Ambrì
3
Davos
0
fine
(0-0 : 1-0 : 2-0)
Berna
1
Friborgo
0
fine
(0-0 : 0-0 : 0-0 : 1-0)
Bienne
5
Zurigo
1
3. tempo
(2-0 : 0-0 : 3-1)
Ginevra
3
Losanna
1
3. tempo
(2-0 : 0-1 : 1-0)
Lakers
1
Lugano
4
3. tempo
(1-1 : 0-2 : 0-1)
Zugo
3
Langnau
4
3. tempo
(2-1 : 1-2 : 0-1)
Ajoie
6
La Chaux de Fonds
3
3. tempo
(2-1 : 2-1 : 2-1)
Kloten
3
GCK Lions
2
3. tempo
(0-1 : 3-1 : 0-0)
Visp
1
Turgovia
2
3. tempo
(0-1 : 1-0 : 0-1)
Olten
1
Langenthal
3
3. tempo
(0-0 : 0-2 : 1-1)
La provincia di Al Jawf è quella in rosso
Arte
14.02.2018 - 18:280

Carovana di cammelli scolpita nella roccia in Arabia Saudita

Il bassorilievo risale a duemila anni fa; una scena particolare nella storia dell'arte mediorientale

Una carovana di cammelli a grandezza naturale, scolpita nella roccia rossa oltre 2000 anni fa, è stata scoperta in Arabia Saudita. A individuare i bassorilievi, descritti sulla rivista 'Antiquity', è stato un gruppo di archeologi del Consiglio nazionale delle ricerche francese (Cnrs) e della Commissione per il turismo e il patrimonio nazionale saudita (Scth).

Il Camel Site, questo il nome del luogo del ritrovamento, è situato nella provincia di Al Jawf, nel nordovest dell’Arabia Saudita, ed è stato esplorato nel 2016 e nel 2017. La sua scoperta getta una nuova luce sull’evoluzione dell’arte rupestre nella penisola arabica.

Le sculture, eseguite a bassorilievo su tre speroni rocciosi, raffigurano animali a grandezza naturale. Alcune di queste sono incomplete, altre sono state in parte distrutte dall’erosione. Tuttavia, i ricercatori sono stati in grado di identificare una decina di rilievi che rappresentano cammelli ed equidi. Una scena, in particolare, non ha precedenti nelle rappresentazioni spesso presenti in questa regione: un dromedario insieme ad un asino, un animale, quest’ultimo, raramente rappresentato nell’arte rupestre.

Il Camel Site può essere considerato una delle principali vetrine dell’arte rupestre saudita. La sua posizione nel deserto e la vicinanza alle rotte carovaniere suggeriscono che fosse un luogo di sosta, dove i viaggiatori potevano riposare, o di culto. Tuttavia il sito è difficile da datare. Il confronto con un rilievo del sito archeologico di Petra, in Giordania, porta i ricercatori a ritenere che le sculture siano state completate nei primi secoli avanti Cristo.

Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved