ULTIME NOTIZIE Cantone
Video
Ticino
1 ora

La Chiesa si mette in attesa ‘un po’ particolare’ del Natale

Messaggio alla Diocesi ticinese del vescovo Alain de Raemy in occasione domenica dell’inizio del cammino d’Avvento
Luganese
5 ore

A2, PoLuMe anche da Gentilino alla Vedeggio-Cassarate

L’Ustra conferma: in autostrada si potrà usare la terza corsia d’emergenza come ‘dinamica’ in caso di necessità fino a Lugano nord
Ticino
5 ore

Cantonali ’23, Andrea Giudici torna in pista. E lo fa con l’Udc

Deputato liberale radicale dal 2003 al 2019, l‘avvocato locarnese proverà a tornare in Gran Consiglio: ’I democentristi rappresentano meglio le mie idee’
VIDEO
Locarnese
5 ore

‘Non si può ammazzare una donna per un ciuffo di capelli’

Tre 18enni che frequentano il Liceo Papio hanno deciso di compiere un gesto simbolico a sostegno delle donne iraniane che lottano per i propri diritti
Bellinzonese
13 ore

‘Hanno dato il massimo ma sono stati travolti da una tempesta’

La difesa dei vertici della casa anziani di Sementina chiede l’assoluzione contestando anche le direttive di Merlani. Morisoli: ‘Fatto il possibile’
Ticino
14 ore

Targhe, il governo rilancia con 2 proposte. Dal Centro nuovo No

Il Consiglio di Stato tende la mano con delle alternative di calcolo. Gli iniziativisti non ci stanno, la sinistra sì. Ognuno per la sua strada, ancora
Ticino
14 ore

‘Polizia unica? Sfruttiamo le potenzialità del sistema attuale’

Fsfp in assemblea. E sul delicato e controverso dossier si attende che la politica decida.‘Venga però sentita anche la nostra Federazione’
Luganese
14 ore

La proposta: due vie a senso unico a Cassarate

In un’interrogazione, la consigliera comunale Lara Olgiati (Plr) ritiene che la modifica viaria delle vie Pico e Vicari migliorerebbe traffico e sicurezza
Gallery
Mendrisiotto
15 ore

Boffalora: al posto della villetta arrivano due palazzine

Altro cantiere residenziale in vista alla porta nord di Chiasso. L’operazione annuncia un investimento di oltre 6 milioni di franchi
Luganese
15 ore

Il 46° parallelo a Lugano? ‘Lo promuoverà l’ente turistico’

Non sarà il Comune, se non indirettamente, ad assumersi la promozione della latitudine geografica che attraversa la città
Locarnese
15 ore

Picchiò un ragazzo in Piazza Grande, 3 anni di carcere

Un 19enne di origini siriane residente nel Luganese colpevole anche di rapina, infrazione e contravvenzione alla Legge federale sugli stupefacenti
Luganese
16 ore

Lugano, viadotto del Brentino: ‘Progetto in pausa’

Slitta qualsiasi ipotesi di riqualifica del comparto, in attesa che si completino gli approfondimenti su altri temi (PoLuMe e svincolo Lugano Sud)
Ticino
16 ore

Il salario minimo legale non sarà adeguato al rincaro

Il Consiglio di Stato boccia la mozione di Ivo Durisch (Ps): ‘Un adeguamento sarebbe contrario alla volontà del legislatore e alla legge’
Locarnese
16 ore

Incendio di Loco, militi ed elicottero impegnati tutto il giorno

Ripresi venerdì mattina i lavori di spegnimento degli ultimi focolai e bonifica delle zone toccate dal rogo boschivo scoppiato giovedì al Monte Cortascio
Luganese
17 ore

Tesserete, aperture festive della Bottega del Mondo

Orari di lavoro straordinari dall’8 dicembre all’8 gennaio per il negozio capriaschese specializzato in commercio equo e solidale
Locarnese
17 ore

Servizi culturali locarnesi: oltre 50 candidati alla Direzione

Scaduto il concorso per l’assunzione della nuova figura dirigenziale, che sarà scelta da una commissione ad hoc formata da 8 membri (di cui 5 ‘tecnici’)
Mendrisiotto
17 ore

A Vacallo un’azione contro la violenza sulle donne

Per tutta la giornata del 25 novembre sono esposte sulle scale della chiesa di Santa Croce 13 paia di scarpe, quanti i femminicidi in Svizzera nel 2022
Ticino
17 ore

Oggi è il Black Friday ma i radar non fanno sconti

Tutti i flash da evitare fra il 28 novembre e il 4 dicembre: da Blenio alla Leventina, da Bellinzona a Chiasso, da Lugano a Locarno
Luganese
17 ore

Navigazione Lugano, un anno di Green Line

Grazie all’introduzione delle corse della motonave Ceresio 1931 sono state risparmiate oltre 46 tonnellate di anidride carbonica
Bellinzonese
18 ore

Violenza sulle donne: a Cadenazzo foto, documentario e dibattito

Alcune iniziative organizzate dal Municipio insieme alla Pro e all’associazione Victims of Beauty Silence Kills Dignity
Luganese
18 ore

Lugano, accensione dell’albero: appuntamento al 1° dicembre

La tradizionale cerimonia natalizia prenderà avvio alle 17.15 in piazza della Riforma, con il clou – ossia l’accensione vera e propria – alle 18
Mendrisiotto
18 ore

Cooperativa Abitativa Mendrisiotto in assemblea

L’incontro è previsto giovedì 8 dicembre alla Consarc/Galleria di Chiasso. Un’occasione per meglio conoscere attività e meccanismi del sodalizio
Mendrisiotto
18 ore

Mendrisio, dodici giorni di autosili gratuiti

L’iniziativa interessa le strutture comunali di via Zorzi e via Municipio e vuole favorire la clientela di negozi e commerci nel periodo prenatalizio
Mendrisiotto
18 ore

A Mendrisio in arrivo la Festa dell’Albero

L’evento, organizzato dalla locale sezione del Plr, si terrà domenica 11 dicembre dalle 11.30 alle 19 al Mercato coperto
Ticino
19 ore

Transizione energetica: come e quando?

Se ne parlerà in una serata organizzata dal Club Plinio Verda lunedì sera a Lugano. Focus: il passaggio a un sistema basato sulle fonti rinnovabili
Bellinzonese
20 ore

‘Il tentato omicidio regna sui cantieri edili ticinesi’

Presidio di Unia a Bellinzona dov’è morto l’operaio: appello a committenti, associazioni padronali, progettisti, organi di controllo e inquirenti
Locarnese
20 ore

Locarno on Ice, un weekend a tutti giochi (e musica)

Sabato e domenica nel Villaggio allestito in Piazza Grande spazio al mondo ludico della tradizione, ai concerti, al calcio e alle Storie di Ghiaccio
12.07.2022 - 19:25
Aggiornamento: 21:19

L’edilizia scricchiola, lo Stato s’impegna

Le imprese edili temono crisi delle commesse e licenziamenti, Cantone e comuni promettono il loro sostegno. Discusso anche il Decreto Morisoli

l-edilizia-scricchiola-lo-stato-s-impegna
Ti-Press

L’edilizia scricchiola. Tra la carenza di commesse private, le incertezze circa prezzi e disponibilità delle materie prime, i recenti rialzi dei tassi ipotecari, il rischio è quello di dover affrontare un periodo parecchio duro: «Le imprese sono preoccupate soprattutto in previsione del prossimo autunno-inverno», ha dichiarato a Radio Ticino il direttore della Società svizzera impresari costruttori sezione Ticino (Ssic) Nicola Bagnovini: «Il mercato sta cambiando in peggio soprattutto nell’edilizia abitativa. Le riserve di lavoro si stanno affievolendo e dunque c’è una corsa davvero forte al ribasso per accaparrarsi i lavori». Licenziamenti in vista? «Non lo posso escludere», ha aggiunto Bagnovini.

Inevitabile chiedersi cosa possano fare la politica e lo Stato per soccorrere, qualora lo si giudicasse necessario, uno dei settori trainanti dell’economia ticinese. In fin dei conti la spesa per le costruzioni ammonta a oltre 3 miliardi di franchi all’anno, di cui il 45% nel settore pubblico. La paura è che tra pandemia, crisi ucraina e altri chiari di luna la parte ‘keynesiana’ del business finisca per avvizzire: «I committenti pubblici ci stanno lasciando un po’ soli», ammette lo stesso Bagnovini, «soprattutto i comuni di piccole dimensioni, che per timore e incertezza stanno riducendo gli investimenti».

Comuni, Dafond: ‘Piani ingenti’

Non è proprio dello stesso avviso Felice Dafond, presidente dell’Associazione dei comuni ticinesi (Act): «Comprendo le preoccupazioni, ma non vedo elementi concreti che le giustifichino: i comuni stanno attuando ingenti piani di investimento, in parte avviati già prima della pandemia e della crisi ucraina e destinati a estendersi oltre il respiro della singola legislatura. Questo garantisce al settore dell’edilizia un impegno sistematico, capillare e sostenibile da parte nostra, un impegno che anzi negli ultimi anni è risultato crescente: il tasso di investimento dei comuni ticinesi – anche grazie al costante coordinamento con le autorità cantonali – risulta elevato. Ci sono comuni che hanno deciso di moltiplicare il loro impegno nonostante le molte incognite attuali, come quella riguardante il costo dei materiali da costruzione». Sempre Dafond sottolinea che «i comuni devono rispondere ai bisogni della cittadinanza, non possono tirare i remi in barca sulla base di quelle che sono le sensazioni e le paure del momento, a maggior ragione se le loro direttrici di sviluppo poggiano su basi solide. Questo non esclude la necessità di un equilibrio finanziario: non si può sperperare oggi per trovarsi in braghe di tela domani. Rimane il fatto che le municipalità, al netto magari di qualche singolo comune che non necessariamente segue questa direzione, stanno tenendo fede a impegni strutturati in modo razionale e rispondenti a logiche di lungo periodo. Forse il Covid ha rallentato un po’ l’elaborazione di certi progetti, ma mi pare comunque che anche questo sia un ostacolo in via di rapido superamento, a beneficio di tutti gli attori coinvolti».

Il Cantone conferma il sostegno

Un messaggio di supporto al settore dell’edilizia viene anche dal presidente del Consiglio di Stato Claudio Zali, che in quanto direttore del Dipartimento del Territorio vede passare dalla sua scrivania un po’ tutti gli investimenti cantonali in quest’ambito: «Evidentemente siamo preoccupati dalla riduzione delle riserve di lavoro nel settore edilizio. Ne abbiamo appena discusso al nostro interno, ma posso rassicurare sul fatto che da parte del Cantone c’è la piena volontà di mantenere una politica di investimento sui cantieri il più possibile espansiva: ne è prova l’impegno per il risanamento fonico della rete stradale. Il nostro sostegno al settore dell’edilizia d’altra parte non è mai venuto meno, e non è stato intaccato né dalla pandemia, né dalla recente crisi riguardante l’approvvigionamento e i costi delle materie prime». Quanto al futuro, aggiunge Zali, «chiaramente anche noi siamo preoccupati dal rischio di una riduzione di impieghi, peraltro in un settore che ha saputo dimostrare la sua tenuta anche a fronte della crisi di quello finanziario. Temo tuttavia che ad avere una ripercussione negativa possano essere piuttosto le scelte degli investitori privati, che rischiano di trovarsi di fronte all’aumento dei tassi ipotecari e dello sfitto». Infine, una promessa: «Come responsabile del Dipartimento che più di ogni altro si vede impegnato sul fronte dell’investimento nel settore, posso già dire che non c’è alcuna intenzione di limitarlo, e che neanche per il prossimo quadriennio si prevede un piano finanziario mirato a risparmiare su queste voci. D’altronde, tanto gli interventi di lungo termine quanto la manutenzione di strutture ed edifici non si possono rimandare senza conseguenze controproducenti, anche dal punto di vista economico: sarebbe come procrastinare gli interventi sulla propria automobile per risparmiare, salvo poi vederla andare in pezzi».

L’incognita del risparmio

Le strade, si diceva. Bagnovini riconosce l’effetto-salvagente del recente impegno per il risanamento fonico della rete ticinese (un pacchetto per 120 milioni complessivi): «L’unico settore che tira ancora abbastanza bene è quello della pavimentazione stradale per i grandi lavori di rifacimento dello strato fonoassorbente», ribadisce ai microfoni di Radio Ticino. Ma confessa anche di essere impensierito dai possibili effetti di risparmio del cosiddetto Decreto Morisoli, che prescrive il pareggio del conto economico cantonale entro il 2025: «Il Decreto Morisoli ci mette in grande difficoltà soprattutto per quanto riguarda il comparto della manutenzione delle strade», spiega Bagnovini. Ma a spaventare sarebbe anche l’effetto negativo sugli investimenti: «L’obiettivo di pareggiare i conti a breve termine, oltretutto in periodo preelettorale, spinge i politici a chiedere sempre più giustificazioni in caso di investimento. Tagliare sugli investimenti è sbagliato, anche se è la soluzione più semplice per evitare altri problemi, ad esempio per l’occupazione e i costi reali dello Stato. È un falso risparmio che poi si paga con gli interessi» a medio e lungo termine.

A respingere le critiche al mittente è lo stesso capogruppo Udc in Gran Consiglio ed eponimo del decreto, Sergio Morisoli: «Mi pare che certe critiche dimostrino come non tutti abbiano chiari i termini di questo decreto, che non sfiora minimamente gli investimenti dello Stato; il testo è stato esplicitamente rivisto per tutelare questa voce del bilancio pubblico. Ne è la controprova proprio il fatto che il mese scorso il Gran Consiglio ha approvato in pochi minuti e senza opposizioni un aumento di credito di 20 milioni – oltre ai 100 già previsti – per il risanamento fonico della rete stradale. Quanto all’ordinaria manutenzione, nessuno auspica strade dissestate e piene di buche». Dopodiché, nota Morisoli, «per quanto riguarda gli investimenti, né lo Stato né il settore dell’edilizia riescono mai a consumare il volume di investimento pubblico del Cantone inserito nei piani finanziari e nei preventivi».

Infine, il granconsigliere Udc non risparmia all’edilizia una sferzata più generale: «Resta da chiedersi se davvero l’economia cantonale possa essere trainata dal fare e rifare le strade, un lavoro che impegna da sempre le stesse poche aziende, con un effetto moltiplicatore probabilmente pari a zero. Sappiamo d’altronde che si tratta di un settore molto particolare, già finito al centro dello scandalo ai tempi di Asfaltopoli (cartelli sui prezzi nel periodo 1999-2005, ndr), con la spesa pubblica che poi regredì per un po’ di tempo, ma che ora – invero anche in ragione di maggiore traffico e usura – continua a salire. Un settore oltretutto intoccabile nell’esercizio dei risparmi da almeno trent’anni, a prescindere da chi gestisce il Dipartimento del territorio».

Le ristrutturazioni ‘eco’ non bastano

Tornando agli impresari costruttori, Bagnovini sa bene che «il futuro è nella ristrutturazione e nel cercare di risolvere il problema energetico intervenendo sugli edifici, ma la quota parte di queste ristrutturazioni per l’edilizia primaria è molto minore rispetto a quella che va poi agli artigiani. L’edilizia principale ha un margine di guadagno più interessante sulle nuove costruzioni». A rendere plumbeo il cielo sui cantieri privati, però, sono i costi delle materie prime e il rialzo dei tassi d’interesse appena decretato dalla Banca nazionale svizzera, con effetti immediati sulle ipoteche: «Un’altra tegola che scoraggia parecchio imprenditori e investitori», dice Bagnovini, anche se «speriamo che il costo del denaro rimanga su valori interessanti. Non possiamo pretendere di andare avanti con i livelli ai minimi storici degli ultimi anni – forse non sarebbe nemmeno tanto sano –, ma in caso di una loro esplosione parecchi investitori e committenti saranno in difficoltà, anche perché l’inflazione toccherà il potere d’acquisto dei salari. È una catena che bisognerà tenere bene d’occhio per non mettere in crisi l’intero sistema economico».

Alla fine, insomma, si torna sempre con lo sguardo a quel che può fare lo Stato: «Nei prossimi mesi speriamo, anche grazie a grossi appalti, di riuscire a dare un’occupazione garantita almeno alle grosse imprese, che così potrebbero riuscire a lasciare un po’ più tranquillo anche il mercato dei lavori per le piccole e medie imprese. Altrimenti sarà inevitabile ridurre un po’ gli effettivi».

Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved