Greta Thunberg

In sala 'I am Greta', ritratto di un'eroina suo malgrado, film che non cambierà il mondo ma fondamentale (per tutto il resto c'è 'Unposted' di Chiara Ferragni).
Figli delle stelle
3 ore

'Carla Bruni': piano piano, sottovoce (come piace a Marzullo)

★★✩✩✩ - Ben suonato e impeccabilmente prodotto, un sospiro dopo l'altro dell'ex Première Dame e si arriva (finalmente) alla fine
Spettacoli
17 ore

Teatro Sociale, annullato il concerto di Nadia Gabi

Il rimborso dei biglietti possibile entro il 31 ottobre al punto di acquisto. Il concerto sarà riprogrammato in una data successiva
Società
19 ore

Coronavirus, accordo Oms-Wikipedia per informazioni affidabili

Un passo nella lotta alla disinformazione: un accesso equo a informazioni sanitarie affidabili è fondamentale per mantenere le persone al sicuro
Culture
20 ore

Microcosmi. Di ruderi, natura e ponti

Sguardi sulle cose che cambiano, nel territorio e nelle persone: dagli ‘scarti di territorio’ alla natura riletta dall’artista Al Fadhil
Spettacoli
20 ore

Frankenstein, una storia d’amore al Sociale

Applausi per il nuovo spettacolo di Margherita Saltamacchia dedicato a Mary Shelley e alla sua creatura
Società
22 ore

A Lugo di Romagna c'è Casa Rossini

Da domani, cinque sale nella dimora dei nonni del compositore, nella cittadina in cui l'autore del 'Barbiere di Siviglia' visse da adolescente
Società
1 gior

I millennial hanno perso fiducia nella democrazia

Più disillusi della generazione X (1965-1981), dei baby boomer (1944-1964) e dei figli delle guerre. C'entra la disuguaglianza di reddito.
Spettacoli
1 gior

Addio a Marge Champion, 'muoveva' Biancaneve e Fata Turchina

Dietro ai movimenti dei classici Disney c'era lei, attrice, ballerina e coreografa scomparsa all'età di 101 anni a Los Angeles
Società
1 gior

Tonnellate di rifiuti al giorno: allarme Mediterraneo

Perdita di biodiversità, degrado ambientale, impatto dei cambiamenti climatici, pressione sulle risorse naturali. Il rischio danni irreversibili è altissimo.
Culture
1 gior

Giornata mondiale dell'audiovisivo: 'Ti ricordi?'

Visite, incontri, proiezioni. Si festeggia martedì 27 ottobre. A Lugano, città di Vincenzo Vicari (le sue foto sono in mostra in questi giorni), un convegno.
Società
1 gior

Il vescovo sulle parole del Papa: 'Occhio al contesto'

Francesco 'benedice' le unioni civili tra persone omosessuali. Il mondo LGBT esulta. Mons. Lazzeri: 'Bergoglio è nella tradizione'
Spettacoli
1 gior

Pane o libertà: due serate con Paolo Rossi al Lac

Il comico italiano a Lugano il 27 e 28 ottobre con il suo nuovo spettacolo
Spettacoli
1 gior

Il 7 novembre arriva il ‘Netflix del servizio pubblico’

Play Suisse, la piattaforma di streaming della Ssr, sarà lanciata con un evento durante li Geneva International Film Festival
Società
1 gior

Addio a James Randi, il bugiardo onesto

Grande prestigiatore, erede di Houdini, Randi ha dedicato parte della sua vita a smascherare imbroglioni e truffatori
Musica
1 gior

'Io sì', è Laura Pausini post-lockdown

Scritto con la pluripremiata Diane Warren, è il tema di 'La vita davanti a sé", il ritorno davanti alla macchina da presa di Sophia Loren diretta dal figlio Edoardo
Cinema
1 gior

Record d'incassi per Francesco Totti al cinema

'Mi chiamo Francesco Totti' è la biografia del calciatore, diretta da Alex Infascelli. E il cinema italiano si risolleva al box office.
Arte
2 gior

Ritrovato nella soffitta di Palazzo Pitti il ritratto di Romolo

Fu dipinto su tavola alla metà del Cinquecento da Cristofano dell'Altissimo, raffinato allievo del Bronzino.
Pensiero
02.08.2019 - 06:100

Un libro non è un libro non è un libro

Dall’inchiosto dei volumi di carta ai bit degli ebook, dal testo scritto a quello letto degli audiolibri, le tante vite dei libri

È uno degli argomenti più usati dai sostenitori degli ebook: un libro è un libro, sia esso cartaceo o digitale. Argomento dotato di un certo potere persuasivo – certamente meglio dello sberleffo “se ti piace il profumo della carta puoi incollare dei fogli sotto il tuo lettore di ebook” – ma sostanzialmente sbagliato. Perché certo, le parole scelte e messe in ordine dall’autore sono indubbiamente le stesse, ma il libro, digitale o cartaceo, è qualcosa di più e di diverso da quelle parole. Per rendersene conto basta allargare un po’ lo sguardo e vedere che c’è anche una terza incarnazione di quella sequenza ordinata di parole da prendere in considerazione: l’audiolibro.

Di libri, ebook e audiolibri

Per semplicità: “libro” è il libro cartaceo, “ebook” quello elettronico e “audiolibro” la registrazione audio di un libro. E, sempre per semplicità, evitiamo preconcetti e invettive: non è vero che i libri sono ormai cosa per feticisti della carta, gli ebook per tecnoentusiasti che scaricano e non leggono e gli audiolibri per gente troppo pigra per leggere. È certamente vero che sono esperienze diverse. Un libro è un oggetto fisico che, anche per i possessori più attenti, si caricherà di tracce del tempo che passa – ricordi, per l’occhio e il cuore del proprietario, senza dimenticare le dediche di chi quel libro ce l’ha regalato o la firma dell’autore. È un oggetto che puoi sfogliare, lasciandoti tentare dalle parole che quasi per caso trovi sulla pagina; un oggetto che, nel bene e nel male, ingombra scrivanie, comodini e scaffali. Un ebook è un insieme di dati non sempre di facile gestione – e qui si potrebbe aprire una lunga parentesi sulla compatibilità dei diversi formati e soprattutto su quelle diavolerie che sono i sistemi antipirateria: come se per leggere un libro dovessi per forza far uso degli occhiali che il librario ti ha dato e che un giorno potrebbe anche riprendersi. Ma, per quanto non ci sia quell’immediatezza del “prendo in mano il libro e inizio a leggerlo”, la lettura è un’esperienza veloce e tutto sommato piacevole, soprattutto se al posto di tablet, smartphone e computer si usano dei dispositivi dedicati dotati di schermo che simula l’inchiostro su carta e con batteria che dura giorni se non settimane. Toccando lo schermo puoi cercare una determinata frase, ingrandire il testo per quando c’è poca luce oppure scoprire il significato di una parola che non conosci – utile soprattutto se leggi un libro in un’altra lingua. L’ebook ti permette di portarti sempre con te un’intera biblioteca: pochi grammi di elettronica contro chili di carta sono una bella cosa, quando sei in viaggio. Poi in realtà quella biblioteca, almeno fisicamente, non c’è, il che significa che non puoi perdere un libro – anche i più disordinati digitali trovano quel che cercano, ma perché di fatto lo cerca il computer – ma neanche ritrovarlo, imbattendoti casualmente in quel romanzo che improvvisamente ti vien voglia di rileggere. Con gli audiolibri, poi, passiamo dagli occhi (e dalle mani che reggono e sfogliano) alle orecchie. Ed è una liberazione, perché apre nuovi spazi prima preclusi. Un viaggio in auto, una passeggiata nel parco, i lavori domestici: difficile, e anche un po’ pericoloso, pensarli come momenti di lettura, ma non ci sono particolari problemi come momenti di ascolto. Ma la vera differenza è un’altra: il libro e l’ebook sono per loro natura privati, un rapporto personale tra il lettore e la pagina; l’audiolibro invece può essere un’esperienza collettiva. Ecco che un romanzo diventa un’alternativa al logorante tormentone estivo nei lunghi viaggi in auto verso il mare o la montagna.

Un libro non è un libro non è un libro

Poi, certo, con l’audiolibro le parole dell’autore sono mediate dalla voce del lettore – che talvolta è l’autore stesso, anche se non necessariamente un bravo scrittore è anche un bravo interprete. Ma mediamente sono ottime interpretazioni, almeno per quanto riguarda i cataloghi delle due principali piattaforme di lingua italiana, Audible di Amazon e Storytel. Abbiamo così la saga di Harry Potter letta dall’attore (e doppiatore di Hagrid nei film) Francesco Pannofino, Claudio Bisio che racconta le ‘Favole al telefono’ di Gianni Rodari, l’imponente affresco della ‘Pastorale americana’ di Philip Roth interpretato dalla profonda voce di Massimo Popolizio, le tre voci narranti di ‘La ragazza del treno’ di Paula Hawkins interpretate con bravura da Carolina Crescentini, Marianna Jensen e Alessia Navarro, mentre Alba Rohrwacher è l’indovinata voce sia di Scout, la figlia di Atticus Finch protagonista di ‘Il buio oltre la siepe’ di Harper Lee, sia della ‘Signorina Else’ di Arthur Schnitzler.
Il fatto è che non solo questa mediazione vocale tra autore e fruitore, che soprattutto per i titoli dedicati ai bambini include anche effetti sonori, può essere affascinante e suggestiva – ma anche sofferta, se l’interprete non è all’altezza del testo –, ma rende attenti sul fatto che anche libri ed ebook subiscono una simile mediazione. Solo che qui le cose non sono messe poi così bene. Perché le parole dell’autore sono solo l’inizio: c’è poi un editore che prende quelle parole e le trasforma in un libro o in un ebook, impaginando il testo, scegliendo la copertina, inserendo le immagini. E qui il caro vecchio libro di carta dà non pochi punti agli ebook; certo per limiti tecnici – quel testo che è immobile sulla carta stampata è liquido sui lettori di ebook, adattandosi ai diversi dispositivi e alle preferenze di chi legge – ma spesso ci si imbatte in obbrobri grafici che affaticano la lettura e che, con una maggiore sensibilità tipografica, sarebbe abbastanza semplice evitare, rendendo più agevole la lettura. Il problema è che questa sensibilità – che poi è attenzione verso il lettore, anche quello disattento – è sempre meno diffusa anche nei libri: capita spesso, e non necessariamente con editori minori, di imbattersi in volumi con margini millimetrici (immaginiamo per risparmiare carta), pagine scentrate, spaziature incoerenti, righe orfane e vedove.

© Regiopress, All rights reserved