procuratori-pubblici-non-e-solo-una-questione-di-numeri
L’avvocato Edy Salmina (Ti-Press)
ULTIME NOTIZIE Cantone
Locarnese
4 min

Minusio e Chiasso, classi premiate in campo ecologico

La classe della 5a D ha ottenuto un riconoscimento nell’ambito di un progetto transfrontaliero sulla biodiversità. Pure la 4a A di Chiasso agli onori
Luganese
8 min

A Lugano una strada dedicata a Mario Agliati

Lo ha deciso il Municipio, gli verrà assegnata una strada del centro città
Locarnese
10 min

Minusio-Mappo, miniferrovia in servizio nel weekend

Locomotive a vapore ed elettriche traineranno i convogli (solo se non piove) domenica 22 maggio dalle 14.30 alle 17.30
Locarnese
21 min

Due presentazioni librarie alle scuole di Riazzino

Domani dalle 17 incontro con gli autori Zeno Ramelli e Jan Gaggetta, grazie alla Commissione culturale del Municipio di Lavertezzo
Bellinzonese
25 min

Ostilità digitale e odio reale: se ne parla a Bellinzona

Incontro pubblico il 24 maggio alla Biblioteca cantonale con quattro conferenzieri
Ticino
27 min

Pulcini malati importati illegalmente, azienda sotto sequestro

Nei piccoli volatili è stato riscontrato il virus della malattia di Newcastle. La persona che ha importato i pulcini illegalmente sarà sanzionata
Luganese
36 min

Avventure da non perdere nell’estate luganese

Lugano Marittima debutterà il 25 maggio. Dal 3 giugno lungolago riservato ai pedoni il venerdì, sabato e domenica
Mendrisiotto
1 ora

Mendrisio, disagio negli eco-punti ‘relativamente contenuto’

Nel 2021 il Dicastero ambiente ha effettuato dei controlli: gli abusi commessi da persone non residenti che hanno consegnato carta, vetro e lattine
Locarnese
1 ora

L’‘Agenzia matrimoniale’ dei Ticines in scena a Tenero

Domenica di divertimento a teatro con la commedia dialettale in un libero adattamento di Marco Allemann
Ticino
1 ora

Il ‘solito’ venerdì di colonna al San Gottardo

A Göschenen il ‘serpentone’ di vetture si è formato già in mattinata. Per raggiungere i 9 km alle 14. Disagi anche tra Bellinzona e Locarno
Locarnese
1 ora

Ascona, all’asta pubblica le biciclette non reclamate

Domani, sabato, l’incanto sul piazzale dell’autosilo. I mezzi potranno essere visionati dalle 8 alle 9.30
Luganese
2 ore

Il Grand Prix scacchistico fa tappa a Figino

La terza tappa si giocherà sabato 28 maggio. In palio anche il secondo trofeo Osteria degli Amici
Luganese
2 ore

Apparecchio elettronico in fiamme, fumo in casa a Cassarate

È accaduto questa mattina in uno stabile in via Arcioni. Nessuna conseguenza per le persone presenti
Bellinzonese
3 ore

Michele Tamagni da 40 anni anima della Cantoria di Giubiasco

Tanta passione e tenacia hanno fatto dell’attività del maestro un’esperienza coinvolgente per tutti coloro che hanno cantato nel coro
Mendrisiotto
3 ore

A Mezzana una giornata per le scuole dedicata alla biodiversità

Tra le classi premiate anche la 4A delle Elementari di Chiasso e la 5D di Minusio. Il progetto è stato lanciato lo scorso 9 ottobre
Ticino
3 ore

Dal Cantone un occhio di riguardo alle api

Come salvaguardarle? In occasione della loro Giornata mondiale ecco una serie di consigli pratici per la loro tutela
Locarnese
4 ore

The Moving Factory, due titoli per una doppia proposta a Teatro

La scuola di danza il 28 e 29 maggio a Locarno con un balletto in atto unico e uno spettacolo con Musical, ballo contemporaneo e Hip Hop
Luganese
4 ore

Tesserete, i primi 15 anni della Bottega del Mondo

Per sottolineare l’anniversario, dal 30 maggio al 4 giugno ci sarà uno sconto del 10 per cento su tutto l’assortimento
Luganese
5 ore

Festa dell’Ascensione al convento del Bigorio

Dopo due anni di pausa forzata, l’evento verrà riproposto giovedì 26 maggio
Luganese
5 ore

Ripartenza vincente per l’associazione degli ex studenti Supsi

Oltre 100 partecipanti all’evento promosso dal nuovo comitato SupsiAlumni. I relatori hanno condiviso pratiche sul tema della sostenibilità
Locarnese
5 ore

Tutti i Talenti a Tenero. Obiettivo: allenarsi al benessere

Dal 22 al 27 maggio oltre mezzo migliaio di giovani speranze di 29 quadri nazionali sono al Centro sportivo per il campo organizzato da Swiss Olympic
Ticino
5 ore

Sempre meno pazienti in ospedale. Uno solo in terapia intensiva

Coronavirus, per la prima volta dell’anno in Ticino i ricoveri tornano sotto le 50 unità. In calo anche i contagi: 76 nelle ultime 24 ore
Grigioni
5 ore

Scontro fra treni nella Vereina: fu negligenza

All’origine dell’incidente tra il convoglio navetta e uno passeggeri l’inosservanza di un segnale d’arresto
Grigioni
6 ore

Il lupo uccide 9 pecore a Cama: ‘Recinzione inadeguata’

La scoperta ieri a Ogreda dove cinque anni fa l’esemplare M75 aveva fatto razzie. Il guardacaccia: ‘Con la rete elettrificata niente più attacchi’
Bellinzonese
7 ore

Diploma d’onore a quattro agenti della Polizia cantonale

Sono stati premiati dalla Fondazione Carnegie per i salvatori di vite umane per aver impedito che un conducente in contromano provocasse un incidente
Mendrisiotto
10 ore

‘Dopo 25 anni in carcere soffro di sindrome di prigionizzazione’

Si racconta l’uomo che la scorsa estate sequestrò un passante a Chiasso. ‘Ho scritto un libro. Vorrei aiutare i giovani a evitare certi errori’
18.01.2022 - 09:15
Aggiornamento : 12:36

Procuratori pubblici, non è solo una questione di numeri

‘Limitarsi ad aggiungere forze non è la soluzione. Qualche proposta: un‘età minima per diventare magistrati e audizioni pubbliche dei candidati’

di Edy Salmina

Dunque, la situazione della giustizia ticinese, parlo di quella penale, parrebbe questa. Una sentenza ha recentemente smentito il Consiglio della magistratura proprio in relazione all’esercizio corretto del suo primario compito di vigilanza. L’istituzione che nomina i magistrati, il parlamento, li designa suscitando interrogativi e polemiche ricorrenti non utili alla credibilità del sistema. Il perno del meccanismo penale, il Ministero pubblico, soffre di un’instabilità di organico che, da sola, dice quasi tutto. Negli ultimi 10 anni sono se non erro stati ben 19 i procuratori che, per un motivo o per l’altro, hanno smesso di svolgere la loro funzione. Siccome i pubblici ministeri erano fino a poco fa in totale 21 è un avvicendamento quasi completo, un “turn-over” credo senza paragoni in altri settori della giustizia o del pubblico impiego. Un salasso più che un ricambio, e pensare che la Costituzione ticinese prevede nomine decennali proprio anche per stabilizzare le magistrature. Volendo chiamare le cose con il loro nome abbiamo davanti il quadro di una vera sofferenza della giustizia penale. Detto questo, che fare? Anzitutto, non cercare di dare le colpe a qualcuno giacché è proprio il caso di dire che chi è senza peccato scagli la prima pietra. Ma se nessuno è esente da responsabilità la situazione, paradossalmente, è propizia per una riflessione comune.

Indipendenza, da cosa?

Cosa minaccia l’indipendenza della giustizia? Si citano spesso i partiti ma chiunque lavori oggi nella o con la giustizia sa benissimo che l’ultimo dei problemi è la casella politica di chi investiga, viene investigato o difende. Particolarmente nella fase dell’indagine l’indipendenza passa oggi da tre elementi centrali. Il primo è la competenza che, per molta parte, è avere un metodo per conoscere che sia all’altezza dei temi da conoscere. In un tempo complesso e multidisciplinare come il nostro, decidere bene significa prima di tutto decifrare bene: vale ovunque ma particolarmente per chi fa il difficile lavoro dell’inquirente. Valutare le competenze è arduo ed è quindi decisivo cercarle con rigore e trasparenza. Lo si fa oggi in modo ottimale? Il secondo presidio è l’organizzazione perché se si è sommersi o perennemente in affanno la serenità richiesta o è un lusso o è un caso. Un ufficio giudiziario sovraccarico è un po’ come un corpo malato, soffre ma contemporaneamente manda segnali utili alla cura.

Dall’osservazione di cosa non funziona nascono, infatti, alcuni dei rimedi di cui si parla da tanto: discutere e rispettare priorità, distinguere urgenza e importanza, creare e sfruttare sinergie, standardizzare quanto può esserlo, non disperdere ma accumulare le competenze, digitalizzare ogni possibile passaggio, ottimizzare i supporti amministrativi o tecnologici. Senza dimenticare, anzi, la necessità di garantire la compatibilità tra il lavoro e la famiglia e, negli ambiti più delicati, anche tra l’attività inquirente e il grande carico emotivo a cui espone. Non siamo al punto zero, giusto dirlo, ma tanto resta da fare e la storia recente (leggi la tormentata rielezione dei procuratori pubblici a fine 2020) non aiuta. Il che non significa che non servano anche più risorse, anzi, ma il solo aggiungere forze non è la soluzione.

L’indipendenza, ed è il terzo punto, è oggi insidiata da quello che qualcuno ha già descritto come il rischio della “socializzazione dei procedimenti”, effetto congiunto di mediatizzazioni diffusive, reti sociali, strategie comunicative delle parti, politicizzazione delle procedure e giustizialismi vari. Nella nostra società iperconnessa la comunicazione è diventata molto più di un quarto potere e deve quindi valere particolarmente nei suoi confronti il famoso “resistere, resistere, resistere” dell’ex procuratore generale di Milano Francesco Saverio Borrelli. Un tema enorme e non solo locale, ovviamente, e chi lavora nella giustizia (inserisco, per la sua parte di responsabilità, anche la categoria forense) deve esserne ben conscio sennò, come le scienze sociali insegnano, è destinato a essere la prima vittima di ciò da cui si reputa immune. Non ci sono rimedi miracolo ma passare dalla rimozione alla vigile consapevolezza del problema è decisivo. Ho fatto questi tre esempi, altri ce ne sarebbero, per dire una cosa semplice: garantire l’indipendenza della giustizia significa anche scegliere persone, metodi e risorse all’altezza delle insidie di oggi.

Il sistema di nomina: un paio di idee

Storicamente, il sistema attuale nasce dall’idea che il partito di appartenenza del magistrato (o, se si preferisce, la sua visione del mondo) possa influenzarne le scelte. Dunque, l’equilibrio complessivo delle decisioni si garantirebbe anche equilibrando partiticamente la magistratura. Un criterio criticato da pochi, ad esempio dal prof. Marco Borghi in un bel testo dell’ormai lontano 2006. Come ho cercato di mostrare, il tema dell’indipendenza si pone oggi in altri termini, eppure il modo di elezione è immutato. Sul tavolo ci sono molte proposte: elezione popolare, designazione da parte del Consiglio di Stato, scelta del Gran Consiglio solo dei vertici della Procura pubblica, status quo plus con maggiore spazio a varie istanze di esperti, modello federale con il capo della Procura scelto dal parlamento e gli altri inquirenti designati da lui stesso. I vari sistemi evocati, esattamente come l’attuale, hanno pregi e difetti ma nessuno, comunque, può funzionare senza il supporto di una vera cultura della responsabilità da parte di chi decide.

Detto questo, e posto che l’elezione popolare sarebbe, secondo me, il classico rimedio peggiore del male, suggerirei di ragionare non a partire dalla nomina (chi decide) ma dal metodo (come decide) e da ciò precede e condiziona la scelta (chi e perché si candida). La procedura giusta, o la meno sbagliata, è allora quella che valuta in modo migliore le candidature e stimola le persone più adatte a farsi avanti. Quale è il metodo più idoneo? Probabilmente quello che massimizza le chances di scegliere i talenti e minimizza, per chi si mette in gioco, gli effetti negativi di un’eventuale non designazione. Le aziende moderne sanno bene che i profili di valore non si attendono ma si stimolano e anche nell’ambito di cui parliamo, se non si cura questo aspetto, il sistema, l’attuale come ogni variante, tenderà a giustificare la qualità delle scelte con la qualità dei concorrenti. Eccezioni ci sono state e ci saranno, ma restano tali.

Butto lì due idee. La prima è ragionare su un’età minima per diventare magistrati, una professione dove la maturità non nuoce e che si può comunque svolgere fino a 70 anni. Se un criterio anagrafico fisso dovesse sembrare troppo rigido poco male, capisco la difficoltà della cosa, l’importante è perlomeno essere consapevoli dell’importanza del fattore esperienza per la valutazione delle candidature. Secondo scenario: rendere pubbliche le audizioni dei candidati davanti alle istanze ufficiali di valutazione, immaginando ovviamente le opportune regole o eccezioni. Mi pare, questo, un ambito adatto alla trasparenza di cui si parla spesso.

Un problema di cultura

Della giustizia scriveva mirabilmente Aristotele che “né la stella della sera, né quella del mattino sono così meravigliose”. Lo stato di diritto di ispirazione liberale è il primo e unico tentativo, riuscito, di trasformare questa “stella” in istituzioni e leggi che garantiscano l’equità e proibiscano la prepotenza. Certo, siamo assai lontani dalla perfezione ma mai la giustizia è stata garantita quanto lo è oggi nelle democrazie occidentali. Nessuno, credo, dissente sul principio, ma quando si passa al concreto, ad esempio alla scelta dei magistrati, lo stato di diritto sembra diventare un dato remoto e scontato mentre è invece il terreno su cui si gioca la partita anzi, in ultima analisi, è la stessa posta in palio. Certo, le singole designazioni non modificano tutto il quadro ma ognuna di esse ha un impatto sull’intero quadro. Entrano naturalmente in gioco anche tanti altri e apparentemente piccoli fattori: gli esempi personali, il senso della misura e della responsabilità di ognuno, l’attenzione per l’immagine delle istituzioni, le scelte amministrative. Faccio un paragone con un altro pilastro della vita sociale, la scuola: se si sbaglia è poco il rumore percepibile al momento ma molti i danni arrecati alle successive generazioni.

Il sistema giustizia, questo il rischio vero, non corre il pericolo di esplodere, vale a dire smettere di funzionare. Piuttosto di implodere, togliendo via via a chi lo fa muovere (magistrati, segretari giudiziari, funzionari di polizia, personale amministrativo ma anche, per la loro parte, gli avvocati) ciò che davvero è indispensabile: la motivazione verso l’interno e l’autorevolezza verso l’esterno. Rimarrà allora, certo, il minimo necessario al galleggiamento, ma in un mondo complesso, competitivo e veloce è troppo poco per non affondare pian piano. Possiamo permettercelo mentre tutti dicono che la giustizia è un fulcro del sistema paese e della sua competitività? Quando già così tanti generatori di fiducia sono in crisi e il rispetto delle regole minacciato da individualismi, vittimismi e rancori di ogni tipo?

Seleziona il tag per leggere articoli con lo stesso tema:
edy salmina nomina procuratori pubblici
Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved