in-concorso-l-oriente-che-non-t-aspetti
Da ‘Ariyippu’ (Declaration), di Mahesh Narayanan
ULTIME NOTIZIE Culture
Culture
2 ore

La lettera di Galileo del Michigan è un falso degli anni 30

Fu creato da un celebre contraffattore milanese che per anni ha sfornato ‘autografi d’autore’ per mantenere le sue sette amanti
Estate giallo-nera
10 ore

‘Quer pasticciaccio’ di Carlo Emilio Gadda

‘Quer pasticciaccio brutto de via Merulana’, 1957: scrittura che corre da ferma, personaggi promossi protagonisti appena nominati, spregiudicatezza
Culture
1 gior

‘Vento di vita vera’ a Moghegno, con musiche di Marco Zappa

Il film di Kurt Voller in anteprima sabato 20 agosto in piazza. La colonna sonora è del ticinese, atteso giovedì 18 agosto a Brusino Arsizio in Trio
Culture
1 gior

In Portogallo torna una vecchia antologia di Pessoa

Prima la biografia di Richard Zenith, ora l’antologia a cura dell’amico poeta e saggista Adolfo Casais Monteiro
Libri
1 gior

Il pane nell’arte, l’arte del pane

‘PaneArte’ (Dadò), interessante, anche se non esaustivo, cammino attraverso l’arte che si occupa del pane
Culture
1 gior

La Compagnia Tiziana Arnaboldi danza per Marguerite Arp

La Fondazione Marguerite Arp rende omaggio alla sua fondatrice sabato 20 e domenica 21 agosto alle 17, con una prima assoluta nel Ronco dei Fiori
Spettacoli
1 gior

Addio a Wolfgang Petersen, diresse ‘La storia infinita’ e ‘Troy’

Il regista tedesco aveva 81anni. Fra gli attori da lui diretti, Clint Eastwood, Dustin Hoffman, George Clooney, Harrison Ford e Brad Pitt
Spettacoli
1 gior

Manupia, tutti gli ‘Hit Single’ dal vivo ad Ascona

Alle 18, nel rinnovato ristorante/bar Al Torchio di via Borgo 47, la collaudata band ticinese dal vivo
Locarno75
laR
 
04.08.2022 - 22:42
di Ugo Brusaporco

In concorso l’Oriente che non t’aspetti

Da India e Malesia sono arrivati rispettivamente ‘Ariyippu’ (Declaration) di Mahesh Narayanan e ‘Stone Turtle’ di Ming Jin Woo.

Due film aprono il Concorso di questo Festival Film Locarno che festeggia i suoi primi 75 anni. Da India e Malesia sono arrivati rispettivamente ‘Ariyippu’ (Declaration) di Mahesh Narayanan e ‘Stone Turtle’ di Ming Jin Woo. Il primo è un film ambientato nel recente tempo della pandemia che, come afferma il regista: "Ha provocato in India una vera esplosione delle comunicazioni internet e degli altri media legati ai telefonini, una mania che ha invaso tutte le sfere sociali soprattutto le più deboli e fragili, e questo togliendo spazio a più efficaci comunicazioni personali". Al centro del film, infatti, c’è un video fatto sul lavoro a una giovane sposa e poi manipolato al punto di farla apparire nell’atto di compiere un gesto sessuale orale. Naturalmente, il video viene diffuso, ma quel che è più grave per la giovane è che proprio suo marito lo crede vero. I due sono operai migranti che dal Kerala si sono spostati nel più industriale nord, a Delhi, dove lavorano in un guantificio per uso clinico; vanno dalla Polizia, visitano lei per vedere se ha subito violenze, e chiedono al marito di non fare denuncia; lei insiste per farla, lui la offende, la picchia; lei lo lascia, la loro storia è finita. Lui piange, lei vuole la sua dignità, non c’è più spazio per perdonare.

Film amaro sul mondo operaio e sulle donne in un mondo misogino, lei è la bravissima Divya Prabha, lui l’altrettanto bravo Kunchacko Boban. Hanno lavorato spesso con la mascherina, lasciando agli occhi il compito di dire emozioni. Da applausi. Il regista Mahesh Narayanan ha dichiarato sul catalogo: "Nei rapporti umani ci sono dei fattori sempre in gioco per conservare le dinamiche di potere dello status quo. Qual è il discrimine fra ciò che si può perdonare e l’imperdonabile?". Allo spettatore o alla spettatrice la risposta.

Su un altro campo ci porta Ming Jin Woo con il suo ‘Stone Turtle’, Qui incontriamo il destino di una giovane donna che si porta il peso di essere stata violentata bambina (una straordinaria Asmara Abigail), e di avere per questo partorito una bimba. Bimba che sua sorella aveva voluto dire sua, per evitarle le reazioni familiari. Ma proprio per questo la sorella era stata uccisa brutalmente dal padre. Fuggite insieme, la giovane donna e la bambina erano restate zia e nipote, ed erano finite su di un’isola con altre poche donne che sopravvivevano vendendo uova di tartarughe. Il regista intervalla una vicenda che si sviluppa nel continuo loop continuo con un disegno animato che racconta di una tartaruga diventata di pietra, e di come l’amore impossibile da realizzare lo riporta alla vita. È un’antica leggenda malese ed è la parte più delicata di un film profondamente violento, dove tutto è portato all’estremo, dove la realtà si confonde con la magia di un vivere dove tutto è possibile, anche diventare fantasmi, anche sopravvivere per suicidarsi. Cinema che vuole solo essere visto.

Seleziona il tag per leggere articoli con lo stesso tema:
concorso india locarno 75 mahesh mahesh narayanan malesia
Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved