ULTIME NOTIZIE Cantone
Locarnese
3 ore

Comprarsi mezza Locarno con un lancio di dadi, da oggi si può

Dopo le edizioni dedicate a Lugano e al Ticino, arriva sul mercato anche la versione incentrata sulla Città sul Verbano del gioco da tavolo Monopoly
Luganese
4 ore

I martedì creativi del Centro diurno Talete

Origami e pasta da modellare nei pomeriggi organizzati alla struttura di Pro Senectute a Lamone
Luganese
5 ore

Va in scena ‘Avventura e Sicurezza’. Più di un’esercitazione

A Lugano gli enti di soccorso del cantone si presentano alla popolazione. Sarà possibile cimentarsi con le diverse attività
Luganese
5 ore

Lugano: in arrivo Expo Ticinotour, grande fiera vintage

L’evento è in programma sabato 1° ottobre al Padiglione Conza: oltre 120 espositori, food-truck, bar, sala giochi, veicoli d’epoca e molto altro
Luganese
6 ore

Crisi energetica, a Lugano piscine e palestre più fredde

Il Municipio ha deciso di implementare alcune misure volte al risparmio di elettricità e gas. Alcune di queste sono comportamentali.
Ticino
7 ore

‘Non si aggiungano ulteriori materie di studio al Liceo’

Tra ‘grandi scetticismi’ e ‘totale concordanza’, il Cantone risponde alla consultazione federale in merito alla Revisione dell’Ordinanza sulla maturità
Bellinzonese
8 ore

La cucina medievale regina della giornata dei castelli

L’antica gastronomia sarà il filo conduttore delle attività proposte domenica 2 ottobre nei tre manieri cittadini
Luganese
8 ore

Lugano è per AlpTransit a sud. Chi si batte plaude

‘Pro Gottardo ferrovia d’Europa’ soddisfatta per la risoluzione unanime sottoscritta dal Consiglio comunale
Luganese
8 ore

Lugano, da Radio Rsi a Città della Musica con 21 milioni

Licenziato il messaggio municipale per l’acquisto dello storico stabile di Besso. Un’operazione che, spiega Badaracco, genererà 55 milioni di investimenti
Gallery
Grigioni
8 ore

A lezione d’integrazione sui banchi di Roveredo

Da lunedì tredici adolescenti fuggiti dall’Ucraina hanno iniziato a districarsi fra matematica e italiano nel padiglione 1 della Casa di cura Immacolata
Grigioni
9 ore

Augio, presentazione di un libro fotografico sulla Val Calanca

Appuntamento per venerdì 7 ottobre alle 20 al ristorante La Cascata, in presenza dell’autore Sergio Luban
Bellinzonese
9 ore

Osogna, ‘con macchinisti istruiti si riducono gli infortuni’

È stato inaugurato ufficialmente il Centro di formazione professionale Macchine della Ssic Ticino che, inoltre, valorizza una regione periferica
Luganese
9 ore

Il centro di Lugano si veste d’autunno

Nel solco della tradizione la Città propone momenti enogastronomici, bancarelle, musiche e giochi per tutti
Luganese
10 ore

La Città si mette il... ‘Cinema in Tasca’

Torna la rassegna che propone grandi film a prezzi popolari. Si parte con la stagione autunnale il 12 ottobre
Mendrisiotto
10 ore

‘Il palazzo reale delle menzogne’, 6 anni al principe Selassié

La Corte delle Assise criminali di Mendrisio lo ha riconosciuto colpevole e condannato per truffa per mestiere e falsità in documenti
Locarnese
10 ore

Sviluppo del comparto del Lido, perché il Municipio ‘tentenna’?

Lo chiede tramite un’interpellanza all’esecutivo di Locarno il consigliere comunale Udc Bruno Baeriswyl
Mendrisiotto
10 ore

Da Morbio Inferiore un viaggio nel tempo in due incontri

In programma due conferenze storiche: la prima sulla Belle Époque, la seconda sul contrabbando
laR
 
20.07.2022 - 18:17
Aggiornamento: 18:40

La canicola aumenta, la politica interroga il governo

Il Centro: uniformare i regolamenti comunali per anticipare il lavoro sui cantieri. L’Mps: indennità d’intemperie e climatizzazione nelle case anziani

la-canicola-aumenta-la-politica-interroga-il-governo
Ti-Press
Emergenza continua

Il caldo di questa rovente estate canicolare si fa sempre più insopportabile. E se per alcune persone è un fastidio, seppur grosso, per altre è un problema debilitante: come per chi lavora all’aperto. «Riceviamo continuamente segnalazioni di lavoratori ma anche di molte imprese, come sindacato siamo davvero sollecitati e bisogna assolutamente fare qualcosa»: è evidente la preoccupazione del sindacalista Ocst e deputato del Centro/Ppd Giorgio Fonio che, raggiunto da ‘laRegione’, spiega perché assieme al collega (sia di lavoro, sia in parlamento) Claudio Isabella ha inoltrato al Consiglio di Stato un’interrogazione «con cui diciamo chiaramente che urge creare le condizioni per tutelare concretamente la salute dei lavoratori».

Il problema dei regolamenti comunali

La questione, nella sua difficoltà, è semplice: «In alcuni Contratti collettivi di lavoro, come quello che copre chi lavora nel settore delle pavimentazioni stradali, in caso di canicola i lavori devono assolutamente interrompersi alle 13 senza possibilità di deroga – spiega Fonio –. In altri settori questo non è possibile».

La soluzione? «Modificare l’orario di inizio dei lavori, anticipandolo alle 6 per poter finire nel primo pomeriggio evitando le ore più calde». Ma anche qui emergono problemi, perché «questo anticipo è fattibile solo nei Comuni che lo permettono nei propri regolamenti comunali, e questo non è codificato né uniformato a livello cantonale».

Un ostacolo non da poco, perché come afferma il sindacalista cristiano sociale «se il regolamento di un Comune dice che si può cominciare a far dei lavori rumorosi dalle 7 e una ditta comincia alle 6, se una persona reclama la polizia è obbligata a intervenire. L’autorità comunale in questi casi ha le mani legate da tale mancanza di uniformità».

‘Uniformare la legislazione’

La richiesta del Centro/Ppd, insomma, «è che il Cantone si faccia parte attiva nel cercare di uniformare la legislazione, facendo in modo che quando ci sono allarmi di canicola l’inizio anticipato del lavoro sia un automatismo. E di favorire l’accesso delle imprese al beneficio delle indennità d’intemperie».

E non si parla solo di edilizia: «Certo, chi lavora nei cantieri soffre particolarmente – sottolinea ancora Fonio –, ma le segnalazioni ci arrivano da moltissimi settori che lavorano all’aperto come i giardinieri, gli elettricisti, chi opera sui tetti e fondamentalmente da chiunque non lavori in un ambiente climatizzato. Io sono segretario regionale del Mendrisiotto, e posso assicurare che di segnalazioni e richieste di aiuto ne stiamo ricevendo davvero tante».

Isabella: ‘È il Cantone stesso che dà consigli e indicazioni per gli hobby... qui si parla di lavoro’

Ma che sia un’emergenza diffusa in tutto il cantone ce lo conferma anche il deputato Claudio Isabella, vicesegretario Ocst per il Sopraceneri: «Sono aumentate le chiamate anche nel Bellinzonese e in Leventina, soprattutto da operai che non riescono a sopportare o fanno estrema fatica a lavorare a temperature così alte. Soprattutto chi ha una certa età, o chi ha uno stato di salute non perfetto. In questo periodo già è difficilissimo lavorare in un ufficio senza aria condizionata, immaginatevi in un cantiere...».

Per Isabella è «importantissimo» che la politica si muova dando un segnale concreto, «anche perché è il Cantone stesso a mandare comunicazioni sull’attenzione da prestare in questi periodi, con avvisi, allerte, consigli e si rivolge a tutti, anche a chi fa hobby all’aperto. Ma qui si parla di lavoro – rimarca il deputato e sindacalista – e urge che vengano messi dei paletti, comunque governati dal buon senso». Perché «i comuni non sono tutti uguali, ci sono quelli più turistici come quelli più industriali e con più attività. Ma è impellente che ci si coordini e organizzi per tutelare la salute dei lavoratori».

L’Mps: ‘Diritto alle indennità d’intemperie in caso di canicola’

Ad attivarsi sul tema è stato anche il Movimento per il socialismo. Nel primo di tre atti parlamentari, i firmatari Matteo Pronzini, Simona Arigoni e Angelica Lepori chiedono (come il Centro) d’introdurre nella Ladi (Legge federale sull’assicurazione obbligatoria contro la disoccupazione e l’indennità per insolvenza) il diritto alle indennità d’intemperie in caso di canicola. Si vuole quindi garantire ai lavoratori un’entrata sicura quando la perdita di lavoro "è computabile a un allarme canicola decretato dall’autorità". Attraverso un’iniziativa parlamentare si chiede inoltre che "a tutela della salute delle salariate e dei salariati in caso di allarme canicola, decretato dalle autorità, tutte le attività lavorative svolte all’esterno e in luoghi chiusi non climatizzati dopo le ore 13 è vietato".

Sempre per quanto riguarda le strutture sanitarie i tre firmatari fanno sapere "di aver ricevuto da parte di cittadine e cittadini segnalazioni in relazione alle situazioni ambientali nelle strutture sprovviste di una climatizzazione". Una situazione che preoccupa i tre deputati: "È particolarmente pericolosa nelle case per anziani dove le temperature nelle camere e negli spazi comuni sono, laddove non vi è climatizzazione, estremamente alte".

Si chiede quindi al Governo, attraverso un’interrogazione, "d’indicare quanto intrapreso dalle competenti autorità per verificare nelle case per anziani e più in generale nelle strutture socio-sanitarie se le strutture sono sufficientemente climatizzate" e, nel caso, "se non ritiene, sulla base del quadro della situazione, necessario proporre anche delle modifiche legislative, considerato il fatto che i periodi di canicola nel futuro saranno sempre maggiori".

Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved