laRegione
un-libro-non-e-un-libro-non-e-un-libro
ULTIME NOTIZIE Culture
Spettacoli
6 min

Vanno all'asta i gioielli di Franca Valeri, signorina snob

Per la casa d'asta Christie's 'è un orgoglio poter essere scelti per la vendita di gioielli di un personaggio così iconico per l'Italia'.
Arte
15 ore

Covid, Art Basel spostata a settembre

La grande fiera dell'arte ha deciso di rimandare di qualche mese la sua edizione 2021
Spettacoli
16 ore

Addio a Juan Carlos Tabio, sorriso serio del cinema cubano

Morto nei giorni scorsi, il regista e sceneggiatore è stato più di ogni altro autentico testimone di un’epoca
Rock e Brexit
1 gior

‘Won’t get fooled again’, la musica contro Boris Johnson

Sting, Elton, Ed Sheeran, e anche il pro-Brexit Roger Daltrey (The Who) contro i visti per suonare in Europa. Ne parliamo con due inglesi del settore.
Archeologia
1 gior

'Cristo figlio di Maria': antica lastra affiora in Galilea

La scritta risale a 1500 anni fa. È stata trovata durante gli scavi archeologici condotti nel piccolo villaggio di Taibe
Società
1 gior

Il New York Times online spegne 25 candeline

'Per allargare il pubblico e creare opportunità nell'industria dei media elettronici', si leggeva il 22 gennaio del '96 a pagina 7 del cartaceo
Libri
1 gior

Nessuno ha venduto più libri di James Patterson

84 milioni di unità in formato cartaceo ed e-book: è l'autore più venduto al mondo nell'ultimo decennio.
Musica
1 gior

Osi: annullato Ogrintchouk, il 28 gennaio Maurice Steger

Giovedì 21 gennaio, al posto del Play&Conduct dell'oboista russo, ReteDue trasmette il meglio di ‘Osi in Auditorio’. Si riprenderà all'insegna del flauto.
Culture
2 gior

Joker: il lockdown, il dolore, l'amore

Storia di un mal de vivre e di due ragazzini lombardi in cerca di un sorriso 'non convenzionale'.
Musica
2 gior

Sanremo avanti tutta, e col pubblico all'Ariston

Confermato a marzo, ma sembra tramontare l'idea della nave. L'idea di una platea di operatori sanitari già vaccinati al vaglio degli organizzatori
Cinema
2 gior

Al via Soletta, dove il cinema è molto ticinese

Iniziano domani, mercoledì 20 gennaio, le Giornate cinematografiche n.56. L'apertura è affidata ad ‘Atlas’ di Niccolò Castelli (anche su La2).
Musica
2 gior

900presente, l'Oriente Immaginario è in streaming

Domenica 24 gennaio alle 20.30. Senza pubblico, dall'Auditorio Stelio Molo di Lugano, in live streaming e in diretta su Rete Due.
Arte
2 gior

WopArt 'Virtual Fair', i numeri del gradimento

Successo di pubblico, vendite e trattative per l'edizione 2020 della fiera luganese dedicata alle opere su carta, svoltasi in forma digitale
Scienze
3 gior

Si chiama Wasp-107b, è il pianeta 'di zucchero filato'

Individuato alla distanza di 212 anni luce, il pianeta dimostra per la prima volta che i pianeti gassosi si formano più facilmente del previsto.
Spettacoli
3 gior

JazzAscona guarda a New Orleans e al 24 giugno-3 luglio

La speranza, scrivono gli organizzatori, è dar vita a un festival completo e proporre il programma pensato per il 2020
Libri
3 gior

'Mein Kampf' esce in Polonia, l'editore: 'Omaggio alle vittime'

La critica insorge. Per Zbigniew Czerwinski, invece, è 'un monito a quanto sia facile smantellare la democrazia e costruire una dittatura in modo invisibile'.
Culture
3 gior

Demo dei Radiohead all'asta a Londra

Con etichetta scritta a mano dal frontman Thom Yorke, conterrebbe tre inediti, risalenti ai tempi in cui la band si faceva chiamare On A Friday
Scienze
3 gior

Virgin Orbit, l'aereo che manda in orbita il razzo

Per la prima volta nella storia, il lancio avviene dall'ala di un velivolo, un Boeing 747, aprendo all'invio nello spazio 'low cost' dei satelliti
Pensiero
02.08.2019 - 06:100

Un libro non è un libro non è un libro

Dall’inchiosto dei volumi di carta ai bit degli ebook, dal testo scritto a quello letto degli audiolibri, le tante vite dei libri

È uno degli argomenti più usati dai sostenitori degli ebook: un libro è un libro, sia esso cartaceo o digitale. Argomento dotato di un certo potere persuasivo – certamente meglio dello sberleffo “se ti piace il profumo della carta puoi incollare dei fogli sotto il tuo lettore di ebook” – ma sostanzialmente sbagliato. Perché certo, le parole scelte e messe in ordine dall’autore sono indubbiamente le stesse, ma il libro, digitale o cartaceo, è qualcosa di più e di diverso da quelle parole. Per rendersene conto basta allargare un po’ lo sguardo e vedere che c’è anche una terza incarnazione di quella sequenza ordinata di parole da prendere in considerazione: l’audiolibro.

Di libri, ebook e audiolibri

Per semplicità: “libro” è il libro cartaceo, “ebook” quello elettronico e “audiolibro” la registrazione audio di un libro. E, sempre per semplicità, evitiamo preconcetti e invettive: non è vero che i libri sono ormai cosa per feticisti della carta, gli ebook per tecnoentusiasti che scaricano e non leggono e gli audiolibri per gente troppo pigra per leggere. È certamente vero che sono esperienze diverse. Un libro è un oggetto fisico che, anche per i possessori più attenti, si caricherà di tracce del tempo che passa – ricordi, per l’occhio e il cuore del proprietario, senza dimenticare le dediche di chi quel libro ce l’ha regalato o la firma dell’autore. È un oggetto che puoi sfogliare, lasciandoti tentare dalle parole che quasi per caso trovi sulla pagina; un oggetto che, nel bene e nel male, ingombra scrivanie, comodini e scaffali. Un ebook è un insieme di dati non sempre di facile gestione – e qui si potrebbe aprire una lunga parentesi sulla compatibilità dei diversi formati e soprattutto su quelle diavolerie che sono i sistemi antipirateria: come se per leggere un libro dovessi per forza far uso degli occhiali che il librario ti ha dato e che un giorno potrebbe anche riprendersi. Ma, per quanto non ci sia quell’immediatezza del “prendo in mano il libro e inizio a leggerlo”, la lettura è un’esperienza veloce e tutto sommato piacevole, soprattutto se al posto di tablet, smartphone e computer si usano dei dispositivi dedicati dotati di schermo che simula l’inchiostro su carta e con batteria che dura giorni se non settimane. Toccando lo schermo puoi cercare una determinata frase, ingrandire il testo per quando c’è poca luce oppure scoprire il significato di una parola che non conosci – utile soprattutto se leggi un libro in un’altra lingua. L’ebook ti permette di portarti sempre con te un’intera biblioteca: pochi grammi di elettronica contro chili di carta sono una bella cosa, quando sei in viaggio. Poi in realtà quella biblioteca, almeno fisicamente, non c’è, il che significa che non puoi perdere un libro – anche i più disordinati digitali trovano quel che cercano, ma perché di fatto lo cerca il computer – ma neanche ritrovarlo, imbattendoti casualmente in quel romanzo che improvvisamente ti vien voglia di rileggere. Con gli audiolibri, poi, passiamo dagli occhi (e dalle mani che reggono e sfogliano) alle orecchie. Ed è una liberazione, perché apre nuovi spazi prima preclusi. Un viaggio in auto, una passeggiata nel parco, i lavori domestici: difficile, e anche un po’ pericoloso, pensarli come momenti di lettura, ma non ci sono particolari problemi come momenti di ascolto. Ma la vera differenza è un’altra: il libro e l’ebook sono per loro natura privati, un rapporto personale tra il lettore e la pagina; l’audiolibro invece può essere un’esperienza collettiva. Ecco che un romanzo diventa un’alternativa al logorante tormentone estivo nei lunghi viaggi in auto verso il mare o la montagna.

Un libro non è un libro non è un libro

Poi, certo, con l’audiolibro le parole dell’autore sono mediate dalla voce del lettore – che talvolta è l’autore stesso, anche se non necessariamente un bravo scrittore è anche un bravo interprete. Ma mediamente sono ottime interpretazioni, almeno per quanto riguarda i cataloghi delle due principali piattaforme di lingua italiana, Audible di Amazon e Storytel. Abbiamo così la saga di Harry Potter letta dall’attore (e doppiatore di Hagrid nei film) Francesco Pannofino, Claudio Bisio che racconta le ‘Favole al telefono’ di Gianni Rodari, l’imponente affresco della ‘Pastorale americana’ di Philip Roth interpretato dalla profonda voce di Massimo Popolizio, le tre voci narranti di ‘La ragazza del treno’ di Paula Hawkins interpretate con bravura da Carolina Crescentini, Marianna Jensen e Alessia Navarro, mentre Alba Rohrwacher è l’indovinata voce sia di Scout, la figlia di Atticus Finch protagonista di ‘Il buio oltre la siepe’ di Harper Lee, sia della ‘Signorina Else’ di Arthur Schnitzler.
Il fatto è che non solo questa mediazione vocale tra autore e fruitore, che soprattutto per i titoli dedicati ai bambini include anche effetti sonori, può essere affascinante e suggestiva – ma anche sofferta, se l’interprete non è all’altezza del testo –, ma rende attenti sul fatto che anche libri ed ebook subiscono una simile mediazione. Solo che qui le cose non sono messe poi così bene. Perché le parole dell’autore sono solo l’inizio: c’è poi un editore che prende quelle parole e le trasforma in un libro o in un ebook, impaginando il testo, scegliendo la copertina, inserendo le immagini. E qui il caro vecchio libro di carta dà non pochi punti agli ebook; certo per limiti tecnici – quel testo che è immobile sulla carta stampata è liquido sui lettori di ebook, adattandosi ai diversi dispositivi e alle preferenze di chi legge – ma spesso ci si imbatte in obbrobri grafici che affaticano la lettura e che, con una maggiore sensibilità tipografica, sarebbe abbastanza semplice evitare, rendendo più agevole la lettura. Il problema è che questa sensibilità – che poi è attenzione verso il lettore, anche quello disattento – è sempre meno diffusa anche nei libri: capita spesso, e non necessariamente con editori minori, di imbattersi in volumi con margini millimetrici (immaginiamo per risparmiare carta), pagine scentrate, spaziature incoerenti, righe orfane e vedove.

© Regiopress, All rights reserved