ULTIME NOTIZIE Cantone
Luganese
1 ora

Lugano, scontro tra un automobilista e un motociclista

Ad avere la peggio il secondo, un 47enne che ha riportato ferite di media gravità. È successo a inizio serata in via Ciani
Luganese
3 ore

50 anni di Fondazione Ipt, 50 anni di aiuto nel lavoro

Domani all’Hotel Splendide Royal di Lugano un evento. Il direttore di Ipt Ticino Marco Romano: ‘Importante opportunità di networking’.
Locarnese
3 ore

Lupi in Rovana, si teme ‘seguano’ le prede al piano

Incontro a Bellinzona tra mondo agricolo, istituzioni locali, Associazione contro i grandi predatori e Cantone per cercare possibili soluzioni al problema
Mendrisiotto
3 ore

Servizio idrico, c’è il sigillo degli Enti locali

Via libera della Sezione alle fondamenta del Consorzio che vede unire le forze del Basso Mendrisiotto
Luganese
4 ore

Lugano, all’ex asilo Ciani arriva il festival Satori

La manifestazione del benessere olistico ‘slegata dalla pura vendita’ e a chilometro zero propone una due giorni con terapisti e prodotti ticinesi
Bellinzonese
5 ore

Villaggio di Natale e pista di ghiaccio confermati a Bellinzona

Il Municipio ha fissato le misure di risparmio energetico ma senza rinunciare alle principali attrattive per le famiglie. Salvo anche il Rabadan
Grigioni
5 ore

Festa del vino con Luis Landrini Trio a Grono

Appuntamento per sabato 8 ottobre dalle 11 alle 18 nella piazzetta Birraria al B Atelier Bistrôt
Mendrisiotto
5 ore

L’insegna copre il trompe l’oeil. Scattano gli interrogativi

A Besazio a un intervento dell’artista Marti si è preferita una pubblicità. E l’AlternativA adesso vuole sapere perché
Luganese
6 ore

Lugano, chiusure viarie per la ‘Ladies run’

La tratta del lungolago verrà sbarrata alle auto dalle 9 alle 16, dalla rotonda del Lac fino a piazza Castello. Lo stesso per la zona di Riva Caccia.
Mendrisiotto
6 ore

‘Il ruolo del piccolo commercio sarà rivalutato’

La Società commercianti del Mendrisiotto ha tenuto la sua assemblea e ha presentato le novità: un servizio di prima consulenza legale e un nuovo sito
laR
 
06.10.2021 - 20:30

Un’apertura domenicale in più, il governo è ‘disponibile’

Il Consiglio di Stato licenzia il rapporto sull’iniziativa parlamentare del Plr: ‘Servirà consenso, se il parlamento dirà di sì promuoveremo la discussione’

un-apertura-domenicale-in-piu-il-governo-e-disponibile
Ti-Press

La porta del Consiglio di Stato è aperta, ma con qualche puntino (giuridico) sulle i. L’iniziativa parlamentare elaborata del Plr che chiede di aumentare da tre a quattro le domeniche in cui i negozi possono rimanere aperti, di aumentare di un’ora - quindi fino alle 19.00 - l’orario in cui è possibile farlo e di raddoppiare da 200 metri quadri a 400 la superficie per ottenere la deroga prevista dalla Legge sull’apertura dei negozi (Lan) per le località turistiche, insomma, supera il primo scoglio. Nel rapporto governativo sull’iniziativa che vede come primo firmatario il presidente liberale radicale Alessandro Speziali, si legge che “per quanto riguarda la proposta di aggiunta di una quarta domenica alle tre di apertura generalizzata dei negozi e di aumento di un’ora dell’apertura, il governo, qualora il parlamento dovesse esprimersi in tal senso, è disponibile a promuovere una discussione con le parti interessate, tenendo però conto del lungo e complesso iter legislativo che ha condotto all’attuale accordo”. E per l’esecutivo non va nemmeno dimenticato che “contro la Lan sono stati inoltrati quattro ricorsi al Tribunale federale, tutt’oggi pendenti, che ne chiedono l’annullamento”. Sulla proposta liberale radicale immediatamente il mondo politico e quello sindacale scesero in campo, chi appoggiandola e chi osteggiandola con forza, consegnando un mero antipasto rispetto a quello che sarà il dibattito prima commissionale, poi parlamentare. Per questo il governo ricorda ancora che “l’aumento del numero di domeniche necessiterebbe dunque di una nuova fase di discussione e di ricerca del consenso”. Ciò detto, nessun nullaosta.

Per quanto riguarda il raddoppio della metratura il discorso è più complicato

Come non viene apposto alcuno stop in merito all’aumento a 400 mq della superficie per poter aprire in queste domeniche, ottenendo la deroga per le località turistiche. Ma qui il discorso si complica un po’. Nel senso che, scrive il Consiglio di Stato, “la misura sarebbe possibile per quanto riguarda la Lan. Tuttavia con una simile modifica sarebbe più difficile giustificare l’occupazione del personale la domenica secondo i criteri dell’articolo 25 dell’Ordinanza 2 sulla Legge federale sul lavoro”. Già, perché questo articolo regola la possibilità di occupare il personale di domenica, certo. Ma limitando a 200 mq la superficie di vendita per i negozi nelle località turistiche, “il legislatore ha voluto escludere da questa categoria i negozi della grande distribuzione a favore dei commerci più piccoli che maggiormente si adattano ai bisogni dei turisti e quindi alle condizioni poste dalla Legge federale sul lavoro in tema di occupazione del personale”. Per questo motivo, il governo cantonale sottolinea che “occorre intervenire semmai a livello di legislazione federale togliendo la limitazione sull’assortimento dei prodotti destinati ai turisti”. Andrà così? «Noi siamo intenzionati a sfruttare tutto il margine possibile a livello cantonale - risponde Speziali alla ‘Regione’ -. Se poi a livello federale potremo allentare qualche laccio che frena il commercio e la possibilità di lavorare, con i nostri eletti e con chiunque voglia far quadrato con noi, agiremo. E non solo sul tema negozi: questo potrebbe essere un primo passo, ma ci sono anche tante altre questioni dove pensiamo di fare il possibile in Ticino e poi allargare lo sguardo alle Camere federali se ce ne sarà bisogno».

Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved