GOLUBIC V./TEICHMANN J.
KICHENOK L./OSTAPENKO J.
03:50
 
MIRZA S./RAM R.
0
BENCIC B./POLASEK F.
0
fine
NJ Devils
1
ARI Coyotes
4
fine
(1-0 : 0-3 : 0-1)
NY Rangers
3
TOR Leafs
3
3. tempo
(1-3 : 2-0 : 0-0)
ANA Ducks
COL Avalanche
04:00
 
balloon-il-tibet-cinese-per-un-giorno-a-castellinaria
ULTIME NOTIZIE Culture
Spettacoli
7 ore

Sfogliando ‘Se questo è un uomo’ a teatro

Magnifica prova di Valter Malosti, martedì scorso al Lac, nel portare in scena il testo di Primo Levi
Spettacoli
7 ore

L’attore francese Gaspard Ulliel è morto in un incidente di sci

Aveva 37 anni. Noto per aver interpretato Yves Saint Laurent e lo psichiatra cannibale di ‘ Hannibal Lecter - Le origini del male’ e
Società
8 ore

Addio a André Leon Talley, gigante nero della moda

A lungo direttore creativo di ‘Vogue’, Leon Talley aveva 73 anni. Suo il servizio che reinterpretava Via col vento con Naomi Campbell
Conservatorio
8 ore

Scuola di Musica del Csi, Concerto di Gala è in presenza

Nell’Aula Magna del Conservatorio della Svizzera italiana venerdì 28 gennaio alle 19, anche in streaming
Culture
9 ore

Eventi letterari, Premio Filippini alla casa editrice Diogenes

Nel suo settantesimo anniversario, l’editore zurighese indipendente riceverà il riconoscimento intitolato a Enrico Filippini
Società
10 ore

Addio a André Leon Talley, ‘gigante nero’ della moda

A lungo direttore creativo di Vogue, aveva avuto un ruolo chiave nell’aprire il mondo della moda a stilisti e modelle di colore
Cinema
10 ore

Festival ticinese del film non commerciale, concorso aperto

In attesa del 27 marzo, data del festival, il termine per l’invio dei filmati è martedì primo febbraio. La partecipazione è gratuita
Cinema
11 ore

Anche Totò e ‘Star Wars’ tra i 42 film preferiti da Fellini

Accanto ad Antonioni, Kurosawa, Bergman, Rossellini, Kubrick e Hitchcock. La ‘playlist’ del maestro in un documento originale custodito da Cineteca Rimini
Musica
12 ore

Fasolis sul podio del Maggio Musicale Fiorentino con Cherubini

È il debutto per il leader dei Barocchisti. Sabato 22 gennaio va in scena ‘Lo sposo di tre e marito di nessuna’, mai rappresentata a Firenze
Spettacoli
12 ore

A Morcote ci sono i Beatles sul tetto

Domenica 30 gennaio al via la nuova stagione allo Spazio Garavello 7 con ‘The Beatles’ rooftop concert’ affidato ai ticinesi Nowhere Land
19.11.2020 - 11:030
Aggiornamento : 16:20

‘Balloon’, il Tibet cinese per un giorno a Castellinaria

Fuori concorso il film del regista sino-tibetano Pema Tseden, disponibile solo oggi in streaming

È un cinema dipinto, quello di Pema Tseden, con ogni inquadratura finemente costruita, quasi un susseguirsi di quadri impressionisti della vita rurale in un Tibet apparentemente senza tempo. Un vero peccato, non poter vedere il suo ‘Balloon’ su grande schermo, e quindi un plauso a Castellinaria per aver tenuto il film fuori concorso e disponibile online un solo giorno, oggi giovedì 19 novembre, con la speranza di portarlo in sala quando le condizioni sanitarie lo permetteranno.

Ma ‘Balloon’ è bel cinema non solo per la sontuosa fotografia – approfittando del vantaggio dello streaming, consigliamo di riguardare almeno il funerale del nonno e la sequenza finale –, ma anche per la narrazione. Sulla quale però occorre fare una premessa: Pema Tseden è regista sino-tibetano, allievo della prestigiosa Accademia del cinema di Pechino, e racconta il suo Tibet ma “in cinese”. Come produzione cinematografica e occasionalmente anche proprio linguisticamente: in un’intervista aveva sottolineato la stranezza di aver dovuto “far tradurre nella mia lingua” il suo romanzo ‘Tharlo’. Il risultato è un cinema tibetano che convive con le rigide regole (leggi: censure) dell’autorità cinese; intendiamoci: non si parla di film di regime, e neppure dell’accondiscendenza di certe produzioni occidentali (vedi ‘Mulan’), ma neanche di cinema di denuncia. Così uno dei temi del film, la politica del figlio unico, trova posto nel film attraverso un’assistenza sanitaria gratuita e capillare, con tanto di “consegna a domicilio” di preservativi, contraltare della multa che attende la famiglia in caso la protagonista Drolkar decidesse di non abortire. Rispetto a un documentario di critica come ‘One Child Nation’ di Nanfu Wang e Lynn Zhang (passato l’anno scorso al Film festival diritti umani di Lugano) siamo agli antipodi, ma soprattutto perché a Pema Tseden interessa raccontare il difficile rapporto, nella società tibetana, tra tradizione e innovazione: il numero di figli diventa come i cavalli sostituiti dalle motociclette o gli aerei che rumorosamente volano in cielo.

‘Balloon’ è costruito tutto su questi contrasti tra antico e moderno: la famiglia contadina tradizionale riunita a casa che, su un vecchio televisore, apprende che nella lontana Inghilterra è nata la prima bambina in provetta; la sorella di Drolkar che, divenuta monaca fondamentalmente per vergogna dopo una storia d’amore, cerca di leggere il romanzo scritto dal suo vecchio amante per scoprire un altro punto di vista sull’accaduto; il primogenito della coppia che, invece di proseguire con l’allevamento di pecore, studia in città. E i già ricordati preservativi: Drolkar e suo marito Darje li usano per evitare gravidanze divenute ormai indesiderate, ma non appartengono al loro mondo e sono motivo di scandalo e riprovazione negli altri adulti e fonte dell’equivoco che dà il titolo al film, con i figli più piccoli che li scambiano per palloncini dalla strana forma.

Pema Tseden ci racconta questo instabile equilibrio e accompagna il pubblico e i suoi protagonisti fino al punto di rottura: come accennato Drolkar rimane incinta e se la modernità cinese prevede un aborto, la tradizione buddhista vede nel nascituro un’occasione di reincarnazione per il nonno da poco scomparso.

Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved