laRegione
balloon-il-tibet-cinese-per-un-giorno-a-castellinaria
ULTIME NOTIZIE Culture
Società
1 ora

Spotify omaggia i balconi d'Italia: 'Sono playlist dell'anno'

Uno spot e una serie di striscioni recapitati a sorpresa sotto il luoghi della resilienza. Omaggiati anche gli artisti che tengono accesa la musica.
Società
6 ore

Sostiene Berset: la prima ondata in un libro-intervista

Andrea Arcidiacono ci presenta ‘La maratona di Alain Berset’, pubblicato da Casagrande
Cinema
14 ore

'Un aprile in Ticino', due repliche a Lugano e Losone

Il documentario di Michelangelo Gandolfi, musicato dal vivo da Braun, all'Osteria La Fabbrica (10 dicembre) e Jazz in Bess (11 dicembre)
Cinema e streaming
14 ore

Anche il cinepanettone fa i conti con la pandemia

Le incognite legate alle sale mettono punti di domanda sul Boldi-De Sica e l'ultima apparizione di Gigi Proietti. Sul satellite, nel frattempo...
Musica
17 ore

Sinplus allo scoperto: 'Si tratta di essere veri'

‘It’s Not About Being Good’ è il nuovo EP, un ritorno alle origini premiato da Spotify: 'Break The Rules' tra i 60 singoli della playlist 'All New Rock'
Arte
19 ore

Il Klimt rubato torna esposto (Covid permettendo)

Il 'Ritratto di signora' fu portato via dalla Galleria d'Arte Moderna Ricci Oddi di Piacenza, dove ora è tornato. Ma il Dcpm ancora non permette la visita.
Archeologia
19 ore

Antica tomba reale scoperta nella Cina centrale

Risale al Periodo delle Primavere e Autunni (770-476 a.C.), forse appartenente a un nobile o a un reale del gruppo etnico Luhun Rong
Musica
19 ore

'Xmas with you', Leoni e Maeder con la All star band svizzera

È in arrivo la canzone di Natale della Rsi (con video annesso) che sarà diffusa anche da SRF, RTS e RTR in nome del plurilinguismo (anche natalizio)
Culture
20 ore

'Orizzonti filosofici' con Maria Silvia Vaccarezza

'Aristotelismo e virtù: teoria e storia di una ripresa' è il titolo dell'incontro di martedì primo dicembre alle 20 su Zoom
Culture
20 ore

Addio a Jean-Louis Servan-Schreiber

Giornalista, scrittore, saggista francese, si è spento all'età di 83 anni per complicazioni legate al Covid-19
Castellinaria
19.11.2020 - 11:030
Aggiornamento : 16:20

‘Balloon’, il Tibet cinese per un giorno a Castellinaria

Fuori concorso il film del regista sino-tibetano Pema Tseden, disponibile solo oggi in streaming

È un cinema dipinto, quello di Pema Tseden, con ogni inquadratura finemente costruita, quasi un susseguirsi di quadri impressionisti della vita rurale in un Tibet apparentemente senza tempo. Un vero peccato, non poter vedere il suo ‘Balloon’ su grande schermo, e quindi un plauso a Castellinaria per aver tenuto il film fuori concorso e disponibile online un solo giorno, oggi giovedì 19 novembre, con la speranza di portarlo in sala quando le condizioni sanitarie lo permetteranno.

Ma ‘Balloon’ è bel cinema non solo per la sontuosa fotografia – approfittando del vantaggio dello streaming, consigliamo di riguardare almeno il funerale del nonno e la sequenza finale –, ma anche per la narrazione. Sulla quale però occorre fare una premessa: Pema Tseden è regista sino-tibetano, allievo della prestigiosa Accademia del cinema di Pechino, e racconta il suo Tibet ma “in cinese”. Come produzione cinematografica e occasionalmente anche proprio linguisticamente: in un’intervista aveva sottolineato la stranezza di aver dovuto “far tradurre nella mia lingua” il suo romanzo ‘Tharlo’. Il risultato è un cinema tibetano che convive con le rigide regole (leggi: censure) dell’autorità cinese; intendiamoci: non si parla di film di regime, e neppure dell’accondiscendenza di certe produzioni occidentali (vedi ‘Mulan’), ma neanche di cinema di denuncia. Così uno dei temi del film, la politica del figlio unico, trova posto nel film attraverso un’assistenza sanitaria gratuita e capillare, con tanto di “consegna a domicilio” di preservativi, contraltare della multa che attende la famiglia in caso la protagonista Drolkar decidesse di non abortire. Rispetto a un documentario di critica come ‘One Child Nation’ di Nanfu Wang e Lynn Zhang (passato l’anno scorso al Film festival diritti umani di Lugano) siamo agli antipodi, ma soprattutto perché a Pema Tseden interessa raccontare il difficile rapporto, nella società tibetana, tra tradizione e innovazione: il numero di figli diventa come i cavalli sostituiti dalle motociclette o gli aerei che rumorosamente volano in cielo.

‘Balloon’ è costruito tutto su questi contrasti tra antico e moderno: la famiglia contadina tradizionale riunita a casa che, su un vecchio televisore, apprende che nella lontana Inghilterra è nata la prima bambina in provetta; la sorella di Drolkar che, divenuta monaca fondamentalmente per vergogna dopo una storia d’amore, cerca di leggere il romanzo scritto dal suo vecchio amante per scoprire un altro punto di vista sull’accaduto; il primogenito della coppia che, invece di proseguire con l’allevamento di pecore, studia in città. E i già ricordati preservativi: Drolkar e suo marito Darje li usano per evitare gravidanze divenute ormai indesiderate, ma non appartengono al loro mondo e sono motivo di scandalo e riprovazione negli altri adulti e fonte dell’equivoco che dà il titolo al film, con i figli più piccoli che li scambiano per palloncini dalla strana forma.

Pema Tseden ci racconta questo instabile equilibrio e accompagna il pubblico e i suoi protagonisti fino al punto di rottura: come accennato Drolkar rimane incinta e se la modernità cinese prevede un aborto, la tradizione buddhista vede nel nascituro un’occasione di reincarnazione per il nonno da poco scomparso.

© Regiopress, All rights reserved