laRegione
i-sogni-a-colori-della-belle-epoque-al-museo-delle-dogane
ULTIME NOTIZIE Culture
Culture
1 ora

Plantu, storico disegnatore, lascia Le Monde

Dopo cinquant'anni di collaborazione in prima pagina. Il caso della vignetta sull'incesto del collega Gorce 'non c'entra'
Spettacoli
5 ore

Vanno all'asta i gioielli di Franca Valeri, signorina snob

Per la casa d'asta Christie's 'è un orgoglio poter essere scelti per la vendita di gioielli di un personaggio così iconico per l'Italia'.
Arte
20 ore

Covid, Art Basel spostata a settembre

La grande fiera dell'arte ha deciso di rimandare di qualche mese la sua edizione 2021
Spettacoli
21 ore

Addio a Juan Carlos Tabio, sorriso serio del cinema cubano

Morto nei giorni scorsi, il regista e sceneggiatore è stato più di ogni altro autentico testimone di un’epoca
Rock e Brexit
1 gior

‘Won’t get fooled again’, la musica contro Boris Johnson

Sting, Elton, Ed Sheeran, e anche il pro-Brexit Roger Daltrey (The Who) contro i visti per suonare in Europa. Ne parliamo con due inglesi del settore.
Archeologia
1 gior

'Cristo figlio di Maria': antica lastra affiora in Galilea

La scritta risale a 1500 anni fa. È stata trovata durante gli scavi archeologici condotti nel piccolo villaggio di Taibe
Società
1 gior

Il New York Times online spegne 25 candeline

'Per allargare il pubblico e creare opportunità nell'industria dei media elettronici', si leggeva il 22 gennaio del '96 a pagina 7 del cartaceo
Libri
1 gior

Nessuno ha venduto più libri di James Patterson

84 milioni di unità in formato cartaceo ed e-book: è l'autore più venduto al mondo nell'ultimo decennio.
Musica
1 gior

Osi: annullato Ogrintchouk, il 28 gennaio Maurice Steger

Giovedì 21 gennaio, al posto del Play&Conduct dell'oboista russo, ReteDue trasmette il meglio di ‘Osi in Auditorio’. Si riprenderà all'insegna del flauto.
Culture
2 gior

Joker: il lockdown, il dolore, l'amore

Storia di un mal de vivre e di due ragazzini lombardi in cerca di un sorriso 'non convenzionale'.
Musica
2 gior

Sanremo avanti tutta, e col pubblico all'Ariston

Confermato a marzo, ma sembra tramontare l'idea della nave. L'idea di una platea di operatori sanitari già vaccinati al vaglio degli organizzatori
Cinema
2 gior

Al via Soletta, dove il cinema è molto ticinese

Iniziano domani, mercoledì 20 gennaio, le Giornate cinematografiche n.56. L'apertura è affidata ad ‘Atlas’ di Niccolò Castelli (anche su La2).
Arte
13.06.2020 - 17:100

I sogni a colori della Belle époque al Museo delle dogane

Il “piccolo” museo di Gandria riapre al pubblico con un'interessante esposizione dei manifesti turistici di fine Ottocento

L’anno scorso il Piccolo mondo antico; quest’anno il turismo della Belle époque: il periodo è grosso modo lo stesso, ma sono due storie molto diverse quelle raccontate, e mostrate, dalle esposizioni temporanee del Museo delle dogane, dal 2017 gestito dal Musec, il Museo delle culture di Lugano. Domani, con la ripresa del servizio turistico di navigazione, il piccolo museo alle Cantine di Gandria riaprirà al pubblico con i manifesti turistici di fine Ottocento e inizio Novecento conservati dalla Biblioteca nazionale (info: *www.museodogane.ch*). «Il periodo è sempre quello di Fogazzaro, che in un certo senso è quello in cui il Ticino compare nella storia del mondo, ma la storia che raccontiamo quest’anno è quella del grande turismo internazionale» ci spiega Francesco Paolo Campione, direttore del Musec. Che cosa raccontano quindi, questi “sogni a colori su muri nerastri”, come li ha definiti Lorenzo Sganzini, curatore dell’esposizione, nel catalogo della mostra? «Raccontano questa vocazione di essere “il sud del nord”, raccontano l’immaginario alpino e mediterraneo che si uniscono in una forma che diventa subito riconoscibile, oltre all’opera di artisti di grande qualità» prosegue Campione.

Molte le suggestioni di questa esposizione con le sue stampe in grande formato. Una parte proprio dalla qualità e dallo stile dei manifesti presenti. «È un tema molto discusso – spiega Campione –: il nostro tempo ha prodotto l’irriconoscibilità della produzione artistica, mentre un manifesto della Belle époque è indubbiamente un manifesto della Belle époque, lo si capisce subito perché restituisce un tempo, un’aurea, un sapore, un profumo. Sono immagini che permettono di tuffarti immediatamente in un determinato contesto storico, al contrario di quanto accade con le produzioni degli ultimi cinquant’anni, come se il nostro mondo non fosse più capace di produrre un’identità forte».

E poi il lago, che troviamo raffigurato nella maggior parte dei manifesti. Si tratta, ovviamente, di un lago diverso da quello visto l’anno scorso con ‘Piccolo mondo antico’: «È l’idea di lago come luogo di incontro, un’idea fortemente ottocentesca legata allo sviluppo del turismo internazionale che cambia molte cose: queste immagini prendono non solo il Ceresio, ma anche il Lago di Como e il Lago Maggiore, e ne fanno come detto “il sud del nord”, abbiamo il nord alpino nella sua area più meridionale e troviamo l’immaginario alpino, montagnoso, “svizzero”, unito all’immaginario mediterraneo fatto di limoni, di colori solari». Quello di punto di incontro tra un nord e un sud variamente declinati è del resto ancora oggi al centro di numerosi discorsi non solo a livello turistico, ma anche economico e culturale. Ma, avverte Campione, «un conto è dirlo, un conto è vederlo nei manifesti, negli elementi iconografici che hanno una loro solidità, non sono più concetti astratti ma trasformati in un immaginario concreto, sono limoni sulla riva di un lago alpino».
Poco sopra abbiamo definito quello delle dogane “un piccolo museo”, ma «proprio piccolo non è: i visitatori sono tra otto e diecimila l’anno, molti se teniamo conto che è aperto pochi mesi l’anno e raggiungibile solo in battello» spiega Campione. «Da quando l’abbiamo preso in gestione il museo è cresciuto costantemente, anche a livello di collaborazioni: la Biblioteca nazionale che ha fornito i manifesti per questa esposizione, ma abbiamo anche intenzione di avviare un progetto con l’Università dell’Insubria per dei seminari proprio sul tema del confine».
Centrale per lo sviluppo del museo è stato infatti «trovare una prospettiva, un indirizzo preciso, una vocazione come può essere la storia del lago, l’idea di confine, in grado di andare al di là del “gioco di guardie e ladri”». Il che, conclude Campione, fa del museo delle dogane un modello per altri “piccoli” musei regionali.

Guarda le 2 immagini
© Regiopress, All rights reserved