ULTIME NOTIZIE Culture
Società
20 min

Perché (e come) parlare di emozioni a scuola con gli adolescenti

Nel libro ‘In media stat virtus’ idee e attività per l’educazione socio-emotiva negli anni formativi. Anna Bosia: ‘Strumento per docenti ma non solo’.
Culture
2 ore

Ottavio Besomi e i ‘Ricordi capriaschesi di ragazzo’

Un percorso di cinquanta tappe che narra il primo segmento di vita di un uomo nato ottant’anni fa. Il libro sarà presentato il 12 dicembre a Tesserete.
Mostre
3 ore

Le foto a colori di Bischof aprono le esposizioni 2023 del Masi

Dopo il fotografo svizzero, una retrospettiva dedicata ad Ackermann, l’arte concreta di Mertens, il russo-ticinese Jawlensky e la grafica da Zurigo
danza
6 ore

Una versione quasi distopica de ‘Il lago dei cigni’ al Lac

Il coreografo Angelin Preljocaj porta sulla scena luganese (9 e 10 dicembre) la sua compagnia di balletto che si esibirà nel capolavoro rivisitato
Scienze
6 ore

Più Covid e influenza in inverno? È (davvero) colpa del freddo

Scagionato lo stare di più al chiuso: uno studio statunitense dimostra che le basse temperature abbattono la prima linea di difesa immunitaria nel naso
teatro
6 ore

L’ambiente e il futuro del pianeta raccontato da ‘The Children’

Il testo di Lucy Kirkwood sarà di scena al Sociale l’8 e il 9 dicembre. Nel fine settimana gli spettacoli ‘Doppio taglio’ e ‘Bentornato Babbo Natale’.
Spettacoli
8 ore

Punkreas, Mata Hari e 52 sul palco del Foce

Nei prossimi giorni lo Studio luganese ha in cartellone due spettacoli, con la Compagnia Finzi Pasca e il Teatro Paravento, e il concerto punk
Società
9 ore

I media online sono più influenti della tivvù

Per quanto riguarda la rilevanza sulla formazione delle opinioni le testate cartacee scivolano in coda alla classifica, dietro a radio e social media
Culture
13 ore

Come ‘Ritornare in sé’ (dialogo tra economia e filosofia)

Christian Marazzi e Fabio Merlini discutono gli effetti delle odierne forme di produzione di ricchezza sulle nostre vite, a partire dal libro del secondo
Spettacoli
13 ore

È morta Kirstie Alley, star di ‘Cheers’ e ‘Senti chi parla’

Aveva 71 anni e di recente aveva scoperto di essere malata di cancro. Con la serie tv conquistò il suo primo Emmy nel 1991
L’intervista
16 ore

Ma tu lo sai almeno cosa è uno stupro?

A colloquio con la scrittrice Valentina Mira, ospite di un incontro a Bellinzona dove si è discusso di violenza di genere e del concetto di vittima
Spettacoli
1 gior

Dalla corsa di Dix alla vita di Foer, con la musica di Savoretti

Tre appuntamenti con altrettanti ospiti d’eccezione per Lugano arte e cultura dal 13 al 17 dicembre prossimi, sempre alle 20.30
Arte
1 gior

Tradizione e sperimentazione nelle opere di Mattia Barbieri

L’artista lombardo sarà l’ultimo ospite dei Visarte Talks di quest’anno. L’appuntamento è per il 6 dicembre, dalle 18.30, allo Studio Foce di Lugano
Spettacoli
1 gior

Parigi conta i giorni per la riapertura del Grand Rex

Dopo un restauro durato tre anni torna a splendere lo storico cinema indipendente dalla facciata Art déco fondato l’8 dicembre 1932
26.09.2021 - 18:05

Duecento anni di Antonio Ciseri

Prendono il via le mostre ad Ascona, Locarno, Lugano e Rancate per il bicentenario dell’artista nato a Ronco sopra Ascona

di Ivo Silvestro
duecento-anni-di-antonio-ciseri

Pochi giorni e saranno esattamente duecento anni dalla nascita di Antonio Ciseri, avvenuta il 25 ottobre 1821 a Ronco sopra Ascona. E circa 188 dal trasferimento a Firenze, dove il padre e il nonno avevano una bottega. Anche se fu in Toscana che si formò come pittore, Ciseri mantenne sempre un forte legame con il Ticino: lo testimoniano le tante opere presenti nel cantone, in collezioni pubbliche e private, oltre a circostanze più prosaiche come il numero di vie a lui intitolate.

Il bicentenario di Ciseri non poteva quindi passare sotto silenzio, in Ticino e anzi, grazie a un’associazione appositamente costituita – presidente il sindaco di Ronco Paolo Senn – abbiamo una inedita collaborazione tra diversi musei del cantone per quella che potremmo definire un’esposizione diffusa tra Madonna del Sasso a Orselina, Palazzo Reali a Lugano, Museo Casorella di Locarno, Castello San Materno di Ascona, Pinacoteca Züst di Rancate.

Non è un risultato da poco, anche tenendo conto dell’autonomia che le varie istituzioni culturali difendono, ma il progetto “Antonio Ciseri 2021” non si ferma alle mostre e conviene quindi, prima d’illustrare a grandi linee il calendario espositivo, vedere le altre iniziative tra cui il sito www.antoniociseri.ch. Vi troviamo non solo una presentazione dell’associazione e delle iniziative, ma anche un archivio delle opere di Ciseri presenti in Ticino. Si tratta, ha spiegato la coordinatrice Veronica Provenzale, di una base per future ricerche, uno strumento di lavoro per proseguire con la valorizzazione dell’opera di Antonio Ciseri anche dopo l’anniversario – magari anche estendendo l’archivio alle molte opere presenti in Italia.

Altro tassello importante è la monografia ‘Antonio Ciseri e il Ticino’, pubblicata da Armando Dadò editore, un’opera che ripercorre il lavoro di Ciseri alla luce degli studi fatti negli ultimi anni – l’ultima monografia sul pittore, è stato detto in conferenza stampa, risale agli anni Novanta – e con particolare attenzione al Ticino. A questa si aggiunge il volume ‘Antonio Ciseri. Il protagonista e gli avi nella migrazione artistica ticinese XVI-XIX secolo’, legato all’esposizione in corso a Casa Ciseri a Ronco e curato da Marino Viganò; il libro sarà presentato il 3 ottobre alle 16.30 al Monte Verità di Ascona da Fauzia Farneti dell’Università di Firenze.

Ciseri per il Ticino

Passiamo adesso alle mostre, iniziando dall’itinerario allestito dall’Ufficio dei beni culturali del Cantone che non può che partire da Ronco sopra Ascona (chiesa di San Martino e Casa Ciseri), proseguendo con il Santuario della Madonna del Sasso a Orselina, la chiesa di San Francesco a Locarno arrivando fino a Magadino (chiesa di San Carlo Borromeo) e a Intragna (chiesa di Sant’Anna). Il Cantone ha realizzato delle schede informative e realizzato un sito internet (www.ti.ch/ciseri); da notare che l’allestimento a Casa Ciseri è aperto fino al 17 ottobre mentre il Museo della Madonna del Sasso chiude per la pausa invernale il 28 novembre (ed è aperto da giovedì a domenica).

Il 3 ottobre il Museo d’arte della Svizzera italiana gli dedica, negli spazi di Palazzo Reali a Lugano, una mostra con le opere nella collezione del museo. Non si tratta di un’esposizione molto ampia, ha spiegato la curatrice Cristina Sonderegger, ma interessante per come permette di ripercorrere la carriera di Ciseri, con il grande dipinto storico ‘La partenza di Giano della Bella per il volontario esilio’ e una serie di ritratti – da quelli “di committenza” ad altri più personali della famiglia –, affiancati a bozzetti, studi e disegni preparatori di alcuni dei suoi maggiori capolavori tra cui l’‘Ecce Homo’ che dipinse nel 1871 e conservato a Palazzo Pitti a Firenze.

Da Lugano a Locarno, il 10 ottobre aprirà la mostra al Museo Casorella di Locarno che riunisce un nucleo di opere presenti sul territorio, molte di proprietà privata tra cui alcune mai esposte prima. Attraverso i ritratti, le grandi tele religiose e storiche, e di nuovo una selezione di bozzetti e disegni, l’esposizione vuole evidenziare in particolare la cerchia di conoscenze alla quale Antonio Ciseri aveva accesso in Ticino. Sempre da collezioni private arrivano i ritratti che, dal 30 ottobre, saranno in mostra al Museo Castello San Materno di Ascona.

Al bicentenario partecipa anche la Pinacoteca Züst di Rancate con un progetto che “guarda oltre”: non più Antonio Ciseri, ma il suo allievo di maggior talento, Giacomo Martinetti, nato a Firenze da famiglia originaria di Barbengo. Un artista importante, ha spiegato la direttrice della pinacoteca Mariangela Agliati Ruggia, ma sconosciuto ai più e che questa mostra-dossier che si aprirà il 14 novembre vuole far riscoprire.

A queste mostre si affianca un calendario di incontri, conferenze e attività per le scuole, con in particolare un progetto condotto insieme al Dipartimento formazione e apprendimento della Supsi e un altro con due classi del Collegio Papio di Ascona in collaborazione con il Fai-Swiss.

Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved