ULTIME NOTIZIE Cantone
Bellinzonese
49 min

Tutti i vincoli del nuovo ospedale di Bellinzona

I progettisti dovranno confrontarsi con un’importante serie di questioni tecniche, fra sicurezza fluviale, edificabilità e viabilità
Bellinzonese
2 ore

Pomeriggio di ballo liscio a Pollegio con l’Atte Blenio-Riviera

Appuntamento per giovedì 9 febbraio al ristorante Alla Botte
Bellinzonese
3 ore

Omaggio a più voci a Enrico Della Torre a Camorino

Appuntamento per lunedì 13 febbraio alle 19 al centro culturale areapangeart
Locarnese
3 ore

La sfida: ricreare (e degustare) i 101 stili di birra ufficiali

L’iniziativa, promossa dal BeerLab di Gordola, è aperta a tutti e si ripeterà settimanalmente il giovedì sera
Luganese
3 ore

Appuntamento su sostenibilità e architettura in ambito alpino

Questi i temi che verranno trattati all’Istituto internazionale di Architettura a Lugano martedì 14 febbraio alle 18.30
Locarnese
3 ore

L’Arte dell’ascolto profondo, evento online con Daniel Levy

Lo propone l’Accademia Internazionale di Eufonia di Locarno giovedì 9 febbraio dalle 20
Bellinzonese
3 ore

L’Ambri Piotta sostiene la lotta contro una malattia rara

Il 17 febbraio i giocatori indosseranno una maglia speciale: il ricavato dell’asta andrà all’associazione ‘Noi ci siamo’ che sensibilizza sulla Fop
Ticino
3 ore

Superamento dei livelli, il Plr boccia la proposta commissionale

In Gran Consiglio arriverà anche il rapporto di minoranza di Polli: da Lega, Ps, Centro e Verdi ‘proposta evidentemente fragile, non ha obiettivi’
Mendrisiotto
3 ore

Anche i Quartieri di Mendrisio si mettono la maschera

Dopo il Carnevale di Genestrerio, andato in scena domenica scorsa, è giunta l’ora di Besazio, Capolago e Ligornetto
Mendrisiotto
3 ore

A Novazzano torna ‘Ul Zanzara’

Per gli amanti del Carnevale sarà possibile festeggiare già a partire da martedì sera
Luganese
3 ore

Processo Enderlin, ‘dopo 9 anni di Purgatorio comincia la vita’

L’imprenditore luganese è stato condannato a 13 mesi sospesi. Cade l’accusa delle retrocessioni bancarie
Bellinzonese
3 ore

Ad Ambrì-Sopra ‘via alla Posta’ diventa ‘via Alina Borioli’

La commissione cantonale di nomenclatura ha approvato la modifica, proposta dalla scomparsa Tiziana Mona e cofirmatari
laR
 
29.08.2022 - 05:30
Aggiornamento: 15:26

Montagna e lotta alla pedofilia, Dadò: ‘Onoro una promessa’

Di ritorno dai quasi 6mila metri dell’Alpamayo in Perù, dalla cui cima ha sostenuto l’Aspi, il presidente del Centro si confida e spiega il suo impegno

montagna-e-lotta-alla-pedofilia-dado-onoro-una-promessa
Dadò sulla cima dell’Alpamayo pochi giorni fa

«Una persona potrà chiedersi dopo tanto tempo perché vado in cima alle montagne e in giro per il mondo per sensibilizzare sul tema della lotta agli abusi e contro ogni forma di violenza sui fanciulli e la pedofilia. Ecco, ora lo dico». Il presidente del Centro (Ppd), Fiorenzo Dadò, reduce dalla scalata dell’Alpamayo in Perù per appoggiare e sostenere pubblicamente l’Aspi, si confida a ‘laRegione’ e spiega da cosa sia animato. Da una promessa.

Un incontro che ha cambiato la vita

«Io ho avuto un’infanzia spensierata e molto bella, sono stato un bambino fortunato. A un certo momento della mia vita – continua Dadò – ho incontrato una ragazza che ha subìto abusi da parte del padre. Questa ragazza ha avuto difficoltà enormi, è caduta in depressione, fino a togliersi la vita». È stato un periodo doloroso, «io avevo appena cominciato a far politica. Prima di morire mi ha chiesto di fare tutto quello che potevo per informare su questi temi così delicati, e tutelare l’infanzia. È una promessa che ho fatto, e che cerco di mantenere e portare avanti nei modi che conosco e in cui riesco».

‘Sensibilizzare su questi temi è fondamentale’

Da qui la scelta di scalare montagne anche molto alte «per ritrovare il candore e la purezza», ma soprattutto «siccome la cosa desta una certa curiosità e interesse nell’opinione pubblica unisco l’utile al dilettevole, cercando nel mio piccolo di sensibilizzare ogni volta su un ambito diverso». A metà agosto, ai 5’947 metri della cima dell’Alpamayo, in Perù, Dadò ha srotolato lo striscione in sostegno della fondazione Aiuto, sostegno e protezione dell’infanzia (Aspi) che compie il suo trentesimo compleanno.

L’aspetto più significativo non è quello alpinistico, «ma quello appunto della sensibilizzazione. È importante sostenere chi oggi si occupa con impegno e serietà, ogni giorno, della tutela dei bambini. Chi ha la fortuna come me di salire su queste montagne, e provare la soddisfazione e la serenità che dà questa attività difficile e pericolosa, è importante che si impegni anche a far passare dei messaggi utili».

‘Dentro di me ho sentito vicino Alex Pedrazzini’

Ad accompagnare Dadò nella scalata è stato «anche il ricordo di Alex Pedrazzini, il politico che in Ticino ha fatto di più contro la pedofilia e per i bambini e che, per la prima volta, non ha potuto assistere a queste spedizioni. Alex – riprende Dadò – è stato precursore e capofila in questa battaglia, l’ho sempre sentito solidale e ho sempre avuto il suo sostegno. Durante questa spedizione durata tre settimane l’ho pensato e sentito molto vicino».

‘Ora una legge contro le punizioni corporali ai bambini’

E lancia un appello, il presidente del Centro. «La Svizzera è una delle pochissime nazioni in Europa che non dispone di una legge a tutela dei bambini contro le punizioni corporali. Fabio Regazzi in Consiglio nazionale si è impegnato molto in più occasioni, io colgo l’occasione per rilanciare questo tema e chiedere a lui e ai deputati a Berna di farsi promotori di una legge degna di nota e che porti la nostra nazione all’avanguardia anche in quest’ambito».

‘Quei sassi a forma di cuore trovati nella discesa, un segno’

Quella promessa Dadò l’ha mantenuta, anche quest’anno. E l’ha fatto in condizioni avverse a dir poco: «A questa magnifica montagna, prima di poterla vedere e scalare, ci siamo avvicinati con giorni di trekking e attraversando un ghiacciaio non molto facile a 5mila metri. Per attaccare la cima, siamo partiti dalla tenda alle 11 di notte e… tra andata e ritorno siamo stati in parete circa 14 ore, senza mangiare né bere, sotto la tormenta e la bufera. In vetta non ho avuto l’opportunità di vedere il panorama come si nota dalla foto, ma se durante l’avvicinamento mi sentivo teso e un po’ in ansia, rientrando sono stato ripagato da una grande serenità. Mentre scendevo sulla morena ho trovato molti sassi a forma di cuore, che salendo non avevo notato. Di montagne ne ho salite parecchie ma non ne ho mai visti così tanti come questa volta. Credo sia un segno».

Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved