laRegione
la-cultura-di-ermotti-e-pronzini
ULTIME NOTIZIE Culture
Spettacoli
24 min

Il mio nome è Greta Thunberg

In sala 'I am Greta', ritratto di un'eroina suo malgrado, film che non cambierà il mondo ma fondamentale (per tutto il resto c'è 'Unposted' di Chiara Ferragni).
Figli delle stelle
3 ore

'Carla Bruni': piano piano, sottovoce (come piace a Marzullo)

★★✩✩✩ - Ben suonato e impeccabilmente prodotto, un sospiro dopo l'altro dell'ex Première Dame e si arriva (finalmente) alla fine
Spettacoli
17 ore

Teatro Sociale, annullato il concerto di Nadia Gabi

Il rimborso dei biglietti possibile entro il 31 ottobre al punto di acquisto. Il concerto sarà riprogrammato in una data successiva
Società
19 ore

Coronavirus, accordo Oms-Wikipedia per informazioni affidabili

Un passo nella lotta alla disinformazione: un accesso equo a informazioni sanitarie affidabili è fondamentale per mantenere le persone al sicuro
Culture
19 ore

Microcosmi. Di ruderi, natura e ponti

Sguardi sulle cose che cambiano, nel territorio e nelle persone: dagli ‘scarti di territorio’ alla natura riletta dall’artista Al Fadhil
Spettacoli
20 ore

Frankenstein, una storia d’amore al Sociale

Applausi per il nuovo spettacolo di Margherita Saltamacchia dedicato a Mary Shelley e alla sua creatura
Società
21 ore

A Lugo di Romagna c'è Casa Rossini

Da domani, cinque sale nella dimora dei nonni del compositore, nella cittadina in cui l'autore del 'Barbiere di Siviglia' visse da adolescente
Società
1 gior

I millennial hanno perso fiducia nella democrazia

Più disillusi della generazione X (1965-1981), dei baby boomer (1944-1964) e dei figli delle guerre. C'entra la disuguaglianza di reddito.
Spettacoli
1 gior

Addio a Marge Champion, 'muoveva' Biancaneve e Fata Turchina

Dietro ai movimenti dei classici Disney c'era lei, attrice, ballerina e coreografa scomparsa all'età di 101 anni a Los Angeles
Società
1 gior

Tonnellate di rifiuti al giorno: allarme Mediterraneo

Perdita di biodiversità, degrado ambientale, impatto dei cambiamenti climatici, pressione sulle risorse naturali. Il rischio danni irreversibili è altissimo.
Culture
1 gior

Giornata mondiale dell'audiovisivo: 'Ti ricordi?'

Visite, incontri, proiezioni. Si festeggia martedì 27 ottobre. A Lugano, città di Vincenzo Vicari (le sue foto sono in mostra in questi giorni), un convegno.
Società
1 gior

Il vescovo sulle parole del Papa: 'Occhio al contesto'

Francesco 'benedice' le unioni civili tra persone omosessuali. Il mondo LGBT esulta. Mons. Lazzeri: 'Bergoglio è nella tradizione'
Spettacoli
1 gior

Pane o libertà: due serate con Paolo Rossi al Lac

Il comico italiano a Lugano il 27 e 28 ottobre con il suo nuovo spettacolo
Spettacoli
1 gior

Il 7 novembre arriva il ‘Netflix del servizio pubblico’

Play Suisse, la piattaforma di streaming della Ssr, sarà lanciata con un evento durante li Geneva International Film Festival
Società
1 gior

Addio a James Randi, il bugiardo onesto

Grande prestigiatore, erede di Houdini, Randi ha dedicato parte della sua vita a smascherare imbroglioni e truffatori
Musica
1 gior

'Io sì', è Laura Pausini post-lockdown

Scritto con la pluripremiata Diane Warren, è il tema di 'La vita davanti a sé", il ritorno davanti alla macchina da presa di Sophia Loren diretta dal figlio Edoardo
Cinema
1 gior

Record d'incassi per Francesco Totti al cinema

'Mi chiamo Francesco Totti' è la biografia del calciatore, diretta da Alex Infascelli. E il cinema italiano si risolleva al box office.
Arte
2 gior

Ritrovato nella soffitta di Palazzo Pitti il ritratto di Romolo

Fu dipinto su tavola alla metà del Cinquecento da Cristofano dell'Altissimo, raffinato allievo del Bronzino.
Spettacoli
2 gior

Keith Jarrett: 'Ho avuto due ictus, ora suono solo nei sogni'

Il pianista si confessa al New York Times. Potremmo non rivederlo mai più in concerto. 'Non sparate sul pianista per me non vale più. Sono già stato sparato'.
Cinema
2 gior

'Palazzo di giustizia', dalla Berlinale a Castellinaria 2020

L'opera prima di Chiara Bellosi al 33esimo Festival del cinema giovane, in streaming e anche al Lux di Massagno il 20 novembre, alla presenza della regista.
Spettacoli
3 gior

A ritmo di jazz con il Giorgio Meuwly trio

Giovedì 22 ottobre al Ristorante Federale di Lugano. Ad affiancarlo, Marco Mistrangelo al basso e Gabriele Comeglio al sax.
Spettacoli
3 gior

Paavo Järvi e Maria João Pires con Tonhalle-Orchester Zürich

Al Lac, sabato 24 ottobre alle 20.30, s’inaugura il ciclo 'Dal Novecento a noi'
Spettacoli
3 gior

Doppio concerto per la 13enne Alexandra Dovgan con l'Osi

La bimba prodigio si esibirà al pianoforte con l'Osi giovedì 29 e venerdì 30 ottobre, sotto la guida di François Leleux
Spettacoli
3 gior

Festival Organistico Antegnati, 'sonorizzazione' in Collegiata

Benjamin Guélat, titolare dell’organo della Cattedrale di Soletta, sarà la colonna sonora del film muto 'Gli spazzacamini della Valle d'Aosta'
Spettacoli
3 gior

Magadino, l'omaggio a Marcel Dupré è rinviato al 2021

Per il peggiorare della situazione pandemica, il concerto del Dupré Ensemble verrà riproposto nel corso dell’estate 2021.
Spettacoli
3 gior

'Borealissimo', il cabaret di Auroro Borealo allo Studio Foce

Stand up comedy, canzoni, karaoke, improvvisazioni, lucida follia. Per la rassegna 'Raclette', sabato 24 ottobre alle 21.30.
Spettacoli
3 gior

'Erba matta', Nadia Gabi e le Due nel Cappello al Sociale

Sabato 24 ottobre, per la sezione ‘Jazz Folk & Pop’ della stagione 2020-2021, il nuovo album della chitarrista e cantautrice ticinese
Spettacoli
3 gior

Vent Negru, 'Riflessioni musicali' a Locarno

Sabato 24 ottobre alle 17 nella Chiesa Nuova-S.Maria Assunta per la rassegna 'In-canta l'attimo' di Osa!
Scienze
3 gior

Ci siamo già estinti nel Paleozoico, colpa del CO2 da vulcani

252 milioni di anni fa, immense quantità di anidride carbonica causarono l'acidificazione degli oceani e un riscaldamento globale a livelli letali
Spettacoli
3 gior

Al Sociale la storia di Frankenstein. E della sua creatrice

Margherita Saltamacchia ci racconta il suo spettacolo ‘Frankenstein, autoritratto d'autrice’, dedicato a Mary Shelley, in scena giovedì a Bellinzona
Pensiero
27.07.2019 - 14:400

La cultura di Ermotti e Pronzini

Che cosa è la cultura? Rispondono il sindacalista e il Ceo di Ubs: ‘La cultura è tutto ciò che sta attorno a noi’ / ‘Le nostre tradizioni, lo specchio del passato e del presente'

Di certo Sergio Ermotti e Matteo Pronzini hanno qualcosa in comune. Entrambi si spostano molto per lavoro, anche se su distanze e con mezzi diversi. Entrambi sono partiti dal basso, da un apprendistato: in banca il primo, in macelleria il secondo. Entrambi la loro “università” l’hanno fatta anzitutto lavorando: Ermotti da Cornèr Banca a Ubs, passando per Citigroup e Merril Lynch; Pronzini all’interno del sindacato Unia, di cui è membro della direzione nazionale.
In una calda mattina di giugno il Ceo di Ubs ci accoglie nel suo ufficio luganese, incastonandoci fra un appuntamento e l’altro, mentre i corridoi sono percorsi da manager dal passo solerte quanto discreto. In un pomeriggio estivo, solleticato solo dal canto di qualche grillo, Pronzini ci invita in una villetta a due passi dal fiume: «Così mio figlio continua a giocare, e le offro un caffè».

Che significato assegna al termine ‘cultura’?
Ermotti –  La mia prima reazione non è quella di dire che la cultura è l’arte del sapere. Se ne possono dare diverse interpretazioni. Per me la cultura sono le nostre tradizioni, è lo specchio del passato e del presente dei comportamenti delle persone, di come vivono e di come si pongono. Sempre più lo vediamo anche nel mondo economico: è il riflesso delle regole scritte e non scritte di come ci si pone verso altri portatori d’interesse.

Pronzini – Io mi occupo quotidianamente di questioni più concrete. La mia fortuna è però di vivere in un ambiente multiculturale: uno, sul lavoro, dove le differenze culturali fra svizzeri le vivi; poi in famiglia, con una moglie di origini portoghesi ma cresciuta in Germania. Per altro provengo da una formazione politica internazionalista, per la quale è sempre stato importante capire che cosa accade in altri paesi. Quindi la cultura per me è tutto ciò che sta attorno a noi, un’espressione dei rapporti economici e di forza in una società.

Che cosa non è cultura?
Ermotti –  Difficile... Certi modi di comportarsi possono essere visti come un segno di mancanza di cultura, ma di fatto questo è un giudizio soggettivo di alcune persone verso atteggiamenti che, quando divengono di massa, bisogna accettare come riflesso di un cambiamento dei tempi che necessita una valutazione. Per fare un esempio concreto: anche la violenza può essere considerata cultura. Un conto è dire che è condannabile, un altro che non è cultura: no, è la cultura della violenza. Bisogna chiedersi sempre perché si è arrivati a un certo punto piuttosto che a un altro.

Pronzini – A me impressiona il fatto che sempre più vediamo in ogni ambito, economico e politico, una forma di standardizzazione del gusto e del pensiero: gli stessi centri commerciali, gli stessi ristoranti, gli stessi bar o gli stessi cinema. Si insegna alle nuove generazioni a ripetere quello che altri ti dicono, non c’è più la riflessione critica: chiedere perché, magari dire no. L’uniformità non è cultura, la cultura sta in quelle particolarità che sono anche espressione di un territorio.

Lei che cosa cerca nella cultura?
Ermotti –  Anche se in questo periodo della mia vita non ho ancora il tempo e la disciplina per coltivarla abbastanza, ho sempre desiderato capire la storia. Una volta, avevo 20 anni, ho aperto un biscotto della fortuna cinese che diceva “studia il passato perché ti insegnerà il futuro”. Una frase che sento ancora mia perché, pur non ripetendosi nello stesso modo, la storia ci dà molte indicazioni su come le situazioni possono evolvere.

Pronzini – Se penso anche alle mie responsabilità di padre, approfitto di ogni occasione per conoscere il territorio, con la sua storia e la sua cultura: le vie, i monumenti, le chiese o i musei, le abitudini della gente. E cerco di farlo in modo sostenibile. Pensando ai miei interessi personali, di un luogo nuovo mi interessa conoscere la storia, chi ci vive, quali sono le origini di queste persone, quali le attività che lì vengono svolte.

In che modo tutto questo entra nella sua quotidianità?
Ermotti –  A livello culturale oggi noi immagazziniamo tante informazioni in maniera più o meno consapevole. Io mi ritaglio lo spazio per leggere alcuni articoli o per guardare documentari soprattutto storici, ma sono sollecitato in maniera inconsapevole dall’informazione e dall’interazione con le persone. Penso sia un processo reattivo e proattivo costante. Inoltre, la mia posizione professionale mi permette di entrare a contatto regolarmente con varie forme di cultura grazie alle nostre partnership a livello globale.

Pronzini – Mi ritengo fortunato, per la mia attività professionale e politica devo girare molto. Perciò ho la possibilità di entrare ogni giorno in contatto con vari ambiti e con i loro aspetti anche culturali. In più, trovo sia importante ritagliarsi dei momenti per l’approfondimento di ciò che succede attorno a noi, attraverso le letture e l’aggiornamento. Oggi il giornale si legge anche sul telefonino, ma è una lettura più superficiale.

Ci sono momenti o luoghi privilegiati?
Ermotti –  Sul mio iPad registro programmi televisivi che approfondiscono la storia oppure dei film, e appena ho un attimo di tempo, magari in volo, li guardo. Cerco di crearmi un catalogo di informazioni che mi aiutino ad esplorare il mio desiderio di capire, imparare e conoscere di più. Ammetto che quando posso preferisco dedicarmi ad altre attività, magari andare a sciare, piuttosto che restare a casa a leggere un libro. Il mio desiderio di sapere di più è in contrasto con il fatto che devo incamerare tante informazioni in maniera proattiva durante il giorno. Purtroppo, associo il leggere al lavoro, non al relax. Riesco a cambiare questo atteggiamento solo in vacanza.

Pronzini – Dei momenti importanti per me sono quelli che dedico alle letture con mio figlio. Per un paio d’anni ci siamo letti tutti i libri di Geronimo Stilton: perciò la conoscenza del passato e delle varie civiltà. Ma anche la storia del luogo dove viviamo e di quelli da cui proviene sua madre. Sono momenti importanti, il fatto di avere dei figli ti costringe a un nuovo percorso di sviluppo e di crescita; col vantaggio che è la seconda volta.

Un consiglio per un amico?
Ermotti –  È veramente difficile... Bisognerebbe capire qual è la passione di questo amico. Quel che posso dire è che oggi la tecnologia ci offre la possibilità di avere accesso veloce a moltissime informazioni. Quindi gli consiglierei di capire come usarla e sfruttarla per esplorare i suoi ambiti d’interesse, esaudire i suoi desideri e arricchirsi.

Pronzini – A me spaventa molto questa omologazione delle persone. Ognuno di noi dovrebbe cercare di sviluppare degli anticorpi, per essere il più critico possibile.

E il Ticino, come può evolvere anche attraverso la cultura?
Ermotti –  Bisogna partire dal capire la nostra storia e apprezzare quello che abbiamo, salvaguardando le tradizioni che le generazioni passate ci hanno trasmesso. Imparando dagli errori commessi, non sottovalutando l’oggi creiamo dei buoni presupposti per il futuro. Quando sento parlare di scoperte storiche o archeologiche, mi chiedo: anche noi saremo in grado di trasmettere noi stessi alle generazioni future? Questa domanda è solo uno degli stimoli ad investire nella cultura. È una responsabilità di tutti i componenti della società, sia pubblici che privati.

Pronzini – Oggi non tutti possono permettersi una vita culturale. Molti non possono far avere ai propri figli una formazione musicale che ti permette di evolvere come persona, a meno di contribuire magari a una precarizzazione della società, pagando in nero o sottocosto dei docenti di musica. Sono cose a cui la popolazione dovrebbe aver diritto, indipendentemente dalla sua situazione economica. su questo terreno vi è ancora molto da fare: in Ticino, tutto sommato, prevale una concezione elitaria della cultura.

Molti giovani oggi scendono in piazza per un cambiamento di paradigma economico, politico, culturale. Lei da dove inizierebbe?
Ermotti –  Ritengo che non sia un tema legato solo ai giovani! E se anche lo fosse, avrebbero ragione di sollevare la loro voce in modo critico e costruttivo nei confronti della nostra generazione. I giovani devono invitarci a riflettere sull’eredità che lasceremo, perché rischiamo un conflitto generazionale dovuto agli errori commessi nel presente. È importante però che a queste discussioni partecipino tutti: l’economia, la politica e le persone. Tutti dobbiamo essere consapevoli che con i nostri comportamenti possiamo cambiare tanto. Guardi… (mi mostra tre braccialetti colorati che porta al polso) questi rispecchiano un’iniziativa che Ubs sta sostenendo in collaborazione con Bottletop, un marchio di accessori sostenibili ideatore di 17 braccialetti, riferiti ai 17 obiettivi globali dell’Onu. Io ne ho scelti tre che mi stanno a cuore: no poverty, quality education e questo è life below water, la vita sott’acqua. Un altro esempio di quanto anche i piccoli gesti possono fare la differenza: in banca ho avviato un processo per l’abolizione delle bottiglie di plastica.

Pronzini – Queste mobilitazioni sono benvenute e necessarie, hanno impressionato anche me per la loro ampiezza. Penso che questo sistema economico basato sul profitto personale e su una crescita disordinata crei sofferenza nelle persone e distrugga il mondo in cui viviamo. Io inizierei mettendo in discussione il sistema capitalista, o meglio tutti i sistemi basati sull’interesse di pochi ai danni dei tanti: anche le esperienze dei paesi stalinisti in ambito ambientale non erano certo migliori… Bisogna battersi per una società fondata sulla solidarietà e la giustizia.

Un proposito da realizzare?
Ermotti –  Potrei già partire dalla mia storia… Una cosa che vorrei e che non ho mai fatto è: scrivere ogni sera tre frasi su ciò che è successo nella giornata. Su questo punto devo ammettere una mancanza cronica di disciplina.

Pronzini – Io sono un po’ nostalgico. Una delle tante cose che mi piacerebbe fare, è un tour tra la Germania e l’Austria per riscoprire la culla del movimento operaio organizzato. Ad inizio Novecento era una società nella società, estremamente sviluppata e democratica.

© Regiopress, All rights reserved