e-morto-sam-gilliam-famoso-per-le-sue-tele-drappeggiate
Keystone
Una visitatrice scopre l’opera senza titolo di Sam Gilliam esposta ad Art Basel nel 2018
29.06.2022 - 18:57
Ansa, a cura di Clara Storti

È morto Sam Gilliam, famoso per le sue tele drappeggiate

L’artista 88enne era nato in Mississippi, partecipò ad Art Basel e fu il primo afroamericano a rappresentare gli Stati Uniti alla Biennale di Venezia

Sam Gilliam era diventato famoso per i suoi "drapes", tele drappeggiate appese al soffitto e alle pareti, ma anche per essere stato il primo artista afroamericano a rappresentare gli Stati Uniti alla Biennale di Venezia, nel 1972. Il pittore è morto sabato a Washington, all’età di 88 anni. Il decesso dell’artista nato a Tupelo – in Mississippi – nel 1933 è stato annunciato oggi dalle gallerie che lo rappresentavano, la Pace di New York e la David Kordansky di Los Angeles. Non molti anni fa, l’artista aveva anche partecipato ad Art Basel, era il 2018.

Gilliam è stato doppiamente un’anomalia, come ha ricordato il ‘New York Times’. Come artista afroamericano è stato per lungo tempo ignorato ai vertici del mondo dell’arte, che ne ha riconosciuto la figura solo tardivamente, sebbene l’incarico alla Biennale veneta risalga al 1972. È stato inoltre un devoto dell’astrattismo, creando opere che non contenevano messaggi apertamente politici, a differenza degli altri artisti di origini africane del suo tempo.

Con le sue opere drappeggiate e coloratissime, fin dagli anni Sessanta e Settanta aveva liberato le tele dalla geometrica linearità del telaio, influenzando artisti di successive generazioni tra cui David Hammons, Jessica Stockholder e Rashid Johnson.

Seleziona il tag per leggere articoli con lo stesso tema:
art basel arte sam gilliam
Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved