taglio-delle-accise-ticinesi-fanno-il-pieno-in-italia
Dopo le misure del governo Draghi (Ti-Press)
ULTIME NOTIZIE Cantone
Luganese
20 min

Risparmio energetico, i Verdi: ‘Lugano faccia la sua parte’

Un’interrogazione ecologista chiede al Municipio di adeguarsi alle raccomandazioni dell’Agenzia internazionel dell’energia
Bellinzonese
32 min

Diaporama di Giuseppe Brenna sugli alpi di Leventina

L’alpinista giovedì 7 luglio presso il Dazio Grande presenterà in conferenza la sua ultima fatica editoriale
Ticino
48 min

Mafie in Ticino, ‘il pool cantonale non serve’

Risposta del Consiglio di Stato alla mozione di Quadranti (Plr). Il deputato insoddisfatto replica: ‘Porterò il dossier nella commissione competente’
Luganese
1 ora

A Lugano, delegazione italiana guidata da Della Vedova

All’Ukraine Recovery Conference in riva al Ceresio (domani e martedì), per la Penisola ci sarà il sottosegretario
Mendrisiotto
3 ore

La Sat di Mendrisio sale sulla cima del Pecian

Il programma prevede un’escursione panoramica in Valle Leventina per il 16 luglio prossimo
Gallery
Mendrisiotto
7 ore

Cade dalla moto e viene travolta dall’auto che segue

Incidente con esito mortale nella notte sull’A2 all’altezza di Rancate. Autostrada temporaneamente chiusa per i rilievi del caso
Gallery
Locarnese
7 ore

Si schianta contro un palo di cemento. Muore un ventenne

Grave incidente della circolazione nella notte a Broglio, dove perde la vita un giovane. Lievi ferite per altri due passeggeri
Bellinzonese
21 ore

Malore in auto, code fino a 10 km in Leventina

Pomeriggio di passione sull’autostrada A2 in direzione nord a causa di una persona incolonnata all’altezza di Ambrì che si è sentita male
24.03.2022 - 15:48
di Marco Marelli

Taglio delle accise, ticinesi fanno il pieno in Italia

Pendolarismo al contrario, svizzeri fanno rifornimento nelle stazioni di servizio d’oltre confine

Succede quello che nessuno poteva pensare sino a qualche giorno fa. Una inversione di 180 gradi. E in uno dei commerci di frontiera che hanno fatto storia: il pieno della benzina. Insomma, il pendolarismo di carburante a prezzo scontato. Da qualche giorno sono tornati i pendolari, ma al contrario. Ticinesi in coda che fanno rifornimento nelle stazioni di servizio di Como e della zona di frontiera. Succede così a Valsolda e Porlezza. Stessa musica anche nei comuni del Ceresio varesotto, come Lavena Ponte Tresa e Porto Ceresio. Idem come sopra a Cantello e Arcisate. Anche se non si può parlare di un fenomeno di massa, che sarebbe comunque destinato a durare solo una manciata di settimane, non è passato inosservato il capovolgimento di fronte giunto a sorpresa, effetto del taglio di 30 centesimi di euro al litro delle accise sul carburante deciso dal governo italiano per contenere gli effetti del caro benzina.

Da un momento all’altro, a partire da martedì pomeriggio (il decreto è in vigore dal 22 marzo e lo sarà per 30 giorni), ecco che il pieno in Italia è diventato più conveniente che oltreconfine. Un calo consistente quello deciso dal governo Draghi rispetto ai prezzi stellari delle ultime settimane che hanno avuto il pregio di far riscoprire i mezzi pubblici e il car pooling. I pendolari alla rovescia fanno dire a molti che siamo in presenza di un’inversione pressoché storica, anche perché secondo quanto raccontano i benzinai di Como, le auto con targhe ticinesi ferme alle pompe di benzina e diesel continuano a crescere.

Stando agli attuali prezzi praticati al di qua e al di là della frontiera per gli automobilisti ticinesi fare il pieno a Como (così come in tutti i benzinai della fascia di confine) significa risparmiare fra i 18 e i 22 centesimi di euro al litro sia per la benzina che il gasolio. Una differenza che per un rifornimento di 50 litri, si traduce in un risparmio di 10 euro. Il ragionamento vale anche per i frontalieri che da sempre fanno il pieno in Ticino (il discorso va esteso anche quelli che lavorano nei Grigioni e nel Vallese).

I benzinai italiani della fascia di confine sostengono di aver visto aumentare le vendite del 20% grazie a ticinesi e soprattutto frontalieri, un esercito di oltre cinquantamila lavoratori. "Questo provvedimento non può che portare un po’ di respiro alla categoria – sottolinea in una nota Daniela Maroni, presidente Figisc, la federazione dei gestori degli impianti di carburante di Confcommercio Como e vicepresidente nazionale –. Ci auguriamo che l’inversione di tendenza possa proseguire. Non escludo però contromosse da parte del governo svizzero".

Seleziona il tag per leggere articoli con lo stesso tema:
accise benzina italia rifornimento ticinesi
Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved