psicoterapia-punti-fermi-e-incertezze-del-nuovo-scenario
Ti-Press
Marco Noi
ULTIME NOTIZIE Cantone
Mendrisiotto
2 ore

Valle di Muggio: spazio pubblico, benessere degli anziani

Summer School, studenti e architetti all’opera: un passo in più a favore dell’interazione degli abitanti di Campora, Casima, Muggio, Cabbio e Bruzella.
Mendrisiotto
4 ore

Arzo ritrova la ‘Fontana dei pesci’. Senza le carpe di Rossi

La Città si appresta a posare di nuovo in paese la vasca in marmo. Ma della scultura dell’artista si sono perse le tracce
Bellinzonese
4 ore

Giorgio Lotti nuovo presidente del Lions Club Bellinzona e Moesa

Sostituirà l’uscente Sergio Pedrazzini. Negli ultimi due anni la fondazione ha potuto svolgere un’intensa attività benefica, nonostante la pandemia
Ticino
4 ore

‘Ricerca scientifica, il governo tenga conto dei nostri auspici’

La commissione Formazione sottoscrive il rapporto Ermotti-Lepori che ritiene evasa la richiesta di Polli per maggiori investimenti: ‘Ma per il futuro...’
Bellinzonese
4 ore

‘Un problema’ ferma la funicolare del Ritom

L’impianto resterà chiuso fino al 5 luglio. Per i viaggiatori ancora presenti nella regione sarà a disposizione un servizio di bus navetta
Luganese
4 ore

Cadempino, gli aumenti di stipendio tornano in Municipio

Il Consiglio comunale rinvia all’esecutivo la proposta di modifica dell’articolo del Regolamento organico dei dipendenti. Approvato il consuntivo.
Locarnese
5 ore

Bosco Gurin, quei tesori spesso nascosti

Da sabato il via alla stagione estiva, con una ricca offerta di svaghi per il tempo libero. In funzione la seggiovia e la slittovia
Ticino
5 ore

Il Ps: ‘Più assegni per aiutare le famiglie con minori’

L’obiettivo dell’iniziativa parlamentare socialista è togliere chi fa più fatica dalla povertà marcata, ed evitare che finisca in assistenza
Luganese
5 ore

Ucraina, Terre des hommes: salviamo la generazione futura

Alla vigilia della Conferenza sulla ricostruzione dell’Ucraina a Lugano, l’appello e le testimonianze dell’organizzazione per la protezione dell’infanzia
Bellinzonese
5 ore

Mercalibro in Piazza Buffi a Bellinzona

Appuntamento per mercoledì 6 dalle 11 alle 17. A seguire letture di racconti sulla Beat Generation al Bar Cervo
Mendrisiotto
6 ore

A Chiasso le opere dell’artista ucraino Ivan Turetskyy 

Fino al 24 luglio quattro oli e acrilico su tela saranno esposti a m.a.x. museo, Spazio Officina, Biblioteca e in Municipio
Locarnese
6 ore

‘Inchiesta amministrativa e capacità operativa due cose diverse’

Il capodicastero Sicurezza Zanchi e il comandante della Polcomunale di Locarno Bossalini difendono il proprio operato e quello dei loro agenti.
Luganese
6 ore

Pavimentazione fonoassorbente a Montagnola

I lavori si terranno nelle notti tra il 4 e il 9 luglio nella zona del nucleo, lungo un tratto di 300 metri
Bellinzonese
6 ore

La camminata Bellinzona-Locarno per celebrare Leonardo da Vinci

Il ‘Tour Leonardesco del Canton Ticino’ sarà inaugurato domenica 17 luglio con un facile percorso a piedi nel verde
Ticino
6 ore

‘Alla guida nessuna distrazione!’

Dipartimento istituzioni e Polizia cantonale rinnovano la raccomandazione
Mendrisiotto
6 ore

Coldrerio, in vigore l’ordinanza per gli incentivi energetici

Il documento segue l’approvazione del Regolamento. Un unico documento che permette al cittadino di farsi un’idea chiara sulle facilitazioni comunali.
Bellinzonese
7 ore

Airolo, visitabile il cantiere del secondo tubo del San Gottardo

Diverse possibilità per chi volesse saperne di più su questa ‘opera monumentale’ che trasformerà in parte il territorio comunale
Luganese
7 ore

Birra protagonista nel fine settimana in Capriasca

La quarta edizione di Birra in Capriasca si terrà l’1 e 2 luglio sul piazzale delle scuole elementari di Tesserete
Locarnese
7 ore

Feste di Comino, siamo al capolinea

Mancano i rincalzi per portare avanti anche in futuro l’evento sulla montagna centovallina. Il Gruppo promotore, a malincuore, costretto a rinunciare
Luganese
7 ore

Caslano, per il 1° agosto corteo patriottico e allocuzione

A pronunciarla, nella cornice di piazza Lago, sarà la deputata al Gran Consiglio e capogruppo Plr Alessandra Gianella
laR
 
02.03.2022 - 05:20
Aggiornamento: 08:53

Psicoterapia, punti fermi e incertezze del nuovo scenario

Dal 1° luglio entra in vigore la modifica di legge relativa alla fatturazione. Il governo risponde a un’interrogazione, ma rimangono diversi dubbi

Il contenuto di questo articolo è riservato agli abbonati.
Per visualizzarlo esegui il login

È per sciogliere diversi dubbi rispetto all’imminente cambio di paradigma del sistema di fatturazione degli psicoterapeuti indipendenti che i granconsiglieri Roberta Soldati (Udc) e Marco Noi (Verdi) a inizio febbraio hanno presentato un’interpellanza al Consiglio di Stato (poi trasformata in interrogazione). Lo hanno fatto in particolare per chiedere lumi sulla procedura – ancora inesistente – per ottenere l’autorizzazione cantonale necessaria a poter esercitare a carico dell’Assicurazione obbligatoria delle cure medico-sanitarie (Aoms). Dubbi che la risposta giunta pochi giorni fa dal governo è in parte riuscita a fugare, nel contesto di un quadro generale che rimane però dominato da parecchia incertezza.

«Al momento attuale le prestazioni degli psicoterapeuti si suddividono in due distinte prese a carico assicurative – spiega il deputato Marco Noi, di professione psicologo e psicoterapeuta –. Da una parte ci sono gli psicoterapeuti indipendenti le cui prestazioni sono a carico delle assicurazioni complementari (Lca): ognuna, essendo di diritto privato, ha le proprie regole e le proprie coperture. Dall’altra ci sono gli psicoterapeuti che lavorano alle dipendenze di un medico – che può essere generalista, pediatrico, psichiatrico – per cui vige la cosiddetta ‘psicoterapia delegata’ a carico dell’assicurazione di base. A partire dal prossimo 1° luglio anche gli indipendenti, su prescrizione medica, potranno fatturare sotto l’Aoms come avviene già ora ad esempio per la fisioterapia o l’ergoterapia». Assieme a questa revisione legislativa decisa dal Consiglio federale vi è anche il fatto che l’autorizzazione per poter fatturare per l’assicurazione di base non viene più rilasciata dalla Confederazione ma da ogni singolo Cantone. Il problema sollevato dai due granconsiglieri è che in Ticino, al contrario di altri Cantoni, non si conoscono ancora le condizioni per richiedere tale autorizzazione.

Rassicurazione sui tempi

La prima domanda dell’interrogazione chiedeva quando è prevista la messa a disposizione a favore degli psicoterapeuti dei formulari per poter depositare la richiesta di autorizzazione. Dopo degli incontri con alcune associazioni di categoria allo scopo di discutere i contenuti della documentazione – spiega il governo nella risposta –, "la pubblicazione dovrebbe avvenire entro la fine del mese di marzo". L’urgenza addotta dai firmatari dell’interrogazione riguardava il fatto che all’autorizzazione cantonale deve seguire un iter per cui si prevedono tempi lunghi: «L’autorizzazione è solo il primo dei due tasselli che compongono la procedura – illustra Noi –. Con questa ci si deve poi rivolgere alla Sasis Sa, l’ente preposto a rilasciare il numero di codice creditore (Rcc) con il quale sarà poi possibile fatturare sotto l’Aoms. Siccome vi è un grande numero di psicoterapeuti che necessitano di questo codice, Sasis Sa ha avvisato che sono da prevedere attese di 13-15 settimane, per cui la nostra paura era di non arrivare in tempo per il 1° luglio». Su questo aspetto la risposta del Consiglio di Stato si rivela rassicurante: "Da informazioni ottenute presso Sasis Sa – scrive il governo – i fornitori di prestazioni che hanno ricevuto dai Cantoni l’autorizzazione Aoms potranno comunque iniziare a fatturare a partire dalla data d’inizio attività indicata nello specifico formulario di richiesta presso Sasis Sa (gli/le psicoterapeuti/e non prima del 1° luglio 2022) e nell’autorizzazione cantonale, e ciò seppur ancora in attesa dell’attribuzione formale del numero di concordato". Dunque, «per come si configura lo scenario, non dovrebbero esserci grossi rischi di perdere il treno» commenta Noi.

Pro e contro da valutare

Un’altra preoccupazione era stata formulata nell’ultima domanda relativa alla continuazione delle prestazioni complementari, che recitava: "Tarifsuisse Ag ha inviato una comunicazione agli psicoterapeuti e psicologi dalla quale sembrerebbe che gli assicuratori malattia non intenderebbero più permettere la fatturazione sotto Lca, verosimilmente dal 1° luglio 2022. A questo proposito si ritiene opportuno, nell’ambito delle riunioni dei direttori cantonali della salute, intervenire per chiedere a Tarifsuisse Ag di concedere un periodo transitorio di 6 mesi, ritenuto che verosimilmente il 1° luglio 2022 le pratiche per l’espletamento delle formalità tese all’ottenimento del numero Rcc non potranno essere integralmente evase?". La legislazione in materia – stando alla risposta del Consiglio di Stato – "lascia spazio per l’assunzione delle prestazioni di medicina delegata per un periodo dopo il 1° luglio 2022. Nel caso in cui taluni assicuratori malattia decidessero di interrompere la copertura delle prestazioni su delega immediatamente con il 1° luglio 2022, il Dipartimento della sanità e della socialità provvederà a portare questo aspetto tariffale all’attenzione della competente autorità federale". Quello che però non è chiaro, afferma Noi, è se in futuro sarà ancora data agli psicoterapeuti indipendenti la possibilità di fatturare presso le assicurazioni complementari. «Come detto, col sistema in vigore attualmente i pazienti hanno la libertà di contrarre un’assicurazione che in base al loro potenziale va a cercare la copertura che ritengono migliore anche per la psicoterapia. Le differenze tra i numerosi assicuratori sono grandi: alcuni coprono poche sedute, ad esempio 20 ogni 3 anni; altri invece sono molto più generosi e possono finanziare fino a oltre il 70% dei costi effettivi, anche per una certa durata di tempo. Col nuovo sistema le spese del paziente dipenderanno dalla franchigia: se una persona l’ha stabilita a 2’500 franchi, dovrà verosimilmente assumersi per intero i costi della psicoterapia». C’è poi un’incognita a livello strutturale: «Non si sa ancora bene che tipo di copertura garantirà l’Aoms – evidenzia Noi –. Deve ancora essere stabilito il valore del punto di fatturazione che insieme ad altre informazioni rimane sconosciuto. È quindi difficile allo stato attuale valutare se il passaggio a questo nuovo sistema sarà un bene o un male per i pazienti».

Rischio di far lievitare i premi

La legge è stata rivista sotto la spinta dei professionisti interessati, ricorda Noi: «Psicoterapeuti e associazioni di categoria hanno sempre rivendicato un’entrata nella Aoms per poter fatturare direttamente, ma poi la via presa pone degli interrogativi. Al di là delle incertezze elencate, un altro aspetto che rischia di essere problematico è legato ai vincoli posti in corrispettivo a quelli di altri fornitori di prestazioni sotto prescrizione medica come ergoterapisti e logopedisti». Nello specifico, per esempio: «Le prime 15 sedute avverranno sotto semplice prescrizione medica, per le successive 15 dovrà esserci una certificazione medica e dopo la trentesima seduta serve un rapporto che deve essere sottoposto a un medico psichiatra. Questo apre al rischio di burocratizzare molto la psicoterapia». Da non dimenticare infine un altro punto controverso, ovvero quello dei costi dei premi che potrebbero lievitare. «Saranno la Confederazione e le casse malati a valutare il nuovo carico finanziario e a decidere le relative modulazioni, per ora dunque anche su questo aspetto le cose sono poco chiare» spiega ancora Noi.

Seleziona il tag per leggere articoli con lo stesso tema:
fatturazione prestazioni psicoterapeuti
Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved