socialita-economia-fisco-ecco-il-piano-di-rilancio-del-ps
Ti-Press
ULTIME NOTIZIE Cantone
Bellinzonese
4 ore

Ritom, rinnovo della funicolare e 2,38 milioni per il turismo

Altre all’ammodernamento dell’impianto, si intende investire per marketing, segnaletica e veste grafica. Previsto anche un ponte tibetano lungo 413 metri
Ticino
4 ore

Babbo Natale è alle prese con qualche grattacapo

A causa di colli di bottiglia nella distribuzione globale, alcuni regali sono difficili da reperire. Ma i commercianti rassicurano: l’offerta resta ricca
Ticino
4 ore

Gole profonde... per legge

Whistleblowing, il Gran Consiglio si appresta a codificare le regole a tutela di chi nell’Amministrazione segnala irregolarità
Bellinzonese
4 ore

Officine di Castione, i tempi pieni salirebbero da 300 a 360

Oggi le Ffs comunicheranno i dettagli del Piano industriale: ecco le prime cifre, che richiedono tuttavia dei chiarimenti sul lato occupazionale
Locarnese
10 ore

Locarno, ancora un caso pestaggio in centro

Un ragazzo di 18 anni vittima di un gruppo di giovani. La denuncia della madre sui social media
Luganese
11 ore

Glamping a Carona, ‘scelta giusta ma ci sono questioni aperte’

Apprezzato anche dal promotore della petizione il progetto premiato dalla giuria e dal Municipio: ’È stato ridimensionato lo spazio ai privati’
Ticino
11 ore

Sanitari non vaccinati, i test obbligatori restano in vigore

Il Tribunale federale ha negato l’effetto sospensivo al ricorso che contesta la risoluzione del Consiglio di Stato dell’8 settembre
Ticino
13 ore

Gli Stati: no al divieto di licenziamento delle neo mamme

La Camera dei Cantoni respinge l’iniziativa ticinese (27 voti a 13, quattro le astensioni). Il dossier passa ora al Nazionale
Bellinzonese
14 ore

Bellinzona, ‘blocchiamo il contributo per la nuova Valascia’

Lo chiede il gruppo Lega-Udc alla luce della notizia secondo cui la Valascia Immobiliare Sa sarebbe confrontata con problemi di liquidità
Bellinzonese
14 ore

Le Colonie dei sindacati cercano volontari

Per i due turni di giugno-luglio 2022 un appello per coinvolgere personale educativo, di servizio e cucina
Bellinzonese
15 ore

Annullato il mercatino di Ambrì

Era previsto mercoledì 8 dicembre
Ticino
15 ore

Il Soccorso d’inverno ha accettato oltre 500 richieste d’aiuto

Il calo del reddito alla base di molte situazioni di povertà
Ticino
15 ore

Masaba Coffee vincitore del premio per l’etica d’impresa

Riconoscimenti anche per Lighthouse Tech, Agroval Sa, Plastex Sa e Gottardo Arena
Bellinzonese
15 ore

Cancro: importante premio assegnato a Davide Rossi dell’Ior

Riconoscimento di 80mila franchi per le sue ricerche nell’ambito dell’ematologia
Luganese
15 ore

Massagno ringrazia i suoi volontari

Al rinnovato Lux, i partecipanti hanno visto in anteprima il documentario ‘Aromi’ scritto e diretto dalla regista Anna Hungerbühler Luraschi
Luganese
15 ore

Tesserete, slitta per neve il mercatino di Natale

La manifestazione si terrà sabato 11 dicembre. Gli organizzatori auspicano un’ampia adesione da parte degli espositori
Mendrisiotto
15 ore

‘I camion devono restare nel Mendrisiotto’

Simonetta Sommaruga risponde a Marco Romano. ‘Spostare più a nord l’attesa dei veicoli pesanti non è la soluzione adeguata’. Delusione del Distretto.
Ticino
16.09.2021 - 17:580
Aggiornamento : 19:37

Socialità, economia, fisco: ecco il Piano di rilancio del Ps

Presentate oggi le 24 misure socialiste per il Ticino del 2030. Sirica: ‘Pronti a dare il nostro contributo, serve agire’. Riget: ‘Dibattito aperto a tutti’

Ventiquattro misure. Che spaziano tra economia, lavoro, formazione, ambiente, territorio, socialità. Quello presentato oggi dal Partito socialista non è solo un ‘Piano di rilancio’, è la proposta di un autentico cambio di paradigma per quello che dovrà essere il Ticino dei prossimi anni: «Quello che ci interessa – spiega il copresidente Fabrizio Sirica – è offrire una visione di Stato e società non solo per il presente, ma a medio-lungo termine. Non solo istituzionale ma anche di dibattito». Una visione che si compone di un ricco elenco di misure – «traducibili in atti parlamentari, alcuni dei quali sono già pronti» – che parte dall’iniziativa sul salario minimo a 21,50 franchi orari già annunciata alla settimana lavorativa da 35 ore per lo stesso stipendio, dagli assegni per la formazione continua a un sistema di bonus/malus con incentivi e tassazione delle aziende in base al comportamento sociale e ambientale al sostegno alle Pmi nei processi di digitalizzazione. Ma non solo. Assieme al Ppd, i socialisti presenteranno un progetto per completare a livello cantonale la rendita ponte federale per le persone con più di 55 anni. In più, sarà forte la difesa dell’ambiente e del territorio così come l’impegno dedicato alla socialità con l’aumento delle soglie dell’assistenza, il raddoppio degli assegni familiari da finanziare attraverso minori deduzioni fiscali e gli asili nido pubblici gratuiti. Il conto? 227 milioni di franchi l’anno.

Il costo stimato è 227 milioni annui

Una cifra importante ma, sgombra subito il campo il capogruppo in Gran Consiglio Ivo Durisch, «ricordiamoci sempre che negli ultimi due anni gli sgravi fiscali sono costati 150 milioni e non hanno portato alcun vantaggio a livello di attrattività del Cantone». E quando si parla di ‘attacco alla diligenza’, Durisch affonda: «Se l’è fatto da solo Christian Vitta questo atto, proponendo e ottenendo sgravi fiscali inutili e dannosi per le casse del Cantone». Per arrivare a questo montante di quasi 230 milioni, la ricetta socialista è chiara: «Stop a qualsiasi nuova politica di sgravi fiscali; aumento delle aliquote nell’imposizione dei grandi patrimoni e sui redditi più elevati delle persone fisiche, con un’entrata stimata in 65 milioni; il ripristino del coefficiente di imposta cantonale al 100% che dovrebbe fruttare 45 milioni annui; la revisione al rialzo delle stime immobiliari da attuare entro il 2025, che porterà circa 100 milioni annui».

«Sono ventiquattro misure concrete», rilancia Sirica. Una risposta, va da sé, «all’assenza, da parte del Dipartimento finanze ed economia, di un progetto incisivo e soprattutto sono una sorta di consuntivo degli ultimi vent’anni di politiche economiche e fiscali. Vent’anni – continua il copresidente socialista – che hanno portato a più imprese e a una crescita del Pil, ma pure a salari più bassi e situazione più incerta per ampie fasce della popolazione». In questo cambio di paradigma per Sirica deve trovare posto «assolutamente» la questione salariale, e, ad esempio, «una Legge sull’innovazione riformata a 360°, dando molti più soldi di oggi per favorire lo sviluppo ma con paletti fissati per quanto riguarda la sostenibilità sociale e ambientale». Quegli stessi bonus/malus chiesti anche a livello di imposte delle persone giuridiche basati sulla responsabilità sociale e ambientale. Perché «il Dfe parla sempre di responsabilità sociale delle imprese, ma senza paletti, senza verifiche, senza criteri da ottemperare di che cosa stiamo parlando?».

Le proposte

Sul tema socialità, Durisch è categorico: «Il welfare attuale non è più adeguato». Quindi, sì al raddoppio del minimo vitale garantito dall’assistenza che, per Durisch, «fissato come oggi a 900 franchi al mese è troppo poco. Sarebbe un passo in avanti gigantesco, con un costo tutto sommato non enorme» e avanti con «la richiesta di combattere fermamente il non accesso alle prestazioni sociali da parte di chi ne ha diritto». Per un Ticino dove l’accoglienza «sia vera, non all’insegna delle pratiche vessatorie messe in atto da Norman Gobbi e dal Dipartimento istituzioni. Il calo demografico ci preoccupa tantissimo, e l’accoglienza è uno dei modi migliori per invertire questo trend».

La vicecapogruppo Anna Biscossa insiste sull’importanza «di un trasporto pubblico che si accessibile economicamente e geograficamente a tutti». Perché «certo, ultimamente è stato molto potenziato. I prezzi degli abbonamenti sono anche interessanti, ma noi abbiamo la volontà chiara di andare incontro ai giovani e alle regioni periferiche che, più difficili da raggiungere, portano a costi più alti. Perché il trasporto pubblico sia concorrenziale deve esserlo anche dal punto di vista economico». Un altro tema caro a Biscossa concerne la formazione continua, «elemento fondante per un’economia sana. Sostenere i costi di questa formazione perché diventino sopportabili significa investire sulle potenzialità delle persone, e arricchire così di competenza il nostro mercato del lavoro. Ora si può fino a 40 anni, noi chiediamo si arrivi a 60 anni».

Tanta, tantissima carne al fuoco. «È un esercizio politico importante per noi – sostiene la copresidente Laura Riget –. La nostra intenzione con queste misure concrete è dire che è possibile realizzarle, spiegando anche come andando a reperire i fondi necessari. Vogliamo aprire un dibattito, interno alla nostra area e all’esterno con gli altri partiti perché queste sono le nostre soluzioni, è chiaro, ma le priorità e i problemi riguardano tutti. Ed è sempre più urgente che questi problemi vengano risolti».

Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved