WAS Capitals
0
SJ Sharks
2
2. tempo
(0-1 : 0-1)
COB Jackets
0
CAL Flames
3
2. tempo
(0-1 : 0-2)
TOR Leafs
3
ANA Ducks
2
2. tempo
(2-1 : 1-1)
Detroit Red Wings
0
CHI Blackhawks
4
2. tempo
(0-4 : 0-0)
antonio-ciseri-cos-e-la-pittura
Antonio Ciseri, L’Italia risorta (allegoria dell’Italia che si è liberata dalle catene), 1859, Collezione Città di Locarno. Foto: Roberto Pellegrini
ULTIME NOTIZIE Culture
Cinema
6 ore

Giornate di Soletta, ‘Wet Sand’ e gli altri vincitori

Un festival di storie intime, autentiche, raccontate nei tanti documentari in gara, e i premi hanno confermato questo trend.
La recensione
8 ore

Un piccolo gioiello chiamato ‘Aucune idée’

Dal ritmo comico e irresistibile, sottilmente beffardo, l’ultima pièce di Christophe Marthaler. Vista martedì scorso al Lac.
Jazz Cat Club
13 ore

Il violino di Elia Bastida, dal classico al virtuosismo jazz

Lunedì 31 gennaio alle 20.45, per il Jazz Cat in trasferta al Sociale, la 27enne violinista catalana con il trio del contrabbassista Joan Chamorro
Spettacoli
13 ore

SOLOcon Amleto, William Shakespeare per Emanuele Santoro

Domenica 30 gennaio alle 17 al Teatro paravento di Locarno, per l’adattamento e l’interpretazione dell’attore e regista
Spettacoli
21 ore

Neil Young contro Spotify per le fake news sui vaccini

Il cantautore statunitense vuole ritirarsi dalla piattaforma di streaming a causa del controverso podcast di Joe Rogan
Spettacoli
1 gior

Peter Dinklage affossa Biancaneve: ‘Favola arretrata sui nani’

Citando la prima Biancaneve ispanica, il Tyrion Lannister del Trono di Spade dice che è giunto il tempo di riscrivere la storia in modo progressista.
Spettacoli
1 gior

Ballerini del Super Bowl in rivolta: ‘Mai più gratis’

Ad accendere la miccia, la ballerina e attivista Taja Riley, che su Instagram denuncia che la maggior parte dei ballerini non pagati sono afroamericani.
Cinema
1 gior

Cina, la censura cambia il finale a ‘Fight Club’

Nel cult di David Fincher ora è la polizia a vincere. Tutti indignati come quando il ‘Bohemian Rhapsody’ cinese fu privato dei riferimenti gay.
Villa dei Cedri
1 gior

Arte e artisti di ‘Requiem for my dream’, performance

Quando e perché è iniziato il processo di svalutazione dell’arte? In quale misura gli artisti se ne sono resi complici? Le risposte venerdì 28 gennaio
Spettacoli
1 gior

In ‘Batgirl’ un personaggio trans, la prima volta di DC Comics

Si tratta di Alysia Yeoh, il cui ruolo sarà interpretato da Ivory Aquino, lei stessa transessuale.
Spettacoli
1 gior

A Soletta il cinema riscopre il mondo del lavoro

Il nuovo sguardo sulla realtà che ci circonda del documentario svizzero alle Giornate del cinema svizzero
Società
1 gior

Scagionata dopo aver baciato Richard Gere

L’attrice di Bollywood era accusata di oscenità e indecenza. Il gesto aveva scatenato la furia di gruppi radicali indù.
Spettacoli
1 gior

Premi del cinema svizzero, favorito ‘Soul of a Beast’

Otto candidature per il film di Lorenz Merz, in concorso al Festival di Locarno. Sei nomination per ‘La Mif’ di Frédéric Baillif
Scienze
1 gior

Nanoplastiche piovono a chili sulle vette alpine

Misurazioni effettuate in Austria, nei pressi dell’Osservatorio del Sonnenblick, parlano di 42 chili di particelle al chilometro quadrato
Spettacoli
1 gior

Evan Rachel Wood ancora contro Marylin Manson: ‘Stupro sul set’

L’attrice protagonista di ‘Westworld’ accusa la rockstar di aver abusato di lei approfittando di una scena di sesso simulato per un videoclip
Scienze
2 gior

Il telescopio spaziale James Webb è arrivato a destinazione

Ha raggiunto il suo punto di osservazione a 1,5 milioni di chilometri dalla Terra. Lo ha annunciato la Nasa.
Musica
2 gior

Bob Dylan, il catalogo delle registrazioni è della Sony

L’accordo, avvenuto in luglio ma reso pubblico soltanto ora, potrebbe portargli in tasca anche più di quanto incassato da Bruce Springsteen.
Spettacoli
2 gior

Al Sociale il Dolore di Marguerite Duras

Mercoledì 26 gennaio a Bellinzona lo spettacolo di Margherita Saltamacchia. A seguire, la proiezione del documentario ‘La speranza vive intera’
 
02.01.2022 - 09:550
Aggiornamento : 14:46

Antonio Ciseri: cos’è la pittura?

La celebrazione dell’artista svizzero italiano può essere l’occasione per riflettere su alcuni aspetti del sistema artistico nella storia

«Ho fatto pure qualche ritratto dal vero, ma ho sempre l’impressione di non essere pittore, di non esserlo più… Forse qualcosa di buonino ho fatto, ma è tutto lavoro senza quello sprizzo di fosforo libero che è il bello e il buono del lavoro». Così scrive Aldo Carpi dal lager nazista di Gusen, il 14 febbraio 1945. Lo scrive per la moglie Maria che non sa se leggerà e se rivedrà mai e ci interroga su cosa sia la pittura, davvero. Sì, c’è una questione di verità nella pittura. La ritroviamo, nel Ticino dei nostri giorni, in un contesto affatto distante da quello in cui si trovò Aldo Carpi, attraverso l’operazione dedicata ad Antonio Ciseri, articolata in alcune esposizioni presso sedi varie e in un volume che le accompagna. Perciò, leggendo Aldo Carpi che cerca di sopravvivere al nazismo mentre a Milano, nell’Accademia di Brera dove insegnava, colleghi, studenti, bidelli appendono ai muri cartelli spontanei con i quali ne chiedono la nomina a direttore, ricevo uno scossone: sto cercando di sbrogliare la matassa che concerne la pittura di Antonio Ciseri, mi imbatto nella figura accademica di Aldo Carpi e vivo una frizione che concerne il concetto di pittura accademica.

Oggi, con l’operazione in corso, Antonio Ciseri, abitualmente ritenuto “pittore accademico”, viene presentato come un grande artista. Nel catalogo leggiamo di «eccellenza», a p. 37; di «originalità» e del fatto che sia stato «regolarmente vantato» dai responsabili artistici e culturali del Cantone Ticino (p. 15), di «rango protagonistico nella pittura dell’800» (p. 66) e di vicinanza con la pittura di Dominique Ingres (p. 67). Solo Giulio Foletti accenna alle perplessità già in passato manifestate per la «resurrezione di un morto che non torna in vita» e a come Ciseri sia stato «ritenuto pittore accademico retorico sentimentale chiesastico»; salvo poi insistere sull’importanza della ricostruzione del suo percorso, «magnifico esito finale di una lunga e caratteristica storia di migrazioni artistiche, artigianali e di mestiere» e proporre di resuscitarlo «facendolo uscire dalla dimensione encomiastica e celebrativa».

In effetti la storia della conoscenza e della fruizione del lavoro di Ciseri è contraddittoria: un successo di pubblico soprattutto in ambito devozionale e un successo di committenza anche politica, una consuetudine a portarlo sugli allori in ambito locale (a «vantarlo», come scrive Veronica Provenzale che è responsabile del progetto in corso) si scontrano con un atteggiamento severo e di sufficienza da parte della storiografia sulla pittura dell’Ottocento. Corrado Maltese gli dedica, nella Storia dell’arte italiana dal 1785 al 1943, poco più di tre parole: «mediocri artisti come … Antonio Ciseri». Piero Chiara, in Pittura italiana dell’Ottocento, apprezza le buone intenzioni: «l’organismo formale tende a riportarsi tutto sul disegno. Ciò non poteva avvenire, né avvenne senza inconvenienti». Solo Antonio Spalletti, nel saggio dedicato alla pittura toscana dell’Ottocento che sta nella Storia della pittura italiana pubblicata da Electa, dedica al pittore di Ronco sopra Ascona giudizi lusinghieri, insistendo, con valori positivi, sulla «evidenza fotografica» e sulla «definizione disegnativa».

Preso atto del contrasto tra i fronti della lettura critica, forse l’iniziativa ticinese di questi mesi vuole essere un tentativo di riscatto della fortuna del pittore che operò a Firenze mantenendo un forte legame con la propria regione di origine.


Antonio Ciseri, Ritratto della signora Anna Walter, 1867, Museo d’Arte della Svizzera italiana, Lugano. Collezione Città di Lugano

Cosa ci dicono le opere esposte? Le troviamo in sedi disparate e ciò, se rende omaggio alle realtà locali che hanno coltivato la memoria dell’artista, rende difficile una visione di insieme e un confronto sul vivo. Troviamo una certa felicità espressiva nella mostra presso il Museo di Arte di Lugano, in particolare negli studi di testa e nel Ritratto della signora Anna Walter e in alcuni disegni. Vi possiamo vedere come, nella costruzione dell’opera, egli si appoggiasse alla componente illustrativa e ne troviamo conferma nella sala dedicata ai disegni presso il piccolo museo della Madonna del Sasso, a Orselina. I lavori esposti al Casorella di Locarno appaiono di qualità diversa: decisamente celebrativi e poco convincenti in termini pittorici i quadri più ambiziosi (L’Italia risorta; Date a Cesare…) sembrano meno riusciti i ritratti, per esempio di Caterina Ciseri, in cui gli occhi, brillanti, non si amalgamano nell’incarnato del viso, sacrificando la naturalezza e l’efficacia artistica alla ambizione illustrativa e alla definizione del segno, come se ci trovassimo, più che di fronte a esiti di ricerca pittorica, nel mondo dell’illustrazione di soggetti alla ricerca di consenso.

Ecco quindi che la celebrazione di Ciseri può essere l’occasione per riflettere su alcuni aspetti del sistema artistico nella storia. Innanzi tutto abbiamo la relazione tra pittura intesa come operazione artistica e pittura intesa come forma di illustrazione destinata a un pubblico. In secondo luogo abbiamo l’esigenza di definire, sulla base dei termini appena accennati, come possiamo intendere il concetto di pittura accademica. Abbiamo poi gli aspetti relativi alla storia sociale dell’arte, rispetto ai quali potremmo indagare su come si è articolato, nel corso delle fasi storiche, il destino della famiglia Ciseri e la biografia di Antonio (il volume dedicato all’operazione in corso ci offre già un primo tassello attraverso le ricostruzioni genealogiche); vi è poi la storia della ricezione del lavoro del pittore e la storia della sua fortuna critica, abbozzate in almeno un paio di contributi al volume. Pertanto, oltre ad aggiungere un tassello all’impegno del Ticino per «vantarlo» nel corso dei decenni, l’iniziativa su Antonio Ciseri pone le basi per riflessioni sulla cultura artistica e sulla tecnica della rappresentazione che possono essere utili alla nostra consapevolezza critica e alla nostra cittadinanza all’interno della società culturale.

Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved