ULTIME NOTIZIE Culture
Spettacoli
1 ora

Punkreas, Mata Hari e 52 sul palco del Foce

Nei prossimi giorni, lo Studio luganese ha in cartellone due spettacoli con la Compagnia Finzi Pasca e il teatro Paravento e il concerto punk
Società
2 ore

I media online sono più influenti della tivvù

Per quanto riguarda la rilevanza sulla formazione delle opinioni le testate cartacee scivolano in coda alla classifica, dietro a radio e social media
Culture
6 ore

Come ‘Ritornare in sé’ (dialogo tra economia e filosofia)

Christian Marazzi e Fabio Merlini discutono gli effetti delle odierne forme di produzione di ricchezza sulle nostre vite, a partire dal libro del secondo
Spettacoli
6 ore

È morta Kirstie Alley, star di ‘Cheers’ e ‘Senti chi parla’

Aveva 71 anni e di recente aveva scoperto di essere malata di cancro. Con la serie tv conquistò il suo primo Emmy nel 1991
L’intervista
9 ore

Ma tu lo sai almeno cosa è uno stupro?

A colloquio con la scrittrice Valentina Mira, ospite di un incontro a Bellinzona dove si è discusso di violenza di genere e del concetto di vittima
Spettacoli
19 ore

Dalla corsa di Dix alla vita di Foer, con la musica di Savoretti

Tre appuntamenti con altrettanti ospiti d’eccezione per Lugano arte e cultura dal 13 al 17 dicembre prossimi, sempre alle 20.30
Arte
20 ore

Tradizione e sperimentazione nelle opere di Mattia Barbieri

L’artista lombardo sarà l’ultimo ospite dei Visarte Talks di quest’anno. L’appuntamento è per il 6 dicembre, dalle 18.30, allo Studio Foce di Lugano
Spettacoli
1 gior

Parigi conta i giorni per la riapertura del Grand Rex

Dopo un restauro durato tre anni torna a splendere lo storico cinema indipendente dalla facciata Art déco fondato l’8 dicembre 1932
Società
1 gior

Clooney, vittima di sessismo: ‘Mi davano schiaffi sul sedere’

L’attore americano sessantenne ha confessato di essere stato ‘oggettificato’ durante le riprese di una sitcom
Illustrazione
1 gior

Cesare Lombroso e la fissa per il cranio

La controversa figura del medico, antropologo e criminologo è raccontata dal volume illustrato di Stefano Bessoni. Ma non è un libro per bambini.
Letteratura
1 gior

Addio allo scrittore francese Dominique Lapierre

Autore del best-seller ‘La città della gioia’, dalla Francia all’India, raccontava gli ultimi. È morto all’età di 91 anni.
Società
1 gior

Gli italiani? Un terzo della vita lo passano online

Trent’anni (su una speranza media di 82 anni) vengono spesi in rete. Lo indica un’indagine del servizio virtuale NordVpn
Spettacoli
1 gior

Sanremo da Giorgia ai Cugini di campagna (avete letto bene)

Oxa, Mengoni, Grignani, Paola e Chiara, Elodie, Madame, Articolo 31, Ultimo. Amadeus annuncia i primi 22: presto altri 6 nomi da Sanremo Giovani.
la recensione
1 gior

Silvio Orlando torna bambino a Parigi-Belleville

L’attore e regista ha portato lo spettacolo tratto dal romanzo di Émile Ajar sul palco del Teatro di Locarno, sabato 3 dicembre. In replica domenica 4.
Libri
2 gior

‘L’autunno in cui tornarono i lupi’, storie di uomini e animali

Mario Ferraguti entra nelle teste di entrambi e dipana pensieri reconditi, elabora cause ed effetti, svela un legame arcaico e complesso.
Società
2 gior

A New York la palma di città più cara al mondo

La Grande Mela soffia il primato (durato un anno) a Tel Aviv, che scivola sul terzo gradino del podio, preceduta anche da Singapore
Società
2 gior

A come... abbronzatissimi. Anzi no: lo dice Tik Tok

Allarme per incidenza record di cancro alla pelle in Australia, e il social network censura sfide e video... roventi
Microcosmi/Microcinema
3 gior

Il cinema, la Valle, la Finlandia

Storie di architettura al Cine-Teatro Blenio, dove s’incontrano Giampiero Cima, Alvar Aalto e Aki Kaurismaki
Spettacoli
3 gior

Per i Guns N’ Roses solo rose, niente pistole

La popolare band fa causa a un negozio di armi online reo, a suo dire, di averne plagiato il nome
Musica
3 gior

Glastonbury per l’addio di Elton John in Gran Bretagna

Sir Elton ha scelto la kermesse estiva come ultima tappa britannica del suo Farewell Yellow Brick Road
Culture
3 gior

‘Orizzonti filosofici’, è la volta di Eugenio Lecaldano

Martedì 6 dicembre alle 20 al Centro Leoni a Riazzino, il noto filosofo italiano tratterà la concezione dell’identità personale secondo David Hume
Culture
3 gior

Addio a Vittorio Barino

Regista di teatro e di televisione, legato tanto al dialetto quanto alla lingua italiana, è morto all’età di 87 anni. Il ricordo di Flavio Sala
Spettacoli
3 gior

Lugano applaude Umberto Tozzi, una canzone è per sempre

Tutte le strade portano sempre a ‘Gloria’, alla quale il ‘Gloria Forever Tour’ è dedicato: canti di gruppo e, alla fine, Palacongressi in piedi
Musica
laR
 
24.11.2022 - 05:30
Aggiornamento: 15:43

‘Le Quattro Stagioni’ di Antonio Vivaldi

Almeno ventotto composizioni del compositore e violinista italiano portano un titolo specifico che si richiama ad evocazioni naturalistiche

di Carlo Piccardi
le-quattro-stagioni-di-antonio-vivaldi
Wikipedia
Vivaldi, olio su tela del 1723

Nel vastissimo ambito dei concerti vivaldiani non pochi sono i momenti in cui il musicista ha deliberatamente espresso il suo interesse per l’"imitazione della natura". Almeno ventotto composizioni portano un titolo specifico che si richiama ad evocazioni naturalistiche (Alla rustica, La Tempesta di Mare), a condizioni d’animo (L’amoroso, L’inquietudine, Il sospetto) oppure a intenzionali delimitazioni stilistiche (Madrigalesco, Concerto funebre), sulla base di una consuetudine di origine rinascimentale che fino all’Ottocento mantenne viva nella teoria sull’arte dei suoni la contraddizione tra musica considerata nei suoi valori autonomi di linguaggio che nel proprio ordine interno esaurisce le sue finalità espressive e musica adibita a rispecchiamento di realtà ad essa esterne sviluppando particolari capacità mimetiche. Potrà stupire che, a più di un secolo di distanza dalla critica lanciata da Vincenzo Galilei (Dialogo della Musica Antica et della Moderna, 1581) contro gli eccessi del descrizionismo nei madrigali del tempo, sopravvivesse il gusto di una musica fondata su principî di rappresentazione.

La regola imposta dall’avvento del melodramma per cui la musica si pose al servizio della parola aveva contribuito a vincolarla maggiormente al concetto di arte intesa come "imitazione della natura". E se all’origine tale concetto venne attuato nella sua accezione più profonda di "muovere gli affetti", ben presto la standardizzazione del modello operistico provocata dallo sviluppo di un apparato imprenditoriale che ne accentuava l’aspetto spettacolare lo ricondusse a formulazioni che intendevano l’"imitazione" nel senso più immediato, più elementare e anche più deteriore. Se nel melodramma lo sviluppo delle capacità "imitative" dell’orchestra trovava una propria precisa ragion d’essere nella divisione dei compiti imposta da una struttura drammatica distribuita su vari elementi, i tentativi di introdurre il concetto di "imitazione della natura" nella musica strumentale, chiamata a risolvere il problema espressivo in piena autonomia, si rivelarono assai problematici. Potrà servire da esempio il fatto che nel 1765 Michel Corrette fece eseguire un Motet à Grand Choeur arrangé dans le Concerto de Printemps di Vivaldi sul testo del Laudate Dominim de Coelis, dimostrando quanto insoluta rimanesse l’ambizione di vincolare la musica a un inequivocabile modello descrittivo. Quale valore poteva infatti possedere la meticolosità con cui Vivaldi si applicò a commentare sulla partitura le varie fasi de ‘Le Quattro Stagioni’ con i versi dei rispettivi "sonetti dimostrativi" quando poi la stessa musica poteva essere tranquillamente destinata a scopi di celebrazione religiosa che prescindevano totalmente dal primo assunto? È infatti fuori dubbio che il musicista, ispiratosi già in altre composizioni a spunti naturalistici, intendesse attuare nel ciclo dei concerti delle Stagioni un tipo di aderenza al soggetto molto stretto e analitico. Nella dedica al Conte di Marzin dell’op. VIII, di cui i quattro concerti de ‘Le Stagioni’ fanno parte, si legge «... che ho stimato bene stamparle perché ad ogni modo che siano le stesse pure essendo queste accresciute, oltre ai sonetti con una distintissima dichiarazione di tutte le cose, che in esse si spiegano, sono certo, che le giungeranno, come nuove».

Che cosa in realtà distingue le citate composizioni dagli altri concerti vivaldiani? Se ci affidiamo unicamente all’ascolto e se prescindiamo dai rari momenti scopertamente mimetici (ad esempio l’imitazione degli uccelli nel primo tempo de La Primavera), la fattura di questo ciclo non si differenzia sostanzialmente dal modello rispettato altrove, la cui immutabilità ha fatto dire malignamente a Stravinsky che Vivaldi avrebbe musicato seicento volte lo stesso concerto. Per quanto l’imitazione pretenda di svolgersi atomisticamente seguendo un decorso in cui una fase si giustappone all’altra, determinato da una lettura ‘lineare’ dei ‘sonetti dimostrativi’, tale procedere analitico viene annullato dall’unitario contesto stilistico entro cui si configura l’intera materia. Il concerto vivaldiano, preceduto in questa direzione dall’esperienza di Giuseppe Torelli, aveva realizzato un modello di alto equilibrio formale raggiunto nell’ormai definitiva articolazione in tre movimenti, capace di fissare una trasparente armonia di proporzioni e spinto fino ai minimi dettagli nella chiara delimitazione tematica di ritornello orchestrale e parte solistica. Da quando la musica strumentale si era liberata dalla stretta dipendenza dai ritmi di danza (suite) questo fu il primo modello di organizzazione formale in condizione di assicurare alla musica strumentale una piena autonomia e una compenetrazione di significati non solo nel senso dell’abbandono del sostegno della parola (cantata, melodramma), ma soprattutto nel senso di un’articolazione capace di fondere formulazioni stilistiche precedentemente tenute distinte l’una dall’altra (le forme organistiche della toccata, della fuga ad esempio oppure i momenti della suite, corrente, ciaccona ecc. che si richiamavano alla danza).

L’aspetto risolutivo del concerto italiano gli assicurò la portata in un’Europa che intravedeva nel modello l’ormai raggiunta capacità della musica di comunicarsi in pienezza di significati, aderente a un modo di sentire meno sovrastato da schemi formali astratti e aperto ai moti spontanei individuali. Johann Joachim Quantz, musicista e teorico di una generazione posteriore, così forniva le regole di composizione del concerto in stile italiano: "Le parti a solo devono essere cantabili, d’altra parte la leggiadria dev’essere curata con passaggi brillanti, melodici, armonici ma adatti allo strumento, e, per tener vivo il fuoco fino alla fine, devono essere alternati da brevi, vivaci frasi con tutta l’orchestra di grande bellezza". Con ciò erano raggiunte le premesse del moderno linguaggio musicale drammaticamente articolato. E con ciò veniva allargato l’ambito espressivo di fronte al quale qualsiasi pretesa d’imitazione naturalistica non poteva che agire come limitazione. Ciò spiega il modo in cui Vivaldi attuò il programma descrittivo ne ‘Le Quattro Stagioni’, il cui aspetto analitico sfugge all’ascolto per realizzarsi nella misura in cui i suoi lineamenti generali riescono a correre paralleli al decorso musicale precostituito. Un paragone con i madrigalisti cinquecenteschi, che adattavano i termini del loro linguaggio all’evocazione diretta di immagini sonore naturalistiche, rivela in Vivaldi l’operazione esattamente opposta. Nel musicista veneziano gli spunti mimetici non sono "serviti", bensì "servono" il discorso musicale obbedendo alle esigenze della sua articolazione fino ad annullarsi nel suo interno. L’impetuosa animazione del vento e lo scoppio del temporale nel concerto de ‘L’Estate’ si lasciano, è vero, riconoscere per il luogo comune stilistico con cui venivano rappresentati nei commenti orchestrali alle trame operistiche, ma perdono la loro componente rappresentativa nell’autonoma dinamica del modello concertante che li evidenzia quel tanto che basta a permettere loro di operare quali essenziali elementi di contrasto in una struttura che sull’opposizione di blocchi sonori differenziati aveva fondato la propria ragione d’essere.

In conclusione, il vecchio ideale dell’"imitazione della natura" qui è ridotto a puro ornamento, mentre da un punto di vista strutturale perde l’ultima motivazione. L’unico momento in cui tale principio ritrova la propria convincente efficacia è l’Adagio de L’Autunno, nel quale la rarefatta dilatazione dei valori temporali e la colorazione languida degli accordi diminuiti fermano il tempo in attonita contemplazione non solo riferibile all’episodio descritto degli "ubriachi dormienti", ma più profondamente sentito come stato di intimo sentire che si può collegare alle vette espressive del madrigalismo cinquecentesco (quello che annunciò la seconda pratica monteverdiana) e, al limite, all’"imitazione della natura" come verrà intesa in senso più complesso e più maturo nella "musica a programma" dell’Ottocento.

Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved