England
1
Croazia
0
fine
(0-0)
Austria
Macedonia del Nord
18:00
 
DJOKOVIC N. (SRB)
0
TSITSIPAS S. (GRE)
2
3 set
(6-7 : 2-6 : 5-2)
locarno-la-rivoluzione-di-un-festival-ibrido
Raphaël Brunschwig e Simona Gamba, direttore e vicedirettrici operativa (Foto Ti-Press e Sabine Cattaneo)
ULTIME NOTIZIE Culture
Giornalismo
1 ora

Atg alle autorità: 'Organi di stampa sopportati più che aiutati'

'Accusare la stampa di alimentare sospetti, come fatto venerdì da Norman Gobbi - scrive l'Atg - significa non riconoscere ai media il loro ruolo: porre domande'
Scienze
4 ore

È morto Eiichi Negishi, Nobel per la Chimica nel 2010

Lo scienziato giapponese fu premiato per i suoi studi sul palladio, da cui una tecnica ancora oggi utilizzata in ambiti farmaceutici, agricoli ed elettronici.
Video
Musica
5 ore

L'inno degli europei è un plagio dei Pinguini Tattici Nucleari?

I fan dei bergamaschi segnalano che molto di 'Ringo Starr' starebbe in 'We Are The People' di Bono e The Edge degli U2 con Martin Garrix
L'intervista
Arte
6 ore

La creatività della tradizione, dall’antichità al design

Il m.a.x. museo di Chiasso ospita Fabio Novembre, autore delle poltrone Nemo che completano la mostra ‘La reinterpretazione del classico’
Culture
1 gior

Il viaggio di un giovane ticinese in Unione Sovietica

Lo scrittore Marco Fantuzzi ripercorre, partendo da un suo diario ritrovato, un soggiorno di gioventù nella Russia comunista
Culture
1 gior

I Pulitzer tra pandemia e Black Lives Matter

La morte di George Floyd, le rivolte degli afroamericani e il giornalismo sul coronavirus dominano questa edizione dei premi
Musica
1 gior

Il 'Ghettolimpo' di Mahmood, tra gli dei e la vita reale

Il nuovo album di un Narciso al contrario: 'In questi ultimi anni cercavo l'Alessandro di sempre, ma trovavo solo quello che vedevano gli altri'.
Arte
1 gior

Züst: micromosaici, tableau brodé, e di sfondo Rousseau

‘Le donne, l'arte e il Grand Tour’ è la mostra che si apre sabato 12 giugno alla Pinacoteca Züst di Rancate, aperta fino al 3 ottobre 2021.
Spettacoli
2 gior

Sai cosa ti dico Dante? Vai all'inferno!

Il Lussemburgo ospita una rivisitazione in chiave umoristica dell'Inferno dantesco nel 700esimo dalla morte del Sommo Poeta.
Animazione
2 gior

Winnie the Pooh con la Regina, un compleanno per due

'L'Avventura Reale' è l'animazione Disney con protagonisti l'orsetto 95 enne per rendere omaggio a Elisabetta II, anch'ella 95enne (dal 21 aprile scorso)
Musica
2 gior

'L'Allegria', Gianni Morandi canta Jovanotti

Il singolo, uscito dai Pinaxa Studios, è un gentile omaggio di Lorenzo: 'Ho scritto per uno dei migliori di sempre', scrive rispondendo alla felicità di Morandi
Videogames
2 gior

Hacker attaccano il gigante dei videogiochi Electronic Arts

Gli intrusi 'non hanno avuto accesso ai dati dei giocatori e 'non c'è ragione di ritenere che la privacy' di chi gioca 'sia a rischio', dice l'azienda
LongLake Festival Lugano
2 gior

Dante, le ruspe e il fanciullino Pelù

Il Sommo Poeta, Firenze, Greta e il Molino: il rocker-scrittore si è raccontato come in ‘Spacca l'infinito’. La musica non c'era, ma è stato come se ci fosse
Arte
2 gior

La materia dei sogni di Vincenzo Vela

Al museo di Ligornetto il progetto artistico di Adriano Kestenholz tra gessi, statue, musica e immagini di una realtà dislocata
Culture
2 gior

Arzo, il 21esimo Festival di narrazione torna 'diffuso'

Dal 19 al 22 agosto, dopo lo stop per pandemia, si allarga anche a Melide e Tremona, per allargare i confini e la poetica della manifestazione.
Letteratura
2 gior

Premio Strega Giovani a Edith Bruck per ‘Il pane perduto’

Nata in una povera e numerosa famiglia ebrea nel 1931, sopravvissuta ad Auschwitz, Dachau, Bergen-Belsen, ne 'Il pane perduto' ripercorre la sua vita.
Musica
2 gior

'Curio, Salone Piazza Grande, il mio piccolo Lac del Malcantone'

Con Sandro Schneebeli nella sede dell'Associazione da lui fondata, in tempi in cui il musicista è sempre più 'imprenditore’: ‘Per me è così da trent'anni’.
Cinema
3 gior

A Cannes un Dario Argento attore in 'Vortex'

Gaspar Noé ha scritturato il regista del brivido insieme a Françoise Lebrun e Alex Lutz per un film che racconta gli ultimi giorni di una coppia di vecchi amanti.
Culture
3 gior

Da Pro Helvetia 25mila franchi per un progetto letterario

La Fondazione svizzera per la cultura sostiene 15 autrici e autori: per la prima volta, selezionati anche progetti non scritti in una delle 4 lingue nazionali.
Locarno Film Festival
3 gior

Excellence Award Davide Campari a Laetitia Casta

Il 4 agosto, l'attrice francese sarà in Piazza Grande per la premiazione; il giorno dopo, in conversazione col pubblico al Forum @Rotonda by la Mobiliare.
Società
3 gior

Storia di Alfredino che cadde nel pozzo

Dal 10 al 13 giugno 1981, l'Italia intera ne attese il salvataggio davanti al piccolo schermo. Invano. La chiamarono 'tv del dolore', altro non poteva essere.
Spettacoli
3 gior

Anche stanotte le mucche danzeranno sul tetto

Dalla morte del bracciante Nikola Hadziev alla dura vita nell'alpe: intervista al regista zurighese Aldo Gugolz
locarno film festival
 
28.07.2020 - 20:150
Aggiornamento : 22:59

Locarno, la rivoluzione di un festival ibrido

Dalla crisi sanitaria all’opportunità del digitale: la sfida è portare l’esperienza Locarno ovunque mantenendo al cuore l’evento in presenza

Sarà un festival del film ibrido, quello che prenderà avvio il prossimo 5 agosto: Locarno 2020 For The Future of Films prevede infatti incontri e proiezioni sia in presenza sia online. Se finora il “miracolo Locarno” è stato trasformare per due settimane una piccola città nel paese del cinema, adesso la sfida è organizzare un evento che unisce agli appuntamenti nelle sale del Palacinema, del Gran Rex e del Palavideo, tutta la parte online.

Due festival, se vogliamo. «In realtà, per un po’ ne stavamo organizzando quattro, di festival» ci racconta Raphaël Brunschwig, direttore operativo. «Perché lavoravamo su quattro possibili scenari, il che voleva dire ragionare con quattro budget diversi, con quattro tempistiche, quattro rischi economici e di reputazione. Poi il Consiglio federale ha vietato gli assembramenti di più di mille persone e il nostro lavoro si è molto semplificato: quella decisione da una parte ci ha tarpato le ali, dall’altra ha fatto chiarezza».

Nuovi progetti, come il concorso “The Films After Tomorrow” dedicato ai film interrotti dalla crisi sanitaria, e progetti già avviati come Locarno Kids, Pardi di domani e Locarno Pro da portare in digitale. Un'edizione ibrida, ci spiega la vicedirettrice operativa Simona Gamba, che «ha accelerato i tempi, perché nei nostri piani c’era già il rafforzamento della parte digitale, della narrazione del festival lungo tutto l’anno – abbiamo dovuto aggiungere, certo, le proiezioni, il che complica le cose: parte del pubblico sarà in sala, parte nel resto del mondo, con anche fusi orari diversi».

Crescere in digitale

Per comprendere questa “accelerazione-rivoluzione”, una premessa: «La crescita del festival come evento è limitata, lo abbiamo visto con l’edizione dei 70 anni» spiega Brunschwig. «Per poter continuare a crescere e rafforzare il posizionamento internazionale del festival bisogna pensare a nuove opportunità: l’online fuori dalle date del festival era uno sviluppo previsto per i prossimi anni che adesso abbiamo dovuto concentrare in pochi mesi, con in più l’esigenza di mettere in risalto la decina di attività che caratterizzano Locarno 2020».

Simona Gamba riprende la parola per parlare del sito internet del Locarno film festival che «completamente ripensato» passa da “compagno digitale” di un evento fisico a piazza virtuale dove si svolgono molte attività. «Normalmente, anche solo camminando per la città il festival riesce a raccontare qualcosa: la sfida è portare sul digitale questa dimensione di scoperta e di incontro». Il nuovo sito permetterà quindi non solo di scoprire il programma, «capire dove andare a comprare il biglietto per una delle proiezioni in sala», ma anche di esplorare i contenuti collegati: «Pensiamo al progetto “The Films After Tomorrow”: non c’è solo la selezione di film non ancora ultimati, ma ci sono le storie dietro queste produzioni, i registi che raccontano i loro progetti, i film della storia del festival che hanno scelto. Tutti contenuti che sul sito si inseriscono in uno storytelling, in una narrazione che l’utente può percorrere liberamente, seguendo i propri interessi, aggiungendo contenuti man mano che la persona si informa». Contenuti nuovi e d’archivio: «Il festival ha settant’anni di storia, un patrimonio che va valorizzato: l’obiezione è avere un sito che valorizzi i contenuti, sia quelli nuovi sia quelli d’archivio».

Ma i contenuti andranno anche su altre piattaforme: il Festival non rischia di perdere il controllo della propria immagine? «Tutto sarà raggiungibile dal nostro sito: lungometraggi, cortometraggi, sessioni, materiali d’archivio» ci spiega Gamba. «Alcuni di questi contenuti sono visibili solo in Svizzera, altri anche all’estero e per questi ultimi, per questione di diritti internazionali abbiamo stretto degli accordi con delle piattaforme di video on demand». Questo perché – spiega Brunschwig – «il nostro scopo è diffondere nel miglior modo possibile e al maggior numero di persone possibile il lavoro di curatela, di selezione, di valori del festival», e questo in primo luogo «con gli strumenti e i canali che abbiamo in casa, ma anche con i nostri partner: pensiamo ad esempio a Piazza Grande che quest’anno vive non in presenza ma grazie a delle proposte della Ssr e di SwisscomTV». Essere presenti su piattaforme esterne «con l’identità del festival, con la selezione e la qualità del festival, ci permette di raggiungere un pubblico che non solo non sarebbe mai venuto a Locarno, ma magari non sarebbe mai neanche finito sul nostro sito» conclude Brunschwig.

Capitolo a parte i social media che, spiega Gamba, «sono per noi molto importanti perché ci permettono di interagire con il nostro pubblico, dalle comunità più ristrette dei cinefili e dei professionisti al pubblico più generale, oltre che di raggiungere persone nuove». Questa edizione ibrida è «un’opportunità eccezionale per cominciare a sperimentare sul concetto di comunità digitale non per sostituirla ai “festivalieri” che ci seguono a ogni edizione, ma per proporla sia a chi non può venire a Locarno, sia durante tutto l’anno».
E questa comunità come si sta sviluppando, in quest'anno ibrido? «Vediamo un “tasso di ingaggio” molto buono, con numeri quasi al pari di quelli dell’anno scorso». Da dove arrivano gli utenti? «Molti dalla Svizzera, ma un 40% dal resto del mondo: Europa, Stati Uniti ma, grazie alla community di Open Doors, molti anche dal Sud Est asiatico».

Il festival del futuro

Per Locarno 2020, spiega Brunschwig, «sarebbe stato più semplice creare un sito “temporaneo”, concepito per le particolari esigenze di questa edizione, ma avrebbe voluto dire sprecare un’opportunità, perdere un’occasione per aprirci al futuro. Per questo abbiamo scelto di accelerare su quella che era già una nostra strategia, di prepararci per il festival del futuro». Il festival del futuro, come sarà? «Chiaramente a questo deve rispondere in primo luogo la direzione artistica, ma avrà certamente al centro gli undici giorni in presenza. Con un ecosistema di attività digitali potenzialmente capace di muovere numeri molto superiori di quelli che riusciremmo a coinvolgere in presenza a Locarno» risponde Brunschwig. «Il festival» aggiunge Gamba, «avrà al cuore la parte fisica ma sempre più potrà, e dovrà, ospitare una “narrazione digitale” del cinema d’autore, dare nei giorni del festival una chiave di lettura a chi è lontano da noi e non può venire a Locarno e accompagnare il pubblico nel resto dell’anno. Ci sono contenuti, penso ad esempio alle masterclass o agli incontri, che hanno una rilevanza duratura e che possono solo guadagnare online, a disposizione di tutti».

È pensabile, un giorno, avere i film della piazza o del concorso online? «Difficile» risponde Brunschwig «pensando a quella che attualmente è la vita ideale di un film d’autore: scoperto da pubblico, giornalisti e professionisti in un festival, poi gira; se noi lo rendiamo disponibile online in tutto il mondo, gli precludiamo la vita futura. Non è un’opzione, ma ci sono eccezioni come i Pardi di domani che seguono logiche di distribuzioni diverse… sono riflessioni che andranno fatte con la direzione artistica guardando non solo al festival, ma a tutto il sistema cinema». Ma, aggiunge Gamba, «tutto quello che è di contorno, tutte le attività collaterali avranno una dimensione online: per vedere un film del Concorso bisognerà venire a Locarno, ma lo si potrà – e già adesso lo si può – scoprire con interviste, approfondimenti e altro online da qualsiasi parte del mondo».IAS

Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved