ULTIME NOTIZIE Culture
Spettacoli
11 ore

Morto il regista Dragone, suoi gli show del Cirque du Soleil

Origini italiane, naturalizzato belga, avrebbe compiuto 70 anni il 12 dicembre. E tra i leader mondiali di eventi e spettacoli teatrali.
Arte
19 ore

Louise Nevelson ‘painted it black’

Al Museo comunale d’arte moderna di Ascona un’antologica sull’iconica artista statunitense da domani all’8 gennaio ’23. Ma si inaugura oggi alle 17.
Spettacoli
1 gior

FIT Festival, la seconda settimana

Si parte martedì 4 ottobre al Teatro Foce con ‘From Syria: is this a child?’, si chiude domenica 9 ottobre con ‘Bears’
Spettacoli
1 gior

Altre accuse di plagio per Ed Sheeran

‘Thinking Out Loud’ troppo simile a ‘Let’s Get It On’ di Marvin Gaye
Cinema
1 gior

10 Film Festival al PalaCinema, tocca al Kurzfilmtage Winterthur

Serata dedicata ai corti ticinesi quella del 6 ottobre alle 20.30, ospite, da Winterthur, il direttore artistico John Canciani
Culture
1 gior

Osi: il dopo Weidmann, per ora, è con Widmer e Flury

Direzione affidata all’attuale vicedirettore Samuel Flury e al membro della direzione Barbara Widmer, nell’attesa del bando per la nuova figura
Spettacoli
1 gior

Phil Collins vende il catalogo da solista e con i Genesis

L’intesa con l’americana Concord vale 300 milioni. Sono esclusi gli album con Peter Gabriel
Ticino7
1 gior

‘Di tutto un pop’ con Sergio Mancinelli

Le sue storie di musica da domani su Ticino7, ogni primo sabato del mese, a parole e in voce (l’intervista)
Culture
2 gior

Come sta la Terra? Chiedilo a Marco Paolini

L’attore/attivista è stato ospite di ‘Emergenza Terra’, la prima conferenza di un ciclo che, kantianamente, si tiene a Mendrisio
Culture
2 gior

Dal bio all’ambiente, l’utopia moderna del Monte Verità

Sabato 1 ottobre presentazione in anteprima di ‘Back to Nature’, nuovo volume su una colonia che ha anticipato molti temi oggi attuali
Cinema
2 gior

‘Guerra, guerrae, guerrarum’

Il fil-rouge della nona edizione del Film Festival Diritti Umani Lugano: i conflitti quali contesti di annullamento dell’umanità. Dal 19 al 23 ottobre
Video
Musica
2 gior

‘Only The Strong Survive’, a novembre il nuovo Springsteen

Il 21esimo album del Boss è un tributo al soul. Fino ad allora, il singolo ‘Do I Love You (Indeed I do)’
Musica
2 gior

Pianoforte e riflessione filosofica in PianoSofia

Dall’1 all’8 ottobre a Milano fra la Casa degli Artisti e Villa Litta Modignani
04.04.2022 - 09:43
Aggiornamento: 18:06

La pinacoteca Züst dal Paesaggio a Giacomo Martinetti

Una riflessione composita e multidisciplinare sul nostro paesaggio e una breve rassegna su un artista dimenticato

di Claudio Guarda
la-pinacoteca-z-st-dal-paesaggio-a-giacomo-martinetti
Gioachimo Galbusera, Laghetto Moesola. Veduta dal Passo, 1910

Chi si recasse in questi giorni alla Pinacoteca Züst vedrebbe due mostre in un colpo solo: molto diverse sia per concetto che per ampiezza, ma che si congiungono e attraversano in un punto. Ad accogliere e poi ad accompagnare il visitatore è la rassegna ‘L’incanto del paesaggio’ che ha il pregio di spiazzare fin dalla prima sala le sue possibili attese e di metterlo a confronto con qualcosa di più vasto e complesso.

Non si tratta infatti di una esposizione in cui vengono allineati bei quadri che raffigurano il meglio del paesaggio ticinese, lacustre prealpino e alpino; si tratta invece di una riflessione composita e multidisciplinare sul nostro paesaggio, le sue specificità e la sua storia che registra una radicale trasformazione tra Otto e Novecento: con l’inesorabile fine della sua millenaria civiltà rurale, prealpina e alpina. Ma è anche in quel torno di tempo che si sviluppa una conoscenza sempre più scientifica e documentata del nostro territorio.

"La caratteristica di questa mostra – scrive la direttrice della Pinacoteca in apertura di catalogo – è l’interdisciplinarità. Il paesaggio ticinese è rappresentato attraverso gli occhi non solo dell’artista, ma pure del geografo, del naturalista, del fotografo e dello storico dell’arte che volge lo sguardo anche ai suoi monumenti". L’intento è dunque quello di dar conto della varietà di prospettive, di analisi e di tecniche utilizzate da coloro che, a partire da metà Ottocento, guardarono e interpretarono con occhi nuovi e nuovi strumenti d’indagine il nostro territorio. A cominciare dagli scavi archeologici che permisero di delineare le prime forme di vita e cultura dei suoi più antichi abitanti: per questo la rassegna inizia "con il menhir (2500 a.C.) recentemente ritrovato a Claro (…) primo oggetto conosciuto realizzato e posato in Ticino con precise finalità estetiche e simboliche e con l’evidente volontà di contrassegnare un’area sacrale particolarmente significativa".

Ma a quel mondo che sprofonda nella notte dei tempi, gli studiosi dell’Ottocento accostarono lo studio scientifico e analitico della sua orografia, della geologia, della sua flora e fauna: lo indagarono, e più tardi lo fotografarono anche, per documentarlo con strumentazioni del tutto nuove, ma anche per fissarne la bellezza e le forme della sua cultura non solo materiale. Ed ecco allora le prime rappresentazioni cartografiche della Svizzera e del Ticino, approntate secondo tecniche sempre più evolute, le mappe, le raffigurazioni delle montagne e dei panorami alpini; cui si accompagna lo studio dei naturalisti che descrissero con precisione le componenti del paesaggio naturale, raccogliendo e catalogando i più differenti materiali dai minerali ai fossili, dai funghi alle foreste di larici e ai castagneti ecc. A questa prima parte che dà conto dello studio scientifico del Ticino, segue quello del paesaggio antropizzato che inevitabilmente allarga lo sguardo del visitatore sulla cultura materiale e immateriale dei suoi abitanti lungo i secoli: con le prime catalogazioni non solo dei suoi monumenti più significativi a opera di Johann Rudolf Rahn (1841-1912), padre della storiografia artistica elvetica; ma anche del paesaggio rurale o alpino in cui vivevano e questo grazie al suo allievo e aiutante Hermann Fietz (1869-1931) che illustrò e rilevò con oggettività e precisione anche il loro contesto di vita: paesi, case, strade e chiese, gli abitanti e i loro costumi. Conclude la rassegna una corposa selezione di dipinti che documentano la grande varietà e bellezza del territorio ticinese (dal bosco e dalla selva castanile al vigneto; dal paesaggio collinare a quello lacustre e poi alpino, perfino glaciale) a opera di artisti che con la loro arte favorirono e rafforzarono lo specchiamento identitario con il territorio.

A fare uno stacco tra i due momenti, una deviazione: perché la riflessione che fin qui si è espansa a onde concentriche, sempre più vaste e coinvolgenti, improvvisamente registra un affondo nella storia della nostra cultura. Si tratta di una breve rassegna sull’arte di Giacomo Martinetti (1842-1910), nato a Firenze da una famiglia originaria di Barbengo e poi quasi completamente dimenticato, a dimostrazione della labilità della nostra memoria. La breve rassegna non manca d’interesse: allievo prediletto di Antonio Ciseri (1821-1891) e suo assiduo aiutante, ma di una generazione più giovane, lascia intravedere deboli segnali di modernizzazione nonostante abbia villa al mare a Castiglioncello dove convenivano non pochi artisti, tra cui alcuni tra i più famosi macchiaioli ospitati da Diego Martelli. Merito della tenace indagine della Agliati è di aver riportato in luce anche questo tassello della nostra storia di migrazioni, dandoci un inedito ritratto sia dell’uomo che dell’artista.

Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved