laRegione
lo-spazio-officina-si-apre-per-donazioni-ii
Sandro Martini, Ladro di sogni, 1997
ULTIME NOTIZIE Culture
Società
15 ore

La cultura e la pandemia, incontro (virtuale) a Lugano

‘Cultura e Salute. Connessi per accorciare le distanze’ il 3 novembre con ospiti Philippe Kern, Anne Torreggiani e Philippe Bischof
Spettacoli
15 ore

Lockdown all’italiana per i cinema ticinesi

Da Woody Allen a Carlo Verdone, la chiusura dei cinema in Italia priva anche il Ticino dei pochi film che restavano
Scienze
17 ore

Covid, perché i pipistrelli trasmettono ma non si ammalano

Sono un serbatoio naturale di virus, ma li tollerano tutti grazie a una ridotta risposta infiammatoria all'infezione. La risposta è (anche) genetica.
Scienze
22 ore

Ticino, è arrivata la Vespa velutina

Lo rileva il Dipartimento del Territorio. Un esemplare dell'insetto di origine asiatica scoperto da un apicoltore di Ludiano
Società
23 ore

Svizzera, chi ha 'studiato' si sente più in salute

Lo rivela una ricerca dell'Ufficio di statistica, secondo la quale gli svantaggi sociali si ripercuotono sul benessere delle persone
Locarno Film Festival
1 gior

I Pardi di domani vanno in tour

Da novembre a maggio, in tutta la Svizzera, i corti del Locarno 2020 vanno in sala: è il Festival a fianco dell'industria, dei registi e delle sale.
Lac
1 gior

Alexandra Dovgan: a tredici anni suona con l'Osi

È la giovanissima pianista russa che giovedì 29 e venerdì 30 ottobre si esibirà al Lac con l'Orchestra della Svizzera italiana
Spettacoli
1 gior

'Macbettu', Shakespeare in lingua sarda al Sociale

Doppio appuntamento, mercoledì 28 e giovedì 29 ottobre alle 20.45, con il Macbeth di Alessandro Serra
Società
1 gior

L’effetto della pandemia sui media vecchi e nuovi

L'Università di Zurigo ha pubblicato il rapporto Qualità dei media 2020. Informazione sempre più importante, ma sempre meno finanziata
Culture
1 gior

Museo d'arte islamica di Gerusalemme vende reperti

Causa crisi finanziaria, all'asta da Sotheby's andranno quasi 200 esemplari tra elmetti, sfere e un piatto di ceramica di Samarcanda di mille anni fa.
Arte
01.10.2020 - 19:440

Lo Spazio Officina si apre per ‘Donazioni II’

Sabato inaugurazione della mostra con le più recenti donazioni fatte al m.a.x.museo di Chiasso

Il percorso si apre con Enrico Della Torre: 35 opere da lui donate che ripercorrono la sua carriera e che costituiscono uno dei nuclei più importanti della mostra ‘Donazioni II’ che il m.a.x.museo di Chiasso inaugurerà sabato alle 17.30. Opere in continuo gioco tra astrattismo e figurazione, spesso con riferimento ad elementi naturali, che affascinano ma appena si entra nello Spazio Officina, lo sguardo è subito catturato dalle opere che si trovano nella parte opposta della grande sala: due litografie di Sandro Martini, eredità dell’esposizione che l’artista livornese fece, con un’imponente installazione, proprio lì nel 2018. A fianco, un bozzetto in gesso di Federico Seneca, una figura femminile che il grafico ha realizzato come studio preparatorio per il manifesto di un’azienda di biancheria intima – e anche qui ci ricorda di un’altra esposizione che il m.a.x.museo dedicò appunto a Seneca, tra i più importanti cartellonisti italiani: sua l’immagine dei Baci Perugina, come anche importanti campagne per Buitoni e Agip.
Già a questa prima, veloce ricognizione emergono quelli che sono gli elementi principali di ‘Donazioni II’, come in conferenza stampa li hanno presentati i curatori, la direttrice Nicoletta Ossanna Cavadini e il critico Luigi Sansone (che è anche donatore di alcuni dei lavori qui raccolti). Da una parte la grafica vista non come “arte minore”, ma come spazio di sperimentazione libera per gli artisti, una sorta di avanguardia che se guardata con un po’ di attenzione può suggerire nuove letture dell’opera complessiva di un autore – ma per questo aspetto l’invito è a uscire dallo Spazio Officina e andare al m.a.x.museo dove fino a gennaio abbiamo l’esposizione dedicata all’opera grafica di Alberto Giacometti. Poi la donazione di un’opera d’arte come apertura, innanzitutto dell’artista e del collezionista verso il museo: girando tra il centinaio di opere esposte allo Spazio Officina, Nicoletta Ossanna Cavadini si è spesso fermata a raccontare il rapporto di fiducia che si è creato e che, grazie anche all’associazione amici del m.a.x.museo, ha portato alla donazione di quell’opera. E quelle esposte sono solo una parte non soltanto della collezione del museo, ma anche semplicemente delle donazioni ricevute negli ultimi anni: la media, ha spiegato in conferenza stampa la direttrice, è di un’opera al giorno, quasi due nell’ultimo periodo.
Ma apertura, ovviamente, anche del museo verso la popolazione che può scoprire e vedere parte la collezione permanente del m.a.x.museo. Non solo nello Spazio Officina, ma anche in Corso San Gottardo che ospita una sorta di “appendice open air” della mostra: 58 opere, in parte quelle esposte allo Spazio Officina, riprodotte sui pannelli bifacciali presenti nella strada pedonale. Un’idea di dialogo con la città che è esso stesso una donazione: quella di aprire le esposizioni al di là dello spazio museale era stata una richiesta di Oliviero Toscani che adesso, quando possibile, da parte del patrimonio del m.a.x.museo.
Abbiamo poi la varietà di approcci e stili esposti, con un chiaro focus sul Novecento – anche se non manca una breve incursione nell’Ottocento con due stampe della collezione Luigi Rossini – con una bella litografia di Lucio Fontana del 1949, i manifesti di Lora Lamm (‘La Rinascente distensione nella casa’) e Heinz Waibl (‘la scarpa Gasparotto’), una prova d’artista di Mario Botta per il Centre Dürrenmatt di Neuchâtel e poi ancora Theodoros Stamos, Sandro Chia, Serge Brignoni, un interessante Sergio Morello dedicato a Chiasso e poi la serie di ‘Interferenze’ di Gillo Dorfles, con lo stesso tema stampato più volte con colori e soluzioni diverse.

Guarda le 4 immagini
© Regiopress, All rights reserved