laRegione
impigliati-nella-rete-neurale
+3
ULTIME NOTIZIE Culture
Musica
6 ore

Sanremo avanti tutta, e col pubblico all'Ariston

Confermato a marzo, ma sembra tramontare l'idea della nave. L'idea di una platea di operatori sanitari già vaccinati al vaglio degli organizzatori
Cinema
7 ore

Al via Soletta, dove il cinema è molto ticinese

Iniziano domani, mercoledì 20 gennaio, le Giornate cinematografiche n.56. L'apertura è affidata ad ‘Atlas’ di Niccolò Castelli (anche su La2).
Musica
9 ore

900presente, l'Oriente Immaginario è in streaming

Domenica 24 gennaio alle 20.30. Senza pubblico, dall'Auditorio Stelio Molo di Lugano, in live streaming e in diretta su Rete Due.
Arte
10 ore

WopArt 'Virtual Fair', i numeri del gradimento

Successo di pubblico, vendite e trattative per l'edizione 2020 della fiera luganese dedicata alle opere su carta, svoltasi in forma digitale
Scienze
1 gior

Si chiama Wasp-107b, è il pianeta 'di zucchero filato'

Individuato alla distanza di 212 anni luce, il pianeta dimostra per la prima volta che i pianeti gassosi si formano più facilmente del previsto.
Spettacoli
1 gior

JazzAscona guarda a New Orleans e al 24 giugno-3 luglio

La speranza, scrivono gli organizzatori, è dar vita a un festival completo e proporre il programma pensato per il 2020
Libri
1 gior

'Mein Kampf' esce in Polonia, l'editore: 'Omaggio alle vittime'

La critica insorge. Per Zbigniew Czerwinski, invece, è 'un monito a quanto sia facile smantellare la democrazia e costruire una dittatura in modo invisibile'.
Culture
1 gior

Demo dei Radiohead all'asta a Londra

Con etichetta scritta a mano dal frontman Thom Yorke, conterrebbe tre inediti, risalenti ai tempi in cui la band si faceva chiamare On A Friday
Scienze
1 gior

Virgin Orbit, l'aereo che manda in orbita il razzo

Per la prima volta nella storia, il lancio avviene dall'ala di un velivolo, un Boeing 747, aprendo all'invio nello spazio 'low cost' dei satelliti
Video
Musica
2 gior

Wagner, revolver e muri del suono: è morto Phil Spector

In carcere per omicidio, inventò il 'Wall of Sound'. Dalle Crystals alle Ronettes, dai Beatles agli ex Beatles, da Cohen ai Ramones, influenzò Springsteen.
Arte
03.09.2019 - 10:500

Impigliati nella rete (neurale)

L’artista Alex Dorici e lo scienziato Luca Gambardella ci portano all’interno di una rete neurale artificiale che ha imparato a riconoscere i gesti della mano

La prima cosa che vediamo, scendendo le scale del tunnel di Besso, sono le luci dei monitor e le corde fluorescenti. Poi, iniziando a percorrere il sottopasso, il progetto acquista tridimensionalità. Fermandoci a leggere i pannelli sulla sinistra, scopriamo che la volta nel tunnel è una scatola cranica, i monitor sono neuroni e le corde assoni e sinapsi. In altre parole, stiamo camminando in una metafora.

E conviene scomporla, quella metafora, per raccontare ‘Neural rope’, installazione creata dall’artista Alex Dorici e dallo scienziato Luca Gambardella nell’ambito del Lugano Living Lab e inaugurata ieri quale anticipazione della Giornata Digitale. Prima di tutto abbiamo il contesto: il tunnel di Besso, come detto. Luogo di passaggio – ma anche, in passato, «un luogo non particolarmente sicuro», per riprendere le parole del sindaco Marco Borradori. Siamo insomma di fronte a un progetto di arte urbana, e questo soprattutto pensando al visitatore tipico che poi è il passante con un po’ di tempo a disposizione. Arte che – in questo caso con approvazione e sostegno delle istituzioni – cerca di ridare valore e significato a un luogo. Da questo punto di vista, ‘Neural rope’ è un intervento riuscito: nella semioscurità del passaggio illuminato da lampade di Wood, l’effetto degli schermi e delle corde fluorescenti colpisce anche chi percorre il tunnel sovrappensiero o di fretta, invitando a guardare con occhi nuovi uno spazio altrimenti anonimo.

Abbiamo poi, nella metafora di ‘Neural rope’, quello che i linguisti chiamano veicolo, lo strumento attraverso cui passa la metafora. Cioè lo spazio che Alex Dorici ha disegnato con le corde fluorescenti, componendo figure geometriche che poi ritroviamo sugli schermi se mostriamo la figura giusta all’occhio della rete neurale artificiale. Perché ‘Neural rope’ si presenta come un gioco: mostriamo le mani a una telecamera e sugli schermi seguiamo l’elaborazione digitale di quell’immagine, arrivando al risultato finale: un cubo, se mostriamo il pugno; una piramide se estendiamo tre dita. Più altri gesti che però non sveliamo per non togliere il piacere della scoperta – diciamo solo che sì, gli sviluppatori dell’Istituto dalle Molle per l’intelligenza artificiale (di cui Gambardella è direttore) hanno pensato anche ai gestacci. Un giochino semplice ma coinvolgente, ben integrato con l’installazione artistica.

Ultimo elemento della metafora, il più delicato, è il tenore, l’idea che la metafora dovrebbe trasmettere. Che è appunto la rete neurale artificiale: non un computer programmato per riconoscere i gesti delle mani, ma una struttura che, imitando la struttura a neuroni del cervello umano, impara ad elaborare le informazioni. ‘Neural rope’ ha imparato, in laboratorio, a distinguere i vari gesti – e continuerà a imparare anche adesso, nel tunnel di Besso, guardando i passanti che si fermano a giocare. Non è semplice, l’idea di rete neurale artificiale – ma certamente è importante in una società sempre più tecnologica. ‘Neural rope’ è una metafora efficace? Riesce a trasmettere quantomeno i punti fondamentali di che cosa è una rete neurale artificiale? Posto che andrebbe fatta una ricerca empirica, la risposta è probabilmente parziale. La struttura della rete, con i vari livelli di elaborazione, è infatti immediata, ma l’idea di apprendimento richiede invece una dimensione temporale che rischia di perdersi: ‘Neural rope’ cambierà nel tempo, perché la rete imparerà a gestire nuovi gesti, ma non è detto che si riesca a percepire, questo mutamento.

Guarda tutte le 7 immagini
© Regiopress, All rights reserved