laRegione
Nuovo abbonamento
ULTIME NOTIZIE Culture
Culture
17 ore
Festivaletteratura si reinventa, dal vivo e in streaming
Il festival si terrà come annunciato dal 9 al 13 settembre a Mantova seguedo 4 piste: non solo eventi in presenza e online, ma anche una radio e una pubblicazione
Spettacoli
18 ore
A Chiasso il recital comico antropologico di Roberto Ciufoli
La rassegna Voci e Not(t)e del Cinema teatro prosegue con il comico della Premiata ditta, in scena sabato sera
Scienze
18 ore
Il Coronavirus 'era dormiente prima di esplodere in Cina'
Per l'esperto 'questi agenti patogeni non vengono né vanno da nessuna parte. Sono sempre qui e qualcosa li accende, come le condizioni ambientali'
Scienze
19 ore
L'allarme dell'Onu: proteggere l'ambiente o presto altre pandemie
L'emergenza Covid-19 è solo l'ultimo esempio di zoonosi, un fenomeno in crescita e che può essere fermato solo proteggendo la fauna e l'ambiente
Spettacoli
19 ore
Nastro d'Argento per le 'Favolacce' prodotte da Tiziana Soudani
Damiano e Fabio D'Innocenzo vincono il premio per miglior film in una cerimonia dedicata a Morricone. Riconoscimenti anche per il Pinocchio di Garrone
L'intervista
1 gior
Morricone e la morte: 'Consapevole, come tutti i grandi'
L'autonecrologio, 'ulteriore segno di genialità'. Il ricordo di Alessandro De Rosa, con lui a quattro mani in 'Inseguendo quel suono', l'autobiografia
Culture
1 gior
Non devi dimenticare! E non ti dimenticheremo Maestro Morricone
È importante ricordarlo anche per il suo impegno per il mondo, per non far dimenticare il dolore e la bellezza del vivere. Dalla Shoah fino a Genova.
Musica
1 gior
Ennio Morricone, musica delle immagini
Non solo musica giustapposta alle immagini, ma temi e sviluppi la cui sonorità inglobi le immagini. È l’uso metaforico del suono che Morricone ha inventato
Scienze
1 gior
Il campo magnetico terrestre cambia più in fretta del previsto
Simulazioni condotte in Inghilterra gettano nuova luce sulla velocità dei suoi cambiamenti di direzione
Libri
1 gior
'Ragnatele nella...': l'ufficio stampa insulta la blogger
Anche la Gabriele Capelli Editore di Mendrisio prende le distanze dai post sessisti del Taccuino, furioso per una recensione negativa.
Culture
1 gior
Chiasso, il cartellone del Cinema Teatro arriverà a settembre
Il direttore Armando Calvia scrive agli abbonati. Ancora troppe le incognite per molte compagnie teatrali, di danza e agenzie soprattutto italiane
Culture
2 gior
Addio a Ennio Morricone: la sua musica per il cinema
Premio Oscar, autore di alcune tra le più belle colonne sonore, qualche giorno fa era caduto e s'era rotto il femore. Aveva 91 anni. Nel 2018 l'intervista a laRegione
Arte
2 gior
Quando poesia e arte si incrociano e lasciano un segno
Samuele Gabai racconta il suo progetto‘“Quaderni in Ottavo’, con incisioni che si alternano a testi inediti di poeti contemporanei
Arte
2 gior
E il Teatro Sociale di Bellinzona si fa vedere
Lo stabile, monumento storico d'importanza nazionale, apre le porte alle visite gratuite dal 9 luglio al 5 settembre. Un viaggio nelle sue architetture
Culture
2 gior
Claudio Marazzini rieletto alla guida della Crusca
Il linguista è stato nominato presidene dell’accademia per il suo terzo e ultimo mandato che avrà termine nella primavera 2023
Culture
2 gior
Pro Helvetia sostiene 21 autrici e autori
Tra i vincitori delle borse letterarie della fondazione per la cultura, anche i ticinesi Vanni Bianconi, Andrea Fazioli e Giorgio Genetelli
Ritratti
3 gior
Il lungo volo di Biriki
Incontriamo Bruna Ferrazzini e l’uccellino da lei creato: leggero, curioso, contagioso. E libero
Spettacoli
3 gior
Marco Solari: essenziale un Festival in presenza
Locarno 2020 avrà anche delle proiezioni in sala, presentate giovedì. Ma dovrà rinunciare a Piazza Grande e alla Rotonda, “palla al piede necessaria”
Culture
4 gior
Canetta: giudicate l’offerta musicale, non gli organigrammi
Il direttore della Rsi risponde alle critiche del musicologo Carlo Piccardi sulla marginalizzazione della musica all'interno del servizio pubblico
Culture
4 gior
Il doppio Strega di Sandro Veronesi
Dopo ‘Caos calmo’ nel 2006, ‘Il colibrì’: lo scrittore toscano ha conquistato per la seconda volta il premio in una cerimonia con gaffe sessista
Arte
4 gior
I premi svizzeri d'arte e di design 2020
Il Prix Meret Oppenheim è andato a Marc Bauer, Koyo Kouch e la coppia Barbara Buser e Eric Honegger
Scienze
4 gior
L'eccezione diventa la regola
Le estati ritenute 'estreme' sino a trent'anni fa sono ormai la norma
Scienze
4 gior
Un buco nero insaziabile
Il 'cannibale cosmico' scoperto nel 2018 al centro della galassia J2157 è più grande e vorace del previsto
Culture
5 gior
Secondo 'Strega' per Sandro Veronesi
Già dato per superfavorito, come nel 2006 lo scrittore toscano sbanca il Premio con 'Il colibrì'
Spettacoli
5 gior
Due produzioni del Lac alla Biennale
‘Bye Bye…’ di Alessio Maria Romano e ‘I Cenci’ di Giorgio Battistelli in scena a Venezia a settembre
Spettacoli
5 gior
Amanda Sandrelli a Chiasso sabato anziché venerdì
Rinviato di un giorno a causa del maltempo ‘Alfonsina y el mar: storia di tango e passioni’, a Chiasso per la rassegna Voci e Not(t)e
Spettacoli
5 gior
Festival, una Locarno 2020 non solo virtuale
Edizione ibrida: oltre all'online vi saranno proiezioni in tre sale, con tanto di "appuntamento al buio" con la direttrice Lili Hinstin
Culture
5 gior
Rsi dopo-Canetta, abbiamo un concorso
Pubblicato il bando per il nuovo direttore della Rsi. Pedrazzini: cerchiamo una persona in grado di guidare l'azienda in tempi difficili
Spettacoli
6 gior
Ascona, tre serate di Jammin’ for New Orleans
Una cinquantina di concerti organizzati da JazzAscona con band ticinesi, svizzere e italiane da giovedì 2 a sabato 4 luglio
Culture
6 gior
Covid-19, da Suisa un aiuto da 1,5 milioni
La società di diritti d'autore ha istituito un fondo per compositori, autori ed editori musicali per compensare le perdite dell'annullamento di eventi
Pensiero
27.07.2019 - 14:400

La cultura di Ermotti e Pronzini

Che cosa è la cultura? Rispondono il sindacalista e il Ceo di Ubs: ‘La cultura è tutto ciò che sta attorno a noi’ / ‘Le nostre tradizioni, lo specchio del passato e del presente'

Di certo Sergio Ermotti e Matteo Pronzini hanno qualcosa in comune. Entrambi si spostano molto per lavoro, anche se su distanze e con mezzi diversi. Entrambi sono partiti dal basso, da un apprendistato: in banca il primo, in macelleria il secondo. Entrambi la loro “università” l’hanno fatta anzitutto lavorando: Ermotti da Cornèr Banca a Ubs, passando per Citigroup e Merril Lynch; Pronzini all’interno del sindacato Unia, di cui è membro della direzione nazionale.
In una calda mattina di giugno il Ceo di Ubs ci accoglie nel suo ufficio luganese, incastonandoci fra un appuntamento e l’altro, mentre i corridoi sono percorsi da manager dal passo solerte quanto discreto. In un pomeriggio estivo, solleticato solo dal canto di qualche grillo, Pronzini ci invita in una villetta a due passi dal fiume: «Così mio figlio continua a giocare, e le offro un caffè».

Che significato assegna al termine ‘cultura’?
Ermotti –  La mia prima reazione non è quella di dire che la cultura è l’arte del sapere. Se ne possono dare diverse interpretazioni. Per me la cultura sono le nostre tradizioni, è lo specchio del passato e del presente dei comportamenti delle persone, di come vivono e di come si pongono. Sempre più lo vediamo anche nel mondo economico: è il riflesso delle regole scritte e non scritte di come ci si pone verso altri portatori d’interesse.

Pronzini – Io mi occupo quotidianamente di questioni più concrete. La mia fortuna è però di vivere in un ambiente multiculturale: uno, sul lavoro, dove le differenze culturali fra svizzeri le vivi; poi in famiglia, con una moglie di origini portoghesi ma cresciuta in Germania. Per altro provengo da una formazione politica internazionalista, per la quale è sempre stato importante capire che cosa accade in altri paesi. Quindi la cultura per me è tutto ciò che sta attorno a noi, un’espressione dei rapporti economici e di forza in una società.

Che cosa non è cultura?
Ermotti –  Difficile... Certi modi di comportarsi possono essere visti come un segno di mancanza di cultura, ma di fatto questo è un giudizio soggettivo di alcune persone verso atteggiamenti che, quando divengono di massa, bisogna accettare come riflesso di un cambiamento dei tempi che necessita una valutazione. Per fare un esempio concreto: anche la violenza può essere considerata cultura. Un conto è dire che è condannabile, un altro che non è cultura: no, è la cultura della violenza. Bisogna chiedersi sempre perché si è arrivati a un certo punto piuttosto che a un altro.

Pronzini – A me impressiona il fatto che sempre più vediamo in ogni ambito, economico e politico, una forma di standardizzazione del gusto e del pensiero: gli stessi centri commerciali, gli stessi ristoranti, gli stessi bar o gli stessi cinema. Si insegna alle nuove generazioni a ripetere quello che altri ti dicono, non c’è più la riflessione critica: chiedere perché, magari dire no. L’uniformità non è cultura, la cultura sta in quelle particolarità che sono anche espressione di un territorio.

Lei che cosa cerca nella cultura?
Ermotti –  Anche se in questo periodo della mia vita non ho ancora il tempo e la disciplina per coltivarla abbastanza, ho sempre desiderato capire la storia. Una volta, avevo 20 anni, ho aperto un biscotto della fortuna cinese che diceva “studia il passato perché ti insegnerà il futuro”. Una frase che sento ancora mia perché, pur non ripetendosi nello stesso modo, la storia ci dà molte indicazioni su come le situazioni possono evolvere.

Pronzini – Se penso anche alle mie responsabilità di padre, approfitto di ogni occasione per conoscere il territorio, con la sua storia e la sua cultura: le vie, i monumenti, le chiese o i musei, le abitudini della gente. E cerco di farlo in modo sostenibile. Pensando ai miei interessi personali, di un luogo nuovo mi interessa conoscere la storia, chi ci vive, quali sono le origini di queste persone, quali le attività che lì vengono svolte.

In che modo tutto questo entra nella sua quotidianità?
Ermotti –  A livello culturale oggi noi immagazziniamo tante informazioni in maniera più o meno consapevole. Io mi ritaglio lo spazio per leggere alcuni articoli o per guardare documentari soprattutto storici, ma sono sollecitato in maniera inconsapevole dall’informazione e dall’interazione con le persone. Penso sia un processo reattivo e proattivo costante. Inoltre, la mia posizione professionale mi permette di entrare a contatto regolarmente con varie forme di cultura grazie alle nostre partnership a livello globale.

Pronzini – Mi ritengo fortunato, per la mia attività professionale e politica devo girare molto. Perciò ho la possibilità di entrare ogni giorno in contatto con vari ambiti e con i loro aspetti anche culturali. In più, trovo sia importante ritagliarsi dei momenti per l’approfondimento di ciò che succede attorno a noi, attraverso le letture e l’aggiornamento. Oggi il giornale si legge anche sul telefonino, ma è una lettura più superficiale.

Ci sono momenti o luoghi privilegiati?
Ermotti –  Sul mio iPad registro programmi televisivi che approfondiscono la storia oppure dei film, e appena ho un attimo di tempo, magari in volo, li guardo. Cerco di crearmi un catalogo di informazioni che mi aiutino ad esplorare il mio desiderio di capire, imparare e conoscere di più. Ammetto che quando posso preferisco dedicarmi ad altre attività, magari andare a sciare, piuttosto che restare a casa a leggere un libro. Il mio desiderio di sapere di più è in contrasto con il fatto che devo incamerare tante informazioni in maniera proattiva durante il giorno. Purtroppo, associo il leggere al lavoro, non al relax. Riesco a cambiare questo atteggiamento solo in vacanza.

Pronzini – Dei momenti importanti per me sono quelli che dedico alle letture con mio figlio. Per un paio d’anni ci siamo letti tutti i libri di Geronimo Stilton: perciò la conoscenza del passato e delle varie civiltà. Ma anche la storia del luogo dove viviamo e di quelli da cui proviene sua madre. Sono momenti importanti, il fatto di avere dei figli ti costringe a un nuovo percorso di sviluppo e di crescita; col vantaggio che è la seconda volta.

Un consiglio per un amico?
Ermotti –  È veramente difficile... Bisognerebbe capire qual è la passione di questo amico. Quel che posso dire è che oggi la tecnologia ci offre la possibilità di avere accesso veloce a moltissime informazioni. Quindi gli consiglierei di capire come usarla e sfruttarla per esplorare i suoi ambiti d’interesse, esaudire i suoi desideri e arricchirsi.

Pronzini – A me spaventa molto questa omologazione delle persone. Ognuno di noi dovrebbe cercare di sviluppare degli anticorpi, per essere il più critico possibile.

E il Ticino, come può evolvere anche attraverso la cultura?
Ermotti –  Bisogna partire dal capire la nostra storia e apprezzare quello che abbiamo, salvaguardando le tradizioni che le generazioni passate ci hanno trasmesso. Imparando dagli errori commessi, non sottovalutando l’oggi creiamo dei buoni presupposti per il futuro. Quando sento parlare di scoperte storiche o archeologiche, mi chiedo: anche noi saremo in grado di trasmettere noi stessi alle generazioni future? Questa domanda è solo uno degli stimoli ad investire nella cultura. È una responsabilità di tutti i componenti della società, sia pubblici che privati.

Pronzini – Oggi non tutti possono permettersi una vita culturale. Molti non possono far avere ai propri figli una formazione musicale che ti permette di evolvere come persona, a meno di contribuire magari a una precarizzazione della società, pagando in nero o sottocosto dei docenti di musica. Sono cose a cui la popolazione dovrebbe aver diritto, indipendentemente dalla sua situazione economica. su questo terreno vi è ancora molto da fare: in Ticino, tutto sommato, prevale una concezione elitaria della cultura.

Molti giovani oggi scendono in piazza per un cambiamento di paradigma economico, politico, culturale. Lei da dove inizierebbe?
Ermotti –  Ritengo che non sia un tema legato solo ai giovani! E se anche lo fosse, avrebbero ragione di sollevare la loro voce in modo critico e costruttivo nei confronti della nostra generazione. I giovani devono invitarci a riflettere sull’eredità che lasceremo, perché rischiamo un conflitto generazionale dovuto agli errori commessi nel presente. È importante però che a queste discussioni partecipino tutti: l’economia, la politica e le persone. Tutti dobbiamo essere consapevoli che con i nostri comportamenti possiamo cambiare tanto. Guardi… (mi mostra tre braccialetti colorati che porta al polso) questi rispecchiano un’iniziativa che Ubs sta sostenendo in collaborazione con Bottletop, un marchio di accessori sostenibili ideatore di 17 braccialetti, riferiti ai 17 obiettivi globali dell’Onu. Io ne ho scelti tre che mi stanno a cuore: no poverty, quality education e questo è life below water, la vita sott’acqua. Un altro esempio di quanto anche i piccoli gesti possono fare la differenza: in banca ho avviato un processo per l’abolizione delle bottiglie di plastica.

Pronzini – Queste mobilitazioni sono benvenute e necessarie, hanno impressionato anche me per la loro ampiezza. Penso che questo sistema economico basato sul profitto personale e su una crescita disordinata crei sofferenza nelle persone e distrugga il mondo in cui viviamo. Io inizierei mettendo in discussione il sistema capitalista, o meglio tutti i sistemi basati sull’interesse di pochi ai danni dei tanti: anche le esperienze dei paesi stalinisti in ambito ambientale non erano certo migliori… Bisogna battersi per una società fondata sulla solidarietà e la giustizia.

Un proposito da realizzare?
Ermotti –  Potrei già partire dalla mia storia… Una cosa che vorrei e che non ho mai fatto è: scrivere ogni sera tre frasi su ciò che è successo nella giornata. Su questo punto devo ammettere una mancanza cronica di disciplina.

Pronzini – Io sono un po’ nostalgico. Una delle tante cose che mi piacerebbe fare, è un tour tra la Germania e l’Austria per riscoprire la culla del movimento operaio organizzato. Ad inizio Novecento era una società nella società, estremamente sviluppata e democratica.

Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved