ULTIME NOTIZIE Culture
Società
34 min

Divorzio Kardashian-West: lui sborserà 200mila dollari al mese

Kim e Kanye si erano sposati nel 2014. La crisi è arrivata nel 2020, quando West annunciò la sua candidatura alla presidenza Usa.
Società
12 ore

Chiude il fast food, là dove nacquero i ‘paninari’

Si tratta del McDonald’s di piazza San Babila, culla negli anni Ottanta del fenomeno modaiolo ossessionato da griffe e linguaggio in codice
Scienze
15 ore

Morto Bernard Crettaz, etnologo specializzato in riti mortuari

Anche sociologo, il vallesano insieme alla moglie Yvonne Preiswerk aveva creato i ‘Café mortels’, ritrovi per parlare del fine-vita. Aveva 84 anni
Spettacoli
16 ore

Il Sociale diventa una ‘Funeral Home’ con Giacomo Poretti

Il Teatro di Bellinzona propone la commedia per la sezione ‘Com.x’. Per la rassegna ‘Narrazioni’ salirà sul palco ‘52’ della Compagnia Finzi Pasca
Culture
19 ore

Ritrovate oltre 4’000 pagine di appunti da lezioni di Hegel

Le trascrizioni furono effettuate da uno dei primi studenti del filosofo tedesco all’Università di Heidelberg
Spettacoli
21 ore

Morto Clarence Gilyard, star di ‘Walker Texas Ranger’ e ‘Matlock’

Aveva 66 anni ed era malato da tempo. Nel suo curriculum anche un ruolo di rilievo al cinema in ‘Die Hard - Trappola di cristallo’ e in ‘Top Gun’
Culture
23 ore

‘Penuria’ è la parola svizzera dell’anno 2022 in italiano

È quanto emerge dalla tradizionale classifica stilata dalla Scuola universitaria di scienze applicate di Zurigo. Sul podio anche ‘invasione’ e ‘coraggio’
Spettacoli
1 gior

‘72 Seasons’, il ritorno dei Metallica con album e tour

Il nuovo lavoro della storica band metal americana uscirà il 14 aprile 2023 e sarà seguito da un lungo giro di concerti fra Usa ed Europa
Libri
1 gior

Le ciliege della costa del Mar Nero

Pubblichiamo un estratto dalla prima sezione del terzo capitolo ‘Üsküdar’ tratto dal libro ‘Un inverno a Istanbul’, tradotto da Laura Bortot
Musica
1 gior

Enrico Fagone tra l’Osi e il Grammy®

Ha diretto la London Symphony Orchestra, solisti Saunghee Lee (clarinetto) e JP Jofre (bandoneon) nel cd ‘Aspire’. È candidato all’Oscar della musica
Culture
1 gior

Manipolazione psicologica è la parola più diffusa nel 2022

Il termine inglese è gaslighting e si rifà a una pièce teatrale del 1938, dalla quale sono stati tratti due celebri film
Arte
1 gior

È record di vendita per la regina Elisabetta II in blu di Warhol

La serigrafia della defunta monarca è stata battuta all’asta a Toronto per 853mila dollari
Scienze
1 gior

Risuscitati virus zombie rimasti per millenni nel permafrost

Il cambiamento climatico agisce anche sul terreno tipico delle regioni fredde: il più antico agente patogeno risale a 50mila anni fa ed è tuttora infetto
Culture
1 gior

Laurea non più essenziale per posizioni da top manager

Per diverse grandi aziende come Google o Ibm i criteri principali per le assunzioni diventano ora esperienza e capacità
Musica
1 gior

L’Osi ‘Back to school’ tra gli studenti della Commercio

Nella Biblioteca cantonale di Bellinzona il secondo pomeriggio-concerto per avvicinare i giovani alla classica
Musica
1 gior

Lettere d’amore vendute all’asta, firmato Robert Zimmermann

Oltre quaranta messaggi sono stati battuti per 670mila dollari. Bob Dylan, intanto, si scusa per le firme apposte da una macchina sul suo recente libro
Scienze
1 gior

La Grande barriera corallina continua a degradarsi

Canberra chiamata a ‘fare di più’ dopo aver messo in campo sforzi ‘senza precedenti’ come evidenziato dall’Unesco
Arte
1 gior

L’opera di Alberto Giacometti trova una nuova casa a Parigi

Il Musée & École custodirà la più grande collezione al mondo, aprirà nel 2026 e sorgerà nell’edificio di Air France, situato nell’Esplanade des Invalides
Classica
1 gior

Beethoven, Mozart, Franck e Schubert con il flauto di Pahud

Il concerto del flautista Emmanuel Pahud accompagnato al pianoforte da Alexander Melnikov si svolgerà lunedì 5 dicembre, alle 20.30, al Lac di Lugano
Culture
1 gior

‘La nave dei folli’ di Brant è tornata a Friburgo

L’incunabolo di fine Quattrocento sottratto ai frati cappuccini dagli Stati Uniti è tornato alla Biblioteca universitaria cantonale, grazie all’Ambasciata
Cinema
1 gior

Castellinaria porta ‘Europa’ al PalaCinema di Locarno

Il quarto appuntamento della rassegna ‘10 Film Festival @ PalaCinema’ ospita il Festival del cinema giovane, giovedì 1° dicembre, alle 18
laR
 
20.09.2022 - 11:40
Aggiornamento: 14:54

El Greco e Picasso, il confronto

L’influenza del pittore cretese sul maestro cubista in circa sessanta capolavori, in mostra fino al 25 settembre al Kunstmuseum di Basilea

di Vito Calabretta
el-greco-e-picasso-il-confronto
Juan Salinas
Kunstmuseum Basel

La mostra dedicata dal Kunstmuseum di Basilea al modo in cui Pablo Picasso utilizzò la propria passione e frequentazione del lavoro di Domínikos Theotokópoulos, El Greco, è una opportunità importante per affrontare temi inerenti alla pittura e all’arte e per viverne la qualità di attività culturali e intellettuali. Alla cura della mostra ha partecipato Carmen Giménez, già responsabile qualche anno fa di una preziosa mostra dedicata dal Museo di Lugano a Picasso e in particolare al suo lavoro sul disegno e sull’incisione. L’iniziativa proposta a Basilea ci aiuta oggi ad affrontare altre questioni che riguardano non soltanto il lavoro di Picasso: il concetto di debito interno a una disciplina; l’appropriazione di contenuti espressivi prodotti da altri; la virtuosità del sistema della copia quando questa è funzionale a una ricerca. L’allestimento è di grande efficacia e ci mostra la ricchezza dei contenuti travasati dal lavoro del maestro del XVII secolo a quello del maestro del XX secolo. Il catalogo che la accompagna pubblica alcuni saggi che sostanziano e articolano molti temi. Dai due scritti da Carmen Giménez e da Richard Shiff vorrei trarre alcuni spunti.

‘Per me non vi è passato e futuro in arte’

Nel primo testo, per esempio, troviamo tra le pagine 21 e 23 una riflessione dedicata alla relazione tra Les demoiselles d’Avignon, dipinte da Picasso nel 1907 e La visione di San Giovanni, opera di El Greco riconducibile agli anni 1608 - 1614: vi si racconta come si intrecciano questioni spaziali (e uso della prospettiva) e questioni spirituali. Se ne potrebbe trarre l’impressione di un’esigenza, da parte di Pablo Picasso, di desacralizzare la spiritualità, sia attraverso il dispositivo cubista, sia riconducendola alla raffigurazione di corpi da consumare, poiché le figure femminili rappresentate sono delle prostitute. Sono temi trattati anche nel saggio di Richard Shiff, il quale li colloca in una ricostruzione del rapporto tra esigenze psicologiche, storiche, espressive, culturali e artistiche alle quali Pablo Picasso può avere dato luogo attraverso il proprio lavoro.

Vi è poi un motto di Picasso, dal quale il saggio di Carmen Giménez prende le mosse. Fu rilasciato nel 1923 all’artista messicano Marius de Zayas e asserisce l’ininfluenza del concetto di passato e di futuro nell’arte: «Per me non vi è passato e futuro in arte. Se un’opera d’arte non può vivere sempre nel presente non deve essere considerata come tale». Poco più avanti, nello stesso saggio, viene riportata un’altra citazione nella quale si afferma che se Velasquez ed El Greco sono grandi maestri, il segreto della bellezza plastica si trova a una distanza più grande: nei Greci del tempo di Pericle.

Tali affermazioni sulla metastoricità della operazione artistica, attraverso le quali l’artista esibisce la propria disinvoltura nei confronti della cronologia e induce una misconsiderazione di ogni impianto storicista, sembrano essere in contraddizione con lo spazio dedicato, nel volume, alla ricostruzione della fortuna critica di El Greco e di come essa sia contrassegnata storicamente. È vero che c’è una importante distinzione tra le due citazioni. Se la prima sembra quasi suggerirci che per l’artista la storia non abbia luogo, la seconda sembra indicare una correzione geografizzante e topologica della sua visione della storia che viene considerata come un vasto territorio all’interno del quale trovare, pescare e appropriarsi di esperienze. Si tratta di indicazioni potenti e ambigue che occorre relativizzare, storicizzare e che ci possono essere utili su più registri. Intanto ci indicano quanto sia importante, per chi lavora all’interno di una disciplina, riprendere contenuti che i non addetti ai lavori potrebbero considerare poco interessanti. Succede perché quei contenuti restituiscono le questioni alle quali gli addetti ai lavori fanno riferimento. Per esempio, se oggi leggiamo la letteratura del pensiero economico delle scuole classiche o fisiocratiche, sentiremo disagio per molti aspetti del trattamento dei temi; nondimeno, chi lavora ai concetti di valore, di scambio, di mercato vi troverà elementi validi e punti di riferimento.

Il ‘caso magico’

Le affermazioni di Picasso sul potenziale continuo di attualità, per esempio, di El Greco, pur contenendo una parziale fallacia e incompletezza, sono utili e vivaci. È infatti vero che ci confrontiamo sempre con elementi attuali nell’opera d’arte; tale attualità continua è nondimeno emanazione della loro e della nostra storicità. Di ciò abbiamo conferma leggendo tutti i contributi presenti nel catalogo, dove vediamo storicizzata la fortuna di El Greco nel corso della storia a lui contemporanea, di quella successiva e così del periodo che ha ospitato la biografia di Pablo Picasso, per poi avvicinarci a noi.

Vi è poi, nel saggio di Richard Shiff, una disamina di alcuni temi e una digressione fondata su alcune estremizzazioni di ipotesi che potremmo riassumere in una frase scritta verso la fine del testo: «Picasso, come El Greco e Cezanne (Shiff omette l’accento acuto sulla "e", in ossequio a quanto chiede la Société Cezanne) prima di lui, come Jasper Johns dopo di lui, entra nel campo dell’arte non per cause logiche o formali ma per un caso magico».

Il saggio è complesso quanto ricco e cerca di ricondurre la nostra lettura dell’opera picassiana da concatenazioni che ambiscono a ricostruire la causalità storica o formale di alcune scelte di Picasso (Les demoiselles d’Avignon sono ancora un passaggio cruciale) a momenti di shock anche meramente casuali, in occasione dei quali alcune esigenze, fragilità, predisposizioni psichiche e culturali dell’artista vengono sollecitati e generano azioni. Tra queste troviamo la questione della superstizione nella sua personalità, l’occasione di una visita alla sezione di arte africana del Trocadéro di Parigi, il rapporto feticistico e animistico che egli aveva con gli oggetti espressivi, il bisogno di risolvere alcune proprie fragilità e paure esistenziali.

Il testo ci propone così l’importanza della umanità dell’artista, incline a trasformare in scelte culturalmente significative le condizioni della propria vita e personalità, attraverso un modo di operare molto esigente nei confronti delle tecniche, dei linguaggi, delle stesse grammatiche e degli strumenti espressivi. Così come nella mostra di Lugano avevamo visto il modo in cui Pablo Picasso abbia chiesto alla propria mano, lo strumento del disegno e dell’incisione, aiuto nel definire le modalità di scelta espressiva, la mostra di Basilea ci fa vedere come un esempio storico, cioè l’esperienza professionale di El Greco, abbia potuto fornire a un soggetto storico, quale Pablo Picasso è stato, strumenti per mediare a se stesso e a noi la relazione tra la vita e la realtà.


Succession Picasso
Picasso, Buste de femme ou de marin, 1907


El Greco, Die Jungfrau Marie, 1590

Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved