Detroit Red Wings
NAS Predators
01:00
 
OTT Senators
NY Islanders
01:00
 
MON Canadiens
TB Lightning
01:00
 
TOR Leafs
COB Jackets
01:00
 
BUF Sabres
ANA Ducks
01:30
 
frontalieri-in-italia-il-nuovo-accordo-presto-in-parlamento
ULTIME NOTIZIE Cantone
Ticino
3 ore

L’audit e i poteri accresciuti di chi lo eseguirà

Caso ex funzionario del Dss, praticamente definita la bozza dell’articolato mandato
Luganese
6 ore

L‘Imam di Lugano è ’completamente riabilitato’

Paolo Bernasconi, legale di Radouan Jelassi, esprime soddisfazione per la sentenza del Tribunale amministrativo federale
Ticino
6 ore

Disagio giovanile, il Sisa (ri)sollecita lo Stato

Alves: occorre contrastare con misure urgenti e concrete il malessere psichico nella popolazione studentesca. Campagna del sindacato nelle scuole
Locarnese
7 ore

Locarno, ‘mi hanno picchiato di brutto, devo andare in ospedale’

Non è un episodio isolato, i pestaggi in Piazza Castello sono filmati e messi sui social da una banda. Accertamenti in corso e misure incisive da adottare
Luganese
7 ore

Lugano, condannato il complice del furto al Mary

Inflitti tre anni di reclusione, di cui sei mesi da espiare, a un 52enne italiano riconosciuto colpevole di truffa, furto e falsità in documenti
Bellinzonese
7 ore

220 milioni in più per le Officine Ffs a Castione

L‘investimento previsto cresce in maniera cospicua. Gli impieghi a tempo pieno passano da 300 a 360. ’Più lavoro grazie alle componenti tecniche’
Ticino
8 ore

Domani i primi fiocchi, ‘automobilisti siate prudenti’

Attese nevicate in pianura, la fase più intensa si verificherà nelle ore centrali della giornata
Bellinzonese
10 ore

Carì, gli impianti si confermano nelle cifre nere

La scorsa stagione invernale ha fatto segnare il record di primi passaggi, un risultato possibile probabilmente grazie all’annullamento dei carnevali
Ticino
11 ore

Mascherine, il Cantone sostiene l’obbligo nei luoghi affollati

Il Consiglio di Stato invita i Comuni a introdurre ‘una misura di prevenzione molto efficace in occasione degli eventi natalizi’
Ticino
17.09.2021 - 17:480
Aggiornamento : 18:10

Frontalieri, in Italia il nuovo accordo presto in parlamento

Dopo l’incontro a Roma fra Guerra e Stoffel. Via libera anche dai sindacati

L‘accordo dello scorso 23 dicembre tra Italia e Svizzera sulla nuova impostazione fiscale dei frontalieri inizierà a breve l’iter parlamentare alla Camera dei deputati italiani. “Il percorso di ratifica dell’accordo sta seguendo il percorso previsto lo scorso dicembre”, fanno sapere dal Ministero delle finanze a Roma dove mercoledì scorso la sottosegretaria al Mef Maria Cecilia Guerra ha incontrato la sua collega svizzera Daniela Stoffel, segretaria di Stato per le questioni finanziarie internazionali in seno al Dipartimento federale delle finanze. Un incontro che entrambe le parti hanno giudicato positivo, considerato che quanto previsto nell’accordo del 23 dicembre, giunto dopo la discussione andata avanti per cinque anni, è arrivato a una soluzione condivisa sia sul versante svizzero che su quello italiano. Via libera anche dai sindacati, per cui non dovrebbero sorgere nuovi ostacoli, tanto che mercoledì scorso a Roma è stato confermato che l’Accordo sulla nuova imposizione fiscale dei frontalieri entrerà in vigore il 1° gennaio 2023.

Dopo quasi mezzo secolo (quante cose sono nel frattempo cambiate nel pianeta frontalierato, incominciando dal numero di frontalieri occupati in Ticino) l’accordo del 1974 che prevede l’imposizione esclusivamente in Svizzera è destinato ad andare il soffitta. In sintesi le principali novità contenute nel nuovo accordo che per gli attuali frontalieri non prevede sostanziali modifiche. Infatti, i lavoratori frontalieri residenti in Italia che alla data di entrata in vigore svolgono, oppure che tra il 31 dicembre 2018 e la data dell’entrata in vigore hanno svolto un’attività di lavoro dipendente nell’area di frontiera in Svizzera per un datore di lavoro svizzero resteranno imponibili soltanto in Svizzera, che, fino al 2033 continuerà a versare i ristorni ai Comuni italiani. In seguito la Svizzera, per questi lavoratori, non verserà più alcuna compensazione all’Italia e terrà per sé tutti gli introiti fiscali. Il discorso cambia per i nuovi frontalieri, ossia coloro che otterranno tale statuto dopo l’entrata in vigore dell’accordo firmato lo scorso dicembre. Essi saranno imposti fiscalmente in Svizzera con una quota parte dell’80%. In altre parole, l’imposta prelevata in Svizzera non potrà eccedere l’80% dell’imposta risultante dall’applicazione dell’imposta sui redditi delle persone fisiche. L’Italia (ed è questa la grande novità), potrà assoggettare a sua volta a imposizione i lavoratori frontalieri. Il frontaliere verrà quindi assoggettato in Svizzera (all’80%) e in Italia (come soggetto fiscale italiano).

L’accordo prevede il divieto della doppia imposizione, nel senso che l’Italia deve riconoscere al lavoratore italiano un credito d’imposta per quanto dovuto a titolo fiscale in Svizzera. Per i nuovi frontalieri i sindacati sono riusciti a ottenere dal governo italiano significative franchigie in modo da ottenere un abbattimento del reddito imponibile. Nel nuovo accordo è definito come frontaliere chi è fiscalmente residente in un comune il cui territorio si trova nella zona di 20 chilometri dal confine.

Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved