inquinamento-luminoso-in-ticino-aumentano-i-valori-rilevati
Ti-Press
Lugano di notte e dall’alto
ULTIME NOTIZIE Cantone
Ticino
2 ore

Verdetto storico e inappellabile: da Ppd a Il Centro

Il Congresso cantonale del partito ha appena deciso - a stragrande maggioranza - il cambiamento del nome
Locarnese
5 ore

Contone, contributi di canalizzazione attempati e indigesti

Malumore tra i cittadini della sezione gambarognese per la ‘pillola‘ (provvisoria). Presentato reclamo al Municipio, lunedì l’incontro per gli interessati
Ticino
9 ore

Speziali (Plr): ‘Noi un partito responsabile, non utili idioti’

Il presidente liberale radicale a pochi giorni dal finale thriller sulle imposte di circolazione, spiega il momento del suo partito e la sua prospettiva
Ticino
18 ore

TiSin, sindacati soddisfatti per la sanzione dell’Ispettorato

Daniel (Ocst): ‘Quel contratto era uno scheletro al quale hanno tolto una costola’. Gargantini (Unia): ‘Aldi e BIgnasca ci spieghino questa pagliacciata’
Luganese
19 ore

Pubblicata la nuova edizione de ‘Il Cantonetto’

Nel numero di giugno, un omaggio allo scrittore Mario Agliati nel centenario della nascita. Altro tributo di rilievo, quello al pittore Pietro Salati
Luganese
19 ore

Lugano, un gesto solidale a chi è meno fortunato

In occasione dei suoi 60 anni, il direttore dell’Hotel Pestalozzi Luciano Fadani ha devoluto alla G.I.C.A.M. l’incasso dell’aperitivo
Ticino
19 ore

L’Ispettorato del lavoro sanziona l’‘operazione TiSin’

L’autorità contesta a un’azienda la legittimità del contratto stipulato insieme al sedicente sindacato leghista per aggirare il salario minimo
Grigioni
20 ore

Donazione di sangue a Roveredo

Mercoledì 6 luglio dalle 16.30 alle 19.30 al Centro regionale dei servizi
Bellinzonese
20 ore

Luca Decarli presidente del Rotary Club Bellinzona

Succede ad Alessandra Alberti
Locarnese
20 ore

Giallo di Solduno, indagini a tutto campo

Per la morte del 25enne, rinvenuto senza vita e con una ferita al volto dopo diversi giorni, gli inquirenti non escludono nessuna ipotesi
Bellinzonese
20 ore

Piazza ex Mercato, un ‘sentiero’ in granito verso Palazzo civico

La riqualifica dell’area a Bellinzona è sul tavolo dell’Ufficio dei beni culturali. L’intenzione è di presentare un messaggio municipale entro fine anno
Ticino
21 ore

L’Ocst: ‘No a un’altra riduzione delle rendite pensionistiche’

L’Organizzazione cristiano sociale chiede che inizi subito una trattativa con il governo per concordare una soluzione che mantenga l’attuale livello
17.02.2022 - 17:19
Aggiornamento : 17:35

Inquinamento luminoso, in Ticino aumentano i valori rilevati

Uno studio dell’Ufficio di statistica mostra che dal 2016 al 2019 la crescita è continua: ‘Conseguenze e ripercussioni negative su uomo e natura’

L’inquinamento luminoso è un problema sempre più diffuso anche in Canton Ticino. Lo attesta uno studio svolto dall’Ufficio di statistica (Ustat) in collaborazione con la Sezione della protezione dell’aria, dell’acqua e del suolo (Spaas) e diversi servizi interni ed esterni all’Amministrazione cantonale che si occupano di dati ambientali e territoriali. In generale, si legge nella scheda contenuta in ‘Statistica ticinese dell’ambiente e delle risorse naturali’, "si osserva un aumento dei valori di radianza dal 2016 al 2019 in quasi tutti i punti di rilevamento". Per radianza si intende "la quantità di luce emessa verso lo spazio da un punto sulla superficie terrestre", e i suoi valori più alti si sono rilevati a Chiasso, Mendrisio e Canobbio; i valori più bassi a Olivone e Leontica.

Il problema della crescente urbanizzazione

"Gli impianti di illuminazione sovradimensionati o mal concepiti disperdono gran parte della luce prodotta nell’ambiente e nel cielo", così si crea un inquinamento luminoso che "ha ripercussioni negative sull’uomo e sulla natura", rileva ancora l’Ustat. Questa diffusione "incontrollata" della luce è "spinta dalla crescente urbanizzazione e ha come conseguenze la privazione del cielo stellato, lo spreco energetico, disturbi del ritmo biologico e cambiamenti comportamentali per esempio delle specie migratorie".

La ricerca in questo campo è in continua evoluzione, e "per permettere un’analisi delle emissioni luminose di più facile interpretazione, Dark-Sky Switzerland ha introdotto come unità di misura una fonte di luce naturale: la luna piena". Qualcosa che, quindi, conosciamo tutti e tutti possiamo usare come metro di paragone leggendo questo studio. Ebbene si stima che "nel 2020 le emissioni luminose nei centri urbani di Chiasso, Mendrisio, Lugano e Locarno abbiano superato valori di 8 lune, mentre condizioni di buio naturale siano state presenti nelle valli del Sopraceneri".

L’effetto ‘positivo’ del lockdown del 2020

L’uomo ha un ruolo in queste irradiazioni di luce artificiale al di là delle aree cui è dedicata, nel senso che "confrontando la media degli anni 2014-2019 con la media di marzo-aprile 2020, si nota come le emissioni luminose totali in Svizzera siano diminuite di circa l’1,2% nel periodo della pandemia, valore che generalmente corrisponde all’aumento annuale". Secondo lo studio di Ustat e Spaas "da una prima analisi risulta come i centri cittadini siano stati leggermente meno illuminati; situazioni che, come ipotizzato da Dark-Sky Switzerland, potrebbe essere legata ai commerci chiusi e a una probabile diminuzione dell’illuminazione privata".

La soluzione? Passa anche da piccoli accorgimenti

Ad ogni modo per migliorare la situazione si può far qualcosa, anche di piccolo. La riduzione dell’inquinamento luminoso può essere raggiunta "grazie a tecnologie moderne", certo, ma anche semplicemente "correggendo l’orientamento e la posizione stessa degli apparecchi luminosi, direzionando il flusso di luce dall’alto verso il basso ed evitando illuminazioni superflue". In più, si può anche "gestire in modo autonomo la distribuzione della luce, limitando la durata e adottare impianti a ridotta potenza luminosa". E quando si parla di qualche piccolo accorgimento ma comunque utile, ci si riferisce anche solo a "un utilizzo di Led con tonalità di luce il più calda possibile", in quanto "producono un inquinamento luminoso minore, seppur con un’efficienza energetica inferiore rispetto ai Led freddi".

L’interpellanza dei Verdi di Bellinzona

Sul tema ricordiamo che i Verdi di Bellinzona hanno recentemente inoltrato un’interpellanza al Municipio in cui ricordano che "il piano energetico cantonale chiede a tutti gli enti locali di ridurre il consumo energetico di almeno il 40% rispetto ai valori di consumo del 2008" e segnalano vari punti della Città dove a loro dire questo spreco energetico si verifica". La richiesta conseguente è sapere quali iniziative intenda prendere il Municipio per contrastare il fenomeno dell’inquinamento luminoso.

Seleziona il tag per leggere articoli con lo stesso tema:
inquinamento luminoso ustat
Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved