addio-al-postmoderno
ULTIME NOTIZIE Culture
Società
4 ore

Video on Demand in calo, crescono gli abbonamenti

I noleggi digitali di film sono già diminuiti del 30% tra il 2017 e il 2019, e un calo del 7% è stato registrato anche nel 2020, anno di pandemia
Culture
7 ore

Andri Snær Magnason ospite di ChiassoLetteraria

È l'ospite d'eccezione che completa la programmazione della 15esima edizione, in programma dal primo al 5 settembre 2021 e dal titolo ‘Pianeta Proibito’. 
Società
7 ore

Fine risorse naturali: il 29 luglio è l'Earth Overshoot Day

L'anno scorso fu il 22 agosto; nel 1970, il 29 dicembre. Da domani, giovedì 29 luglio, il pianeta va in credito sulle risorse dell'anno successivo
Cinema
8 ore

Festival Film Friburgo post-pandemia: 'Più forti: ora il futuro'

È l'attitudine che accomuna il presidente Mathieu Fleury e il direttore artistico Thierry Jobin, con gli occhi alla 36esima edizione, dal 18 al 27 marzo 2022
Società
10 ore

Linguaggio di genere: alla Srf segni speciali solo per giovani

Formulazioni quali "Parlamentarier:innen" e "Politiker:innen" saranno usate solo laddove ci si rivolga a un pubblico giovane, più abituato al linguaggio di genere
Musica
13 ore

Addio a Joey Jordison, co-fondatore degli Slipknot

Nel 2013, batterista e band presero strade diverse. Dopo la separazione, Jordison annunciò di avere un disturbo del sistema nervoso
Cinema
14 ore

Da Universal 400 milioni di dollari per un nuovo 'Esorcista'

Ellen Burstyn, candidata all'Oscar nel 1973, torna nel ruolo di Chris MacNeil. Non è un remake, piuttosto un seguito. E nessuno ha chiamato Linda Blair...
LongLake Festival
14 ore

Zappa Quartet, Through Sound, Broggini & Friends. E anche Dante

Da stasera con la BandaDante, spettacolo-omaggio al Sommo Poeta, fino a una domenica primo agosto di classica e musica irish
Ticino Musica
14 ore

Il 'Concerto al tramonto', la prima di Massagno (e il resto)

Venticinquesima edizione al rush finale: Animato Kwartet a Monte Carasso; a Massagno l'omaggio a Sofia Gubaidulina
Spettacoli
1 gior

Maybe a concert: Raissa Avilés aprirà la stagione del Sociale

Aperta la prevendita per il concerto che si terrà il prossimo 25 settembre a Bellinzona
Spettacoli
1 gior

Addio a Gianni Nazzaro, cantò l'amore negli anni 70

Tra le sue hit Quanto è bella lei. La rivalità con Ranieri
Scienze
1 gior

Clima, record di caldo dovuti alla velocità dei mutamenti

È quanto indica uno studio del Politecnico di Zurigo. La terra si riscalda molto rapidamente, i precedenti primati cadranno con maggior frequenza.
Culture
2 gior

Associazione Nel, una rassegna per rinascere

La nuova proposta si aprirà a fine agosto con la rassegna di videoarte Illuminating, poi incontri e attività in collaborazione con LongLake Festival e L’Ideatorio
Spettacoli
2 gior

Venezia: madri coraggio e tanta politica alla Mostra

Il cartellone di Venezia 78 presentato dal direttore artistico Alberto Barbera. Fuori concorso ‘Ariaferma’ di Leonardo Di Costanzo, coprodotto da Amka
Spettacoli
2 gior

Locarno74, il primo Kids Award a Mamoru Hosoda

Un nuovo premio al Festival: il Locarno Kids Award la Mobiliare sarà consegnato il 9 agosto al maestro dell'animazione giapponese
Teatro San Materno
2 gior

Leo Pusterla, là dove tutto è (ri)cominciato

Il 4 luglio 2020, con papà Fabio, la prima uscita dal lockdown. Il 28 luglio alle 18.30, nello stesso posto, Terry Blue in duo per un elettronico 'Only To Be There'
Cinema
3 gior

Omaggio a Villi Hermann al San Giò Verona Video Festival

Dopo le Giornale cinematografiche di Soletta, una selezione dei film della Imagofilm Lugano sarà proiettata anche durante la rassegna veronese
Ticino Musica
3 gior

Anna Talácková: 'Il flauto è la risposta a tutti i miei dubbi'

A colloquio con la flautista ceca. Il suo recital, martedì 27 luglio nell’Aula Magna del Conservatorio con la collaborazione della pianista Marta Cencini
Ceresio Estate
3 gior

Trio Torrello, un viaggio musicale con Hermann Hesse

Giovedì 29 luglio alle ore 20.30 a Montagnola, Valentina Londino alla voce, Tommaso Maria Maggiolini al flauto e Nicolas Mottini al pianoforte
Ticino Musica
3 gior

Adrian Oetiker per due giganti dell'Ottocento

Il pianista svizzero in Conservatorio lunedì 26 luglio alle 21, per suonare Schubert e Liszt: 'Molto diversi tra di loro, ma con somiglianze affascinanti'
Cinema
4 gior

L'Africa trionfa ancora a Friburgo: vince 'La Nuit des Rois'

Il 35esimo Festival internazionale del film di Friburgo (Fiff) incorona la fiaba ivoriana di Philippe Lacôte
Figli delle stelle
4 gior

David Crosby, finché c'è tempo

David Crosby, ‘For Free’ (Three Blind Mice, Inc.) - ★★★★★ - Dalla botta di vita al trapasso, un superbo volo a planare (con amici)
Culture
4 gior

Môtiers, 'Art en plein air' parla anche ticinese

Ivo Soldini e Marta Margnetti tra gli espositori della mostra di sculture all’aperto più famosa in Svizzera, aperta sino al 20 settembre
Libri
4 gior

'E poi saremo salvi', vite vissute in bilico

Attraverso gli occhi della piccola Aida, la storia di una famiglia di rifugiati bosniaci: è il libro d'esordio di Alessandra Carati, Premio Viareggio Rèpaci
Spettacoli
5 gior

'L'anno che verrà', Servillo-Girotto-Mangalavite suonano Dalla

Dal vivo sabato 24 luglio alle 21 nell'Agorà del Lac per la stagione en plein air
Culture
5 gior

A Carmelo Rifici il Premio Radicondoli per il teatro

Assegnato a Maestri che si sono distinti nel donare esperienza e saperi attraverso il loro operato. La consegna domenica 25 luglio al Radicondoli Festival 2021
Spettacoli
5 gior

La Francia piange Jean-Yves Lafesse, re dello scherzo tv

Viene considerato tra i precursori delle gag con telecamera nascosta e degli scherzi telefonici. Iniziò negli anni 80 con l'avvento delle radio libere.
Libri
5 gior

Obama-Springsteen, dal podcast al libro

'Renegades: Born in the Usa' esce in contemporanea mondiale il 26 ottobre 2021, con immagini e racconti esclusivi di vita
Spettacoli
5 gior

Se sarà richiesta la vaccinazione, Eric Clapton non suonerà

Slowhand, che ha parlato della sua pessima esperienza con AstraZeneca, reagisce alle direttive di Boris Johnson: 'Mi riservo di poter cancellare gli show'
Pensiero
30.12.2017 - 10:480
Aggiornamento : 13:00

Addio al postmoderno

“È la post-verità, bellezza, e tu non ci puoi fare niente”. Parafrasando Humphrey Bogart in un vecchio film, potremmo riassumere così la nostra epoca che sembra aver smesso di credere non solo nella verità oggettiva o nel fatto che la storia abbia un senso, ma anche in valori universali etici ed estetici.
Non ci sono fatti, né scientifici né morali, tutto è interpretabile e, alla fine, qualsiasi cosa può andar bene: è la versione popolare, a tratti populista, di alcune importanti correnti filosofiche, come il pensiero debole e il relativismo, che hanno segnato il Novecento, il secolo del postmoderno, e delle quali è forse arrivato il momento di sbarazzarsi. Tornando al realismo, come propone il “nuovo realismo” difeso, tra gli altri, da Maurizio Ferraris, o più in generale a quei valori della modernità che il postmodernismo ha rigettato. Riscoprendo quella che, parafrasando questa volta ‘La condizione postmoderna’ di Lyotard, potremmo chiamare ‘La condizione neomoderna’, come da titolo del saggio del filosofo Roberto Mordacci (Einaudi 2017). Tornare alle idee chiare e distinte con cui Cartesio aveva dato il via a un nuovo modo di filosofare, tornare al metodo critico basato su argomenti perché – è una delle tesi del saggio – il postmodernismo nasce in parte da un equivoco, attribuendo a tutta la modernità le degenerazioni ottocentesche di un sapere che si pretende assoluto e totale – confondendo in poche parole il razionalismo con l’idealismo e l’illuminismo con il positivismo. Un errore che impedisce ai postmodernisti di analizzare efficacemente la situazione presente.

Roberto Mordacci, possiamo dire che la proposta del saggio è più storiografica che teorica? Nel senso che non c’è la proposta di una filosofia che sostituisca il postmodernismo, perché queste filosofie in parte già ci sono, ma c’è un invito a ripensare la nostra società senza le categorie del postmoderno.
Sì, anche se la tesi del libro, più che storiografica, direi che è quasi sociologica, di sociologia della cultura. La nostra condizione non solo non è più descrivibile con le categorie del postmoderno, ma ha cominciato a descriversi in un modo diverso, anche se non si è ancora dato un nome.
Dal punto di vista culturale è un cambio significativo. Che a mio modo di vedere sostiene una proposta teoretica: in questo momento si avverte il bisogno di una teoria nuova, scritta quasi ex novo, come lo erano quelle della modernità. Personalmente ho la mia teoria, una ripresa del pensiero critico a partire dal concetto di persona, ma non è la sola, è anzi una delle tante teorie che spero si affermino e che rimettono al centro la questione del reale, del canone estetico, del canone morale, del canone epistemico…

‘La condizione neomoderna’ si ferma comunque prima di questa proposta concreta.
Sì, un po’ perché un profilo, anche se ancora abbozzato, del personalismo critico l’ho scritto nel libro precedente, ‘L’etica è per le persone’, pubblicato da San Paolo, nel quale metto al centro le ragioni personali come ragioni decisive sia in campo morale sia in campo cognitivo. È un modo di intercettare una reale interazione col mondo, al di là dello schema scettico esasperato o di quello ermeneutico esagerato che sono tipici del postmodernismo.

Approccio scettico ed ermeneutico che, si afferma in ‘La condizione neomoderna’, sono inadeguati a descrivere la nostra società. Eppure, nell’era della post-verità, che cosa meglio del postmodernismo può aiutarci a comprendere quello che accade?
Ma la post-verità è proprio il frutto avvelenato e direi postumo del postmodernismo.
Mi spiego meglio. Abbiamo avuto quasi un secolo di cultura alta – prima la critica letteraria, poi l’arte, la filosofia eccetera – che è andata ripetendo che la verità è finita, che la metafisica è violenza, che l’idea stessa di avere valori morali è intollerante e così via. Questa onda della cultura alta si è riversata sulla cultura bassa con effetti devastanti.
L’arte in questo è stata un veicolo molto efficace: un certo Kitsch, un certo gusto per la provocazione fine a sé stessa, al valorizzare il brutto come emblema della fine di ogni pretesa veritativa o estetica dell’arte. E la televisione ha portato all’estremo questa deliberata scelta di cancellare l’alto per mettere tutto al livello più basso possibile.
Alla fine, l’idea stessa che ci siano dei fatti risulta, per tutti, irrilevante…

Stiamo arrivando a uno dei punti più delicati del ragionamento: il passaggio dalla riflessione filosofica al sentire comune. Perché quando si dà la colpa della post-verità al postmodernismo, penso sempre a Trump che legge Lyotard o Derrida, ed è un’immagine un po’ stonata…
Ma Derrida, Lyotard, Vattimo, Bauman e così via hanno sdoganato questo modo di pensare nella cultura media che prima invece restava vicina ai valori moderni e, quando saltava fuori qualche idea oggettivamente sbagliata, interveniva. Quindi non è che le masse hanno letto Lyotard, è che si sono sentite autorizzate dai giornali, dalla televisione, dalla radio, da internet, da chi detiene un po’ di cultura a dire “ma tutto va bene, è tutto uguale, uno vale l’altro perché non c’è nessun criterio”, dando il via a idee populiste e antiscientifiche.

E infatti, se guardiamo a movimenti come quello antivaccini, troviamo soprattutto persone mediamente istruite…
Certo: non avremmo avuto un caso vaccini se da cinquant’anni la cultura non dicesse “la scienza è pura opinione”, se non ci fossero stati gli epistemologi post-strutturalisti, i lettori di Lyotard e Foucault – anche se quest’ultimo non era per niente postmodernista – a dire che “la scienza è un’ideologia come un’altra”… È un’ideologia, ma non è affatto come le altre! Il fatto che la scienza sia criticabile – perché ci sono nuove scoperte, perché ci sono le rivoluzioni scientifiche alla Kuhn e anche perché ci sono le frodi e i conflitti di interesse – non significa che sia semplicemente un’opinione alla quale si possa contrapporre una qualsiasi altra opinione. Il metodo logico e il confronto con l’esperienza sono criteri più solidi del relativismo. 

Un rifiuto delle narrazioni della modernità che porta, forse paradossalmente, al ritorno ad altre narrazioni identitarie e nazionalistico-religiose…
Una reazione fortissima, e lo spiega molto bene nel suo ultimo libro, ‘Retrotopia’, Zygmunt Bauman, autore con cui non sono d’accordo praticamente su nulla, ma la cui diagnosi – come del resto quella di molti postmodernisti – non è completamente sbagliata.
Il tema del libro di Bauman, che lui riprende da Svetlana Boym, è l’epidemia di nostalgia nel mondo contemporaneo. Lo vediamo nel ritorno al tribalismo: l’individuo si percepisce come completamente avulso dallo stato e allora per darsi una identità si affida alla tribù e alla nostalgia del tempo mitico della fondazione. Non c’è alcun Leviatano, cioè alcuno stato che possa garantire pace e sicurezza, e quindi – afferma Bauman – si ritorna allo stato di natura.
Solo che Bauman, nell’ultimo capitolo, tira fuori che l’unica alternativa è il dialogo, e inizia un esagerato peana verso Papa Francesco… ma se tu hai scritto per tutta la vita che non ci sono pretese, che la società è liquida, che la cultura deve essere liquida, che non ci può essere niente di solido, nessun argine razionale o strutturale nell’approccio con l’altro, il tuo appello al dialogo è spuntato. Papa Francesco lo può fare perché ha dietro una rivelazione e un dogma, ma se togli questo fondamento o fai il gesto fideistico – e dipende con chi finisci – oppure hai bisogno, se non proprio di idee chiare e distinte, quantomeno di un criterio di riconoscimento del falso, del contraddittorio, del confuso. Che è quello che la modernità ha cercato fuori delle religioni, anche se senza escludere affatto l’esperienza religiosa.

Credo che questo sia un punto centrale, perché i postmodernisti sostengono che, al contrario, vi possa essere dialogo solo se rinunciamo alle nostre certezze assolute.
Ma il dialogo lo hai se rinunci alla violenza. E rinunci alla violenza se e solo se confidi almeno minimalmente nella ragionevolezza del confronto linguistico e dialettico. Il che comporta che nessuno possieda la verità – e questo lo ha detto la modernità – e che ciascuno sia chiamato all’esercizio razionale della critica. Se tu invece dici che non c’è alcun esercizio razionale che conduca non dico alla verità ma a un accordo, a qualcosa che possiamo ritenere condiviso fino a prova contraria, allora non esci mai dall’orizzonte della violenza. Il dialogo, nel postmodernismo, è impossibile: se nessuna verità è possibile per nessuno e ogni opinione ha lo stesso valore, come facciamo a parlare?

Un minimo di certezza di cui, si afferma nel saggio, si inizia ad avvertire il bisogno.
Il postmodernismo adesso è arrivato alle masse e per un po’ di anni continueremo ad avere questi movimenti fideistico-irrazionalistici, dal nazionalismo tribale al relativismo esasperato. Ed è un momento molto pericoloso. Ma le classi colte hanno iniziato a capire che così non va, e hanno cominciato a chiedere qualche punto irrinunciabile: un minimo di tolleranza, di dignità umana, di giustizia, di solidarietà, quelle cose che stanno scritte ad esempio nel Trattato di Nizza. È un cambiamento importante, che vedo dal mio punto di osservazione che sono gli studenti. Quindici anni fa arrivavano al primo anno di Filosofia completamente nichilisti e relativisti. Negli ultimi cinque anni la situazione si è completamente capovolta: ho studenti che arrivano con un bisogno spasmodico di certezze, se non già carichi di certezze loro, e se per caso fai un po’ il relativista ti saltano addosso, irritati dall’atteggiamento della nostra generazione, svagato e non impegnato verso le cose che contano.

Ripartire, ma tenendo comunque presente le critiche dei postmodernisti, oppure non si salva niente?
Non dovremmo commettere gli errori commessi nell’Ottocento che è stato un detour, un tradimento rispetto al progetto della modernità, progetto che fino al Settecento non era fare della scienza l’unico sapere valido, o della filosofia speculativa l’unico sapere totalizzante. Era un progetto critico, sui limiti di quel che possiamo sapere e di quello che possiamo sperare.
Il postmodernismo dovrebbe averci un po’ vaccinato contro la pretesa che uno di questi metodi – la scienza empirica o il concetto – cerchi da solo di squadernare l’intero. O almeno che, insieme all’ambizione di squadernare l’intero, ci sia anche la consapevolezza di porsi come un tentativo, mentre l’impressione, con l’idealismo di Hegel o il positivismo di Comte, è di un “arrivati a questo momento della storia non si può che pensare in questo modo, che questo è il compimento della libertà, o che il metodo scientifico spazza ogni cosa”. Nel neomoderno si riapre la possibilità di pensare e, anzi, si fa urgente la necessità di farlo in modo criticamente consapevole.

Ingrandisci l'immagine
© Regiopress, All rights reserved