laRegione
philippe-daverio-e-l-immaginificazione-dell-arte
Philippe Daverio nel 2008 (Lelli e Masotti, Wikimedia Commons)
ULTIME NOTIZIE Culture
Cinema
3 ore

È morto Sean Connery

L'attore scozzese è scomparso all'età di 90 anni. Lo ha comunicato la sua famiglia
Culture
21 ore

Giacomo Jori, tra Telemaco e Pinocchio all'Usi

Prosegue il ciclo di letture collodiane. Il terzo appuntamento è fissato per mercoledì 4 novembre alle 18.30 all'Auditorium
Culture
22 ore

Addio allo scrittore svedese Jan Myrdal

Strenuo difensore delle ingiustizie, in Patria e nel mondo, il 'Rapporto da un villaggio cinese', libro del 1963, è la sua opera più nota.
Spettacoli
23 ore

Addio al maestro Alexander Vedernikov

Il direttore d’orchestra russo, più volte sul palco con l’Orchestra della Svizzera italiana, aveva 56 anni
Culture
1 gior

L’onnipotenza umana e il nuovo coronavirus

Intervista al filosofo Emanuele Coccia, ospite degli Eventi letterari Monte Verità per parlarci del ‘narcisismo negativo’ dell’umanità
Scienze
1 gior

Verena Keller, ornitologa svizzera, vince il 'Marsh Award'

Il prestigioso riconoscimento internazionale viene assegnato agli scienziati il cui lavoro ha grande impatto sull'ornitologia britannica.
Scienze
1 gior

Sostanza P, e il prurito non ha più segreti

Si deve tutto a un neuropeptide rilasciato da alcuni neuroni della pelle. La scoperta, avvenuta nel Massachusetts, amplia la comprensione del sistema immunitario.
Culture
1 gior

La Cernusco antifascista contro la libreria di Altaforte

Il 7 novembre, alle porte di Milano, apre un punto vendita dell'editore controverso. L'Anpi: 'Inneggiano al nazifascimo'.
Spettacoli
1 gior

Renato Zero d'accordo con Papa Francesco: 'Il mondo cambia'

Il cantante, icona gay, in sintonia con l'apertura del pontefice alle unioni civili fra persone omosessuali: 'C'è bisogno di grande rispetto'.
Scienze
1 gior

Uomini e cani sono amici dal Paleolitico

È quanto pubblica 'Science' dopo un'analisi del Dna antico del nostro migliore amico, condotto su 27 esemplari di tutta l'Eurasia
Culture
1 gior

Addio a Diane di Prima, poetessa della Beat Generation

Era nota soprattuto per l'opera 'Loba', indicata negli anni '70 come la controparte femminista di 'Howl' di Allen Ginsberg
Arte
02.09.2020 - 19:030
Aggiornamento : 19:52

Philippe Daverio e l’immaginificazione dell’arte

Il critico d’arte, scomparso oggi all’età di 71 anni, è stato un protagonsita protagonista della spettacolarizzazione dell’arte e del sistema

Philippe Daverio è stato in Italia un protagonista della spettacolarizzazione dell’arte e del sistema nel quale immaginificazione, programmazione e decisione politica, attivismo editoriale e mediatico compongono un unico magma la cui decifrazione è difficile e i cui benefici sono, se esistono, nascosti da una coltre di bruma.

È riuscito ad attraversare epoche diverse con ruoli pindarici e probabilmente a uscire di scena supportato da coloro che lo hanno visto, in passato, come una figura mefitica. Titolare di una prima galleria a Milano, poi a New York, poi seguita da una seconda a Milano, ha cavalcato gli anni Ottanta della cosiddetta Milano Da Bere. Nel 1993 si presta come assessore alla cultura, tempo libero, educazione e relazioni internazionali per la giunta di Marco Formentini della Lega Nord. In quella congiuntura, viene accusato di offrire una copertura pseudo culturale a un governo della città retrivo, in cambio di aiuto per risollevare le sorti della propria galleria. Queste si concluderanno con un fallimento e, nel 1997, una indagine per bancarotta fraudolenta. Anni dopo dichiarerà di non avere mai sposato le idee leghiste, di essere stato solo consenziente nei confronti delle «tesi di autonomia gestionale» incarnate da Marco Formentini, rivendicando una adesione dei leghisti alle “idee daveriane” e di nutrire terrore per il leghismo italiano.

Nella veste di politico, Daverio è stato il responsabile della inaugurazione della politica delle grandi mostre alla caccia di una adesione massiccia delle persone («portando le presenze da 30.000 visitatori nel 1993 a oltre un milione nel 1996», recita il suo sito); ha inoltre favorito la privatizzazione della cultura attraverso l’istituzione delle fondazioni (Fondazione Teatro alla Scala, Fondazione Pierlombardo, Fondazione dei Pomeriggi Musicali «intese quali strumento di autonomia e di osmosi tra pubblico e privato nelle istituzioni culturali»). È stato insomma un attore importante, anche se forse non del tutto consapevole, nel processo di alienazione della politica e della programmazione culturale, da parte della amministrazione pubblica, al gioco degli interessi privati.

L’ideologia privatista e antidemocratica di Daverio e la sua disponibilità nei confronti della Lega Nord ci aiutano a capire, dalla angolatura della politica culturale e artistica, quale sia stato il vero ruolo storico di quella amministrazione: non tanto di perseguire autonomia e tutela dei localismi quanto di agevolare processi di deregolamentazione e espropriazione della politica democratica.

Dopo l’esperienza politica Philippe Daverio ha continuato a esercitare un ruolo di peso in molteplici realtà italiane, per esempio in Sicilia ma anche come direttore del Museo della Fabbrica del Duomo o del Museo di Verbania.

Nel corso degli ultimi abbondanti venti anni la sua presenza in istituzioni sparpagliate nel territorio (incluso il ruolo di responsabile della biblioteca di Salemi in Sicilia, chiamato da Vittorio Sgarbi, in quel tempo stranamente sindaco di quel paese) si è accompagnato a un pervicace attivismo mediatico e pubblicistico grazie al quale è riuscito ad accreditarsi come importante divulgatore dell’arte. Oratore fluente e non sempre continente (basti citare il suo paragone del cannolo siciliano alla canna mozza del fucile), consapevole del fatto che facendo continuamente zampillare citazioni e frasi poco verificabili (mi ha colpito la dichiarazione che l’insicurezza degli italiani è legata al terremoto) si possa conseguire una occupazione dello spazio sonoro e quindi un aumento del potere assertivo, è intervenuto con trasmissioni televisive, pubblicazioni di libri, conferenze e incontri salottieri che spaziano in vaste lande dell’immaginario artistico e del cosiddetto culturame.

Il suo lascito si compone del risultato delle sue azioni e della sua capacità di utilizzare il potere senza farne percepire le implicazioni gestionali. Egli ci lascia anche la consapevolezza del fatto che, se l’abito non fa il monaco, il vestirsi seguendo una eccentrica continuità può essere una maschera con la quale giocare a fare il saltimbanco.

© Regiopress, All rights reserved